Sistri riparte a ottobre

Il ministro dell'Ambiente Corrado Clini firma il decreto che ripristinerà il sistema di tracciabilità elettronica dei rifiuti. Sarà pienamente operativo a marzo 2014

Roma – Era stato rinviato “al fine di consentire la prosecuzione delle attività necessarie per la verifica del funzionamento del sistema”. Il ministero dell’Ambiente ha ora annunciato il ripristino del travagliato sistema di tracciabilità elettronica dei rifiuti Sistri , con un decreto firmato dal ministro Corrado Clini in attuazione del cosiddetto Decreto Sviluppo sulla base dei rapporti dell’Agenzia per l’Italia digitale oltre che del parere espresso dall’avvocatura generale dello Stato.

“Il decreto è un atto dovuto, come previsto dall’articolo 52 del decreto legge 83 del 2012, convertito nella legge 134 del 2012 – ha spiegato il ministro Clini – La tracciabilità del flusso di rifiuti è anche un obbligo europeo. Attivare il Sistri è soprattutto un dovere morale: l’assenza di un sistema di tracciabilità dei rifiuti è un assist intollerabile a chi evade gli impegni ambientali e soprattutto alla malavita organizzata e alle ecomafie”.

Già pubblicato in Gazzetta Ufficiale, il testo del decreto reca i “termini di riavvio progressivo del Sistri”, che nelle parole dello stesso Clini entrerà in funzione “in modo progressivo e flessibile, con oneri ridotti come richiesto dalle imprese”. Questa forma di reintroduzione graduale permetterà ai vari operatori di verificare quei dati inseriti all’interno del sistema per l’aggiornamento dei software di utilizzo .

Nel primo periodo dal prossimo 30 aprile al 30 settembre 2013 – di operatività del Sistri saranno quei produttori di rifiuti speciali pericolosi con più di 10 dipendenti a dover procedere con l’allineamento dei dati e delle informazioni già inserite nel sistema. “Per queste imprese il sistema sarà pienamente operativo a partire dal 1 ottobre 2013”, si legge nel testo del decreto firmato da Clini.

Per tutti gli altri operatori questo periodo di “allineamento” sarà compreso tra il 1 ottobre 2013 e il 2 marzo 2014 , in cui potranno essere “introdotte modifiche e semplificazioni necessarie per il migliore funzionamento del sistema e per la riduzione degli oneri amministrativi ed organizzativi a carico delle imprese”. In sostanza, il Sistri sarà pienamente operativo dal 3 marzo del 2014 .

L’annuncio del ripristino del sistema di tracciabilità elettronica dei rifiuti segue di pochi giorni lo scandalo deflagrato con le indagini della Procura di Napoli che hanno portato all’arresto di 22 persone tra cui l’ex-AD di Selex (Finmeccanica) Sabatino Stornelli. Nelle intercettazioni telefoniche condotte dagli inquirenti napoletani, i vertici di Selex avrebbero esercitato pressioni sul ministero dell’Ambiente per ottenere “sanzioni nei confronti di associazioni inadempienti”, ovvero quelle che ancora non si erano iscritte al Sistri.

Continua poi ad imperversare il fuoco delle polemiche , questa volta alimentato dai vertici di Confartigianato: “Tra i balzelli tributari e burocratici che penalizzano le piccole imprese artigiane ha dato pessima prova di sé in questi anni il Sistri, il sistema di controllo per la tracciabilità dei rifiuti che ha costretto gli imprenditori, prima della sua sospensione, ad adempimenti eccessivamente brigosi e costosi, non a taglia di piccola azienda”.

Mauro Vecchio

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • .poz scrive:
    accendete il cervello
    allora.. c'è chi sostiene che in un regime democratico chi usa TOR o sistemi simili lo fa solo per delinquere....evidentemente queste persone credono che semmai il loro paese diventasse non propriamente democratico ci sarà un avviso del tipo :"ding dong - si avvisano i signori navigati che essendo da oggi un paese solo parzialmente democratico è nuovamente consentito l'utilizzo di TOR e di altri sistemi atti ad esprimere un civile dissenso senza la paura di essere arrestati. si ringrazia per la collaborazione. ding dong"
  • Skywalkersenior scrive:
    Aboliamo la notte!
    Subito un decreto legge per abolire il buio notturno. Favorisce i topi d'appartamento, gli stupratori ed i ladri d'auto!
    • Voice of Reason scrive:
      Re: Aboliamo la notte!
      - Scritto da: Skywalkersenior
      Subito un decreto legge per abolire il buio
      notturno. Favorisce i topi d'appartamento, gli
      stupratori ed i ladri
      d'auto!Infatti esistono l'illuminazione stradale, le videocamere di sorveglianza e le pattuglie della Polizia.Anche se non piacciono ai fanatici dell'anonimato. ;)
      • Sgabbio scrive:
        Re: Aboliamo la notte!
        Infatti il crimine è finito con le telecamere... LOL
      • Trollollero scrive:
        Re: Aboliamo la notte!
        - Scritto da: Voice of Reason
        - Scritto da: Skywalkersenior

        Subito un decreto legge per abolire il buio

        notturno. Favorisce i topi d'appartamento, gli

        stupratori ed i ladri

        d'auto!

        Infatti esistono l'illuminazione stradale, le
        videocamere di sorveglianza e le pattuglie della
        Polizia.
        E infatti stupri, furti d'auto e furti in appartamento si sono azzerati.
        Anche se non piacciono ai fanatici
        dell'anonimato.
        ;)Ancora non ho capito se fai Voice di nome e Reason di cognome o il contrario.E cambia immagine del profilo, questa e' tutta sfocata e non si vede niente. L'ideale sarebbe una scansione della carta d'identita', cosi' ci si tolgono tutti i dubbi.
      • Skywalkersenior scrive:
        Re: Aboliamo la notte!
        - Scritto da: Voice of Reason
        - Scritto da: Skywalkersenior

        Subito un decreto legge per abolire il buio

        notturno. Favorisce i topi d'appartamento, gli

        stupratori ed i ladri

        d'auto!

        Infatti esistono l'illuminazione stradale, le
        videocamere di sorveglianza e le pattuglie della
        Polizia.

        Anche se non piacciono ai fanatici
        dell'anonimato.
        ;)OK, ma sono controlli, non divieti completi. Quelli ci sono anche per internet. Quello che si vuol fare assomiglia più ad un coprifuoco totale che ad una legittima difesa.Così come non tutti quelli che girano di notte sono dei rapinatori, così non tutti coloro che usufruiscono della rete Tor sono dei pirati.
  • Voice of Reason scrive:
    Re: In giappone sono fuori.
    - Scritto da: Trollollero
    Ancora con 'sta solfa ?
    Basta una matita per ammazzare una persona.
    Ma è molto più difficile che con un coltello. Cominciamo a renderlo più difficile.
    Diffamazione, questa sconosciuta....
    Buon senso, questo sconosciuto.
    Sono un cuoco discreto, senza coltelli appuntiti
    e affilati come la lardello la carne, a parolacce
    ?Non ti serve una punta, ti serve una lama. Ci sono lame fatte apposta per questo che non possono essere utilizzati come armi se non con grande difficoltà. Usa quelle.
    Cosa e' utile per me lo decido io, non tu.
    Cosa è sicuro per la collettività lo decide lo Stato, non tu.
    Sinceramente non capisco quali problemi tu abbia
    o abbia avuto, perche' simili post non sembrano
    essere prodotti da una mente funzionante al
    100%....Salutami Morpheus quando lo incontri nelle tue fantasie. ;)
    • Trollollero scrive:
      Re: In giappone sono fuori.
      - Scritto da: Voice of Reason
      - Scritto da: Trollollero


      Ancora con 'sta solfa ?

      Basta una matita per ammazzare una persona.



      Ma è molto più difficile che con un coltello.
      Cominciamo a renderlo più
      difficile.
      Non sai di che parli.

      Diffamazione, questa sconosciuta....



      Buon senso, questo sconosciuto.
      No, diffamazione. Affermi chi chiunque usi TOR o similari e' un criminale.Io uso TOR e NON sono un criminale.

      Sono un cuoco discreto, senza coltelli
      appuntiti

      e affilati come la lardello la carne, a
      parolacce

      ?

      Non ti serve una punta, ti serve una lama. Ci
      sono lame fatte apposta per questo che non
      possono essere utilizzati come armi se non con
      grande difficoltà. Usa
      quelle.
      Non sai di che parli, e due.

      Cosa e' utile per me lo decido io, non tu.



      Cosa è sicuro per la collettività lo decide lo
      Stato, non
      tu.
      Lo Stato, non tu.E lo Stato ha deciso che TOR non e' un rischio, che il possesso di lame non e' vietato e che buona parte dei tuoi deliri sono, appunto, deliri infondati.

      Sinceramente non capisco quali problemi tu
      abbia

      o abbia avuto, perche' simili post non
      sembrano

      essere prodotti da una mente funzionante al

      100%....

      Salutami Morpheus quando lo incontri nelle tue
      fantasie.
      ;)CVD.
      • aphex_twin scrive:
        Re: In giappone sono fuori.
        - Scritto da: Trollollero
        Io uso TOR e NON sono un criminale.Tanti che usano TOR NON sono criminali, ma i criminali usano TOR.
        • Trollollero scrive:
          Re: In giappone sono fuori.
          - Scritto da: aphex_twin
          - Scritto da: Trollollero

          Io uso TOR e NON sono un criminale.

          Tanti che usano TOR NON sono criminali, ma i
          criminali usano
          TOR.E quindi ?Non tutti i siciliani sono mafiosi, MA Riina e' siciliano.Secondo te da questo segue --
          in gabbia tutti i siciliani ?Perche' e' questa la conseguenza logica di quello che hai detto....
          • saverio_ve scrive:
            Re: In giappone sono fuori.
            nessuno ha mai detto di mettere in galera gli utenti TOR/Siciliani, ma solo di investire in sicurezza e controllo in Sicilia.E' così sbagliato?
          • Trollollero scrive:
            Re: In giappone sono fuori.
            - Scritto da: saverio_ve
            nessuno ha mai detto di mettere in galera gli
            utenti TOR/Siciliani, Menti sapendo di mentire."E in un paese democratico non sono blogger o giornalisti ad usare tor ma i criminali."Parole tue, non mie.
            ma solo di investire in
            sicurezza e controllo in
            Sicilia.
            E' così sbagliato?Bel tentativo ma no, il discorso non l'hai sviato.
          • aphex_twin scrive:
            Re: In giappone sono fuori.
            Ti correggo, non tutti i siciliani sono mafiosi, ma i mafiosi sono tutti siciliani. Vuoi che la polizia non faccia un controllino in sicilia ?La conseguenza logica é che la polizia , sapendo che i criminali usano TOR, vogliono darci un'occhiata.
          • Trollollero scrive:
            Re: In giappone sono fuori.
            - Scritto da: aphex_twin
            Ti correggo, non tutti i siciliani sono mafiosi,
            ma i mafiosi sono tutti siciliani. Cannato pure questo.
            Vuoi che la
            polizia non faccia un controllino in sicilia
            ?Non mi risulta che i siciliani debbano togliere la porta di casa perche' Riina e suoi amichetti sono nati da quelle parti.
            La conseguenza logica é che la polizia , sapendo
            che i criminali usano TOR, vogliono darci
            un'occhiata.La conseguenza logica e' che la polizia, sapendo che i criminali usano le case private, vogliono darci un'occhiata.A quando case senza porte e pareti in vetro ?C'e' una GROSSA differenza tra indagine mirate e vivere TUTTI in una casa di vetro perche' una ristretta minoranza delinque.
          • aphex_twin scrive:
            Re: In giappone sono fuori.
            Taci che in sicilia han passato mesi con l'esercito schierato a combattere la mafia. Ma forse non eri ancora nato.
          • Sgabbio scrive:
            Re: In giappone sono fuori.
            (rotfl)(rotfl)(rotfl)
          • saverio_ve scrive:
            Re: In giappone sono fuori.
            io facevo parte di quell'esercito... Operazione vespri siciliani 1992/93
          • Sgabbio scrive:
            Re: In giappone sono fuori.
            (rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)- Scritto da: saverio_ve
            io facevo parte di quell'esercito... Operazione
            vespri siciliani
            1992/93
          • aphex_twin scrive:
            Re: In giappone sono fuori.
            Posso ridere anch'io o é la classica risata isterica ?
          • saverio_ve scrive:
            Re: In giappone sono fuori.
            evidentemente gli fa ridere il fatto che sia andato a rischiare la vita in sicilia subito dopo gli omicidi di Falcone e Borsellino...Ma sai .. io sono un liberticida.
          • Sgabbio scrive:
            Re: In giappone sono fuori.
            - Scritto da: saverio_ve
            evidentemente gli fa ridere il fatto che sia
            andato a rischiare la vita in sicilia subito dopo
            gli omicidi di Falcone e
            Borsellino...
            Ma sai .. io sono un liberticida.Ehh guarda caso sei stato un militare... ROFTL... certo certo...
          • saverio_ve scrive:
            Re: In giappone sono fuori.
            di naja... sai una volta era obbligatoria... prima che tu nascessi.
          • Sgabbio scrive:
            Re: In giappone sono fuori.
            - Scritto da: saverio_ve
            di naja... sai una volta era obbligatoria...
            prima che tu
            nascessi.Erò già bello che nato, ma come tu saprai, non mandavano quelli della Naja a fare i vespri siciliani o meglio prendevano gente che faceva il militare di professione.
          • saverio_ve scrive:
            Re: In giappone sono fuori.
            Evidentemente sei male informato. Dal momento che stai parlando con un militare di naja "alpino fuciliere assaltatore" che è stato mandato (con tutto il suo battaglione) 4 mesi a fiancheggiare le operazioni di polizia in Sicilia. Io (e la mia compagnia) ci occupavamo di posti di blocco, rastrellamenti, perquisizioni. Altri di fare la guardia a luoghi sensibili.... Ma stiamo andando OT.
          • Sgabbio scrive:
            Re: In giappone sono fuori.
            spara XXXXXXX, insomma
          • aphex_twin scrive:
            Re: In giappone sono fuori.
            Hai un link ? Perché io ne ho trovato uno interessante , questo :http://www.stampalibera.it/2010/02/loperazione-vespri-siciliani-del-1994-e-la-morte-del-militare-salvatore-malgioglio-anche-in-appello-ribadita-lassoluzione-dei-sette-ex-soldati-di-leva-il-pg-minasi-convinto-dellomicidio-p/Dove di dice che "....Ha deciso così ieri la Corte dassise dappello di Messina, confermando lassoluzione di sette ex militari per la morte del <b
            soldato di leva Salvatore Malgioglio </b
            avvenuta la notte del 17 luglio 1994 mentre era in servizio di vigilanza presso il cancello del deposito della Stat, unazienda di autolinee di Santa Teresa Riva, nellambito delloperazione Vespri Siciliani..."Convinto ancora che NON c'erano militari di leva ?
          • Sgabbio scrive:
            Re: In giappone sono fuori.
            In molte aree, preferivano mandare professionisti con esperienza.
          • aphex_twin scrive:
            Re: In giappone sono fuori.
            OK, ma poteva esserci benissimo anche "saverio_ve" e fin'ora é stato provato che lo sparaXXXXXXX non é lui.
          • Sgabbio scrive:
            Re: In giappone sono fuori.
            - Scritto da: aphex_twin
            OK, ma poteva esserci benissimo anche
            "saverio_ve" e fin'ora é stato provato che lo
            sparaXXXXXXX non é
            lui.Bhe se dire che solo i criminali/pedofili usano tor in occidente, non è una XXXXXXX, allora mi sa che sei andato.
          • aphex_twin scrive:
            Re: In giappone sono fuori.
            Provami che io abbia mai scritto che "solo i criminali/pedofili usano tor in occidente" oppure TACI.
          • Trollollero scrive:
            Re: In giappone sono fuori.
            - Scritto da: aphex_twin
            Provami che io abbia mai scritto che "solo i
            criminali/pedofili usano tor in occidente" oppure
            TACI.Saverio_ve, il suo primo post in questa discussione :infatti è un paese democratico.E in un paese democratico non sono blogger o giornalisti ad usare tor ma i criminali.Tua risposta (terzo messaggio di tutto il topic):Applausi !Non hai scritto di tuo pugno "solo i criminali/pedofili usano tor in occidente", ma l'approvazione piena e incondizionata (o l'applauso era ironico ? Visto il resto dei tuoi post, direi di no) al concetto c'e' fin dal tuo primo post.Prego, quella e' la porta -----
          • aphex_twin scrive:
            Re: In giappone sono fuori.
            Né io né saverio abbiamo scritto che <u
            SOLO i criminali usano TOR </u
            .Ma secondo te se un criminale vuole usare la rete per i suoi traffici cosa userà ? Non fare l'ingenuo.
          • Trollollero scrive:
            Re: In giappone sono fuori.
            - Scritto da: aphex_twin
            Né io né saverio abbiamo scritto che <u

            SOLO i criminali usano TOR </u

            .
            "E in un paese democratico non sono blogger o giornalisti ad usare tor ma i criminali."Quale parte di questa frase ti risulta di difficile comprensione ?
            Ma secondo te se un criminale vuole usare la rete
            per i suoi traffici cosa userà ? Non fare
            l'ingenuo.E chi vuol fare una rapina per fuggire usera' un'auto o una moto.Che facciamo, le vietiamo ?
          • vums1974 scrive:
            Re: In giappone sono fuori.
            - Scritto da: Trollollero
            - Scritto da: aphex_twin

            Ma secondo te se un criminale vuole usare la
            rete

            per i suoi traffici cosa userà ? Non fare

            l'ingenuo.
            E chi vuol fare una rapina per fuggire usera'
            un'auto o una
            moto.
            Che facciamo, le vietiamo ?Io credo che sia un tentativo di dialogo con chi, come aphex_twin e saverio_ve, non ha nessuna intenzione di dialogare, anche quando sono in buona fede.E sai perchè?Perchè sono dominati dalla PAURA.Influenzati da decenni di propaganda della paura ed ormai temo definitivamente "giocati".Hai presente il Ministro della Paura di Albanese?"Io sono il Ministro della Paura e come ben sapete senza la paura non si vive. Una società senza paura è come una casa senza fondamenta."Ecco, è fatto esattamente per influenzare e quindi controllare quel tipo di gente.Purtroppo, non è solo un riuscitissimo personaggio satirico.
          • saverio_ve scrive:
            Re: In giappone sono fuori.
            A me sembra che la PAURA l'abbia tu e chi è ossessionato dalla persecuzione di fantomatici tracciatori della loro attività on line.Avete PAURA che i vostri dati finiscano in chissà quali mani per chissà quale uso...Qui il problema è sul concetto stesso di società civile, è filosofia da quattro soldi.La società civile si costruisce sulle regole, e le regole vanno rispettate.Qui hanno fatto alcuni esempi fantastici..Le strade hanno avuto l'illuminazione notturna perché nel buio i crimini erano troppo agevolati.Le macchine hanno le targhe perché se qualcuno infrange le regole deve poter essere individuato.Internet non è diverso da una strada pubblica, è un luogo dove si possono fare attività lecite o illecite. L'anonimato è una protezione per i secondi. E se il prezzo da pagare per chi fa attività lecite è di dover trovare un altro modo per difendersi da Google o da Facebook che non sia navigare con TOR, francamente è davvero un piccolo prezzo. E chi non è disposto a pagarlo, per me, ha altri motivi.
          • Trollollero scrive:
            Re: In giappone sono fuori.
            - Scritto da: saverio_ve
            A me sembra che la PAURA l'abbia tu e chi è
            ossessionato dalla persecuzione di fantomatici
            tracciatori della loro attività on
            line.
            Avete PAURA che i vostri dati finiscano in chissà
            quali mani per chissà quale
            uso...

            Qui il problema è sul concetto stesso di società
            civile, è filosofia da quattro
            soldi.
            La società civile si costruisce sulle regole, e
            le regole vanno
            rispettate.
            Qui hanno fatto alcuni esempi fantastici..
            Le strade hanno avuto l'illuminazione notturna
            perché nel buio i crimini erano troppo
            agevolati.
            Le macchine hanno le targhe perché se qualcuno
            infrange le regole deve poter essere
            individuato.Talmente utile la targa che gli autovelox fotografano ANCHE il conducente proprio perche' altrimenti risulta impossibile determinare chi era alla guida al momento dell'infrazione.....
            Internet non è diverso da una strada pubblica, è
            un luogo dove si possono fare attività lecite o
            illecite. L'anonimato è una protezione per i
            secondi.E l'unica soluzione e' associare in maniera certa e univoca utente a IP.E indovina un po' ? Ora come ora non si puo' fare.
            E se il prezzo da pagare per chi fa attività
            lecite è di dover trovare un altro modo per
            difendersi da Google o da Facebook che non sia
            navigare con TOR, francamente è davvero un
            piccolo prezzo. E chi non è disposto a pagarlo,
            per me, ha altri
            motivi.E dai.Piantala di sottintendere che chi non voglia mettere in piazza sempre e comunque gli affaracci suoi sia un criminale.Non e' cosi'.E ancora non mi hai detto chi sei e dove abiti, che hai da nascondere ?
          • vums1974 scrive:
            Re: In giappone sono fuori.
            - Scritto da: saverio_ve
            A me sembra che la PAURA l'abbia tu e chi è
            ossessionato dalla persecuzione di fantomatici
            tracciatori della loro attività on
            line.
            Avete PAURA che i vostri dati finiscano in chissà
            quali mani per chissà quale
            uso...Nel momento in cui quei dati finiscono nelle mani di qualcuno lì rimangono e a quel punto è solo LUI, e non io, a decidere che uso fare dei MIEI dati.E, mi spiace, io non do la fiducia in bianco a nessuno, nè ai privati nè tantomeno ai governi.

            Qui il problema è sul concetto stesso di società
            civile, è filosofia da quattro
            soldi.
            La società civile si costruisce sulle regole, e
            le regole vanno
            rispettate.Non ci sono solo le regole nella società, fermarsi a queste è indice di una tipica mentalità poliziesca.Ci sono cose del tutto legali che è giusto tenere private, se uno lo ritiene opportuno.Per esempio, fino a non molti anni fa fare outing sulla propria omosessualità voleva dire rischiare discriminazioni (e anche oggi non è detto che non capiti).
            Internet non è diverso da una strada pubblica, è
            un luogo dove si possono fare attività lecite o
            illecite. L'anonimato è una protezione per i
            secondi.Ah si? L'anonimato è una protezione per i criminali?Evidentemente non hai mai pensato che la scelta che ogni cittadino periodicamente fa e che ha impatto sulle scelte per il governo della società è *per legge* protetta dall'anonimato, che anzi è *richiesto*, pena l'incorrere in un reato: il VOTO.E' inutile che ti consigli delle buone letture, perchè sarebbero perle ai porci.Al massimo, fatti un giretto su questo noto sito di pedofili-truffatori-terroristi, che ovviamente propagandano anche l'uso di Tor: https://www.eff.org/
          • aphex_twin scrive:
            Re: In giappone sono fuori.
            Io non ho paura di navigare "in chiaro" , se avessi paura userei sempre TOR.Di che paura parli ?
          • vums1974 scrive:
            Re: In giappone sono fuori.
            - Scritto da: aphex_twin
            Io non ho paura di navigare "in chiaro" , se
            avessi paura userei sempre
            TOR.

            Di che paura parli ?Dei "criminali" (veri o presunti), dei "brutti ceffi" che stanno sulla rete e a causa dei quali tu sei, come afferma un famoso detto, pronto a svendere la tua libertà in nome di una ipotetica maggior "sicurezza", non meritando nè la libertà nè la sicurezza.Se vuoi, per paura svendi la tua, di libertà, ma lascia stare la mia.
          • Sgabbio scrive:
            Re: In giappone sono fuori.
            - Scritto da: aphex_twin
            Posso ridere anch'io o é la classica risata
            isterica
            ?Rido perchè sa molto di "spara XXXXXXX" e quel tizio è di quella categoria, caro il mio fanboy brainless.
          • saverio_ve scrive:
            Re: In giappone sono fuori.
            cos'è .. vuoi anche tu il link?
          • Sgabbio scrive:
            Re: In giappone sono fuori.
            - Scritto da: saverio_ve
            cos'è .. vuoi anche tu il link?non piangere bimbo, perchè ti sbugiardano nella tua visione pacioccona.
          • aphex_twin scrive:
            Re: In giappone sono fuori.
            Si si ... spara XXXXXXX, eppure sei tu che vieni sbugiardato un 4 millisecondi. :D
          • Sgabbio scrive:
            Re: In giappone sono fuori.
            - Scritto da: aphex_twin
            Si si ... spara XXXXXXX, eppure sei tu che vieni
            sbugiardato un 4
            millisecondi.

            :DCerto da UNO che afferma di essere stato nei vespri siciliani quando è alle spalle al muro, per giustificare la sua visione idiota di "tor = criminale" :D
          • aphex_twin scrive:
            Re: In giappone sono fuori.
            - Scritto da: Sgabbio
            Certo da UNO che afferma di essere stato nei
            vespri siciliani quando è alle spalle al muro,
            per giustificare la sua visione idiota di "tor =
            criminale"
            :D... e l'altro (che é nato molto prima :D) che risponde che "non é possibile perché non c'erano militari di leva". Invece era una balla e quello che dice saverio puó essere vero.Prendi atto che hai sparato la tua XXXXXXX e poi torna a parlare di TOR.
          • Sgabbio scrive:
            Re: In giappone sono fuori.
            - Scritto da: aphex_twin

            ... e l'altro (che é nato molto prima :D) che
            risponde che "non é possibile perché non c'erano
            militari di leva". Invece era una balla e quello
            che dice saverio puó essere
            vero.

            Prendi atto che hai sparato la tua XXXXXXX e poi
            torna a parlare di
            TOR.Certo certo.... lui non spara XXXXXXX dicendo che in occidente solo i pedofili usano tor :( Mi fate pena, trolletti.
          • aphex_twin scrive:
            Re: In giappone sono fuori.
            Nessuno ha mai detto che SOLO i pedofili, ecc, usano TOR. Piantala di sparare XXXXXXX.
          • Trollollero scrive:
            Re: In giappone sono fuori.
            - Scritto da: aphex_twin
            Nessuno ha mai detto che SOLO i pedofili, ecc,
            usano TOR.


            Piantala di sparare XXXXXXX.Saverio_ve al suo primo post.Post che tu hai pienamente sottoscritto, con applausi.La porta e' sempre di la' -------
          • aphex_twin scrive:
            Re: In giappone sono fuori.
            Balle!
          • Trollollero scrive:
            Re: In giappone sono fuori.
            - Scritto da: aphex_twin
            Balle!Ok, hai problemi con l'italiano.Non c'e' da vergognarsi, basta ammetterlo e tornare a scuola
          • aphex_twin scrive:
            Re: In giappone sono fuori.
            E' la parola "solo" che hai aggiunto a tua convenienza ma che nessuno ha mai pronunciato.
          • Trollollero scrive:
            Re: In giappone sono fuori.
            - Scritto da: aphex_twin
            E' la parola "solo" che hai aggiunto a tua
            convenienza ma che nessuno ha mai
            pronunciato.Dato che il senso della frase non cambia minimamente, la porta e' sempre di la' -----
          • Trollollero scrive:
            Re: In giappone sono fuori.
            - Scritto da: aphex_twin
            Taci che in sicilia han passato mesi con
            l'esercito schierato a combattere la mafia.


            Ma forse non eri ancora nato.Purtroppo per te ricordo i servizi al telegiornale per l'omicidio Moro.....
          • saverio_ve scrive:
            Re: In giappone sono fuori.
            Me li ricordo anche io, anche se ero piccolino.Tutta gente che oggi userebbe TOR ;)
          • Trollollero scrive:
            Re: In giappone sono fuori.
            - Scritto da: saverio_ve
            Me li ricordo anche io, anche se ero piccolino.

            Tutta gente che oggi userebbe TOR ;)Hanno usato anche un'auto, un appartamento e una cinepresa.Tutta roba che oggi e' vietata, ovviamente....
          • unaDuraLezione scrive:
            Re: In giappone sono fuori.
            contenuto non disponibile
          • saverio_ve scrive:
            Re: In giappone sono fuori.
            te ne intendi eh.... fammi tirar giù un attimo il tuo ip...
          • unaDuraLezione scrive:
            Re: In giappone sono fuori.
            contenuto non disponibile
          • saverio_ve scrive:
            Re: In giappone sono fuori.
            Facciamo un esempio:Tu abiti in un condominio, i tuoi vicini di casa sono degli amanti rumorosi e ti rendono "partecipe" dei loro incontri... Tu alzi il volume della tv e te ne freghi.Un giorno senti invece una lite furibonda, rumori di colluttazione, urla insulti e pesanti minacce... Che fai? Chiami la polizia o alzi il volume?
          • Trollollero scrive:
            Re: In giappone sono fuori.
            - Scritto da: saverio_ve
            Facciamo un esempio:
            Tu abiti in un condominio, i tuoi vicini di casa
            sono degli amanti rumorosi e ti rendono
            "partecipe" dei loro incontri... Tu alzi il
            volume della tv e te ne
            freghi.
            Un giorno senti invece una lite furibonda, rumori
            di colluttazione, urla insulti e pesanti
            minacce... Che fai? Chiami la polizia o alzi il
            volume?Ottimo esempio.In questo caso, TOR equivale a muri perfettamente insonorizzati.Siccome non sento nulla chiamo la polizia tutte le sere perche' i vicini si sono ammazzati a vicenda ?
          • saverio_ve scrive:
            Re: In giappone sono fuori.
            no non hai colto l'esempio... in questo caso TU sei TOR.E devi scegliere se alzare la musica sempre o fare dei distinguo.
          • Trollollero scrive:
            Re: In giappone sono fuori.
            - Scritto da: saverio_ve
            no non hai colto l'esempio... in questo caso TU
            sei
            TOR.
            E devi scegliere se alzare la musica sempre o
            fare dei
            distinguo.Alleluja !Adesso e' tutto chiaro!Non sai come funziona TOR, ecco perche' fai paragoni assurdi.TOR e' anonimizzante verso l'esterno e opaco all'interno: nel tuo esempio, oltre ai muri insonorizzati, bisogna aggiungere un vicino sordo, cieco e muto.
          • saverio_ve scrive:
            Re: In giappone sono fuori.
            oppure tolgo il vicino cieco, sordo o connivente (TOR) e ne metto uno normale (ISP) che alza la musica quando trombi e chiama la polizia quando ammazzi la moglie.
          • Trollollero scrive:
            Re: In giappone sono fuori.
            - Scritto da: saverio_ve
            oppure tolgo il vicino cieco, sordo o connivente
            (TOR) e ne metto uno normale (ISP) che alza la
            musica quando trombi e chiama la polizia quando
            ammazzi la
            moglie.Niente da fare, troppo complicato da capire.Tu stai dando per scontato che non rendere pubblico TUTTO e SEMPRE sia da vietare perche' criminale (perche' ? lo sai solo tu).Non c'e' verso di farti capire che hai torto.
          • saverio_ve scrive:
            Re: In giappone sono fuori.
            Non pubblico... tracciabile.io rispetto la privacy, non rispetto l'anonimato se non giustificato da gravi motivi.
          • Sgabbio scrive:
            Re: In giappone sono fuori.
            Privacy e Anonimato vanno di pari passo.
          • aphex_twin scrive:
            Re: In giappone sono fuori.
            Anonimato ? Prova ad entrare in una banca mascherato , poi vediamo se rispettano il tuo anonimato.Al primo passo ti ritrovi faccia a terra. :D
          • Sgabbio scrive:
            Re: In giappone sono fuori.
            Complimenti per i paragoni del XXXXX.
          • aphex_twin scrive:
            Re: In giappone sono fuori.
            Altrimenti non capivi. :D
          • Voice of Reason scrive:
            Re: In giappone sono fuori.
            - Scritto da: Sgabbio
            Privacy e Anonimato vanno di pari passo.Quindi se un poliziotto ti chiede i documenti tu ti rifiuti? Non credo proprio.Anzi, penso che non protesti nemmeno: gli dai anche il numero di telefono di tua sorella. ;)Gli sbruffoni come te sono vigliacchi in fondo. ;)
          • Sgabbio scrive:
            Re: In giappone sono fuori.
            - Scritto da: Voice of Reason
            - Scritto da: Sgabbio

            Privacy e Anonimato vanno di pari passo.

            Quindi se un poliziotto ti chiede i documenti tu
            ti rifiuti? Non credo
            proprio.Paragone del XXXXX 1.
            Anzi, penso che non protesti nemmeno: gli dai
            anche il numero di telefono di tua sorella.
            ;)

            Gli sbruffoni come te sono vigliacchi in fondo. ;)Trollata: 02/10
          • Trollollero scrive:
            Re: In giappone sono fuori.
            - Scritto da: Voice of Reason
            - Scritto da: Sgabbio

            Privacy e Anonimato vanno di pari passo.

            Quindi se un poliziotto ti chiede i documenti tu
            ti rifiuti? Non credo
            proprio.
            Che e' cosa ben diversa da costringere tutti ad abitare in case di vetro senza porte e senza tende, a trasmettere in mondovisione ogni secondo di ogni conversazione fatta con chiunque e a girare con la carta d'identita' appiccicata in fronte, dando per scontato che chi non voglia farlo sia un criminale della peggior specie.
            Anzi, penso che non protesti nemmeno: gli dai
            anche il numero di telefono di tua sorella.
            ;)

            Gli sbruffoni come te sono vigliacchi in fondo. ;)Piu' ti leggo e piu' mi viene voglia di sentire un paio di amici psicoterapeuti....Sei un caso interessante, a dir poco.
          • saverio_ve scrive:
            Re: In giappone sono fuori.
            Io non sto usando TOR... mi dici per favore come mi chiamo e dove abito..Grazie
          • Trollollero scrive:
            Re: In giappone sono fuori.
            - Scritto da: saverio_ve
            Io non sto usando TOR... mi dici per favore come
            mi chiamo e dove
            abito..

            GrazieDovresti dirmelo tu.Solo i criminali sono anonimi.
          • Trollollero scrive:
            Re: In giappone sono fuori.
            - Scritto da: saverio_ve
            Non pubblico... tracciabile.
            io rispetto la privacy, non rispetto l'anonimato
            se non giustificato da gravi
            motivi.Quindi e' praticamente certo che se vado a spulciare il tuo profilo ci trovo il tuo nome, cognome e indirizzo di residenza.E magari pure una bella scansione della carta d'identita' con foto ben visibile.
          • saverio_ve scrive:
            Re: In giappone sono fuori.
            No infatti.. sei tu che dici che la privacy è tutelata solo dall'anonimato.IO non sono anonimo, se commettessi un reato la polizia postale può rintracciarmi perché non uso TOR.Ma il fatto che non usi tor non significa che io abiti in una casa di vetro. Come tu sostieni.
          • Trollollero scrive:
            Re: In giappone sono fuori.
            - Scritto da: saverio_ve
            No infatti.. sei tu che dici che la privacy è
            tutelata solo
            dall'anonimato.Veramente lo diceva Sgabbio.
            IO non sono anonimo, se commettessi un reato la
            polizia postale può rintracciarmi perché non uso
            TOR.Vedo che c'e' qualche piccolo problema di fondo.Tu ORA, qui su PI, stai postando in maniera anonima: saverio_ve e' un nick, non c'e' modo di associare in maniera univoca l'account a una sola persona.Doppiamente vero per "Trollollero", che non e' nemmeno un account: per quanto ne sai potresti aver discusso con piu' persone diverse.Tutto quello che si puo' fare ORA e' associare il singolo post a un IP (che, mi tocca far notare, NON e' una persona)."Fine dell'anonimato in rete" significa poter associare in maniera CERTA e UNIVOCA una PERSONA ad un determinato intervento/post/navigazione/sarca$$o.Se non riesci a capire per quale motivo questo sia un rischio tremendo il problema e' tuo e non mio.
            Ma il fatto che non usi tor non significa che io
            abiti in una casa di vetro. Come tu
            sostieni.Perche', per ora, la tecnologia non lo permette.Ma "fine dell'anonimato in rete" o "solo i criminali vogliono essere anonimi" significa proprio quello: costruire case di vetro.
          • saverio_ve scrive:
            Re: In giappone sono fuori.
            è qui che ti sbagli.. io non sono anonimo. Sono un utente registrato. La redazione sa chi sono... la polizia postale può risalire alla connessione che ho usato.Questa è una forma di privacy che non mi sottrae alla legge. Cosa che invece fa TOR.Siete voi che sostenete che non esista una via di mezzo tra la casa di vetro e l'insonorizzazione totale.Io sto solo dicendo che bisogna dare alla legge gli strumenti per agire.Perché altrimenti per consentire a te di "leggere i quotidiani" in maniera anonima stiamo consentendo a qualcuno di scambiarsi file pedoXXXXX nella stessa maniera anonima.
          • Trollollero scrive:
            Re: In giappone sono fuori.
            - Scritto da: saverio_ve
            è qui che ti sbagli.. io non sono anonimo. Sono
            un utente registrato. La redazione sa chi sono...A meno che per registrarsi venga richiesta la carta d'identita' no, non sa chi sei.
            la polizia postale può risalire alla connessione
            che ho
            usato.La polizia puo' risalire alla connessione. Risalire a chi l'ha usata per far cosa e' un pelo piu' complicato.
            Questa è una forma di privacy che non mi sottrae
            alla legge. Cosa che invece fa
            TOR.TOR non e' illegale.E mi pare di averti gia' detto che affermare che chi usa TOR sia un criminale, oltre che falso, e' diffamazione.Sei a rischio querela.
            Siete voi che sostenete che non esista una via di
            mezzo tra la casa di vetro e l'insonorizzazione
            totale.Mai detto. Io sostengo che cio' che filtra all'esterno dei sacrosanti ca$$i miei lo devo decidere io.
            Io sto solo dicendo che bisogna dare alla legge
            gli strumenti per
            agire.Ce li ha.
            Perché altrimenti per consentire a te di "leggere
            i quotidiani" in maniera anonima stiamo
            consentendo a qualcuno di scambiarsi file
            pedoXXXXX nella stessa maniera
            anonima.Siccome i rapinatori per fuggire usano macchine e strade, vietiamo le auto e chiudiamo le strade ?
          • saverio_ve scrive:
            Re: In giappone sono fuori.
            "Non aboliamo le macchine... in fondo molti le usano per scopi non criminali. Anzi da oggi chi vuole può andare in giro senza targa."Questo secondo il tuo ragionamento.
          • Trollollero scrive:
            Re: In giappone sono fuori.
            - Scritto da: saverio_ve
            "Non aboliamo le macchine... in fondo molti le
            usano per scopi non criminali. Anzi da oggi chi
            vuole può andare in giro senza
            targa."

            Questo secondo il tuo ragionamento.Per quanto mi riguarda si potrebbe anche fare.Ed e' significativo che tu citi la targa come esempio, dato che comporta quasi gli stessi problemi di un IP ai fini di un'identificazione CERTA di chi abbia commesso un determinato illecito.
          • saverio_ve scrive:
            Re: In giappone sono fuori.
            Infatti, l'esempio calza a pennello...Diciamo che da domani non è più obbligatorio mettere la targa sulle automobili.. Secondo te chi saranno i primi a toglierla?
          • Trollollero scrive:
            Re: In giappone sono fuori.
            - Scritto da: saverio_ve
            Infatti, l'esempio calza a pennello...
            Diciamo che da domani non è più obbligatorio
            mettere la targa sulle automobili.. Secondo te
            chi saranno i primi a
            toglierla?Di certo non chi, gia' ora, viene multato e non paga (e il tutto legalmente, bada bene) o non si vede decurtato nemmeno un punto.
          • aphex_twin scrive:
            Re: In giappone sono fuori.
            "La polizia puo' risalire alla connessione. Risalire a chi l'ha usata per far cosa e' un pelo piu' complicato."Se la polizia risale al mio IP di casa vengono a prendere me. Indipendentemente da chi fisicamente ha "schiacciato il tasto enter". Io posso pure dire che é stato un'altro ma spetta a me dimostrare come questo altro sia riuscito ad entrare in casa mia senza sfondare una porta o una finestra, scoprire la password del mio account o la password wifi e fare quello che voleva dalla mia connessione internet.Se non posso dimostrarlo la colpa ricade su di me.
          • Trollollero scrive:
            Re: In giappone sono fuori.
            - Scritto da: aphex_twin
            "La polizia puo' risalire alla connessione.
            Risalire a chi l'ha usata per far cosa e' un pelo
            piu'
            complicato."

            Se la polizia risale al mio IP di casa vengono a
            prendere me.
            Indipendentemente da chi fisicamente
            ha "schiacciato il tasto enter". Io posso pure
            dire che é stato un'altro ma spetta a me
            dimostrare come questo altro sia riuscito ad
            entrare in casa mia senza sfondare una porta o
            una finestra, scoprire la password del mio
            account o la password wifi e fare quello che
            voleva dalla mia connessione
            internet.
            Veramente no, sta a loro (anzi, al PM se si va a proXXXXX) provare che sia stato TU a fare queste cose.
            Se non posso dimostrarlo la colpa ricade su di me.Manco un po'.Se il PM non riesce a dimostrare che la colpa e' tua sei innocente.
          • aphex_twin scrive:
            Re: In giappone sono fuori.
            - Scritto da: Trollollero
            Veramente no, sta a loro (anzi, al PM se si va a
            proXXXXX) provare che sia stato TU a fare queste
            cose.E tu pensi siano scemi ?Allora. l'IP é il mio, la casa pure, la chiave ce l'ho solo io, la porta non é scassata, la finestra neppure.... Fai tu, chi puó mai essere stato ? Il fantasmino ?Oddio, potrei anche tenere un PC infetto da qualche controllo remoto o tenere lo porta o la finestra rotta così da avere sempre una scusa pronta.Sperando che ci caschino.Ma sinceramente io preferisco vivere sereno.
            Se il PM non riesce a dimostrare che la colpa e'
            tua sei
            innocente.Se é vero quello che ho scritto sopra la colpa puó solo essere mia.
          • Trollollero scrive:
            Re: In giappone sono fuori.
            - Scritto da: aphex_twin
            - Scritto da: Trollollero

            Veramente no, sta a loro (anzi, al PM se si
            va
            a

            proXXXXX) provare che sia stato TU a fare
            queste

            cose.

            E tu pensi siano scemi ?
            Il caso Scasi e' li' a dimostrarlo.E se tu puoi permetterti di ipotizzare condizioni a tuo favore, posso farlo anch'io.Sono scemi.
            Allora. l'IP é il mio, la casa pure, la chiave ce
            l'ho solo io, la porta non é scassata, la
            finestra neppure....
            Macchina compromessa.O wiretapping.O crack della password del wifi.O amico di passaggio che fa XXXXXte.Sta al PM dimostrare che la colpa e' tua.

            Fai tu, chi puó mai essere stato ? Il
            fantasmino
            ?

            Oddio, potrei anche tenere un PC infetto da
            qualche controllo remoto o tenere lo porta o la
            finestra rotta così da avere sempre una scusa
            pronta.
            Sperando che ci caschino.

            Ma sinceramente io preferisco vivere sereno.
            Anch'io vivo sereno.E' chi da per scontato che chi non mette in piazza la tutta la sua vita sia un criminale che non vive sereno.

            Se il PM non riesce a dimostrare che la
            colpa
            e'

            tua sei

            innocente.

            Se é vero quello che ho scritto sopra la colpa
            puó solo essere
            mia.Ok, hai vinto.Dritto in galera.
          • saverio_ve scrive:
            Re: In giappone sono fuori.
            - Scritto da: Trollollero
            Anch'io vivo sereno.
            E' chi da per scontato che chi non mette in
            piazza la tutta la sua vita sia un criminale che
            non vive
            sereno.Si però deciditi:Qui e in altri casi dici che chi non usa TOR mette in piazza tutta la sua vita.Poi dici a me che sono anonimo (ma io non uso TOR come è possibile?).Non usare TOR non significa mettere in piazza la propria vita, ma solo rendersi rintracciabile. Un po' come avere la targa sulla macchina.Ti possono compromettere il pc o il wifi? vero! Ti possono anche rubare la macchina o clonare la targa se è per quello. E quindi cosa facciamo? aboliamo le targhe e andiamo tutti senza? Il fatto che un sistema non sia perfetto non significa che se ne debba o possa fare a meno.La legge non è perfetta, ma l'assenza di legge è sicuramente peggio.Ma francamente penso che tu abbia già capito la logica del discorso, e che stia solo facendo trollaggio.
          • Trollollero scrive:
            Re: In giappone sono fuori.
            - Scritto da: saverio_ve
            - Scritto da: Trollollero


            Anch'io vivo sereno.

            E' chi da per scontato che chi non mette in

            piazza la tutta la sua vita sia un criminale
            che

            non vive

            sereno.

            Si però deciditi:
            Qui e in altri casi dici che chi non usa TOR
            mette in piazza tutta la sua
            vita.
            Poi dici a me che sono anonimo (ma io non uso TOR
            come è
            possibile?).
            saverio_ve e' un account, una coppia chiave-valore su un db: non e' una persona. Una o piu' persone (fisiche, reali) possono usare questo account per scrivere qui su PI, determinare quale persona stia scrivendo in un determinato momento e' estremamente difficile.TOR rende non tracciabile il punto d'origine di una conversazione, rendendo ancora piu' difficile associare una persona reale ad un account.
            Non usare TOR non significa mettere in piazza la
            propria vita, ma solo rendersi rintracciabile. Un
            po' come avere la targa sulla
            macchina.La parte pubblica della mia vita la decido io.Cosi' come sono libero di usare un veicolo senza targa per spostarmi devo poter essere libero di decidere quante e quali conversazioni e scambi di dati devono essere visibili e quali no.Dare per scontato che sia un criminale semplicemente perche' i sacrosanti ca$$i miei rimangono tali e'a) Insultanteb) PericolosoIl fatto che non ve ne rendiate conto e' ininfluente
            Ti possono compromettere il pc o il wifi? vero!
            Ti possono anche rubare la macchina o clonare la
            targa se è per quello. E quindi cosa facciamo?
            aboliamo le targhe e andiamo tutti senza? Il
            fatto che un sistema non sia perfetto non
            significa che se ne debba o possa fare a
            meno.
            La legge non è perfetta, ma l'assenza di legge è
            sicuramente
            peggio.
            Ma francamente penso che tu abbia già capito la
            logica del discorso, e che stia solo facendo
            trollaggio.La logica del discorso e' molto semplice: SE e QUANDO ci sono fondati motivi di indagine, ALLORA la magistratura puo' indagare, e a quel punto dietro mandato puo' ottenere piu' o meno quel che le pare.Ma DIETRO MANDATO e CASO PER CASO.Aspettarsi che tutti quanti debbano rinunciare a privacy e sicurezza (perche' dopo TOR verra' il turno della crittografia personale....) sempre e comunque perche' al politico di turno piace tanto tanto il Panopticon e' da idioti.
          • unaDuraLezione scrive:
            Re: In giappone sono fuori.
            contenuto non disponibile
          • Trollollero scrive:
            Re: In giappone sono fuori.
            - Scritto da: unaDuraLezione
            - Scritto da: aphex_twin


            Se la polizia risale al mio IP di casa
            vengono
            a

            prendere me. Indipendentemente da chi
            fisicamente

            ha "schiacciato il tasto enter". Io posso
            pure

            dire che é stato un'altro ma spetta a me

            dimostrare come questo altro sia riuscito ad

            entrare in casa mia senza sfondare una porta
            o

            una finestra, scoprire la password del mio

            account o la password wifi e fare quello che

            voleva dalla mia connessione

            internet.

            Tu non sai un XXXXX NE' di legge, NE' di
            informatica.
            Prima dell'ingresso in un Apple Store ad ogni cliente viene fatta una RMF, se vengono trovati piu' di tre neuroni funzionanti viene impedito l'acXXXXX in quanto non conformi ai requisiti di Macaco Osservante vergati di Sua propria mano da Steve, il Grande e Benevolo.Pensavo lo sapessi.
            Riguardo alla legge:
            Nel caso che hai descritto, saresti indiziato, ma
            <b
            per qualsiasi responsabilità penale
            spetta all'accusa dimostrare che eri tu
            </b

            .
            Lo stesso avviene con un automobile: infrazione
            stradale (non reato penale) paga l'intestatario
            della targa. Reato penale (es. omicidio con auto,
            rapina con auto), l'indiziato è l'intestatario
            della targa MA non lo possono mettere in galera
            se non dopo un regolare proXXXXX che dimostri la
            sua colpevolezza AL DI LA' del mero possesso
            dell'auto.
            Tre neuroni, ricordati sempre il limite dei tre neuroni.Troppe informazioni tutte insieme sono dannose.
            Riguardo alla parte informatica non intendo
            perdere tempo con chi ha dimostrato di avere basi
            insufficienti.Usa roba Apple E la definisce buona. Che basi potrebbe mai avere ?
  • saverio_ve scrive:
    Rispondo a tutti
    Rispondo un po' a tutti quelli che mi hanno attaccato.Alcuni argomentando altri solamente insultando.Io non ho mai detto di voler chiudere TOR, o che non sia uno strumento necessario per chi fa politica in certe zone del mondo, o per attività molto specifiche.Ho solo detto che trovo legittimo da parte della polizia di un paese, a fronte di ipotesi di reati gravi, chiedere di poter tracciare determinati traffici di rete.Esistono strumenti molto più semplici per evitare che alcune aziende traccino i dati di navigazione (se il problema è quello). Gli ISP non rendono pubblici i dati degli utenti se non alle autorità.In sostanza quello che voglio dire è che esiste una differenza sostanziale tra privacy e anonimato. Io posso non pubblicare il mio numero di tel sull'elenco ma non per questo fare delle chiamate non rintracciabili.Se andassimo in giro tutti senza documenti, senza targa sulla macchina, col passamontagna sul volto: non sarebbe il trionfo della privacy ma dell'anarchia.La legge è una cosa necessaria in una società civile e deve avere degli strumenti idonei per essere applicata. Sta poi alla società stessa fare in modo che non ci siano abusi di potere.Dire "non voglio la legge perché chi la applica potrebbe abusarne" mina i fondamenti stessi di società civile.Questa è la mia opinione, siete liberi di averne una diversa senza per questo insultarmi.Grazie.
    • unaDuraLezione scrive:
      Re: Rispondo a tutti
      contenuto non disponibile
      • saverio_ve scrive:
        Re: Rispondo a tutti
        Io ricevo telefonate solo da persone alle quali io ho dato il mio numero, (tra queste c'è inevitabilmente il mio operatore telefonico ma nessun'altro).Un operatore telefonico non vende il tuo numero a nessuno senza il tuo consenso.Io ho detto che TOR (nei paesi ecc. ecc.) viene usato solo dai delinquenti, non ho dato del delinquente a nessuno. E' italiano.Voglio proprio vedere chi, per postare su punto informatico, userebbe uno strumento lentissimo solo per... non esser tracciato da Google? Mah..Chi ha parlato di vigilanza continua? Io ho parlato di tracciabilità per ipotesi di reati gravi... E' italiano.Cosa c'entrano i Narcos con la polizia?
        • Sgabbio scrive:
          Re: Rispondo a tutti
          - Scritto da: saverio_ve
          Io ricevo telefonate solo da persone alle quali
          io ho dato il mio numero, (tra queste c'è
          inevitabilmente il mio operatore telefonico ma
          nessun'altro).
          Un operatore telefonico non vende il tuo numero a
          nessuno senza il tuo
          consenso.

          Io ho detto che TOR (nei paesi ecc. ecc.) viene
          usato solo dai delinquenti, non ho dato del
          delinquente a nessuno. E'
          italiano.
          Voglio proprio vedere chi, per postare su punto
          informatico, userebbe uno strumento lentissimo
          solo per... non esser tracciato da Google?
          Mah..

          Chi ha parlato di vigilanza continua? Io ho
          parlato di tracciabilità per ipotesi di reati
          gravi... E'
          italiano.

          Cosa c'entrano i Narcos con la polizia?Complimenti, non hai volutamente capito nulla del discorso.
          • saverio_ve scrive:
            Re: Rispondo a tutti
            Ho capito che non c'entrava niente con quello che ho scritto io...
          • Sgabbio scrive:
            Re: Rispondo a tutti
            - Scritto da: saverio_ve
            Ho capito che non c'entrava niente con quello che
            ho scritto
            io...No, semplicemente eviti di capire il nocciolo della questione, usando il tuo paragone "Tor = Crimine"
          • saverio_ve scrive:
            Re: Rispondo a tutti
            La questione è semplice:Esiste un uso criminale di internet o no? Tutti quelli che usano internet sono umanisti filantropi che aspirano alla libertà e alla cultura o ci sono anche mafiosi, trafficanti, pedofili e chi più ne ha più ne metta?Vuoi che queste persone vengano ostacolate, individuate, catturate o no?Ribadisco: privacy != anonimato. società civile != anarchia.
          • Sgabbio scrive:
            Re: Rispondo a tutti
            - Scritto da: saverio_ve
            La questione è semplice:

            Esiste un uso criminale di internet o no?
            Tutti quelli che usano internet sono umanisti
            filantropi che aspirano alla libertà e alla
            cultura o ci sono anche mafiosi, trafficanti,
            pedofili e chi più ne ha più ne
            metta?

            Vuoi che queste persone vengano ostacolate,
            individuate, catturate o
            no?

            Ribadisco: privacy != anonimato. società civile
            !=
            anarchia.Ok, Stai mischiando tutto di proposito per darti ragione.
          • unaDuraLezione scrive:
            Re: Rispondo a tutti
            contenuto non disponibile
        • unaDuraLezione scrive:
          Re: Rispondo a tutti
          contenuto non disponibile
          • Sgabbio scrive:
            Re: Rispondo a tutti
            "ma cosa centrano i narcos con la polizzaaahhh" ti dirà ancora :DAggiungerei tra l'altro che le stesse forze dell'ordine sconsigliavano di usare i Social network per fare simili cose, vuoi per la geo localizzazione, come molta gente tiene stupidamente attiva, vuoi anche che molti usano il loro vero nome e cognome, con tanto di faccia....Non è un caso che i narcos hanno usato quei due poveri cristi solo per spaventare una loro spina del fianco, come "il blog del narco".
          • saverio_ve scrive:
            Re: Rispondo a tutti
            Io parlo di dare la possibilità alle autorità di tracciare comportamenti criminali. Tu mi parli di malviventi che hanno corrotto e ucciso... Non mi pare che parliamo della stessa cosa.Se subisco una rapina significa che devono permettermi di andare in giro armato?, anzi che tutti debbano andare in giro armati? o che bisogna che la polizia faccia meglio il suo lavoro?Se esistono dei "Saviano" che fanno attività di denuncia di attività criminali, questi hanno diritto alla protezione della polizia, prima che della protezione di TOR.
          • Sgabbio scrive:
            Re: Rispondo a tutti
            - Scritto da: saverio_ve
            Io parlo di dare la possibilità alle autorità di
            tracciare comportamenti criminali. Tu mi parli di
            malviventi che hanno corrotto e ucciso... Non mi
            pare che parliamo della stessa
            cosa.
            Se subisco una rapina significa che devono
            permettermi di andare in giro armato?, anzi che
            tutti debbano andare in giro armati? o che
            bisogna che la polizia faccia meglio il suo
            lavoro?
            Se esistono dei "Saviano" che fanno attività di
            denuncia di attività criminali, questi hanno
            diritto alla protezione della polizia, prima che
            della protezione di
            TOR.Ecco li, che rivolta la frittata! Complimenti per tenar di sminuire l'utilità di tor con esempi idioti :D
          • unaDuraLezione scrive:
            Re: Rispondo a tutti
            contenuto non disponibile
          • saverio_ve scrive:
            Re: Rispondo a tutti
            - Scritto da: unaDuraLezione

            Se subisco una rapina significa che devono

            permettermi di andare in giro armato?

            ma cosa stai dicendo? non c'è nessuna rapina.
            Ti ho solo DIMOSTRATO che in certi casi è
            NECESSARIO l'anonimato perché lo stato NON è in
            grado di
            tutelarti.


            Che sia dmeocratico o meno, lo stato non ha i
            mezzi per difenderti dalla malavita
            organizzata.Quindi vuoi andare in giro armato... OK è la tua opinione, io la penso in maniera differente.
          • unaDuraLezione scrive:
            Re: Rispondo a tutti
            contenuto non disponibile
          • Voice of Reason scrive:
            Re: Rispondo a tutti
            - Scritto da: unaDuraLezione
            TOR non è un'arma altrimenti ci vorrebbe il porto
            d'armi.TOR e simili non sono ancora - a torto - considerate come armi. Dovremmo creare una categoria di "software pericolosi".
            nello scenario che ti ho indicato (denuncia
            veramente anonima di narcos/mafiosi/Yakuza), tu
            preferiresti che non venissero denunciati o che
            venissero denunciati in modo tradizionale e
            quindi venissero uccisi i
            testimoni?
            Immagino che prima che inventassero TOR non ci fossero denunce contro il crimine organizzato. :)Ma va laaaaa.
            Facciamo il giochino che hai fatto tu:
            FORSE HAI INTERESSI PERSONALI AL RIGUARDO???
            Dicci, dicci!Forse hai tu interessi personali a tenere nascosto qualcosa?Cosa nascondi di così terribile?Forse le Autorità dovrebbero indagare.
          • unaDuraLezione scrive:
            Re: Rispondo a tutti
            - Scritto da: Voice of Reason
            - Scritto da: unaDuraLezione


            TOR non è un'arma altrimenti ci vorrebbe il
            porto

            d'armi.

            TOR e simili non sono fine.CVD.
          • Voice of Reason scrive:
            Re: Rispondo a tutti
            - Scritto da: unaDuraLezione

            TOR e simili non sono

            fine.
            CVD.Inutile discutere con persone immature come te.Quando iniziarono a installare telecamere negli spazi pubblici, i fanatici della "privacy" gridarono allo scandalo e predissero chissà quali disgrazie: 1984, panopticon e altre scemenze da filmino di fantascienza con cui si sono riempiti la bocca per anni.Ora le telecamere ci sono, e resteranno. La stragrande maggioranza della popolazione le approva. La loro utilità è documentata. Gli argomenti dei contrari sono stati giustamente ignorati e oggi sono giustamente derisi.Lo stesso sarà per chi propugna l'anonimato su internet. :)Tu e il resto dello sparuto gruppetto di fanatici dell'anonimato a tutti i costi non fermerete la marcia del progresso.Trasparenza == civiltà.Anonimato == malaffare.Puoi arrabbiarti quanto vuoi. ;)
          • unaDuraLezione scrive:
            Re: Rispondo a tutti
            - Scritto da: saverio_ve
            Il porto darmiContinuando a chiamare 'arma' ciò che PER LO STESSO STATO arma non è, non arriverai da nessuna parte.edit: ho letto il resto del yuo post e le accuse personali che mi fai mi stanno convincendo a chiamare il mio avvocato per denunciarti.Mi auguro che tu non stia usando TOR.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 23 aprile 2013 12.13-----------------------------------------------------------
          • Sgabbio scrive:
            Re: Rispondo a tutti
            Ehi, hai citato la Yakuza ? Sbaglio ho si trova PROPRIO IN GIAPPONE ? :D-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 23 aprile 2013 15.43-----------------------------------------------------------
          • unaDuraLezione scrive:
            Re: Rispondo a tutti
            contenuto non disponibile
          • Trollollero scrive:
            Re: Rispondo a tutti
            - Scritto da: saverio_ve
            - Scritto da: unaDuraLezione



            Se subisco una rapina significa che
            devono


            permettermi di andare in giro armato?



            ma cosa stai dicendo? non c'è nessuna rapina.

            Ti ho solo DIMOSTRATO che in certi casi è

            NECESSARIO l'anonimato perché lo stato NON è
            in

            grado di

            tutelarti.





            Che sia dmeocratico o meno, lo stato non ha i

            mezzi per difenderti dalla malavita

            organizzata.

            Quindi vuoi andare in giro armato... OK è la tua
            opinione, io la penso in maniera
            differente.Anche tu sei armato.In questo preciso momento.
        • Trollollero scrive:
          Re: Rispondo a tutti
          - Scritto da: saverio_ve
          Io ricevo telefonate solo da persone alle quali
          io ho dato il mio numero, (tra queste c'è
          inevitabilmente il mio operatore telefonico ma
          nessun'altro).
          Un operatore telefonico non vende il tuo numero a
          nessuno senza il tuo
          consenso.

          Io ho detto che TOR (nei paesi ecc. ecc.) viene
          usato solo dai delinquenti, non ho dato del
          delinquente a nessuno. E'
          italiano.Io uso TOR.Sono incensurato, mai presa neanche una multa, pago perfino il canone RAI.Potrei denunciarti per diffamazione, dato che mi ha dato del delinquente.
          Voglio proprio vedere chi, per postare su punto
          informatico, userebbe uno strumento lentissimo
          solo per... non esser tracciato da Google?
          Mah..
          Anonimizzare il traffico non significa (solo) non esser tracciati da Google (che, tra parentesi, puo' profilare anche con TOR attivo, se ci si logga con il proprio account....)
          Chi ha parlato di vigilanza continua? Io ho
          parlato di tracciabilità per ipotesi di reati
          gravi... E'
          italiano.

          Cosa c'entrano i Narcos con la polizia?
          • saverio_ve scrive:
            Re: Rispondo a tutti
            Sarei proprio curioso di conoscere questo uso, perfettamente legale, che fai di TOR.Anche io ho una pistola senza matricola comprata al mercato nero... ma la uso al poligono! giuro!
          • Trollollero scrive:
            Re: Rispondo a tutti
            - Scritto da: saverio_ve
            Sarei proprio curioso di conoscere questo uso,
            perfettamente legale, che fai di
            TOR.
            Anche io ho una pistola senza matricola comprata
            al mercato nero... ma la uso al poligono!
            giuro!Navigo normalmente in modalita' anonima.Principalmente quotidiani.
        • vums1974 scrive:
          Re: Rispondo a tutti
          - Scritto da: saverio_ve
          Io ho detto che TOR (nei paesi ecc. ecc.) viene
          usato solo dai delinquenti, non ho dato del
          delinquente a nessuno. E'
          italiano.No, è un insulto.E visto che va di moda querelare chi insulta, te lo meriteresti.Così forse penseresti "eh, se avessi usato Tor quendo ho scritto quelle cose non mi avrebbero sgamato ..." :D
          Voglio proprio vedere chi, per postare su punto
          informatico, userebbe uno strumento lentissimo
          solo per... non esser tracciato da Google?
          Mah..Ti faccio un esempio: la settimana scorsa sono andato a vedere Stormfront, dopo il blocco, per vedere di cosa si trattava e formarmi un giudizio personale (il quale è, per la cronaca: idee da schifo, ma secondo me da lasciar esprimere).Dopo il blocco ci sono dovuto andare con Tor, ma se domani dovessi andare a vedere siti analoghi (o anarchici o satanisti ecc.) non (ancora) bloccati ci andrei COMUNQUE con Tor, per evitare anche solo il rischio che un qualche PM in cerca di pubblicità lo abbia fatto tracciare!Secondo esempio: chi va su siti con XXXXXgrafia legale ma con sezioni con "diciottenni" oggi comincia davvero a rischiare, perchè il concetto di pedoXXXXXgrafia arriva fino ai 17 anni e 364 giorni di età.Rischio teorico e improbabile, che qualcuno ti tracci e ti metta sotto indagine per qualche foto di una che potrebbe avere 17 anni come 19 anni? Forse, ma io non mi fiderei. Meglio andarci con Tor, comunque. E, per maggior sicurezza, crittografare quel materiale (ma anche materiale politico ed altro che potrebbero farti ritenere un "estremista" ecc.) con criptatura con plausible deniability!Terzo esempio: qualche tempo fa, quando ci fu una polemica tra Grillo e Napolitano, una delle solite zelanti procure che evidentemente non hanno nulla di meglio da fare decise di aprire una bella indagine "contro ignoti" per "vilipendio al Capo dello Stato". Dove ci metto la mano sul fuoco che almeno nel 99% dei casi fossero espressioni semplicemente "molto critiche" e niente di più, come quelle che io lessi.Anche qui, con l'attuale e crescente revival della repressione dei reati di opinione, meglio sarebbe usare Tor per ogni discussione "critica".E dico critica, non illegale!, perchè con argomenti "al limite" (vilipendio? non vilipendio? ecc.) siamo nelle mani dei magistrati e non tutti tra loro hanno buon senso, oltretutto non rischiando mai nulla personalmente per le loro carriere (anzi ...).E mi fermo qui.Tanta gente si è accorta troppo tardi che "avrebbe dovuto usare Tor" o che "avrebbe dovuto usare la crittografia forte".

          Chi ha parlato di vigilanza continua? Io ho
          parlato di tracciabilità per ipotesi di reati
          gravi... E'
          italiano.No, è una fesseria.Perchè qui si parla di impedire preventivamente l'uso di Tor, ovvero bloccarlo tout court, non di "tracciare per reati gravi".
          • Leguleio scrive:
            Re: Rispondo a tutti
            - Scritto da: vums1974
            Terzo esempio: qualche tempo fa, quando ci fu una
            polemica tra Grillo e Napolitano, una delle
            solite zelanti procure che evidentemente non
            hanno nulla di meglio da fare decise di aprire
            una bella indagine "contro ignoti" per
            "vilipendio al Capo dello Stato". Dove ci metto
            la mano sul fuoco che almeno nel 99% dei casi
            fossero espressioni semplicemente "molto
            critiche" e niente di più, come quelle che io
            lessi.Il reato si chiama "Offese all'onore o al prestigio del Presidente della repubblica" (art. 278 del codice penale, per la precisione), ma è ammesso un diritto di critica anche rivolto al capo dello Stato, purché condotto nei termini e nei modi stabiliti dalla civile convivenza. (GIP di Genova, ordinanza 17.2.1994).Conoscendo quel movimento, e la sua propensione a fare raduni a base di "vaffa", ho qualche dubbio si tratti di semplici critiche. :-)
          • Sgabbio scrive:
            Re: Rispondo a tutti
            01/10
        • .poz scrive:
          Re: Rispondo a tutti
          - Scritto da: saverio_ve
          Io ho detto che TOR (nei paesi ecc. ecc.) viene
          usato solo dai delinquenti, non ho dato del
          delinquente a nessuno. Il problema è che per proteggere le libertà individuali nei paesi che non le garantiscono hai bisogno di un mezzo come TOR, irrintracciabile.E nulla ci garantisce che un "democratico" paese come l' Italia si trasformi in qualcosa di meno democratico.. è già sucXXXXX poco meno di un secolo fa.
    • Leguleio scrive:
      Re: Rispondo a tutti
      - Scritto da: saverio_ve
      Rispondo un po' a tutti quelli che mi hanno
      attaccato.Proprio a tutti, no.Io ho chiesto di approfondire il dato sulla pedofilia in Giappone:http://punto-informatico.it/b.aspx?i=3773054&m=3773889#p3773889E non l'hai fatto.
      • saverio_ve scrive:
        Re: Rispondo a tutti
        Perché è OT.Perché questo è un forum, non è un'aula universitaria né di tribunale dove devo comprovare le mie affermazioni.Se sei interessato al fenomeno della pedofilia in Giappone... documentati.
        • Leguleio scrive:
          Re: Rispondo a tutti
          - Scritto da: saverio_ve
          Perché è OT.
          Perché questo è un forum, non è un'aula
          universitaria né di tribunale dove devo
          comprovare le mie
          affermazioni.Devi solo provare che sai quello di cui parli. E basta un link.
          Se sei interessato al fenomeno della pedofilia in
          Giappone...
          documentati.Visto il tono della risposta precedente, non credo di aver bisogno di tuoi consigli su come fare e cosa fare.La credibilità è tua, ripeto. Mica mia.
          • saverio_ve scrive:
            Re: Rispondo a tutti
            devo? credibilità? ma di cosa stai parlando?Il tuo giochino di prendere le affermazioni delle persone e dire: "documenta!", "link?" ormai l'abbiamo capito.Qui stiamo parlando di TOR e dell'opportunità o meno della navigazione Anonima. ti interessa l'argomento o no?Se si di la tua, se no evita di postare. E non perché io sono liberticida e autoritario. Ma perché questo prevede il funzionamento di un forum.
          • Voice of Reason scrive:
            Re: Rispondo a tutti
            Perchè perdi tempo? Qui abbiamo visto come funziona: un piccolo, esiguo, insignificante gruppuscolo di fanatici della "privacy a tutti i costi" pretende di dettare legge alla stragrande maggioranza della società civile che capisce i vantaggi della trasparenza e ha dettato in maniera inequivocabile quella che sarà la tendenza in tutto il mondo.Ovviamente, questa piccola minoranza - che è e sarà tranquillamente ignorata - ritiene di essere l'unica depositaria della "verità" e quindi considera "gregge di pecore" o peggio la gente che lavora e si impegna per migliorare la realtà in cui vive.C'è da domandarsi cosa faranno una volta che la trasparenza sarà norma inevitabile ovunque. Dovranno per forza chinare il capo, digrignare i denti e accettare. Sarà uno spettacolo interessante. ;)
          • Sgabbio scrive:
            Re: Rispondo a tutti
            03/10
          • Leguleio scrive:
            Re: Rispondo a tutti
            - Scritto da: saverio_ve
            devo? credibilità? ma di cosa stai parlando?Frase tua: "Molti qui non sanno che in Giappone non sussistono problemi di censura politica o ideologica di alcun tipo, mentre la pedofilia è una piaga devastante". E sottolineo il "molti qui non sanno" che presuppone "io so".Se l'avesse scritta qualcun altro, e tu l'avessi ripresa, capirei la tua reazione. Ma è al 100 % farina del tuo sacco. E quando qualcuno non è in grado di spiegare affermazioni fatte in prima persona, non solo io traggo le conseguenze. Le traggono <B
            tutti </B
            . Anche se magari non vengono a dirlo qui, perché nei forum non sta bene.
            Il tuo giochino di prendere le affermazioni delle
            persone e dire: "documenta!", "link?" ormai
            l'abbiamo
            capito.Non è un giochino. È alla base del pensiero occidentale. Almeno da Cartesio in poi. Gli scienziati non hanno altri mezzi di essere creduti di pubblicare i risultati degli esperimenti e lasciare che altri li rifacciano, pervenendo agli stesso risultati.I pubblici ministeri non hanno altri mezzi per inchiodare un imputato all'omicidio commesso che le prove raccolte: testimonianze, e risultati dei RIS.Gli atleti non hanno altro metodo per dimostrare le loro capacità che gareggiare in un sistema controllato da arbitri e con tempi rilevati da cronometri a norma.Gli studenti universitari non hanno altro metodo che dimostrare il loro apprendimento che sottoporsi a un quiz a risposte multiple (se l'esame è scritto) oppure a un esame basato su domande e risposte, se orale, deciso da professori. I dipendenti non hanno altro metodo per giustificare l'assenza dal lavoro che inviare il certificato medico.Per tutto il resto, esistono termini come bluff, barare, parlare a vanvera, fare gli sboroni... scegli tu, la distinzione mi interessa poco.
            Qui stiamo parlando di TOR e dell'opportunità o
            meno della navigazione Anonima. ti interessa
            l'argomento o
            no?Solo se esiste questa emergenza in Giappone di cui hai parlato, e che ne giustificherebbe la messa al bando. :-)
          • saverio_ve scrive:
            Re: Rispondo a tutti
            - Scritto da: Leguleio
            Non è un giochino. È alla base del pensiero
            occidentale. Almeno da Cartesio in poi.link?

            Gli scienziati non hanno altri mezzi di essere
            creduti di pubblicare i risultati degli
            esperimenti e lasciare che altri li rifacciano,
            pervenendo agli stesso
            risultati.link?
            I pubblici ministeri non hanno altri mezzi per
            inchiodare un imputato all'omicidio commesso che
            le prove raccolte: testimonianze, e risultati dei
            RIS.link?
            Gli atleti non hanno altro metodo per dimostrare
            le loro capacità che gareggiare in un sistema
            controllato da arbitri e con tempi rilevati da
            cronometri a
            norma.link?
            Gli studenti universitari non hanno altro metodo
            che dimostrare il loro apprendimento che
            sottoporsi a un quiz a risposte multiple (se
            l'esame è scritto) oppure a un esame basato su
            domande e risposte, se orale, deciso da
            professori.link?

            I dipendenti non hanno altro metodo per
            giustificare l'assenza dal lavoro che inviare il
            certificato
            medico.link?

            Per tutto il resto, esistono termini come bluff,
            barare, parlare a vanvera, fare gli sboroni...link?
            Solo se esiste questa emergenza in Giappone di
            cui hai parlato, e che ne giustificherebbe la
            messa al bando.link?
          • saverio_ve scrive:
            Re: Rispondo a tutti
            http://www.crimeblog.it/post/4281/pedofilia-e-pedoXXXXXgrafia-in-aumento-in-giappone
          • Leguleio scrive:
            Re: Rispondo a tutti
            - Scritto da: saverio_ve
            http://www.crimeblog.it/post/4281/pedofilia-e-pedoNon vedo statistiche. Sarò un po' malfidente, ma a un weblogger italiano che parla sostanzialmente di fatti italiani, soprattutto di crimini di sangue, non vado a chiedere dati sulla criminalità in Giappone. Libertà di espressione per tutti, ci mancherebbe: ma i dati sulla criminalità servono soprattutto agli inquirenti e ai governi per pianificare efficaci campagne e per capire cosa non va in quelle precedenti. E questo weblog invece le usa solo come "tag" per accalappiare visite, come qui:http://www.crimeblog.it/tag/statistiche+pedofilia
          • Sgabbio scrive:
            Re: Rispondo a tutti
            Parliamoci chiaro, crimeblog è un blog che punta allo stomaco dei suoi visitatori, anni fà quando ci stavano molti commenti, leggevi di quelle assurdità, che ti facevano pensare che in realtà i criminali erano i commentatori....
          • Sgabbio scrive:
            Re: Rispondo a tutti
            - Scritto da: saverio_ve
            http://www.crimeblog.it/post/4281/pedofilia-e-pedoBWHAHAHAHAHAHAH il blog spara XXXXXXX.
          • Leguleio scrive:
            Re: Rispondo a tutti
            - Scritto da: saverio_ve
            - Scritto da: Leguleio

            Non è un giochino. È alla base del
            pensiero

            occidentale. Almeno da Cartesio in poi.

            link?http://www.atuttascuola.it/siti/elenuccia/renato_cartesio.htm(lo so che è diretto a studenti svogliati: è giusto per cominciare)



            Gli scienziati non hanno altri mezzi di
            essere

            creduti di pubblicare i risultati degli

            esperimenti e lasciare che altri li
            rifacciano,

            pervenendo agli stesso

            risultati.

            link?Qui mi pare una cosa talmente nota, che ignorarla è per me imbarazzante. Comunque:http://www.formascienza.org/medie2.asp(frase: "il conduttore introduce...")

            I pubblici ministeri non hanno altri mezzi
            per

            inchiodare un imputato all'omicidio commesso
            che

            le prove raccolte: testimonianze, e
            risultati
            dei

            RIS.

            link?Il codice di procedura penale, Titolo II: mezzi di prova:http://www.altalex.com/index.php?idnot=36786(nota che nel capitolo sono comprese anche le testimonianze).

            Gli atleti non hanno altro metodo per
            dimostrare

            le loro capacità che gareggiare in un sistema

            controllato da arbitri e con tempi rilevati
            da

            cronometri a

            norma.

            link?http://www.fidal.it/upload/files/Federazione_documenti/Regolamento_Tecnico_2012.pdf

            Gli studenti universitari non hanno altro
            metodo

            che dimostrare il loro apprendimento che

            sottoporsi a un quiz a risposte multiple (se

            l'esame è scritto) oppure a un esame basato
            su

            domande e risposte, se orale, deciso da

            professori.

            link? Ce ne sono molti, per ogni università; giusto due esempi:http://www.lettere.uniroma1.it/node/5928http://www1.mate.polimi.it/~bramanti/corsi/orale_tipo_analisi2.pdfNon troverai da nessuna parte esempi contrari, nei quali si passa un esame sulla fiducia: l'esaminando dice all'esaminatore che ha studiato, e questi gli crede sulla parola.

            I dipendenti non hanno altro metodo per

            giustificare l'assenza dal lavoro che
            inviare
            il

            certificato

            medico.

            link? http://www.altalex.com/index.php?idnot=10761Vedi art. 25, che rimanda a una legge precedente, http://tinyurl.com/c98ux4g

            Per tutto il resto, esistono termini come
            bluff,

            barare, parlare a vanvera, fare gli
            sboroni...

            link? Dizionario della lingua italiana.Cfr. anche il detto latino "Hic Rhodus, hic salta" (a sua volta una traduzione dal greco). Esopo non poteva conoscere il metodo scientifico, ma gli sbruffoni li conosceva bene. :-)

            Solo se esiste questa emergenza in Giappone
            di

            cui hai parlato, e che ne giustificherebbe la

            messa al bando.

            link?Qui non è proprio necessario. Il link sono io stesso, il mio commento: sono interessato alla questione della pedofilia in Giappone per il semplice fatto che l'hai associato tu all'uso di Tor.
          • saverio_ve scrive:
            Re: Rispondo a tutti
            Bravo.. hai un sacco di tempo da perdere...Questa è una discussione che abbiamo già avuto, prenderò a prestito uno dei tuoi esempi per cercare di spiegarti il concetto:Io vado a giocare a calcetto e a tennis, non ho mai avuto bisogno dell'arbitro perché non c'è in palio nulla, solo il piacere di giocare.In un forum si parla e si discute, non c' bisogno di dimostrare o certificare quello che si dice, è un pur parle... non c'è nulla in palio e nessuno vince.Il tuo continuo punzecchiare gli utenti con richieste di "certificazione" è solo una fastidiosa forma di trollaggio (senza contare che sei sempre ot).Ad esempio qui, non ricordo chi, mi ha sbattuto in faccia che i narcos hanno corrotto un isp e torturato e ucciso un blogger di denuncia.Io non so se sia vero o falso (prob. hanno trovato il suo num sull'elenco), ma non ho chiesto "il link" perché comunque il concetto che voleva esprimere era chiaro e mi sono fermato a quello. Mantenendo la discussione in topic.Ora sono ben stufo di fare il moralista... tanto tu resterai della tua idea e io della mia. Lo sappiamo entrambi.
          • Sgabbio scrive:
            Re: Rispondo a tutti
            (rotfl)(rotfl)(rotfl)
          • unaDuraLezione scrive:
            Re: Rispondo a tutti
            contenuto non disponibile
          • saverio_ve scrive:
            Re: Rispondo a tutti
            Per una volta cerca di cogliere <b
            il senso </b
            di quello che uno sta scrivendo...
          • unaDuraLezione scrive:
            Re: Rispondo a tutti
            contenuto non disponibile
          • saverio_ve scrive:
            Re: Rispondo a tutti
            Il senso è che non ti ho chiesto il link quando hai detto quella cosa, perché il punto era un altro..Poteva anche essere un esempio ipotetico! non faceva differenza. Io ho cercato di risponderti restando nel tema della discussione.Ed è esattamente questo il concetto che leguleio sembra rifiutare sempre.
          • unaDuraLezione scrive:
            Re: Rispondo a tutti
            contenuto non disponibile
          • saverio_ve scrive:
            Re: Rispondo a tutti
            Era una battuta ovviamente... però possono averlo trovato in modi diversi da una soffiata dell'isp... O magari è tutto vero, non fa differenza ai fini della discussione.
          • Leguleio scrive:
            Re: Rispondo a tutti
            - Scritto da: saverio_ve
            Bravo.. hai un sacco di tempo da perdere...Da qual pulpito vien la predica...
            Questa è una discussione che abbiamo già avuto,
            prenderò a prestito uno dei tuoi esempi per
            cercare di spiegarti il
            concetto:Sentiamo.
            Io vado a giocare a calcetto e a tennis, non ho
            mai avuto bisogno dell'arbitro perché non c'è in
            palio nulla, solo il piacere di
            giocare.
            In un forum si parla e si discute, non c' bisogno
            di dimostrare o certificare quello che si dice, è
            un pur parle... non c'è nulla in palio e nessuno
            vince.Se non c'è nulla in palio, perché le discussioni vanno avanti per ore, per giorni, e si nidificano in centinaia di messaggi, come è avvenuto qui?Dovrebbero estinguersi dopo un paio d'ore, il tempo di una partita di tennis media. :-)Non sarà che in palio c'è dell'altro, che non ha un valore economico, ma che ha valore per ognuno di noi, forumini?
            Il tuo continuo punzecchiare gli utenti con
            richieste di "certificazione" è solo una
            fastidiosa forma di trollaggio (senza contare che
            sei sempre
            ot).Intanto io, su richiesta, le "certificazioni", come le chiami tu con tono sprezzante, le so dare. E scusami se è poco.Per me parlare a vanvera o solo per sentito dire non è un vanto.
            Ad esempio qui, non ricordo chi, mi ha sbattuto
            in faccia che i narcos hanno corrotto un isp e
            torturato e ucciso un blogger di
            denuncia.Ho letto, ma io non c'entro con quella discussione.
            Io non so se sia vero o falso (prob. hanno
            trovato il suo num sull'elenco), ma non ho
            chiesto "il link" perché comunque il concetto che
            voleva esprimere era chiaro e mi sono fermato a
            quello. Mantenendo la discussione in
            topic.Ti sei fidato. Io non mi fido mai, di quelli che scrivono sui forum. E chiedo; del resto chiedere non è un crimine e non è contrario alla netiquette. Nove volte su dieci, mi rendo conto che ho fatto benissimo a chiedere: le cose non stanno come vorrebbero le leggende urbane nate sul web.Altre volte mi devo ricredere, c'è ancora qualcuno che ne sa:http://punto-informatico.it/b.aspx?i=3748655&m=3749999#p3749999
            Ora sono ben stufo di fare il moralista... tanto
            tu resterai della tua idea e io della mia. Lo
            sappiamo
            entrambi.No, non è questione di idee mie o tue.Quando si parte da concetti sbagliati, in questo caso venati anche da un sottile razzismo, le idee possono essere solo sbagliate. Esattamente come non capiterà mai di risolvere correttamente un'equazione se copiando dal libro di esercizi c'è un errore di trascrizione.
          • saverio_ve scrive:
            Re: Rispondo a tutti
            Quale sarebbe il razzismo?
          • Leguleio scrive:
            Re: Rispondo a tutti
            - Scritto da: saverio_ve
            Quale sarebbe il razzismo?Gradirei che rispondessi anche, alle mie domande, oppure che ammettessi che ti sei sbagliato. Rispondere a domande con altre domande rende indisponente l'interlocutore. Comunque è razzismo applicare ad altri popoli comportamenti presenti anche in casa propria come se fossero tipici prodotti locali.
          • saverio_ve scrive:
            Re: Rispondo a tutti
            Giusto per la cronaca...Sono appassionato di storia e cultura giapponese, da quando avevo 13 anni (ora ne ho 43) ho una libreria piena di saggi su giappone, libri d'arte giapponese, storia giapponese (Proprio domenica ho speso altri 100 euro per due libri uno di racconti e l'altro su Hokusai). Ho praticato per molti anni Kendo e Meditazione Zen. Frequentato per 2 anni l'università di lingua e cultura giapponese di Venezia.Il motivo per cui sono entrato in questa discussione è principalmente perché si parlava di Giappone.Sentirmi dare del razzista nei confronti dei giapponesi è il massimo :)E' un grandissimo popolo con una cultura straordinaria. Purtroppo hanno storicamente e culturalmente una declinazione verso la pedofilia che solo negli ultimi anni si è cominciato a combattere seriamente.Se vuoi possiamo star qui a fare una disquisizione su questo, ma tanto qualunque cosa dirò tu mi dirai "link?,link?" e francamente lo trovo noioso.Per rispondere alla tua domanda... continuo a rispondere perché mi interessa la discussione e sentire cosa mi viene detto. Non penso che nessuno mi dirà mai "hai ragione" o "hai vinto".Quando sarò stufo smetterò.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 23 aprile 2013 16.39-----------------------------------------------------------
          • Leguleio scrive:
            Re: Rispondo a tutti
            - Scritto da: saverio_ve
            Il motivo per cui sono entrato in questa
            discussione è principalmente perché si parlava di
            Giappone.
            Sentirmi dare del razzista nei confronti dei
            giapponesi è il massimo
            :)Esiste anche un razzismo inconsapevole, ahimè. Apparentemente elogiativo. Ecco due proposizioni d'esempio:"I gay sono creativi"."Gli olandesi hanno una mentalità aperta".Nel caso preciso, temo tu confonda una realtà, i livello di un certo crimine riscontrato in una certa società dalla polizia locale, con la letteratura e con i fumetti. Si chiama distorsione cognitiva.
            E' un grandissimo popolo con una cultura
            straordinaria.Quando si tratta di disegnare le carrozzerie delle auto, però... :shttp://img98.imageshack.us/img98/8837/gloriabrochure1fv4.jpg
            Purtroppo hanno storicamente e culturalmente una
            declinazione verso la pedofilia che solo negli
            ultimi anni si è cominciato a combattere
            seriamente.Cercando di smentirmi, confermi.E vabbè, sei irrecuperabile.
            Se vuoi possiamo star qui a fare una
            disquisizione su questo, ma tanto qualunque cosa
            dirò tu mi dirai "link?,link?" e francamente lo
            trovo
            noioso.No, ormai il quadro è chiaro. Pochi pregiudizi, ma ben radicati. Più facile estirpare una sequoia che i tuoi pregiudizi.
          • saverio_ve scrive:
            Re: Rispondo a tutti
            Infatti ho dedicato gran parte della mia vita appassionandomi e studiando una cultura per la quale ho dei pregiudizi....Parliamo dei tuoi di pregiudizi, quelli per cui il tuo interlocutore è sempre uno che spara XXXXXXX. L'unico che ha una cultura sei sempre e solo tu.Se in una discussione ascolti sempre e solo te stesso, se non riesci mai ad ascoltare il tuo interlocutore pensando che sappia di cosa parla e che abbia qualcosa di interessante da dire, qualcosa che tu non sai(bestemmia).Come fai a non annoiarti a morte?
          • Leguleio scrive:
            Re: Rispondo a tutti
            - Scritto da: saverio_ve
            Infatti ho dedicato gran parte della mia vita
            appassionandomi e studiando una cultura per la
            quale ho dei
            pregiudizi...Non c'è nulla di sbalorditivo, per chi conosce l'animo umano.Comunque non hai pregiudizi sulla cultura giapponese: ma sui giapponesi in carne ed ossa. È diverso.
            Parliamo dei tuoi di pregiudizi, quelli per cui
            il tuo interlocutore è sempre uno che spara
            XXXXXXX. L'unico che ha una cultura sei sempre e
            solo
            tu.L'espressione "sparare XXXXXXX" l'hai scritta tu qui, e te ne assumi la responsabilità.Ci voleva tanto a citare una statistica sull'incidenza della pedofilia in Giappone? La discussione sarebbe già bell'e finita.
            Se in una discussione ascolti sempre e solo te
            stesso, se non riesci mai ad ascoltare il tuo
            interlocutore pensando che sappia di cosa parla e
            che abbia qualcosa di interessante da dire,
            qualcosa che tu non
            sai(bestemmia).Nulla è regalato, a questo mondo. E quindi, anche la credibilità si crea dimostrando di sapere ciò di cui si parla.Io ti ho già preso in castagna due volte (non metto il link a quella precedente, ma la ricordo perfettamente). Però, probabilmente, a te piace l'atteggiamento "È così perché lo dico io", visto che insisti.
            Come fai a non annoiarti a morte?Non mi annoio a fare domande.A volte mi annoiano le risposte: quando vanno fuori dal seminato.
          • aphex_twin scrive:
            Re: Rispondo a tutti
            A questo punto mandagli anche un link dove si dice che ogni tot secondi é meglio respirare. :D
          • Leguleio scrive:
            Re: Rispondo a tutti
            - Scritto da: aphex_twin
            A questo punto mandagli anche un link dove si
            dice che ogni tot secondi é meglio respirare.


            :DSu richiesta, mando pure quello. Spero non sia necessario.
  • Dario scrive:
    e i proxy?
    Non capisco una cosa, perchè se la prendono tanto con Tor quando ci sono migliaia di server proxy. Per esempio in Cina si utilizzano molto Ultrasurf e Freegate. Che cosa ha di più Tor? (newbie)
    • bubba scrive:
      Re: e i proxy?
      - Scritto da: Dario
      Non capisco una cosa, perchè se la prendono tanto
      con Tor quando ci sono migliaia di server proxy.
      Per esempio in Cina si utilizzano molto Ultrasurf
      e Freegate. Che cosa ha di più Tor?
      (newbie)in piu ha che NON e' un semplice proxy (com'e' ultrasurf, tra l'altro esistente solo per win32). :)
  • vums1974 scrive:
    Carramba, che sorpresa!
    Ma è incredibile: un "democratico" paese occidentale dove le autorità propugnano la censura, chi l'avrebbe mai detto! :DE qui i troll che dicono "ma tanto Tor serve solo ai pedofili!": chi l'avrebbe mai detto?E che "nessun blogger italiano è mai finito nei guai per non aver usato Tor" (affermazioni fatte due settimane dopo qualche annetto di galera comminato a quelli di Stormfront per reati di opinione e il giorno dopo il blocco di Holywar, davvero un gran tempismo!).Nessuna sorpresa: è solo la costante discesa del livello di democrazia che c'è nel mondo e che non riguarda solo l'Iran e la Cina.D'altronde, chi poteva illudersi che il Potere non cercasse di usare la tecnologia a fini di controllo di massa?Per un breve periodo internet è stato un "territorio libero", adesso sta diventando il Grande Fratello planetario, un sogno per poliziotti ed inquisitori.Quelli a cui piacerebbe davvero tanto mettere una microspia e una telecamera in ogni casa, in ogni strada, stradina o viottolo, intercettare ogni telefonata ed aprire ogni busta postale, far vivere la gente (non loro, ovviamente ...) in case di vetro.Nel mondo "analogico" ciò non era praticamente possibile, in quello digitale e connesso è invece sempre più fattibile.Quello giapponese è solo l'ennesimo tentativo di ottenere leggi a favore dei "ficcanaso di Stato" (esempio: http://www.rischiocalcolato.it/2012/06/il-grande-fratello-di-orwell-la-polizia-dellinghilterra-vuole-un-monitoraggio-totale.html ).Tor è una straordinaria difesa contro questo controllo di massa ed è per questo che dà così tanto fastidio, anche nei paesi cosiddetti "democratici".Prossimamente si tornerà a cercare di vietare l'uso privato della crittografia forte.Ci avevano già provato anni fa in Francia, poi avevano pensato che non era una grande idea privare le aziende francesi della crittografia, mentre quelle inglesi, tedesche, ecc. ce l'avevano.In questo caso le ragioni del business, e non quelle della privacy, avevano battuto il Grande Fratello.Ma ci riproveranno.Ora, a parte i troll che anche qui pascolano e che sono irrecuperabili, la gente "normale" che va su internet ogni giorno se ne rende conto o no?Io temo di no, tranne una minoranza.
    • tuco scrive:
      Re: Carramba, che sorpresa!
      - Scritto da: vums1974
      Ma è incredibile: un "democratico" paese
      occidentale dove le autorità propugnano la
      censura, chi l'avrebbe mai detto!
      :D
      E qui i troll che dicono "ma tanto Tor serve solo
      ai pedofili!": chi l'avrebbe mai
      detto?
      E che "nessun blogger italiano è mai finito nei
      guai per non aver usato Tor" (affermazioni fatte
      due settimane dopo qualche annetto di galera
      comminato a quelli di Stormfront per reati di
      opinione e il giorno dopo il blocco di Holywar,
      davvero un gran
      tempismo!).

      Nessuna sorpresa: è solo la costante discesa del
      livello di democrazia che c'è nel mondo e che non
      riguarda solo l'Iran e la
      Cina.
      D'altronde, chi poteva illudersi che il Potere
      non cercasse di usare la tecnologia a fini di
      controllo di
      massa?
      Per un breve periodo internet è stato un
      "territorio libero", adesso sta diventando il
      Grande Fratello planetario, un sogno per
      poliziotti ed
      inquisitori.
      Quelli a cui piacerebbe davvero tanto mettere una
      microspia e una telecamera in ogni casa, in ogni
      strada, stradina o viottolo, intercettare ogni
      telefonata ed aprire ogni busta postale, far
      vivere la gente (non loro, ovviamente ...) in
      case di
      vetro.

      Nel mondo "analogico" ciò non era praticamente
      possibile, in quello digitale e connesso è invece
      sempre più
      fattibile.
      Quello giapponese è solo l'ennesimo tentativo di
      ottenere leggi a favore dei "ficcanaso di Stato"
      (esempio:
      http://www.rischiocalcolato.it/2012/06/il-grande-f

      Tor è una straordinaria difesa contro questo
      controllo di massa ed è per questo che dà così
      tanto fastidio, anche nei paesi cosiddetti
      "democratici".

      Prossimamente si tornerà a cercare di vietare
      l'uso privato della crittografia
      forte.
      Ci avevano già provato anni fa in Francia, poi
      avevano pensato che non era una grande idea
      privare le aziende francesi della crittografia,
      mentre quelle inglesi, tedesche, ecc. ce
      l'avevano.
      In questo caso le ragioni del business, e non
      quelle della privacy, avevano battuto il Grande
      Fratello.
      Ma ci riproveranno.

      Ora, a parte i troll che anche qui pascolano e
      che sono irrecuperabili, la gente "normale" che
      va su internet ogni giorno se ne rende conto o
      no?
      Io temo di no, tranne una minoranza.Quoto al 1000%!
      • MacGeek scrive:
        Re: Carramba, che sorpresa!
        - Scritto da: tuco
        - Scritto da: vums1974

        Ma è incredibile: un "democratico" paese

        occidentale dove le autorità propugnano la

        censura, chi l'avrebbe mai detto!

        :D

        E qui i troll che dicono "ma tanto Tor serve
        solo

        ai pedofili!": chi l'avrebbe mai

        detto?

        E che "nessun blogger italiano è mai finito nei

        guai per non aver usato Tor" (affermazioni fatte

        due settimane dopo qualche annetto di galera

        comminato a quelli di Stormfront per reati di

        opinione e il giorno dopo il blocco di Holywar,

        davvero un gran

        tempismo!).



        Nessuna sorpresa: è solo la costante discesa del

        livello di democrazia che c'è nel mondo e che
        non

        riguarda solo l'Iran e la

        Cina.

        D'altronde, chi poteva illudersi che il Potere

        non cercasse di usare la tecnologia a fini di

        controllo di

        massa?

        Per un breve periodo internet è stato un

        "territorio libero", adesso sta diventando il

        Grande Fratello planetario, un sogno per

        poliziotti ed

        inquisitori.

        Quelli a cui piacerebbe davvero tanto mettere
        una

        microspia e una telecamera in ogni casa, in ogni

        strada, stradina o viottolo, intercettare ogni

        telefonata ed aprire ogni busta postale, far

        vivere la gente (non loro, ovviamente ...) in

        case di

        vetro.



        Nel mondo "analogico" ciò non era praticamente

        possibile, in quello digitale e connesso è
        invece

        sempre più

        fattibile.

        Quello giapponese è solo l'ennesimo tentativo di

        ottenere leggi a favore dei "ficcanaso di Stato"

        (esempio:


        http://www.rischiocalcolato.it/2012/06/il-grande-f



        Tor è una straordinaria difesa contro questo

        controllo di massa ed è per questo che dà così

        tanto fastidio, anche nei paesi cosiddetti

        "democratici".



        Prossimamente si tornerà a cercare di vietare

        l'uso privato della crittografia

        forte.

        Ci avevano già provato anni fa in Francia, poi

        avevano pensato che non era una grande idea

        privare le aziende francesi della crittografia,

        mentre quelle inglesi, tedesche, ecc. ce

        l'avevano.

        In questo caso le ragioni del business, e non

        quelle della privacy, avevano battuto il Grande

        Fratello.

        Ma ci riproveranno.



        Ora, a parte i troll che anche qui pascolano e

        che sono irrecuperabili, la gente "normale" che

        va su internet ogni giorno se ne rende conto o

        no?

        Io temo di no, tranne una minoranza.


        Quoto al 1000%!Idem.Tor (e simili) è LIBERTA'.Peccato che sia così dannatamente lento, altrimenti lo userei di più.
  • Leguleio scrive:
    Potrebbe essere per questo?
    In Giappone, da ottobre 2012, scaricare un file protetto dal diritto d'autore - film, disegno animato, musica o fumetto non importa - è passibile di due anni di carcere duro. Ecco un recente caso di arresto:http://www.animenewsnetwork.com/news/2013-04-11/man-arrested-for-downloading-anime-games-manga-in-japanQuesta notizia potrebbe essere collegata? Nel senso che la polizia giapponese desidera avere più strumenti per arrestare le persone che scaricano? Oppure è solo un caso?
    • e basta scrive:
      Re: Potrebbe essere per questo?
      - Scritto da: Leguleio
      In Giappone, da ottobre 2012, scaricare un file
      protetto dal diritto d'autore - film, disegno
      animato, musica o fumetto non importa - è
      passibile di due anni di carcere duro. Ecco un
      recente caso di
      arresto:

      http://www.animenewsnetwork.com/news/2013-04-11/ma

      Questa notizia potrebbe essere collegata? Nel
      senso che la polizia giapponese desidera avere
      più strumenti per arrestare le persone che
      scaricano? Oppure è solo un caso?sono tutte domande retoriche, vero?
      • tucumcari scrive:
        Re: Potrebbe essere per questo?
        - Scritto da: e basta
        - Scritto da: Leguleio

        In Giappone, da ottobre 2012, scaricare un
        file

        protetto dal diritto d'autore - film, disegno

        animato, musica o fumetto non importa - è

        passibile di due anni di carcere duro. Ecco
        un

        recente caso di

        arresto:




        http://www.animenewsnetwork.com/news/2013-04-11/ma



        Questa notizia potrebbe essere collegata? Nel

        senso che la polizia giapponese desidera
        avere

        più strumenti per arrestare le persone che

        scaricano? Oppure è solo un caso?

        sono tutte domande retoriche, vero?Più che retoriche vane... se qualcuno cominciasse a rendersi conto che gli IP non sono carte di identità e che sopratutto non lo sono per chi decide a priori di delinquere (salvo non abbia una innata e suicida passione per la tintarella a scacchi) certi ragionamenti da parte delle autorità di polizia non farebbero altro che farci giustamente ridere...Ma c'è sempre purtroppo chi crede che siano ragionamenti in "buona fede" quello che mi meraviglia (in quelli che ci credono) è come facciano a non vedere l'anello al naso quando si guardano allo specchio la mattina!Mi chiedo se sia gente che non si lava?... oltre ad avere l'anello al naso? ;)
        • Sgabbio scrive:
          Re: Potrebbe essere per questo?
          Nemmeno in italia fanno "IP = chi è l'intestatario della linea è colpevole".
          • tucumcari scrive:
            Re: Potrebbe essere per questo?
            - Scritto da: Sgabbio
            Nemmeno in italia fanno "IP = chi è
            l'intestatario della linea è
            colpevole".Davvero?E cosa fanno?(rotfl)(rotfl)
    • MacGeek scrive:
      Re: Potrebbe essere per questo?
      - Scritto da: Leguleio
      In Giappone, da ottobre 2012, scaricare un file
      protetto dal diritto d'autore - film, disegno
      animato, musica o fumetto non importa - è
      passibile di due anni di carcere duro. Ecco un
      recente caso di
      arresto:

      http://www.animenewsnetwork.com/news/2013-04-11/ma

      Questa notizia potrebbe essere collegata? Nel
      senso che la polizia giapponese desidera avere
      più strumenti per arrestare le persone che
      scaricano? Oppure è solo un caso?Che i giap si siano completamente rincog*iti si è capito dalla gestione del post-Fukushima.E io pensavo che i più dementi fossero a casa nostra...
      • Sgabbio scrive:
        Re: Potrebbe essere per questo?
        Bhe oddio molto tempo prima fecero una legge liberticida contro gli autori dei manga, dove praticamente ha tagliato le gambe all'intero settore, almeno a tokyo.
  • AiUK scrive:
    Falso dilemma...
    Qui non si tratta di democratico o liberticida.Sia che ci si trovi in Giappone piuttosto che in Iran, ognuno ha il sacrosanto diritto di proteggere la propria riservatezza, anche su Internet.Ogni volta che ci connettiamo alla rete Internet, lasciamo tracce della nostra attività che possono essere ricondotte in maniera univoca al nostro indirizzo IP. Non necessariamente nascondersi dietro la rete TOR o dietro un proxy significhi essere un criminale o avere sempre cattive intenzioni: semplicemente alcune persone non vogliono lasciare delle tracce che possano (anche solo teoricamente) essere ricondotte alla loro attività su Internet.Personalmente non uso TOR ma non faccio uso, ad esempio, di Google (strano a dirsi, eh?) per il semplice fatto che la loro gestione dei dati personali non protegge sufficientemente la privacy di chi lo usa come motore di ricerca. Non desidero che ciò che cerco su Internet venga registrato su un server e conservato per parecchi mesi (o anni) e magari in futuro possa essere ricondotto al mio IP.Non sono paranoico e non ho nulla da nascondere ma desidero che Internet sia e rimanga uno strumento libero e per esserlo deve garantire agli utenti il rispetto della loro riservatezza.
    • Leguleio scrive:
      Re: Falso dilemma...
      - Scritto da: AiUK
      Qui non si tratta di democratico o liberticida.

      Sia che ci si trovi in Giappone piuttosto che in
      Iran, ognuno ha il sacrosanto diritto di
      proteggere la propria riservatezza, anche su
      Internet.

      Ogni volta che ci connettiamo alla rete Internet,
      lasciamo tracce della nostra attività che possono
      essere ricondotte in maniera univoca al nostro
      indirizzo IP.Sarebbe bello un sistema TOR anche per i telefonini.Invece geolocalizzano e tracciano gli spostamenti e i contatti personali ancor meglio di internet. :(
      • bubba scrive:
        Re: Falso dilemma...
        - Scritto da: Leguleio
        - Scritto da: AiUK

        Qui non si tratta di democratico o
        liberticida.



        Sia che ci si trovi in Giappone piuttosto
        che
        in

        Iran, ognuno ha il sacrosanto diritto di

        proteggere la propria riservatezza, anche su

        Internet.



        Ogni volta che ci connettiamo alla rete
        Internet,

        lasciamo tracce della nostra attività che
        possono

        essere ricondotte in maniera univoca al
        nostro

        indirizzo IP.

        Sarebbe bello un sistema TOR anche per i
        telefonini.
        Invece geolocalizzano e tracciano gli spostamenti
        e i contatti personali ancor meglio di internet.
        :(Intendi Orbot? :) c'e' da anni. E la stable da 1.5 anni credo.Si ,ovviamente esiste solo per il "telefono spione (tm)maxsix". Per quello stimato da tutti i giornalai dei globo, non c'e'(*)(*)no in realta esiste un fork unofficial a pagamento (donazioni al torproject dicono) un po zoppo. Gli azzoppamenti vari ovviamente sono dovuti alle paturnie di Apple
        • Leguleio scrive:
          Re: Falso dilemma...
          - Scritto da: bubba

          Sarebbe bello un sistema TOR anche per i

          telefonini.

          Invece geolocalizzano e tracciano gli
          spostamenti

          e i contatti personali ancor meglio di
          internet.


          :(
          Intendi Orbot? :) c'e' da anni. E la stable da
          1.5 anni
          credo.Approfondisci, perché non ho capito molto del funzionamento di Orbot. Anonimizza le chiamate, ed è già qualcosa. Ma può impedire che gli spostamenti non siano tracciati? Quella è una cosa che fanno le società telefoniche confrontando le celle a cui si connette il telefonino, il software non c'entra.
    • saverio_ve scrive:
      Re: Falso dilemma...
      Ok d'accordo, sono con te al 100%.Ma vuoi proteggere i tuoi dati da Google o dalla polizia? Perchè qui si parla di polizia giapponese che cerca di arginare la pedofilia....
      • unaDuraLezione scrive:
        Re: Falso dilemma...
        contenuto non disponibile
        • paoloholzl scrive:
          Re: Falso dilemma...

          Non esiste uno strumento che ti difende dagli
          spioni 'cattivi' lasciando contemporaneamente
          trapelare le informazioni agli spioni
          'buoni'.Concordo
          TOR è esattamente come il muro opaco che hai
          attorno a casa tua (o forse hai le pareti
          trasparenti????): non permette che il vicino veda
          quando ti masturbi e allo stesso tempo non
          permette alla polizia di vedere quando picchi tuo
          figlio.
          NON SI PUO' AL CONTRARIO SOSPETTARE DI TUTTI A
          PRIORI E A
          PRESCINDERE.Condivido completamente. Oramai la privacy è andata a farsi friggere, tutto è pubblico. E se uno non volesse?Voglio la libertà di difendermi.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 22 aprile 2013 22.58-----------------------------------------------------------
          • Thepassenge r scrive:
            Re: Falso dilemma...
            Ben detto.- Scritto da: paoloholzl

            Ma la pianti di fare il troll? Se TOR funziona e

            lo usi con accortezza allora ti protegge sia da

            Google che della polizia, sia dalla mafia che

            vuole sapere chi scrive certe cose sui blog, sia

            della polizia postale che vuole conoscere i tuoi

            prutiti.



            Non esiste uno strumento che ti difende dagli

            spioni 'cattivi' lasciando contemporaneamente

            trapelare le informazioni agli spioni

            'buoni'.



            TOR è esattamente come il muro opaco che hai

            attorno a casa tua (o forse hai le pareti

            trasparenti????): non permette che il vicino
            veda

            quando ti masturbi e allo stesso tempo non

            permette alla polizia di vedere quando picchi
            tuo

            figlio.



            SE LA POLIZIA SOSPETTA DI UN TIZIO, METTE UNA

            MICROCAMERA IN CASA PER BYPASSARE LE MURA OPACHE

            O VICEVERSA METTE UNO SPYWARE NEL PC PER

            BYPASSARE

            TOR.



            NON SI PUO' AL CONTRARIO SOSPETTARE DI TUTTI A

            PRIORI E A

            PRESCINDERE.
        • tucumcari scrive:
          Re: Falso dilemma...
          buonsenso sprecato con certa gente!
      • AiUK scrive:
        Re: Falso dilemma...
        Credo che proibire l'uso di TOR sia come proibire la vendita di coltelli da cucina. Mi spiego meglio: i coltelli li usiamo per una cosa di primaria importanza cioè nutrirci, allo stesso modo possono essere usati per uccidere.La lotta alla criminalità online è sacrosanta ma impedire l'uso di TOR non renderà il mondo più sicuro.Mi pare anzi un pretesto per una eventuale limitazione dei "diritti digitali" delle persone.In secondo luogo, sono dell'idea che, a prescindere dei mezzi di cui disponiamo, è impossibile impedire "a priori" una qualunque forma di criminalità: truffatori, cracker, stalker, sex-offenders e altra amena umanità rimarrano a prescindere da TOR e da Internet.Impedire l'uso di TOR non impedirà a loro di esistere, purtroppo...
        • Risposta al commento scrive:
          Re: Falso dilemma...
          - Scritto da: AiUK
          Credo che proibire l'uso di TOR sia come proibire
          la vendita di coltelli da cucina. Mi spiego
          meglio: i coltelli li usiamo per una cosa di
          primaria importanza cioè nutrirci, allo stesso
          modo possono essere usati per
          uccidere.
          La lotta alla criminalità online è sacrosanta ma
          impedire l'uso di TOR non renderà il mondo più
          sicuro.
          Mi pare anzi un pretesto per una eventuale
          limitazione dei "diritti digitali" delle
          persone.
          In secondo luogo, sono dell'idea che, a
          prescindere dei mezzi di cui disponiamo, è
          impossibile impedire "a priori" una qualunque
          forma di criminalità: truffatori, cracker,
          stalker, sex-offenders e altra amena umanità
          rimarrano a prescindere da TOR e da
          Internet.
          Impedire l'uso di TOR non impedirà a loro di
          esistere,
          purtroppo...I criminali online (spammer, creatori di malware, truffatori tramite phishing, etc) raramente usano tor, usano principalmente computer compromessi e alcuni hanno pure i loro server "intoccabili" ben conosciuti ma che la polizia evidentemente non ha alcuna voglia di togliere dalla circolazione.
          • tucumcari scrive:
            Re: Falso dilemma...
            - Scritto da: Risposta al commento
            alcuni hanno pure i loro server "intoccabili" ben
            conosciuti ma che la polizia evidentemente non ha
            alcuna voglia di togliere dalla
            circolazione.La polizia e gli hoster lo sanno... "il metodo" mi ricorda qualcosa.... che non vorrei ricordare ... ad esempio alcuni latitanti che hanno "latitato" (alcuni tuttora latitano) sostanzialmente a casa loro o nelle immediate vicinanze... ma "nessuno sapeva nulla"... La mafia (perchè di questo parliamo senza mezzi termini) degli spammers/kracker/botnet è composta in sostanza da un centinaio di persone note e arcinote è legata a filo doppio alla mafia russa e ha alcuni host di controllo in datacenter "bulletproof" senza neppure usare molta "fantasia" si riesce a meettere assieme l'elenco completo....Il problema è che a nessuno frega un tubo di tutto questo mentre il vero obiettivo (alzi pure la mano chi non lo ha ancora capito) è il malcelato desiderio (a volte neppure celato nei casi di stati autoritari) è di avere a disposizioni strumenti di sorveglianza e censura di massa.Qualcuno che ha il coraggio di chiedersi il perchè e di fare 2+2 ovviamente cerca di offrire alle persone mezzi per tentare di scongiurare questi pericoli.Non è complicato da capire o no?
      • bubba scrive:
        Re: Falso dilemma...
        - Scritto da: saverio_ve
        Ok d'accordo, sono con te al 100%.
        Ma vuoi proteggere i tuoi dati da Google o dalla
        polizia? Perchè qui si parla di polizia
        giapponese che cerca di arginare la
        pedofilia....Replico qui, xche vedo non hai dato seguito agli altri post.Il tuo "problema" (legittimo) partiva da "E in un paese democratico non sono blogger o giornalisti ad usare tor ma i criminali."E devo dire (non ho letto il 100% dei post) che, tranne il tizio sopra e unaDuraLezione sotto [ma solo nella mera ottica della privacy], gli altri hanno dato risposte penose :P O meglio oziose,fuori target.La tua critica parte evidentemente dal fatto che non conosci come funziona tor.Tu pensi al fatto che ai giapponesi, in quanto nazione democratica, non serva e quindi la usino i criminali. Ma il punto e' che gli EXIT NODE giapponesi NON servono ai giapponesi, ma ai cinesi/iraniani/ecc per consultare/comunicare all esterno (verso il giappone, nel caso).E anche i RELAY node in giappone servono, e questi a tutti non solo ai cinesi/iraniani/ecc, perche sono il punto nodale della quasi-anonimita' della rete (=rimbalzi in posti diversi per vanificare i tracciamenti)Quindi i nodi TOR nei paesi democratici servono NECESSARIAMENTE.Aggiungiamo pure che ogni nazione (ivi COMPRESI i paesi 'democratici') hanno le loro pittoresche teorie su cosa va censurato/geo-bloccato in rete (da idiotici sistemi geolocalizzati a censure DNS per inneggiamenti contro politici, giornalisti, imprenditori, confessionali, a forum con anche dei link a file torrent, siti di scommesse, ecc).
        • Leguleio scrive:
          Re: Falso dilemma...
          - Scritto da: bubba
          Il tuo "problema" (legittimo) partiva da "E in un
          paese democratico non sono blogger o giornalisti
          ad usare tor ma i
          criminali."

          E devo dire (non ho letto il 100% dei post) che,
          tranne il tizio sopra e unaDuraLezione sotto [ma
          solo nella mera ottica della privacy], gli altri
          hanno dato risposte penose :P O meglio
          oziose,fuori
          target.Meno male che qualcuno lo dice. Se mi azzardassi io, partirebbero subito i lazzi (se va bene) e gli insulti (se va meno bene).
        • saverio_ve scrive:
          Re: Falso dilemma...
          Grazie per la risposta tecnica, ti chiedo di leggere il post "Rispondo a tutti".Magari tutti argomentassero come te. Sarebbe un forum più interessante!
          • Sgabbio scrive:
            Re: Falso dilemma...
            - Scritto da: saverio_ve
            Grazie per la risposta tecnica, ti chiedo di
            leggere il post "Rispondo a
            tutti".
            Magari tutti argomentassero come te. Sarebbe un
            forum più
            interessante!(rotfl)(rotfl)(rotfl)
          • saverio_ve scrive:
            Re: Falso dilemma...
            appunto...
          • Sgabbio scrive:
            Re: Falso dilemma...
            - Scritto da: saverio_ve
            appunto...Senti mister "Solo i pedofili usano tor", hai poco da fare la vittima.
  • e basta scrive:
    come mai
    come mai la redazione di pi è tanto solerte a cancellare, spesso in modo incomprensibile, molti commenti perfettamente "in" policy, mentre permette a certi figuri di fare propaganda manifestamente pro censura, reazionaria e autoritaria?
  • e basta scrive:
    non piace...
    anche pi si comporta un po' come i giapponesi...tor che non piace?... zac e viacommenti che non piacciono? zac e via...
  • Anonimo scrive:
    Censura
    Come al solito su questo sito si censura a più non posso.
  • Sgabbio scrive:
    In giappone sono fuori.
    E da un pò di anni, che il giappone fa vere e proprie leggi liberticide, creando il mal contento comunque.Adesso con varie scuse si cerca di fermare TOR ? Parliamo di un paese democratico, non della Siria, iran e compagna bella.
    • saverio_ve scrive:
      Re: In giappone sono fuori.
      infatti è un paese democratico.E in un paese democratico non sono blogger o giornalisti ad usare tor ma i criminali.
      • aphex_twin scrive:
        Re: In giappone sono fuori.
        Applausi !
        • Sgabbio scrive:
          Re: In giappone sono fuori.
          - Scritto da: aphex_twin
          Applausi !Per aver detto XXXXXXX ?
        • Trollollero scrive:
          Re: In giappone sono fuori.
          - Scritto da: aphex_twin
          Applausi !Con la faccia tra le mani, e a due a due finche' non diventan dispari.Riportiamo la boiata a futura memoria:"E in un paese democratico non sono blogger o giornalisti ad usare tor ma i criminali."La navigazione anonima, altrimenti nota come sacrosanto diritto di farmi gli affaracci miei o "privacy", puo' essere associata ad un comportamento criminale solo da chi :1) non abbia capito un accidente di cosa sia la privacy e perche' e' indispensabile2) e' al soldo di qualcuno che ritiene la privacy un impiccio.Tertium non datur
          • aphex_twin scrive:
            Re: In giappone sono fuori.
            Lo so benissimo che spacciatori e sicari tengono molto alla loro privacy, non devi certo venire a dirmelo tu.
          • Trollollero scrive:
            Re: In giappone sono fuori.
            - Scritto da: aphex_twin
            Lo so benissimo che spacciatori e sicari tengono
            molto alla loro privacy, non devi certo venire a
            dirmelo
            tu.Caso 2, quindi.Il tuo padrone ordina e tu obbedisci.
          • aphex_twin scrive:
            Re: In giappone sono fuori.
            :-o :-o :-o :-o :-o
      • Sgabbio scrive:
        Re: In giappone sono fuori.
        - Scritto da: saverio_ve
        infatti è un paese democratico.
        E in un paese democratico non sono blogger o
        giornalisti ad usare tor ma i
        criminali.Perfavore, non diciamo idiozie, quella che affermi è solo mera propaganta pro censura.
      • tuco scrive:
        Re: In giappone sono fuori.
        - Scritto da: saverio_ve
        infatti è un paese democratico.
        E in un paese democratico non sono blogger o
        giornalisti ad usare tor ma i
        criminali.Sai quante persone usano tor per bypassare la censura in paesi autoritari?Pregasi pensare prima di scrivere!
        • saverio_ve scrive:
          Re: In giappone sono fuori.
          fammi un esempio di un blogger giapponese o italiano che sia costretto ad usare tor per non essere perseguitato.
          • e basta scrive:
            Re: In giappone sono fuori.
            - Scritto da: saverio_ve
            fammi un esempio di un blogger giapponese o
            italiano che sia costretto ad usare tor per non
            essere perseguitato.dimmi tu piuttosto perché mai un qualsiasi cittadino giapponese o italiano non dovrebbe poter liberamente usare tor? forse che italia e giappone non sono paesi democratici?
          • saverio_ve scrive:
            Re: In giappone sono fuori.
            Non cambiare discorso!Comunque... se io vado in giro col passamontagna lo faccio per 2 possibili motivi. O vivo in un posto dove essere riconosciuto è pericoloso per la mia vita (persecuzione politica). O sono un criminale!L'Italia non rientra nell'opzione A.In America dicono che l'unica cosa che può fermare un "bad guy" con la pistola è un "good guy" con la pistola. E quindi è giusto vendere le armi liberamente.Io non la penso così!In Italia TOR lo usano pedofili, mafiosi e molti innocui pirati... Blogger 0!Questa è la mia opinione, tu sei liberissimo di averne una diversa! Anche senza nasconderti dietro TOR!
          • saverio_ve scrive:
            Re: In giappone sono fuori.
            Perché sono gli unici ad averne motivo....
          • Sgabbio scrive:
            Re: In giappone sono fuori.
            - Scritto da: saverio_ve
            Perché sono gli unici ad averne motivo....CeeeeerrrrttttoooooooooooMa perfavore! Si vede che non sai quello che dici, ma infondo si un troll di punto informatico è ovvio che dici queste XXXXXXX.
          • Risposta al commento scrive:
            Re: In giappone sono fuori.
            - Scritto da: saverio_ve
            Perché sono gli unici ad averne motivo....Ah certo. Io per esempio uso tor tutti i giorni per lavoro, in quanto cerco malware e preferisco non lasciare traccia del mio IP sui server che lo hostano, oltre al fatto che se continuassi a visitarli col lo stesso IP questo verrebbe subito messo in blacklist.Come vedi, hai torto.
          • thebecker scrive:
            Re: In giappone sono fuori.
            - Scritto da: saverio_ve
            Perché sono gli unici ad averne motivo....se uno stato si proclama libero, democratico non dovrebbe limitare l'utilizzo di una tecnologia, di una rete; è solo un mezzo e basta, si deve punire il crimine, non il mezzo. Es. le automobile si possono usare per fare rapine ma non sono vietate.Ti ricordo che anche in uno stato democratico fare circolare alcune informazioni utili è pericoloso, si rischiarno ritorsioni magari non dallo stato, ma da organizzazioni private "colpite" da quell'informazione di denuncia..ecc. Quindi TOR e reti simili sono utili in tutti gli stati.Poi in uno stato dove la polizia e il sistema giudiziario funziona (quindo non sto parlando dell'ITALIA :D) non c'è bisogno di questa censura con la scusa della sicurezza..Ricordiamo che in passato il regime nazista e altri regimi con la scusa della sicurezza pubblica hanoo revocato diritti civili e leggi democratiche e poi hanno preso il potere rendendolo totalitario. Cerca su Google: 1933 Decreto incendio del Reichstag in Germania e capirai molte cose.
          • prova123 scrive:
            Re: In giappone sono fuori.
            Hai mai sentito parlare di infiltrati ? ... Non c'è TOR che tenga ... magari sono notizie che vengono divulgate solo per spingere ad usare TOR ;)
          • per lo stesso scrive:
            Re: In giappone sono fuori.
            - Scritto da: saverio_ve
            Non cambiare discorso!
            Comunque... se io vado in giro col passamontagna
            lo faccio per 2 possibili motivi. O vivo in un
            posto dove essere riconosciuto è pericoloso per
            la mia vita (persecuzione politica). O sono un
            criminale!
            L'Italia non rientra nell'opzione A.
            In America dicono che l'unica cosa che può
            fermare un "bad guy" con la pistola è un "good
            guy" con la pistola. E quindi è giusto vendere le
            armi
            liberamente.
            Io non la penso così!
            In Italia TOR lo usano pedofili, mafiosi e molti
            innocui pirati... Blogger
            0!
            Questa è la mia opinione, tu sei liberissimo di
            averne una diversa! Anche senza nasconderti
            dietro
            TOR!per lo stesso "ragionamento" dovresti rimuoverti i genitali altrimenti sei uno stup*******
          • saverio_ve scrive:
            Re: In giappone sono fuori.
            I genitali servono a riprodursi e ad amare...TOR a cosa serve?
          • Sgabbio scrive:
            Re: In giappone sono fuori.
            - Scritto da: saverio_ve
            I genitali servono a riprodursi e ad amare...

            TOR a cosa serve?ok, sviamo il discorso.
          • saverio_ve scrive:
            Re: In giappone sono fuori.
            Non mi pare... Esclusa la persecuzione politica... mi dici TOR a cosa serve?
          • Sgabbio scrive:
            Re: In giappone sono fuori.
            - Scritto da: saverio_ve
            Non mi pare... Esclusa la persecuzione
            politica... mi dici TOR a cosa
            serve?Ancora fai il finto tonto.
          • saverio_ve scrive:
            Re: In giappone sono fuori.
            Ancora non rispondi...
          • Sgabbio scrive:
            Re: In giappone sono fuori.
            - Scritto da: saverio_ve
            Ancora non rispondi...Lo faranno gli altri per me, visto che di motivi totalmente leciti per usare tor in una democrazia ci sono, caro il mio troll.ma sei troppo ottuso.
          • lorenzo scrive:
            Re: In giappone sono fuori.
            Ce ne sono ce ne sono :)giusto per fare un esempio dare un po' di fastidio ai ficcanaso che profilano gli ip ... c'e' chi anche non facendo niente di male vuole la sua privacy ...e' come dire che se non fai nulla di male non metti le tende alle finestre ...
          • Trollollero scrive:
            Re: In giappone sono fuori.
            - Scritto da: saverio_ve
            Ancora non rispondi...TOR serve a rendere anonimo il traffico di rete.Traffico di rete che puo' comprendere, tra le altre cose, informazioni che possono essere utili per profilare una persona.Se, ad esempio, il mio datore di lavoro appoggia una determinata ideologia/partito/filosofia/sarca$$o, potrebbe non essere il caso che sappia che mi interessi attivamente della "parte avversa" (es: lavoro in FIAT e sono uno degli utenti piu' attivi e ringhiosi del forum della FIOM).Questo tanto per fare un esempio scemo (evidentemente non tanto scemo, dato che non ci sei arrivato.....)
          • Voice of Reason scrive:
            Re: In giappone sono fuori.
            - Scritto da: saverio_ve
            Ancora non rispondi...Perchè non c'è nessuna risposta possibile. In una dittatura, TOR non serve: lo Stato ha mezzi coercitivi più che efficaci per perseguitare i dissidenti.In uno Stato democratico, TOR non solo non ha nessunissima utilità ma è anche un pericolo. È uno strumento che permette a malfattori di ogni genere di sottrarsi al controllo delle Autorità, e quindi va messo fuori legge e i suoi utilizzatori stigmatizzati come persone pericolose.I fantasiosi e poco credibili "argomenti" a favore di TOR propugnati da alcuni commentatori sono francamente risibili, e nulla possono o potranno contro il legittimo desiderio di sicurezza della collettività.Chi propugna l'uso di TOR, evidentemente, sta facendo qualcosa di poco pulito e ha interesse a nasconderlo. La magistratura dovrebbe indagare.Trasparenza == civiltà.Anonimato == malaffare.
          • Trollollero scrive:
            Re: In giappone sono fuori.
            - Scritto da: Voice of Reason
            - Scritto da: saverio_ve

            Ancora non rispondi...

            Perchè non c'è nessuna risposta possibile.

            In una dittatura, TOR non serve: lo Stato ha
            mezzi coercitivi più che efficaci per
            perseguitare i
            dissidenti.

            In uno Stato democratico, TOR non solo non ha
            nessunissima utilità ma è anche un pericolo. È
            uno strumento che permette a malfattori di ogni
            genere di sottrarsi al controllo delle Autorità,
            e quindi va messo fuori legge e i suoi
            utilizzatori stigmatizzati come persone
            pericolose.

            I fantasiosi e poco credibili "argomenti" a
            favore di TOR propugnati da alcuni commentatori
            sono francamente risibili, e nulla possono o
            potranno contro il legittimo desiderio di
            sicurezza della
            collettività.

            Chi propugna l'uso di TOR, evidentemente, sta
            facendo qualcosa di poco pulito e ha interesse a
            nasconderlo. La magistratura dovrebbe
            indagare.

            Trasparenza == civiltà.

            Anonimato == malaffare.Oggi hanno aperto le gabbie, evidentemente....Ricordo male, o tu eri il tizio che voleva vietare qualsiasi cosa fosse anche solo potenzialmente pericolosa (per valori estremamente ampi di "potenzialmente")?
          • unaDuraLezione scrive:
            Re: In giappone sono fuori.
            contenuto non disponibile
          • Voice of Reason scrive:
            Re: In giappone sono fuori.
            - Scritto da: unaDuraLezione
            - Scritto da: Voice of Reason


            Trasparenza == civiltà.



            Anonimato == malaffare.

            tu == (troll)


            (rotfl)(rotfl)(rotfl)Ridi pure. Chi non è d'accordo con voi, piccola e insignificante minoranza di malconsigliati ingenui e gente in malafede è un troll.Che vi piaccia o meno, il mondo ha preso una direzione, ed è verso la massima trasparenza.Quindi dovrete adattarvi. :)I vostri piccoli e ridicoli mezzucci non possono cambiare la realtà dei fatti. Resistere non è solo inutile, ma è stupido e pericoloso. Principalmente per voi.
          • unaDuraLezione scrive:
            Re: In giappone sono fuori.
            contenuto non disponibile
          • thebecker scrive:
            Re: In giappone sono fuori.
            - Scritto da: saverio_ve
            I genitali servono a riprodursi e ad amare...

            TOR a cosa serve? a comunicare senza essere tracciato. Sono libero di decidere se fare vendere o meno i miei dati dati e informazioni di navigazione. E poi basta cambaire proxy nelle opizione browser e cambi indirizzo IP e non certo un reato, l'indirizzo IP non identifica una persona.
          • e basta scrive:
            Re: In giappone sono fuori.
            - Scritto da: saverio_ve
            Non cambiare discorso!io? qui mi pare che l'unico a cambiare discorso sia tu
            Comunque... se io vado in giro col passamontagna
            lo faccio per 2 possibili motivi. O vivo in un
            posto dove essere riconosciuto è pericoloso per
            la mia vita (persecuzione politica). O sono un
            criminale!questo lo dici tu e vale, al massimo, per tevuoi forse decidere anche cosa debbano fare gli altri e perché? ma non eri tu a parlare di democrazia e libertà?
            L'Italia non rientra nell'opzione A.no? proprio sicuro?
            In America dicono che l'unica cosa che può
            fermare un "bad guy" con la pistola è un "good
            guy" con la pistola. E quindi è giusto vendere le
            armi liberamente.proprio un bel ragionamento, complimenti(ps: sai quale è la percentuale dei cittadini usa che sta in galera? e quanti si stimi siano gli innocenti?)
            Io non la penso così!e meno male
            In Italia TOR lo usano pedofili, mafiosi e molti
            innocui pirati... Blogger 0!di nuovo, questo è quello che dici e/o credi tu
          • Lorenzo scrive:
            Re: In giappone sono fuori.
            Magari fa solo freddo , secondo il tuo ragionamento freddoloso=criminale :)
          • Luco, giudice di linea mancato scrive:
            Re: In giappone sono fuori.
            - Scritto da: saverio_ve
            Non cambiare discorso!
            Comunque... se io vado in giro col passamontagna
            lo faccio per 2 possibili motivi. O vivo in un
            posto dove essere riconosciuto è pericoloso per
            la mia vita (persecuzione politica). O sono un
            criminale!... o fa freddo e vuoi proteggerti il naso.
          • anverone99 scrive:
            Re: In giappone sono fuori.
            - Scritto da: e basta
            - Scritto da: saverio_ve

            fammi un esempio di un blogger giapponese o

            italiano che sia costretto ad usare tor per
            non

            essere perseguitato.

            dimmi tu piuttosto perché mai un qualsiasi
            cittadino giapponese o italiano non dovrebbe
            poter liberamente usare tor? forse che italia e
            giappone non sono paesi
            democratici?Non gli hai risposto pero'!
        • pietro scrive:
          Re: In giappone sono fuori.
          - Scritto da: tuco
          - Scritto da: saverio_ve

          infatti è un paese democratico.

          E in un paese democratico non sono blogger o

          giornalisti ad usare tor ma i

          criminali.

          Sai quante persone usano tor per bypassare la
          censura in paesi
          autoritari?
          Pregasi pensare prima di scrivere!fammi un esempio di paese democratico autoritario
      • e basta scrive:
        Re: In giappone sono fuori.
        - Scritto da: saverio_ve
        infatti è un paese democratico.anche la cina, anche la russia, anche l'arabia saudita, anche il pakistan, anche le filippine... anche un bel po' di altri paesi, tutti democratici e nostri cari "amici"
        E in un paese democratico non sono blogger o
        giornalisti ad usare tor ma i criminali.dici che in tutti questi paesi democratici tor lo usano i criminali e non i giornalisti o i blogger? dici che, per esempio, gli oltre 100 blogger cinesi finiti in galera l'anno scorso sono tutti criminali?non sai di cosa parli e dovresti vergognarti delle cose che dici
        • saverio_ve scrive:
          Re: In giappone sono fuori.
          Qui stiamo parlando del Giappone e io ho parlato del Giappone. Vergognati tu a mettermi in bocca cose che non ho detto!
          • Sgabbio scrive:
            Re: In giappone sono fuori.
            - Scritto da: saverio_ve
            Qui stiamo parlando del Giappone e io ho parlato
            del Giappone. Vergognati tu a mettermi in bocca
            cose che non ho
            detto!Fail.
          • That one scrive:
            Re: In giappone sono fuori.
            Vediamo....decidi tu dove l'uso di Tor è giustificato e dove no? Chi puo' e chi no?Se siamo in democrazia, devo poterlo usare se lo desidero perchè lo strumento in se' non è maligno. Come tutti gli strumenti bisogna valutare e se il caso perseguire l'uso sbagliato che ne fa il singolo. Non lo strumento in se'. Come non metto fuori legge il cacciavite perchè c'è chi lo usa per scassinare le porte o uccidere la consorte.Se perseguo lo strumento perchè non posso controllarlo, forse allora non è proprio una democrazia.....
          • saverio_ve scrive:
            Re: In giappone sono fuori.
            Come ho detto agli altri... le motoseghe, coltelli ecc hanno finalità diverse e legittime.Esclusa la persecuzione politica.. TOR a cosa serve?
          • Sgabbio scrive:
            Re: In giappone sono fuori.
            - Scritto da: saverio_ve
            Come ho detto agli altri... le motoseghe,
            coltelli ecc hanno finalità diverse e
            legittime.
            Esclusa la persecuzione politica.. TOR a cosa
            serve?E ti contraddici ancora, perchè tor dovrebbe essere CRIMINOSO a differenza di una motoXXXX, un coltello ecc ecc ?Medium, codesto sconosciuto.
          • thebecker scrive:
            Re: In giappone sono fuori.
            - Scritto da: That one
            Vediamo....decidi tu dove l'uso di Tor è
            giustificato e dove no? Chi puo' e chi
            no?

            Se siamo in democrazia, devo poterlo usare se lo
            desidero perchè lo strumento in se' non è
            maligno. Come tutti gli strumenti bisogna
            valutare e se il caso perseguire l'uso sbagliato
            che ne fa il singolo. Non lo strumento in se'.
            Come non metto fuori legge il cacciavite perchè
            c'è chi lo usa per scassinare le porte o uccidere
            la
            consorte.
            Se perseguo lo strumento perchè non posso
            controllarlo, forse allora non è proprio una
            democrazia.....[img]http://imageshack.us/a/img834/5209/applauseo.gif[/img]D'accordo!! Quoto!!
        • pietro scrive:
          Re: In giappone sono fuori.
          - Scritto da: e basta
          - Scritto da: saverio_ve

          infatti è un paese democratico.

          anche la cina, anche la russia, anche l'arabia
          saudita, anche il pakistan, anche le filippine...
          anche un bel po' di altri paesi, tutti
          democratici e nostri cari
          "amici" hai strane idee di cosa sia un paese democratico
          • e basta scrive:
            Re: In giappone sono fuori.
            - Scritto da: pietro
            - Scritto da: e basta

            - Scritto da: saverio_ve


            infatti è un paese democratico.



            anche la cina, anche la russia, anche l'arabia

            saudita, anche il pakistan, anche le
            filippine...

            anche un bel po' di altri paesi, tutti

            democratici e nostri cari

            "amici"
            hai strane idee di cosa sia un paese democraticoio? ma non è una mia idea... dillo piuttosto a chi governa politicamente ed economicamente i democratici paesi occidentali
      • thebecker scrive:
        Re: In giappone sono fuori.
        - Scritto da: saverio_ve
        infatti è un paese democratico.
        E in un paese democratico non sono blogger o
        giornalisti ad usare tor ma i
        criminali.Quindi vietiamo le motoseghe, i coltelli perchè i criminali li usano come armi.Vietiamo le auto perchè si possono utilizzare per fare un attentato, o stirare il vincino di casa antipatico.Vietiamo i fiammeferi, gli accendini perchè li usano i piromani.mi fai solo ridere(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)
        • saverio_ve scrive:
          Re: In giappone sono fuori.
          No perché hanno finalità diverse da quelle criminali... TOR che utilizzo ha?
          • Sgabbio scrive:
            Re: In giappone sono fuori.
            - Scritto da: saverio_ve
            No perché hanno finalità diverse da quelle
            criminali... TOR che utilizzo
            ha?Tor quindi per te ha solo finali criminali ? ROFRL! No scusa ma ti sei appena contradetto.
          • saverio_ve scrive:
            Re: In giappone sono fuori.
            In paesi dove non sussiste il problema della persecuzione politica... SI.E comunque nessuno mi ha ancora risposto.
          • Sgabbio scrive:
            Re: In giappone sono fuori.
            - Scritto da: saverio_ve
            In paesi dove non sussiste il problema della
            persecuzione politica...
            SI.
            E comunque nessuno mi ha ancora risposto.Ti hanno risposto, ma tu ignori, troll.Mi spiace ma tor si colloca nell'esempio di prima è un mero mezzo, non è illegale di per se. In occidente è fondamentale me una miriade di cose che con la criminalità non ci entra nemmeno a frignare.Tipo il non essere perseguitato per la propria opinione...si succede in italia.
          • Marco scrive:
            Re: In giappone sono fuori.
            Provo a risponderti io: lo scopo di Tor è quello di rendere difficile l'analisi del traffico e proteggere così la privacy, la riservatezza delle comunicazioni, l'accessibilità dei servizi.Esempio concreto: tu sai benissimo che la navigazione web e' costantemente monitorata, tracciata, analizzata e memorizzata sui server dei vari isp; oltre a ciò ci sono tutta una serie di informazioni che la semplice consultazione di un sito invia a server esterni (consiglio l'istallazione del plugin per firefox "Collusion"). Visto che si tratta di miei dati che vengono inviati, spesso a mia insaputa, su siti estranei alle mie necessità, potrò avere la libertà di decidere di usare strumenti informatici che mi permettano di accedere al sito "pippo" senza per questo far si che facebook colleghi per il mio profilo a quel sito?Sono libero di farlo oppure no?Sono un terrorista se non voglio che facebook (come altri, ovvio) sappiano che ho visitato il punto-informatico.it?!?!?My 2 cents
          • saverio_ve scrive:
            Re: In giappone sono fuori.
            Tu hai perfettamente ragione..."A parte che non credo serve TOR per non farsi tracciare da facebook" tuttavia il tuo discorso è perfettamente legittimo.Qui si discute però se è legittimo per la polizia chiedere di poter verificare del traffico che è passato per TOR sulla base di un'ipotesi di crimine. Tu avresti qualcosa in contrario?Molti qui non sanno che in Giappone non sussistono problemi di censura politica o ideologica di alcun tipo, mentre la pedofilia è una piaga devastante.
          • Leguleio scrive:
            Re: In giappone sono fuori.
            - Scritto da: saverio_ve
            Molti qui non sanno che in Giappone non
            sussistono problemi di censura politica o
            ideologica di alcun tipo, mentre la pedofilia è
            una piaga
            devastante.Questa me la devi spiegare. Che piaga esiste in Giappone?
          • saverio_ve scrive:
            Re: In giappone sono fuori.
            documentati
          • Leguleio scrive:
            Re: In giappone sono fuori.
            - Scritto da: saverio_ve
            documentatiL'affermazione l'hai fatta tu, e in più io non vivo in Giappone, ho tutto il diritto di essere ignorante in materia. Quali sono le percentuali di reati sessuali contro i minori in Giappone?
          • That one scrive:
            Re: In giappone sono fuori.
            Documentati tu.Il Giappone e' fondamentalmente una società povera di etica morale per quanto riguarda la sfera sessuale. Sai che basta andare in qualsiasi karaoke o pub e vedere le donne come vengono trattate e considerate. ZERO. Come del resto in Cina, Corea, India etc. Quindi? Cosa centra con TOR?Goebbels, ministro della propaganda nazista, era solito vantarsi: "ditemi cosa volete fare e troverò un fine sufficientemente nobile che lo giustifichi". Tu per abbattere la libertà altrui invochi la lotta alla pedofilia, come han fatto alcni illuminati politici della passata legislazione. Mi sa che tu vai daccordo con quelli che vorrebbero la schedatura di massa ed il capocondominio che ti spia dalla finestra, come ai tempi di Stalin. Sia chiaro, solo per combattere il crimine. E poi, che diamine, di cosa ci preoccupiamo. Siamo in democraziaROTFL..
          • tucumcari scrive:
            Re: In giappone sono fuori.
            - Scritto da: That one
            Documentati tu.
            Il Giappone e' fondamentalmente una società
            povera di etica morale per quanto riguarda la
            sfera sessuale. Sai che basta andare in qualsiasi
            karaoke o pub e vedere le donne come vengono
            trattate e considerate. ZERO. Come del resto in
            Cina, Corea, India etc.

            Quindi? Cosa centra con TOR?
            Goebbels, ministro della propaganda nazista, era
            solito vantarsi: "ditemi cosa volete fare e
            troverò un fine sufficientemente nobile che lo
            giustifichi". E infatti non era a caso che proprio lui si occupasse di propaganda e di "cultura popolare"... non so perchè ma nella storia tutti (senza eccezione alcuna) i regimi autoritari (dai più "blandi" ai peggiori) hanno avuto apparati di propaganda e "segretariati" della "cultura popolare" decisamente ipertrofici....A voi giudicare sul perchè.....
          • Thepassenge r scrive:
            Re: In giappone sono fuori.
            Tu documentati, il giappone è il paese con il numero minore assoluto di reati sessuali per poplazione. In Giappone puoi uscire da solo di notte e andare in qualunque quartiere che non ti succede nulla, sono una delle migliori società civili. Quindi non so di cosa stai parlando, forse hai letto troppi fumetti e ti sei fatto un'idea alquanto surreale. :)- Scritto da: That one
            Documentati tu.
            Il Giappone e' fondamentalmente una società
            povera di etica morale per quanto riguarda la
            sfera sessuale. Sai che basta andare in qualsiasi
            karaoke o pub e vedere le donne come vengono
            trattate e considerate. ZERO. Come del resto in
            Cina, Corea, India etc.

            Quindi? Cosa centra con TOR?
            Goebbels, ministro della propaganda nazista, era
            solito vantarsi: "ditemi cosa volete fare e
            troverò un fine sufficientemente nobile che lo
            giustifichi". Tu per abbattere la libertà altrui
            invochi la lotta alla pedofilia, come han fatto
            alcni illuminati politici della passata
            legislazione.

            Mi sa che tu vai daccordo con quelli che
            vorrebbero la schedatura di massa ed il
            capocondominio che ti spia dalla finestra, come
            ai tempi di Stalin. Sia chiaro, solo per
            combattere il crimine. E poi, che diamine, di
            cosa ci preoccupiamo. Siamo in
            democrazia
            ROTFL..
          • That one scrive:
            Re: In giappone sono fuori.
            Sisisi, hai proprio ragione. Infatti i vagoni per sole donne nella metropolitana per cercare di far fronte al fenomeno chickan li hanno messi a Roma, mica a Tokio. (rotfl)E' evidente che non hai colto il punto.Sono stato sia ad Osaka che a Tokio diverse volte per lavoro e so quello che dico. Se parli di numeri percentuali sulla popolazione parli per statistiche e nn segui il ragionamento. Si parla di fetish che sono una valvola di sfogo in qualche modo tollerata in una società di per sè molto piu' rigida gerarchicamente della nostra, dove l'autocontrollo sul lavoro e nella società è un must assoluto. il che porta a sfoghi socialmente "tollerati" quali il rito del sake' dopolavoro (se hai bevuto si tollera che tu possa lamentarti dei colleghi e dei superiori, tanto hai bevuto e sei scusato) ed altri sfoghi vari, tra i quali appunto alcuni "estremi" nelle fantasie (e non solo) sessuali.Se poi vogliamo attaccarci a questo per contrastare TOR...
          • Leguleio scrive:
            Re: In giappone sono fuori.
            - Scritto da: That one
            Sisisi, hai proprio ragione. Infatti i vagoni per
            sole donne nella metropolitana per cercare di far
            fronte al fenomeno chickan li hanno messi a Roma,
            mica a Tokio.
            (rotfl)Si dice palpeggiamento.Non è certo una prerogativa dei treni giapponesi. Guarda qui:http://en.wikipedia.org/wiki/Women-only_passenger_carFino al 1977 esistevano anche in Gran Bretagna, benché fossero solo scompartimenti, non interi vagoni.
          • That one scrive:
            Re: In giappone sono fuori.
            Si, avevo sentito dire. Grazie. Comunque mi confermi che tali vagoni oggi sono a Tokio e non a Roma....Forse l'affermazione "il giappone è il paese con il numero minore assoluto di reati sessuali per popolazione" si riferisce al Giappone esclusi i mezzi pubblici. O forse l'avrà letta su qualche fumetto....
          • Leguleio scrive:
            Re: In giappone sono fuori.
            - Scritto da: That one
            Si, avevo sentito dire. Grazie.
            Comunque mi confermi che tali vagoni oggi sono a
            Tokio e non a
            Roma....

            Forse l'affermazione "il giappone è il paese con
            il numero minore assoluto di reati sessuali per
            popolazione" si riferisce al Giappone esclusi i
            mezzi pubblici.Ma no, se nei reati sessuali dovessimo annoverare anche il palpeggiamento sui mezzi pubblici...Normalmente si comprendono solo quelli più gravi: violenza sessuale, atti sessuali con minori, incesto, talvolta (ma è già esagerato così) atti osceni in luogo pubblico. Mettere nella statistica anche le "manomorte" di Tokyo falsa i risultati.
          • Sgabbio scrive:
            Re: In giappone sono fuori.
            Il vagone per sole donne è una delle grandi XXXXXte della storia recente.
          • Marco scrive:
            Re: In giappone sono fuori.
            - Scritto da: saverio_ve
            Tu hai perfettamente ragione...
            "A parte che non credo serve TOR per non farsi
            tracciare da facebook" tuttavia il tuo discorso è
            perfettamente
            legittimo.Infatti era un esempio (il primo che mi e' venuto in mente :P )
            Qui si discute però se è legittimo per la polizia
            chiedere di poter verificare del traffico che è
            passato per TOR sulla base di un'ipotesi di
            crimine. Tu avresti qualcosa in
            contrario?Si sono contrario, e ti spiego anche perche': se assodiamo che attraverso la rete sono veicolati i cosiddetti "dati sensibili" (chi di voi ha pensato alla DPS?), la domanda da porci sarebbe "E' giusto che, per seguire delle IPOTESI id reato (ovvero violo la privacy di persone innocenti fino a prova contraria), io leda la privacy delle persone. E fino a che punto?
            Molti qui non sanno che in Giappone non
            sussistono problemi di censura politica o
            ideologica di alcun tipo, mentre la pedofilia è
            una piaga
            devastante.Che la pedofila sia un problema in giappone, e' risaputo; ma torniamo al vecchio problema: cerco di colpire alla fonte il cancro o mi limito a inseguirli, colpendo i media di turno?
          • thebecker scrive:
            Re: In giappone sono fuori.
            - Scritto da: saverio_ve
            Tu hai perfettamente ragione...
            "A parte che non credo serve TOR per non farsi
            tracciare da facebook" tuttavia il tuo discorso è
            perfettamente
            legittimo.
            Qui si discute però se è legittimo per la polizia
            chiedere di poter verificare del traffico che è
            passato per TOR sulla base di un'ipotesi di
            crimine. Tu avresti qualcosa in
            contrario?
            Molti qui non sanno che in Giappone non
            sussistono problemi di censura politica o
            ideologica di alcun tipo, mentre la pedofilia è
            una piaga
            devastante.Se stanno seguendo un pista, e hanno le carte in regola per farsi dare dal giudice un mandato/procura per controllare, seguire alcune comunicazioni sulla rete TOR va bene. Ma l'articolo parla di bloccare un intera rete e basta. E come voler chiudere un autostrada per bloccare il contrabbando!
          • thebecker scrive:
            Re: In giappone sono fuori.
            - Scritto da: saverio_ve
            In paesi dove non sussiste il problema della
            persecuzione politica...
            SI.
            E comunque nessuno mi ha ancora risposto.Le minaccie possono arrivare pure da privati, se metti a conoscenza l'opinione pubblica di verità, informazioni "scomode". L'anonimato è un modo per tutelarsi e nessuno stato che si ritiene liberale può vietarlo. E non dirmi che ci pensa lo stato che mi viene da ridere.
          • aphex_twin scrive:
            Re: In giappone sono fuori.
            Perché mai dovrei far vedere che il mio IP é kazako , non ho problemi a far vedere il mio IP svizzero.Non ho nulla da nascondere ma se oggi volessi comprare armi, chiamare un sicario, comprare dell'LSD ci vado via TOR.
          • Trollollero scrive:
            Re: In giappone sono fuori.
            - Scritto da: aphex_twin
            Perché mai dovrei far vedere che il mio IP é
            kazako , non ho problemi a far vedere il mio IP
            svizzero.

            Non ho nulla da nascondere ma se oggi volessi
            comprare armi, chiamare un sicario, comprare
            dell'LSD ci vado via
            TOR.Che e' UNO DEI possibili usi di TOR, cosi' come UNO DEI possibili usi di una lama e' tagliar gole.Vietiamo tutte le lame e ingabbiamo tutti quelli che le possiedono ?
          • Voice of Reason scrive:
            Re: In giappone sono fuori.
            - Scritto da: Trollollero

            Che e' UNO DEI possibili usi di TOR, cosi' come
            UNO DEI possibili usi di una lama e' tagliar
            gole.
            Vietiamo tutte le lame e ingabbiamo tutti quelli
            che le possiedono
            ?Si possono vietare lame che non hanno nessuna utilità per il cittadino. Nessuno ha bisogno di possedere pugnali, coltelli da caccia o spade corte.Cominciamo a togliere di mezzo questi oggetti che NON SERVONO A NESSUNO SE NON AI MALFATTORI. Molte nazioni già lo fanno, altre stanno seguendo l'esempio.Nel Regno Unito si parla anche di vietare i coltelli da cucina dotati di punta acuminata, anche questo è un passo in avanti. E poi, quanti di noi hanno veramente bisogno di utensili del genere? Via, siamo seri.TOR non ha NESSUNA utilità per il comune cittadino. Qui NON siamo in una dittatura, NON c'è uno stato di polizia e NON ci sarà bisogno di mezzi del genere.Lo so, alcuni di voi sognano di vivere in una dittatura, per sentirsi eroi, per sentirsi importanti, perchè vorrebbero l'ammirazione che non riescono a guadagnarsi nella vita di tutti i giorni. Mi dispiace per voi ma giocherellare con programmi di anonimizzazione non cambierà niente. :) Potremmo anche lasciarvi fare se così facendo non agevolaste malviventi di ogni genere. Siccome le cose stanno diversamente, la società civile deve intervenire.
          • unaDuraLezione scrive:
            Re: In giappone sono fuori.
            contenuto non disponibile
          • Trollollero scrive:
            Re: In giappone sono fuori.
            - Scritto da: Voice of Reason
            - Scritto da: Trollollero



            Che e' UNO DEI possibili usi di TOR, cosi'
            come

            UNO DEI possibili usi di una lama e' tagliar

            gole.

            Vietiamo tutte le lame e ingabbiamo tutti
            quelli

            che le possiedono

            ?

            Si possono vietare lame che non hanno nessuna
            utilità per il cittadino. Nessuno ha bisogno di
            possedere pugnali, coltelli da caccia o spade
            corte.
            Ancora con 'sta solfa ?Basta una matita per ammazzare una persona.
            Cominciamo a togliere di mezzo questi oggetti che
            NON SERVONO A NESSUNO SE NON AI MALFATTORI. Molte
            nazioni già lo fanno, altre stanno seguendo
            l'esempio.Diffamazione, questa sconosciuta....
            Nel Regno Unito si parla anche di vietare i
            coltelli da cucina dotati di punta acuminata,
            anche questo è un passo in avanti. E poi, quanti
            di noi hanno veramente bisogno di utensili del
            genere? Via, siamo
            seri.Sono un cuoco discreto, senza coltelli appuntiti e affilati come la lardello la carne, a parolacce ?
            TOR non ha NESSUNA utilità per il comune
            cittadino. Qui NON siamo in una dittatura, NON
            c'è uno stato di polizia e NON ci sarà bisogno di
            mezzi del
            genere.Cosa e' utile per me lo decido io, non tu.
            Lo so, alcuni di voi sognano di vivere in una
            dittatura, per sentirsi eroi, per sentirsi
            importanti, perchè vorrebbero l'ammirazione che
            non riescono a guadagnarsi nella vita di tutti i
            giorni. Mi dispiace per voi ma giocherellare con
            programmi di anonimizzazione non cambierà niente.
            :)
            Potremmo anche lasciarvi fare se così facendo non
            agevolaste malviventi di ogni genere. Siccome le
            cose stanno diversamente, la società civile deve
            intervenire.Sinceramente non capisco quali problemi tu abbia o abbia avuto, perche' simili post non sembrano essere prodotti da una mente funzionante al 100%....
          • Trollollero scrive:
            Re: In giappone sono fuori.
            - Scritto da: Voice of Reason
            - Scritto da: Trollollero



            Che e' UNO DEI possibili usi di TOR, cosi'
            come

            UNO DEI possibili usi di una lama e' tagliar

            gole.

            Vietiamo tutte le lame e ingabbiamo tutti
            quelli

            che le possiedono

            ?

            Si possono vietare lame che non hanno nessuna
            utilità per il cittadino. Nessuno ha bisogno di
            possedere pugnali, coltelli da caccia o spade
            corte.

            Cominciamo a togliere di mezzo questi oggetti che
            NON SERVONO A NESSUNO SE NON AI MALFATTORI. Molte
            nazioni già lo fanno, altre stanno seguendo
            l'esempio.Diffamazione, questa sconosciuta.....Ah, a proposito: quali nazioni ?
            Nel Regno Unito si parla anche di vietare i
            coltelli da cucina dotati di punta acuminata,
            anche questo è un passo in avanti. E poi, quanti
            di noi hanno veramente bisogno di utensili del
            genere? Via, siamo
            seri.Spiegami come fare a lardellare l'arrosto senza bucare la carne, poi ne riparliamo....
            TOR non ha NESSUNA utilità per il comune
            cittadino. Qui NON siamo in una dittatura, NON
            c'è uno stato di polizia e NON ci sarà bisogno di
            mezzi del
            genere.Cosa e' utile per me lo decido io, di certo (per fortuna) non tu.
            Lo so, alcuni di voi sognano di vivere in una
            dittatura, per sentirsi eroi, per sentirsi
            importanti, perchè vorrebbero l'ammirazione che
            non riescono a guadagnarsi nella vita di tutti i
            giorni. Mi dispiace per voi ma giocherellare con
            programmi di anonimizzazione non cambierà niente.
            :)Ecco, fossi uno psicologo questo discorso potrebbe essere interessante.....
            Potremmo anche lasciarvi fare se così facendo non
            agevolaste malviventi di ogni genere. Siccome le
            cose stanno diversamente, la società civile deve
            intervenire.Se poi non saltasse fuori questo, che e' MOLTO piu' interessante.Parli di "noi" ("noi" chi ?) e "voi" ("voi" chi ?), dopodiche' passi ad un generico appello alla "societa' civile" che deve intervenire.Ecco, affermazioni del genere mi danno molto da pensare....
          • aphex_twin scrive:
            Re: In giappone sono fuori.
            - Scritto da: Trollollero
            Cosa e' utile per me lo decido io, di certo (per
            fortuna) non
            tu.E' quello che dice anche la Nord Corea e l'Iran per il nucleare, la pena di morte , l'arresto di oppositori politici, ecc...Fanno lo stesso identico discorso.
          • Trollollero scrive:
            Re: In giappone sono fuori.
            - Scritto da: aphex_twin
            - Scritto da: Trollollero

            Cosa e' utile per me lo decido io, di certo
            (per

            fortuna) non

            tu.

            E' quello che dice anche la Nord Corea e l'Iran
            per il nucleare, la pena di morte , l'arresto di
            oppositori politici,
            ecc...

            Fanno lo stesso identico discorso.Cos'e', la versione riveduta e corretta della legge di Godwin ?Ah gia', dimenticavo con chi ho a che fare.Scusa, 'turfer.
          • aphex_twin scrive:
            Re: In giappone sono fuori.
            Giustamente , senza argomenti, solo li potevi finire. :-o
          • Trollollero scrive:
            Re: In giappone sono fuori.
            - Scritto da: aphex_twin
            Giustamente , senza argomenti, solo li potevi
            finire.
            :-oCon chi scrive sotto dettatura solo li' si puo' finire
          • pescatore di tonni scrive:
            Re: In giappone sono fuori.
            Quindi in base al tuo ragionamento, non dovresti avere difficoltà a comunicarci pubblicamente il tuo nome, cognome, indirizzo, codice fiscale e numero di scarpe. Invece, come noi sfigati aspiranti eroi, te ne stai dietro uno pseudonimo.Quindi hai dei problemi con la logica, oppure sei un troll (o entrambe).
    • Luco, giudice di linea mancato scrive:
      Re: In giappone sono fuori.
      - Scritto da: Sgabbio
      E da un pò di anni, che il giappone fa vere e
      proprie leggi liberticide, creando il mal
      contento
      comunque.

      Adesso con varie scuse si cerca di fermare TOR ?
      Parliamo di un paese democratico, non della
      Siria, iran e compagna
      bella.Parliamo di un paese che discrimina i Burakumin ( http://it.wikipedia.org/wiki/Burakumin ) per non parlare degli Ainu ( http://it.wikipedia.org/wiki/Ainu ), che vieta l'ingresso agli stranieri in molti locali ( http://www.debito.org/roguesgallery.html ), che ha la pena di morte (e la applica http://www.astrangefruit.org/Documents/pdm-japan-forum90.pdf ) e il cui sistema giudiziario fa invidia alle peggiori pagine (es.scuola Diaz) del nostro ( http://esiliogiapponese.wordpress.com/2008/12/13/il-sistema-legale-giapponese-pt-1-%E6%97%A5%E6%9C%AC%E3%81%AE%E6%B3%95%E5%BE%8B/ e http://esiliogiapponese.wordpress.com/2009/07/27/turista-arrestato-in-giappone/ )
  • Leguleio scrive:
    Ex qualcosa
    " Dalla Siria all'ex-Persia, numerosi canali dell'infrastruttura a cipolla sono stati abbattuti... "Scrivere Iran era troppo chiaro, neh?!?Suggerimenti per i prossimi articoli di Mauro Vecchio:Ex Prussia (= i territori a nord della Germania)Ex Siam (= Thailandia)Ex Impero Ottomano (= Turchia)Ex Territorio degli Afar e degli Issa (= Gibuti)Ex Gallia (= Francia)Capiremo pochino, ma almeno studiamo la storia geopolitica. :-)
Chiudi i commenti