Smart working e sicurezza: come proteggere lavoro e privacy

Smart working e sicurezza: come proteggere lavoro e privacy

Perché non dovresti sottovalutare il rapporto tra smart working e sicurezza? Ecco tutti i pericoli e come rendere sicuro il tuo lavoro online.
Perché non dovresti sottovalutare il rapporto tra smart working e sicurezza? Ecco tutti i pericoli e come rendere sicuro il tuo lavoro online.

Lavorare online, attraverso smart working, può sembrare semplice a prima vista. Svolgere le proprie mansioni in questo modo però, è tutt'altro che facile.

Connettersi alla propria rete aziendale attraverso i propri dispositivi infatti, ha una serie di rischi. Questi variano dalla semplice privacy fino al vero e proprio furto di dati. Se già una Wi-Fi domestica è potenzialmente a rischio, i network lavorativi non sono da meno.

Basta una semplice distrazione, o un collega poco attento alla sicurezza, per causare danni ingenti alla propria azienda. Dunque, come agire per rendere il proprio lavoro sicuro e protetto anche quando si adotta una soluzione in ottica smart work?

Una VPN di qualità appare come il primo e decisivo passo per rendere il lavoro online sicuro e protetto da occhi indiscreti.

Una buona VPN è essenziale per lavorare online da casa

Le Virtual Private Network permettono di usufruire di una connessione protetta da crittografia e altri sistemi avanzati per schermare lo scambio dati e dunque rendere le operazioni online sicure.

Se questo tipo di strumento può essere considerato utile a livello domestico, lo è ancora di più quando si parla di lavoro. In questo modo infatti, non viene tutelato solo il lavoratore ma anche l'azienda per cui lavora.

In abbinamento a un firewall all'altezza della situazione, un'azienda può dunque rendere pressoché inespugnabile le proprie connessioni.

A livello pratico dunque, NordVPN è una delle migliori soluzioni possibili. Si tratta di uno strumento estremamente adattabile, capace di lavorare sia in ambiente Windows che su macOS, così come su Linux e sui principali sistemi operativi mobile (come Android e iOS).

La piena integrazione con i principali browser web disponibili online, come Chrome e Firefox, rende questo strumento altamente adattabile, capace di contrastare pressoché qualunque minaccia proveniente dalla rete.

A livello pratico, questa VPN permette di eliminare qualunque tipo di fastidio legato a tracker pubblicitari, adware e virus vari, andando a proteggere fino a 6 diversi dispositivi domestici.

Ma quanto costa NordVPN? Un altro punto forte di questo servizio è proprio nel prezzo: con una sottoscrizione biennale, è possibile usufruire del 72% di sconto, spendendo appena 2,92 euro al mese.

Con un piano di 12 mesi invece, lo sconto è più contenuto, essendo del 58%, permettendo dunque una spesa mensile di 4,36 euro per avere a disposizione questa VPN.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Questo articolo contiene link di affiliazione: acquisti o ordini effettuati tramite tali link permetteranno al nostro sito di ricevere una commissione.
04 01 2022
Link copiato negli appunti