SMS? Modificabili da remoto

Un nuovo sistemino sviluppato da Samsung consentirà di cancellare o modificare i messaggini già inviati. Per rimediare a digitazioni troppo frettolose


Roma – In molti si saranno talvolta morsi le dita subito dopo l’invio di un SMS, magari per essersi accorti di averlo spedito alla persona sbagliata o per aver commesso un’imperdonabile gaffe, magari scrivendo una frase poco felice. Quei tempi potrebbero essere finiti.

Stando a quanto riferito dai ricercatori di Samsung , infatti, è in arrivo una piccola rivoluzione basata sullo sviluppo di una nuova funzionalità per la quale hanno già inoltrato richiesta di brevetto e che potrebbe essere molto apprezzata dagli SMS-distratti…

Questa tecnologia, che potrebbe essere industrializzata a breve, permetterà al distratto latore del messaggio di inviare un comando verso il cellulare del destinatario affinché l’SMS venga cancellato dal suo telefono.

Due sono i presupposti affinché il sistema funzioni: innanzitutto i telefoni cellulari di chi spedisce e del destinatario devono essere compatibili con questa nuova funzionalità; in secondo luogo, ovviamente, è determinante la tempestività del mittente (o i riflessi tardivi di chi riceve l’SMS): se l’ignaro destinatario ha già ricevuto e letto il messaggio, questa grandiosa tecnologia sarà inutile e inutilizzabile.

Dario Bonacina

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Re: ALMENO LORO CI PROVANO
    L'america con lo Shuttle porta essere umani nella stazione spaziale, la russia con i suoi vettori soltato alimenti e strumentazione. Se esplode un vettore russo si contano solo i soldi persi, ma quando esplode uno shuttle in ballo ci sono pure vite umane.Mi pare giusto che quando nasce un problema come quello che è capitato allo shuttle, si debba fermarsi e capire cosa è successo per non perdere altre vite umane. Immagino che la vita di un equipaggio sia più importante o sbaglio ? Tieni a mente, che su la stazione staziale c'è un modulo per riportarli sulla terra in qualsiasi momento...quindi loro non sono mai stati in pericolo di vita.Possibile che si deve sempre criticare e mai vedere i motivi che possono esserci.
    • Anonimo scrive:
      Re: ALMENO LORO CI PROVANO
      -
      L'america con lo Shuttle porta essere umani nella
      stazione spaziale, la russia con i suoi vettori
      soltato alimenti e strumentazione. NoCon le progress portano alimenti e strumentazioniCon le soyuz portano il personaleAgganciata alla stazione spaziale c'è una soyuz pronta come navicella di emergenza.Roberto Vittori, l'astruonauta italiano è stato portato dalla Soyuz TMA-6 bartito da Baikonur
      • Anonimo scrive:
        Re: ALMENO LORO CI PROVANO
        Per essere precisi i russi utilizzano la soyuz, una navetta che vede i suoi natali negli anni '60.Il progetto originale è di quel genio, Korolov, che praticamente da solo stava dando filo da torcere agli americani nella corsa alla Luna.In tutta la storia di questa cosmonave le vittime sono state 4 (il primo, Komarov, ed altre tre per un problema al rientro..).Gli americani, con lo shuttle, hanno finora totalizzato 14 morti...Certamente...su uno shuttle il personale è più numeroso, ma a voi sembrerebbe sicuro far volare nello spazio un apparecchio che è stato costruito negli anni '80?
        • Chernobyl scrive:
          Re: ALMENO LORO CI PROVANO
          - Scritto da: Anonimo
          Per essere precisi i russi utilizzano la soyuz,
          una navetta che vede i suoi natali negli anni
          '60.
          Il progetto originale è di quel genio, Korolov,
          che praticamente da solo stava dando filo da
          torcere agli americani nella corsa alla Luna.
          In tutta la storia di questa cosmonave le vittime
          sono state 4 (il primo, Komarov, ed altre tre per
          un problema al rientro..).Eh gia', komarov e' dovuto rientrare quasi immediatamente perche' era quasi impossibile dare un assetto stabile alla soyuz. Peccato che al rientro non sono usciti i paracadute e Komarov si sia schiantato.Invece gli altri tre sono morti perche' l'atmosfera all'interno della navicella e' fuggita nello spazio. Sono morti per embolia. Spero per loro senza che avessero sentito qualcosa ...
          Gli americani, con lo shuttle, hanno finora
          totalizzato 14 morti...
          Certamente...su uno shuttle il personale è più
          numeroso, ma a voi sembrerebbe sicuro far volare
          nello spazio un apparecchio che è stato costruito
          negli anni '80?Il challenger e' esploso per problemi indipendenti dall'eta' della navetta.Per il columbia vai a http://caib.nasa.gov/
          • Anonimo scrive:
            Re: ALMENO LORO CI PROVANO
            Il Challenger è andato in fumo perchè fu fatto alzare in volo nonostante i reiterati appelli di alcuni ingegneri che avevano segnalato difetti alle guarnizioni dei booster a combustibile solido. Come tu ben saprai le basse temperature furono fatali a tali guarnizioni.Per quel che riguarda il Columbia... credo che sia lampante come la Nasa non abbia fatto assolutamente nulla per salvare il suo equipaggio.Non si tratta di un mio misero parere.Anche "Science" ha pubblicato un articolo con spiegazioni e possibili soluzioni che potevano essere attuate.Il mio discorso non riguardava solo la senescenza, ma anche l'obsolescenza delle navetta americane...Ma non dovevano volare nello spazio già da maggio?:-)
          • Anonimo scrive:
            Re: ALMENO LORO CI PROVANO
            bush ha detto che i soldi è meglio spenderli per le armi
  • Anonimo scrive:
    Salti fuori...
    ...l'acaro di PI che ha nascosto il satellite... avanti su... non siamo mica più all'asilo... uno scherzo è bello quando dura poco! :D
  • Anonimo scrive:
    Italiani sabotati?
    Vi ricordate il progetto italiano di ottenere energia dal moto dei pianeti?Un successo parziale che sarebbe stato completo senza quel sospetto sabotaggio al cavo.Non basta essere bravi e prevedere tutto ma occorre essere accorti poiche' le nazioni non vedono di buon occhio le scoperte tecnologiche delle nazioni concorrenti.Sopratutto una.... :|
    • Chernobyl scrive:
      Re: Italiani sabotati?
      - Scritto da: Anonimo
      Vi ricordate il progetto italiano di ottenere
      energia dal moto dei pianeti?
      Un successo parziale che sarebbe stato completo
      senza quel sospetto sabotaggio al cavo.Innanzitutto non hai capito il progetto ...Non era di ottenere energia dal moto dei pianeti, ma sfruttando le particelle cariche contenute nel campo magnetico della Terra.Non mi ricordo con precisione i motivi per cui il cavo si spezzo', ma si trattava di cazzate tecniche.E comunque l'esperimento riusci', infatti si riusci' a produrre una certa elettricita'
      Non basta essere bravi e prevedere tutto ma
      occorre essere accorti poiche' le nazioni non
      vedono di buon occhio le scoperte tecnologiche
      delle nazioni concorrenti.
      Sopratutto una.... :|Eh gia': la citta' del vaticano. Non vedono di buon'occhio le ricerche sulle cellule staminali ...
      • Anonimo scrive:
        Re: Italiani sabotati?
        - Scritto da: Chernobyl
        Non era di ottenere energia dal moto dei pianeti,
        ma sfruttando le particelle cariche contenute nel
        campo magnetico della Terra.Si`, e piu` precisamente il Tethered voleva tesaurizzare la differenza di potenziale fra la quota della navicella shuttle e la quota del satellite (piu` elevata), dovuta alla diversa velocita` delle particelle cariche.
        Non mi ricordo con precisione i motivi per cui il
        cavo si spezzo', ma si trattava di cazzate
        tecniche.Credo fu un difetto di fabbricazione in un punto del cavo.
        E comunque l'esperimento riusci', infatti si
        riusci' a produrre una certa elettricita'Gia`.
        Eh gia': la citta' del vaticano. Non vedono di
        buon'occhio le ricerche sulle cellule staminali
        ...Eh, si`, mica ti vorrai mettere contro la provvidenza divina, eh? Se hai il diabete te lo tieni: vuolsi cosi` cola` dove si puote cio` che si vuole, e piu` non dimandare...
        • Anonimo scrive:
          Re: Italiani sabotati?
          Il blocco del cavo fu dovuto al fatto che la società che realizzò l'argano di srotolamento e quella che lo montò sullo shuttle non comunicarono adeguatamente:l'impiego di un bullone troppo lungo bloccò la testa basculante che guidava lo strotolamento del cavo.Anche se furono srotolati solo 200 metri di cavo invece dei 20 km previsti, la missione risultò comunque un successo.
  • Anonimo scrive:
    sabotaggio ?????
    gia prima un satellite militareadesso anche questo pure per gli standard russi e un po poco quindi
    • Anonimo scrive:
      Re: sabotaggio ?????
      - Scritto da: Anonimo
      gia prima un satellite militare
      adesso anche questo pure per gli standard russi e
      un po poco quindiMa no, fatalità, hanno dimenticato di fare l'Attivazione Prodotto e Windows XP Space Disaster Edition è entrato in sciopero...
  • Anonimo scrive:
    Ci abbiam fatto un scherso...
    ...dato l'ingegnere russo voleva fare lo sborone, abbiam tolto il pannello a specchio per la spinta solare e abbiam montato il motore della Ferrari F399 ! :D
  • CountZero scrive:
    Re: ALMENO LORO CI PROVANO
    A dire il vero i russi han solo dato in affitto, ma la societa' che si occupa della missione e' interamente finanziata da privatiil Conte
  • Anonimo scrive:
    Ma c'e' o no?
    "La prima navicella a spinta solare non riesce a raggiungere l'orbita [...] potrebbe anche essere in orbita"
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma c'e' o no?
      - Scritto da: Anonimo
      "La prima navicella a spinta solare non riesce a
      raggiungere l'orbita [...] potrebbe anche essere
      in orbita"non lo sanno!!!!!!!!!!!
    • teddybear scrive:
      Re: Ma c'e' o no?
      - Scritto da: Anonimo
      "La prima navicella a spinta solare non riesce a
      raggiungere l'orbita [...] potrebbe anche essere
      in orbita"La prima navicella a spinta solare non riesce a raggiungere l'orbita prevista....Portrebbe essere anche in orbita (ma non su quella su cui volevamo metterla).Il che, accidenti, non e' mica facile. Mettere in orbita un oggetto significa fare giusti calcoli di massa, velocita' e traiettoria, mi pare quasi impossibile che un oggetto lanciato a caso si metta da solo in una traiettoria particolare con la giusta velocita' per non farlo partire per la tangente (o perlomeno in una spirale ascendente) oppure farlo cadere a terra...
  • Anonimo scrive:
    Bene! Alla fine c'e' una buona notizia..
    I lanciatori nucleari russi non sono cosi buoni...Come avevo già scritto questa mi era sembrata dall'inizio un'astuta mossa per testare con tranquillità un bel lancio di missile intercontinentale da un sottomarino senza far incaxxare troppo gli americani.Altrimenti non si spiegherebbe la follia di lanciare un missile da un sottomarino (non so, mi sembra molto piu pratico da terra, no?)Sarà mica che qualche "amico" straniero ha ritoccato qualche cosa del missile o ha interferito con la gestione del lancio? :-DA pensar male ci si azzecca SEMPRE
    • Bruco scrive:
      Re: Bene! Alla fine c'e' una buona notiz
      - Scritto da: Anonimo
      I lanciatori nucleari russi non sono cosi buoni...Per fortuna non ne hanno uno solo. Spero anche in quelli cinesi e nei prossimi iraniani. Per spedire satelliti intercontinentali, ovvaiemnte.
      • Funz scrive:
        Re: Bene! Alla fine c'e' una buona notiz

        Per fortuna non ne hanno uno solo. Spero anche in
        quelli cinesi e nei prossimi iraniani.

        Per spedire satelliti intercontinentali,
        ovvaiemnte.Certo, un bel 'satellite' intercontinentale con 'generatore' atomico, che per sbaglio o per fatalita' va a cascare guarda caso su Tel Aviv...e' questo quello a cui pensano i 'nostri' 'amici' iraniani.
    • Anonimo scrive:
      Re: Bene! Alla fine c'e' una buona notiz
      qualcuno, qualcuno che ne capisca un pco, o anche solo + di me, mi spiega perchè l'hanno lanciato da un sottomarino ??? con tutti i razzi di lancio della soyuz (mi scuso per lo spelling) che sono affidabili e hanno meccanismi di espulsione di sicurezza, usarne uno, no eh ?Uhm "perchè sott'acqua dentro un tubo di acciaio nn c'è dispositivo che ti faccia vedere cosa ci monti dentro"... chi HA PARLATO ?? e poi... cosa mai ci sarà (di pericoloso) su un sottomarino Russo ?... ... ... oh è fallito "IL satellite a vela..." "oh... l'abbiamo perso di vista...";)- Scritto da: Anonimo
      I lanciatori nucleari russi non sono cosi buoni...
      Come avevo già scritto questa mi era sembrata
      dall'inizio un'astuta mossa per testare con
      tranquillità un bel lancio di missile
      intercontinentale da un sottomarino senza far
      incaxxare troppo gli americani.
      Altrimenti non si spiegherebbe la follia di
      lanciare un missile da un sottomarino (non so, mi
      sembra molto piu pratico da terra, no?)

      Sarà mica che qualche "amico" straniero ha
      ritoccato qualche cosa del missile o ha
      interferito con la gestione del lancio? :-D

      A pensar male ci si azzecca SEMPRE
      • teddybear scrive:
        Re: Bene! Alla fine c'e' una buona notiz
        - Scritto da: Camp0s
        qualcuno, qualcuno che ne capisca un pco, o anche
        solo + di me, mi spiega perchè l'hanno lanciato
        da un sottomarino ??? con tutti i razzi di lancio
        della soyuz (mi scuso per lo spelling) che sono
        affidabili e hanno meccanismi di espulsione di
        sicurezza, usarne uno, no eh ?La domanda sarebbe. Perche' hanno usato un ex-missile nucleare. Il fatto di lanciarlo dal sottomarino e' ovvio. Erano questi le rampe di lancio ideali per quel tipo di missile, studiate ad hoc e con i giusti dispositivi di controllo.Perche' quel missile? Boh, forse perche' visto l'oggetto da inviare su, una soyuz era come usare una schiacciasassi per uccidere una formica. Le soyuz costano. Un missile e' gia' stato pagato...==================================Modificato dall'autore il 23/06/2005 16.12.06
    • Chernobyl scrive:
      Re: Bene! Alla fine c'e' una buona notiz
      - Scritto da: Anonimo
      I lanciatori nucleari russi non sono cosi buoni...Scusa, e l'Ariane 5 ?
      Come avevo già scritto questa mi era sembrata
      dall'inizio un'astuta mossa per testare con
      tranquillità un bel lancio di missile
      intercontinentale da un sottomarino senza far
      incaxxare troppo gli americani.
      Altrimenti non si spiegherebbe la follia di
      lanciare un missile da un sottomarino (non so, mi
      sembra molto piu pratico da terra, no?)Perche' follia ? Se utilizzi un sottomarino puoi lanciare il missile da dove vuoi. Ora, dato che Baikonur non e' vicino all'equatore come lo sono invece Cape Kennedy e la Guyana francese, le quali riescono a sfruttare la forza centrifuga generata dalla rotazione terrestre, conviene molto lanciare da un sottomarino.
      A pensar male ci si azzecca SEMPREA pensare male si rischia di dire un mucchio di scemenze, e tu non fai eccezione
    • Anonimo scrive:
      Re: Bene! Alla fine c'e' una buona notiz

      Altrimenti non si spiegherebbe la follia di
      lanciare un missile da un sottomarino (non so, mi
      sembra molto piu pratico da terra, no?)Costi hai un vettore bello che pronto e che per lo scopo originale non verrà mai usato.Inoltre con un punto di lancio mobile puoi ottimizzare il consumo di carburante del vettore nonchè posizionare il carico dove meglio ti aggrada.
    • Anonimo scrive:
      Re: Bene! Alla fine c'e' una buona notiz
      - Scritto da: Anonimo
      I lanciatori nucleari russi non sono cosi buoni...E' una pessima notizia, invece. Adesso chi nuclearizzera' i merdosi ammericani? :(
  • Anonimo scrive:
    velocità e accelerazione
    "La spinta iniziale che ne sarebbe derivata sarebbe stata minimale, nell'ordine di un decimo di millimetro al secondo, ma l'accelerazione sarebbe stata costante e progressiva."un decimo di millimetro al secondo... al secondo, ovvero al secondo quadro, suppongo :)
    • Anonimo scrive:
      Re: velocità e accelerazione
      - Scritto da: Anonimo
      "La spinta iniziale che ne sarebbe derivata
      sarebbe stata minimale, nell'ordine di un decimo
      di millimetro al secondo, ma l'accelerazione
      sarebbe stata costante e progressiva."

      un decimo di millimetro al secondo... al secondo,
      ovvero al secondo quadro, suppongo :)Supponi male l'accelerazione è costante o piuttosto diminuisce, spinta forse non è correttissimo ma comunque...
      • Funz scrive:
        Re: velocità e accelerazione
        - Scritto da: Anonimo
        - Scritto da: Anonimo

        "La spinta iniziale che ne sarebbe derivata

        sarebbe stata minimale, nell'ordine di un decimo

        di millimetro al secondo, ma l'accelerazione

        sarebbe stata costante e progressiva."



        un decimo di millimetro al secondo... al
        secondo,

        ovvero al secondo quadro, suppongo :)

        Supponi male l'accelerazione è costante o
        piuttosto diminuisce, spinta forse non è
        correttissimo ma comunque...Invece ha ragione lui, l'accelerazione si misura in m/s^2.Che poi sia sempre pari a 0,1 mm/s^2 o diminuisca col tempo e' un altro discorso :)
        • Anonimo scrive:
          Re: velocità e accelerazione
          Quoto e confermo
        • Anonimo scrive:
          Re: velocità e accelerazione
          Scusa l'accelerazione si misura in m/s^2 ma quello che volevo dire è che nell'articolo si parla della VELOCITA', non dell'accelerazione, anche se erroneamente si utilizza il termine spinta. Avete letto male la frase, probabilmente
    • Anonimo scrive:
      Re: velocità e accelerazione
      - Scritto da: Anonimo
      "La spinta iniziale che ne sarebbe derivata
      sarebbe stata minimale, nell'ordine di un decimo
      di millimetro al secondo, ma l'accelerazione
      sarebbe stata costante e progressiva."

      un decimo di millimetro al secondo... al secondo,
      ovvero al secondo quadro, suppongo :)giusto, secondo me però hanno scritto impropriamente accelerazione per dire invece "incrementa la velocità di..."
      • Anonimo scrive:
        Re: velocità e accelerazione
        - Scritto da: Anonimo
        giusto, secondo me però hanno scritto
        impropriamente accelerazione per dire invece
        "incrementa la velocità di..."si ma comunque sarebbe:incrementa la velocità di 1 km/h... ogni quanto? ogni secondo, ogni minuto, ogni ora? devi comunque specificare il lasso di tempo :)non volevo mettere i puntini sulle "i", ma dato che questo errore l'avevo già letto (non mi ricordo se qui o altrove) stavolta ho deciso di segnalarlo, anche perchè se si vuole fare articoli che vanno un po' fuori dal seminato rispetto all'argomento del sito va bene, però per lo meno si dicano le cose giuste :D
        • Anonimo scrive:
          Re: velocità e accelerazione
          Be' diciamo cosi':La spinta iniziale che ne sarebbe derivata sarebbe stata minimale, tale da provocare una accellerazione nell'ordine di un decimo di millimetro al secondo quadro, ma con tale accellerazione anche se mimima , l'aumento di velocità sarebbe stato costante e progressivo nel tempo.
    • Anonimo scrive:
      Re: velocità e accelerazione

      "La spinta iniziale che ne sarebbe derivata
      sarebbe stata minimale, nell'ordine di un decimo
      di millimetro al secondo, ma l'accelerazione
      sarebbe stata costante e progressiva."

      un decimo di millimetro al secondo... al secondo,
      ovvero al secondo quadro, suppongo :)No. La "spinta" è una forza e si misura in newton.Se intendi accelerazione allora è m/s^2.Tale valore è indipendente dalla distanza dal sole.
      • Anonimo scrive:
        Re: velocità e accelerazione

        Se intendi accelerazione allora è m/s^2.
        Tale valore è indipendente dalla distanza dal
        sole. ????e di quella dalla Luna?
  • Anonimo scrive:
    Azz, che bravi
    se la sono persa! Ok, non che sia facile tenere d'occhio un oggetto tanto distante dalla terra, ma avrà avuto un sistema telemetrico quel missile, cioè neanche hanno capito se puntava a salire o a scendere...Cmq non dovrebbe presentare grossi rischi: se non è progettata per il rientro in atmosfera dovrebbe incenerirsi, specie contando che nel caso di "orbita impazzita" l'angolo di rientro difficilmente sarà quello ottimale, generando massicci attriti.Infine mi chiedo: ma che bisogno c'era di lanciarla da un sommergibile? Mica era un progetto super-segreto. Magari da un cosmodromo tradizionale tipo Baikonur avrebbero avuto un controllo migliore della situazione, perlomeno visivo essendo posti pressappoco sulla verticale di salita.
    • Anonimo scrive:
      Re: Azz, che bravi
      Se e` grossina, o molto compatta, nonostante gli attriti non vorrei trovarmi nel punto d'impatto.Il lancio probabilmente l'hanno fatto da un sottomarino non perche` fosse segreta, ma perche` costa meno.
    • Anonimo scrive:
      Re: Azz, che bravi
      Il vettore usato per il tentativo di messa in orbita è un missile tattico con possibilità di montare testate nucleari.Hanno quantità industriali di questi missili in deterioramento che cercano di utilizzare sui mercati civili per evitare di doverli distruggere o, peggio, di doverseli tenere sui sommergibili con problemi di sicurezza durante le esercitazioni (vedi kursk...)Lanciare da Baikonur un carico così piccolo avrebbe richiesto comunque un vettore di un certo tipo (magari non la soyuz ma qualcosa del genere) con i relativi costi di messa in orbita.Fornendo un missile tattico (anzi due, tutti malfunzionanti), i militari speravano di racimolare qualche rublo, di bruciare qualche ferrovecchio e nello stesso tempo di dare dimostrazione di forza riguardo la tecnologia militare russa.Niente di tutto questo invece.Riguardo alla telemetria...che telemetria vuoi che ci sia su un missile tattico? l'indispensabile, anzi magari parte dell'elettronica è stata rimossa e utilizzata come ricambio.Peccato! Speriamo nella prossima
      • Anonimo scrive:
        Re: Azz, che bravi
        - Scritto da: Anonimo
        Il vettore usato per il tentativo di messa in
        orbita è un missile tattico con possibilità di
        montare testate nucleari.Ops, questa non la sapevo!
        Fornendo un missile tattico (anzi due, tutti
        malfunzionanti), i militari speravano di
        racimolare qualche rublo, di bruciare qualche
        ferrovecchio e nello stesso tempo di dare
        dimostrazione di forza riguardo la tecnologia
        militare russa.Direi che invece ci hanno fatto la figura dei peracottai...
        Riguardo alla telemetria...che telemetria vuoi
        che ci sia su un missile tattico?
        l'indispensabile, anzi magari parte
        dell'elettronica è stata rimossa e utilizzata
        come ricambio.Sono tremendamente d'accordo. Ok, diciamo che hanno tirato al risparmio...effettivamente un po' se la sono cercata però. Quei missili (presumo gli SS18 o successivi) sono vecchi di 15-20 anni circa e dubito che abbiano avuto molta manutenzione ultimi tempi.
  • Mazinga@ scrive:
    Mi cascasse in giardino...
    Mi farebbe proprio comodo un pannello solare del genere... 8)
    • Anonimo scrive:
      Re: Mi cascasse in giardino...
      - Scritto da: Mazinga@
      Mi farebbe proprio comodo un pannello solare del
      genere... 8)non e' un pannello solare. e' uno specchio.
      • Anonimo scrive:
        Re: Mi cascasse in giardino...
        In realtà sarà un telone di alluminio... non che non possa fare comodo in certi casi eh :) Semmai, se dovesse cadere tutto d' un pezzo sul MIO di giardino, io avrei paura della voragine che mi scaverebbe.
        • Anonimo scrive:
          Re: Mi cascasse in giardino...
          - Scritto da: Matthew Reed
          MIO di giardino, io avrei paura della voragine
          che mi scaverebbe.In compenso puoi rivenderlo su eBay a qualche migliaio di euro. C'è un sacco di gente strana che collezziona spazzatura che cade dal cielo a questo mondo ;)
          • Anonimo scrive:
            Re: Mi cascasse in giardino...
            - Scritto da: Wakko Warner
            - Scritto da: Matthew Reed

            MIO di giardino, io avrei paura della voragine

            che mi scaverebbe.

            In compenso puoi rivenderlo su eBay a qualche
            migliaio di euro. C'è un sacco di gente strana
            che collezziona spazzatura che cade dal cielo a
            questo mondo ;)Mi hai dato un'idea niente male...
          • Anonimo scrive:
            Re: Mi cascasse in giardino...
            Beh i meteoriti non sono spazzatura tanto per dirne una... certo che bisogna essere in grado di distinguere un meteorite da un troccolo qualunque.
          • Anonimo scrive:
            Re: Mi cascasse in giardino...
            - Scritto da: Matthew Reed
            certo che bisogna essere in grado di
            distinguere un meteorite da un troccolo
            qualunque.E su ebay dici che si distingue? ;)
        • teddybear scrive:
          Re: Mi cascasse in giardino...
          - Scritto da: Matthew Reed
          In realtà sarà un telone di alluminio... non che
          non possa fare comodo in certi casi eh :)
          Semmai, se dovesse cadere tutto d' un pezzo sul
          MIO di giardino, io avrei paura della voragine
          che mi scaverebbe.Una bella voragine, un bel telo di alluminio...se stendi il telo sulla voragine, lo riempi d'acqua ed hai una piscina riscaldata a gratis.
      • gerry scrive:
        Re: Mi cascasse in giardino...
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Mazinga@

        Mi farebbe proprio comodo un pannello solare del

        genere... 8)

        non e' un pannello solare. e' uno specchio.Allora sono sette anni di sfiga garantita per i russi ;)
  • Anonimo scrive:
    In sintesi...
    ...c'è un mattone volante da qualche parte che potrebbe caderci in testa in qualunque momento.Che bella sensazione...
    • Anonimo scrive:
      Re: In sintesi...
      Non dovresti preoccuparti di quello che sai che c'è ma non sai dov'è, ma piuttosto di quelli che non sai che ci sono.
      • Anonimo scrive:
        Re: In sintesi...
        - Scritto da: Anonimo
        Non dovresti preoccuparti di quello che sai che
        c'è ma non sai dov'è, ma piuttosto di quelli che
        non sai che ci sono.Bé, è meglio preoccuparsi un po' di tutto, no? ;)
    • Anonimo scrive:
      Re: In sintesi...
      - Scritto da: Wakko Warner
      ...c'è un mattone volante da qualche parte che
      potrebbe caderci in testa in qualunque momento.

      Che bella sensazione...Ci sono almeno due decine di reattori nucleari ex-urss sulla nostra testa: i famosi RORSAT. Dopo l'uso il nocciolo veniva espulso e portato in un orbita alta per spostare il problema fra qualche centinaio di anni (non sto scherzando) cioè quando ci ritorneranno sulla testa pezzi di Plutonio. Se ricordi, uno di questi è andato a finire in Canada inquinando una vasta area con Plutonio...ma poteva anche cadere in piazza San Pietro...o a New York. che bellezza!
      • Anonimo scrive:
        Re: In sintesi...
        Senza contare cose di casa, tipo "flush" bagni aereo formato ghiacciolo gigante... bleeaahhhhRicordate ? ne è crashato uno l'anno scorso su un'auto in corsa... povera signora, i pompieri si rifiutavano di avvicinarsi alla macchina...:'(
      • Chernobyl scrive:
        Re: In sintesi...
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Wakko Warner

        ...c'è un mattone volante da qualche parte che

        potrebbe caderci in testa in qualunque momento.



        Che bella sensazione...

        Ci sono almeno due decine di reattori nucleari
        ex-urss sulla nostra testa: i famosi RORSAT. Dopo
        l'uso il nocciolo veniva espulso e portato in un
        orbita alta per spostare il problema fra qualche
        centinaio di anni (non sto scherzando) cioè
        quando ci ritorneranno sulla testa pezzi di
        Plutonio. Se ricordi, uno di questi è andato aIl problema non viene spostato di qualche centinaio d'anni, ma di qualche migliaio di anni, dando cosi' il tempo che la maggior parte delle sostanze radioattive decada, diventando innocua.
        finire in Canada inquinando una vasta area con
        Plutonio...ma poteva anche cadere in piazza San
        Pietro...o a New York. che bellezza!E' piu' probabile che cada su un'oceano. E comunque la terra non e' cosi' densamente popolata. Se riunissimo tutte le persone, facendone stare 5 per metro quadro, si dovrebbe occupare una superficie grande circa come l'Italia. Cioe' molto poco
        • Anonimo scrive:
          Re: In sintesi...
          Si tratta di plutonio inogni caso, sai che significa?
          • Chernobyl scrive:
            Re: In sintesi...
            - Scritto da: Matthew Reed
            Si tratta di plutonio inogni caso, sai che
            significa?Il plutonio ha un tempo di dimezzamento di 24 mila anni.Se portato ad opportune orbite, prima che ritorni sulla terra puo' diminuire la sua radioattivita' 100-1000 volte, diventando normale piombo.
Chiudi i commenti