Snowden, lavori di sicurezza in corso

Il protagonista del Datagate chiama a raccolta le energie creatrici della community e dice di volersi spendere in prima persona per la creazione di tecnologie crittografiche a prova di tecnocontrollo. Perché il Datagate è solo l'inizio

Roma – Intervenendo dal suo esilio forzato in Russia, Edward Snowden annuncia di voler lavorare a nuove tecnologie crittografiche in grado di complicare la vita alle attività di spionaggio messe in pratica dalla NSA e dalle altre agenzie di intelligence del mondo.

L’ex-analista della CIA, che con le sue rivelazioni ha dato origine allo scandalo del Datagate , parla in telepresenza alla conferenza Hackers On Planet Earth (HOPE) e chiama a raccolta i “colleghi” per “migliorare il futuro codificando i nostri diritti nei programmi e nei protocolli su cui facciamo affidamento ogni giorno”.

Snowden rivela di voler agire in prima persona in tal senso, dedicando una parte significativa del suo lavoro futuro proprio alla realizzazione di nuove tecnologie anti-spionaggio da mettere a disposizione di tutti.

E non si tratta solo di contrastare il tecnocontrollo a opera della NSA o del “collaborazionismo” delle grandi corporazioni di rete come Facebook che consegnano celermente gli enormi archivi di dati a loro disposizione dietro espressa richiesta del governo, avverte Snowden.

Il cittadino americano che non ritorna in patria perché non ha alcuna speranza di potersi avvalere del suo diritto costituzionale a un giusto processo definisce il mondo di oggi come molto più pericoloso di quanto George Orwell abbia immaginato nella sua celebre distopia letteraria.

Gli ex-responsabili del Dipartimento di Stato USA che non vogliono fare la fine di Snowden – braccato, esiliato e sotto minaccia perenne con l’accusa di essere un pericolo per la sicurezza nazionale – lanciano nuovi allarmi sulle attività dell’intelligence statunitense non connesse al Datagate, evocando ancora una volta il famigerato Ordine Esecutivo 12333 firmato dal presidente Ronald Reagan nel 1981 che consente di intercettare senza freni anche i cittadini USA.

Il tecncontrollo a stelle e strisce è insomma pratica comune e quotidiana, il minimo che si possa aspettare da un paese dove le liste di “sospetti terroristi” sono letteralmente esplose – senza verifiche pubbliche o la possibilità di vedere il proprio nome rimosso dalla colonna infame dei nemici dello stato – passando dai 227mila nomi del 2009 al milione e mezzo di oggi.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Voice of Reason scrive:
    Falsi problemi
    Invece di preoccuparsi di chi scarica, si perfezioni il sistema di filtri, lo si renda obbligatorio per TUTTI gli ISP e si renda impossibile l'opt-out.Ci sono cose più importanti della difesa del copyright, che va invece riformato. Si pensi invece a difendere la Società Civile.
    • krane scrive:
      Re: Falsi problemi
      - Scritto da: Voice of Reason
      Invece di preoccuparsi di chi scarica, si
      perfezioni il sistema di filtri, lo si renda
      obbligatorio per TUTTI gli ISP e si renda
      impossibile l'opt-out.
      Ci sono cose più importanti della difesa del
      copyright, che va invece riformato. Si pensi
      invece a difendere la Società Civile.E gia ! E poi come fanno a rubare ?
    • Pianeta Video scrive:
      Re: Falsi problemi
      - Scritto da: Voice of Reason
      Invece di preoccuparsi di chi scarica, si
      perfezioni il sistema di filtri, lo si renda
      obbligatorio per TUTTI gli ISP e si renda
      impossibile
      l'opt-out.
      Ci sono cose più importanti della difesa del
      copyrightQuesto lo dici tu! @^
    • cicciobello scrive:
      Re: Falsi problemi
      Dici una XXXXXXX, se i dati sono cifrati i filtri non possono distinguerli.
  • Etype scrive:
    HADOPI flop
    " I netizen i cui indirizzi IP vengano rastrellati da uno soggetto indipendente sulle reti P2P, intenti a condividere ripetutamente contenuti protetti da diritto d'autore, saranno raggiunti da notifiche nelle quali si segnala l'avvenuta violazione, insieme a suggerimenti volti a convertire l'utente all'offerta legale"Ma ancora ?Ma se uno scarica un contenuto illegalmente è perchè non può o non vuole pagarlo.Tutti quelli che lo fanno non andrebbero mai a spendere i soldi per l'acquisto,il danno è zero.Si è più volte sottolineato l'inutilità di tali misure.
    • Carlo scrive:
      Re: HADOPI flop
      Gran bel ragionamento fai! Dai che veniamo tutti a casa tua a rubare la tua roba e vediamo se il danno è pari allo zero!
      • krane scrive:
        Re: HADOPI flop
        - Scritto da: Carlo
        Gran bel ragionamento fai! Dai che veniamo tutti
        a casa tua a rubare la tua roba e vediamo se il
        danno è pari allo zero!Vedi che fai confusione tra sottrazione e copia ?Non serve neanche che vai a casa sua, lui puoi scansionare la sua roba e tu da casa tua te la stampi con una stampante 3D.Guarda, copiati pure le mie sedie: http://bitsandparts.org/#downloadoppure perche' non il mio servizio da te ? Ti piace ? Eccolo: http://www.turbosquid.com/3d-models/set-teapots-cup-tea-3ds-free/415417
        • Carlo scrive:
          Re: HADOPI flop
          Il mondo è pieno di matti, e voi due qua sopra ne siete una dimostrazione vivente. Ma cosa scrivo a fare in questa fognatura filo-ladri?
          • unaDuraLezione scrive:
            Re: HADOPI flop
            - Scritto da: Carlo
            ladri?« Indipendentemente da ogni altra argomentazione, è inevitabile considerare che la copiatura dei files da CD o da HD (compact-disk o hard-disk) in altro non consiste se non in una "duplicazione" di tali files (analoga al risultato di un procedimento fotografico, se pure tecnicamente cosa ben diversa), tanto che i files in possesso del detentore del CD o del computer sul quale sia installato l'hard-disk contenenti i files (omissis) rimangono memorizzati sul medesimo supporto sul quale si trovavano , mentre di essi il soggetto, presunto agente nel reato di furto, entra in possesso di una copia, senza che la precedente situazione di fatto (e giuridica) venga modificata a danno del soggetto già possessore di tali files. »(Corte di Cassazione, Sezione IV Penale, 13 novembre 2003 (dep. 29 gennaio 2004), n. 3449 (2110/2003))« Deve ritenersi la insussistenza del contestato reato di furto, condividendo il Collegio il principio già espresso da questa Corte secondo cui è da escludere la configurabilità del reato di furto nel caso di semplice copiatura non autorizzata di "files" contenuti in un supporto informatico altrui, non comportando tale attività la perdita del possesso della "res" da parte del legittimo detentore ... (omissis)... i dati e le informazioni non sono compresi nel concetto, pur ampio, di "cosa mobile"... (omissis) la sottrazione di dati quando non si estenda ai supporti materiali su cui i dati sono impressi altro non è che una "presa di conoscenza" di notizie, ossia un fatto intellettivo, rientrante, se del caso, nella violazione dei segreti »(Corte di Cassazione, Sezione IV Penale, 26 ottobre 2010 (dep. 21 dicembre 2010), n. 44840)
          • krane scrive:
            Re: HADOPI flop
            - Scritto da: unaDuraLezione
            - Scritto da: Carlo
            (analoga al risultato di un procedimento
            fotografico, se pure tecnicamente cosa
            ben diversa)Ma e' il solito discordo del selvaggio baluba con la sveglia al collo che ha paura che le foto gli rubano l'anima.http://immaginiinazione.wordpress.com/2013/05/23/la-fotografia-ruba-lanima/comment-page-1/
          • krane scrive:
            Re: HADOPI flop
            Ma che c'entra con il tread il discorso sui matti ?http://www.drzap.it/matti.htm
          • Joe Tornado scrive:
            Re: HADOPI flop
            Eh, si vede che non sai come buttare il tempo, dietro quel bancone polveroso !
          • axl scrive:
            Re: HADOPI flop
            - Scritto da: Joe Tornado
            Eh, si vede che non sai come buttare il tempo,
            dietro quel bancone polveroso
            !nooo ha chiuso !!! ahahahaha
          • stronzolo scrive:
            Re: HADOPI flop
            Perché tu caro furbone quando ti rechi in un negozio di dischi (esistono ancora?) pensi di acquistare il "master" originale? O non è forse anche quella una copia?Rifletti prima di parlare.
      • unaDuraLezione scrive:
        Re: HADOPI flop
        contenuto non disponibile
        • krane scrive:
          Re: HADOPI flop
          - Scritto da: unaDuraLezione
          - Scritto da: Carlo

          rubare



          « Indipendentemente da ogni altra
          argomentazione, è inevitabile considerare che la
          copiatura dei files da CD o da HD (compact-disk o
          hard-disk) in altro non consiste se non in una
          "duplicazione" di tali files (analoga al
          risultato di un procedimento fotografico, se pure
          tecnicamente cosa ben diversa), tanto che i files
          in possesso del detentore del CD o del computer
          sul quale sia installato l'hard-disk contenenti i
          files (omissis) rimangono memorizzati sul
          medesimo supporto sul quale si trovavano , mentre
          di essi il soggetto, presunto agente nel reato di
          furto, entra in possesso di una copia, senza che
          la precedente situazione di fatto (e giuridica)
          venga modificata a danno del soggetto già
          possessore di tali files.
          »
          (Corte di Cassazione, Sezione IV Penale, 13
          novembre 2003 (dep. 29 gennaio 2004), n. 3449
          (2110/2003))

          « Deve ritenersi <b
          la insussistenza
          del contestato reato di furto </b
          ,
          condividendo il Collegio il principio già
          espresso da questa Corte secondo cui è da
          escludere la configurabilità del reato di furto
          nel caso di semplice copiatura non autorizzata di
          "files" contenuti in un supporto informatico
          altrui, non comportando tale attività la perdita
          del possesso della "res" da parte del legittimo
          detentore ... (omissis)... i dati e le
          informazioni non sono compresi nel concetto, pur
          ampio, di "cosa mobile"... (omissis) la
          sottrazione di dati quando non si estenda ai
          supporti materiali su cui i dati sono impressi
          altro non è che una "presa di conoscenza" di
          notizie, ossia un fatto intellettivo, rientrante,
          se del caso, nella violazione dei segreti
          »
          (Corte di Cassazione, Sezione IV Penale, 26
          ottobre 2010 (dep. 21 dicembre 2010), n.
          44840)Credo che solo una denuncia per diffamazione potrebbe convincerlo, pensiamoci !
          • Allibito scrive:
            Re: HADOPI flop
            - Scritto da: krane
            - Scritto da: unaDuraLezione

            - Scritto da: Carlo


            rubare







            « Indipendentemente da ogni altra

            argomentazione, è inevitabile considerare
            che
            la

            copiatura dei files da CD o da HD
            (compact-disk
            o

            hard-disk) in altro non consiste se non in
            una

            "duplicazione" di tali files (analoga al

            risultato di un procedimento fotografico, se
            pure

            tecnicamente cosa ben diversa), tanto che i
            files

            in possesso del detentore del CD o del
            computer

            sul quale sia installato l'hard-disk
            contenenti
            i

            files (omissis) rimangono memorizzati sul

            medesimo supporto sul quale si trovavano ,
            mentre

            di essi il soggetto, presunto agente nel
            reato
            di

            furto, entra in possesso di una copia, senza
            che

            la precedente situazione di fatto (e
            giuridica)

            venga modificata a danno del soggetto già

            possessore di tali files.

            »

            (Corte di Cassazione, Sezione IV Penale, 13

            novembre 2003 (dep. 29 gennaio 2004), n. 3449

            (2110/2003))



            « Deve ritenersi <b
            la
            insussistenza

            del contestato reato di furto </b
            ,

            condividendo il Collegio il principio già

            espresso da questa Corte secondo cui è da

            escludere la configurabilità del reato di
            furto

            nel caso di semplice copiatura non
            autorizzata
            di

            "files" contenuti in un supporto informatico

            altrui, non comportando tale attività la
            perdita

            del possesso della "res" da parte del
            legittimo

            detentore ... (omissis)... i dati e le

            informazioni non sono compresi nel concetto,
            pur

            ampio, di "cosa mobile"... (omissis) la

            sottrazione di dati quando non si estenda ai

            supporti materiali su cui i dati sono
            impressi

            altro non è che una "presa di conoscenza" di

            notizie, ossia un fatto intellettivo,
            rientrante,

            se del caso, nella violazione dei segreti

            »

            (Corte di Cassazione, Sezione IV Penale, 26

            ottobre 2010 (dep. 21 dicembre 2010), n.

            44840)


            Credo che solo una denuncia per diffamazione
            potrebbe convincerlo, pensiamoci
            !E' solo un nome diverso dato al reato, ma il reato esiste, mi pare...
          • unaDuraLezione scrive:
            Re: HADOPI flop
            contenuto non disponibile
          • Un signore scrive:
            Re: HADOPI flop

            qui sei scappato senza rispondere:
            http://punto-informatico.it/b.aspx?i=4100446&m=410Vizietto che l'amico ha sempre avuto anche quando usava il suo vero nome.
          • krane scrive:
            Re: HADOPI flop
            - Scritto da: Allibito

            Credo che solo una denuncia per diffamazione

            potrebbe convincerlo, pensiamoci !
            E' solo un nome diverso dato al reato, ma il
            reato esiste, mi pare...Ok, appena prendi una multa per divieto di sosta corro a dire a tutto il vicnato che sei stato arrestato per pedofilia, tanto e' la stessa cosa no ?
          • panda rossa scrive:
            Re: HADOPI flop
            - Scritto da: krane
            - Scritto da: Allibito



            Credo che solo una denuncia per
            diffamazione


            potrebbe convincerlo, pensiamoci !


            E' solo un nome diverso dato al reato, ma il

            reato esiste, mi pare...

            Ok, appena prendi una multa per divieto di sosta
            corro a dire a tutto il vicnato che sei stato
            arrestato per pedofilia, tanto e' la stessa cosa
            no
            ?Non c'e' bisogno della multa, basta il sospetto.Basta uno che strilla "Hanno parcheggiato davanti al passo carraio!" e non devi neppure verificare.Ordini un fermo amministrativo dei veicoli di tutta la via con procedura d'urgenza e buonanotte.
          • panda rossa scrive:
            Re: HADOPI flop
            - Scritto da: Allibito
            E' solo un nome diverso dato al reato, ma il
            reato esiste, mi
            pare...Quale parte di "SCARICARE NON E' REATO" non ti e' chiara?Avete voluto la legge, l'avete dettata, e' stata interpretata da piu' sentenze, c'e' pure quella della cassazione.Che altro vuoi?
          • Joe Tornado scrive:
            Re: HADOPI flop
            Vuole i soldi; tutto il resto è un paravento.
          • ... scrive:
            Re: HADOPI flop
            - Scritto da: Joe Tornado
            Vuole i soldi; tutto il resto è un para vento XXXX.Fixed. ;)
          • panda rossa scrive:
            Re: HADOPI flop
            - Scritto da: Joe Tornado
            Vuole i soldi; tutto il resto è un paravento.Mica e' un autore, lui.
        • Allibito scrive:
          Re: HADOPI flop
          - Scritto da: unaDuraLezione
          - Scritto da: Carlo

          rubare



          « Indipendentemente da ogni altra
          argomentazione, è inevitabile considerare che la
          copiatura dei files da CD o da HD (compact-disk o
          hard-disk) in altro non consiste se non in una
          "duplicazione" di tali files (analoga al
          risultato di un procedimento fotografico, se pure
          tecnicamente cosa ben diversa), tanto che i files
          in possesso del detentore del CD o del computer
          sul quale sia installato l'hard-disk contenenti i
          files (omissis) rimangono memorizzati sul
          medesimo supporto sul quale si trovavano , mentre
          di essi il soggetto, presunto agente nel reato di
          furto, entra in possesso di una copia, senza che
          la precedente situazione di fatto (e giuridica)
          venga modificata a danno del soggetto già
          possessore di tali files.
          »
          (Corte di Cassazione, Sezione IV Penale, 13
          novembre 2003 (dep. 29 gennaio 2004), n. 3449
          (2110/2003))

          « Deve ritenersi <b
          la insussistenza
          del contestato reato di furto </b
          ,
          condividendo il Collegio il principio già
          espresso da questa Corte secondo cui è da
          escludere la configurabilità del reato di furto
          nel caso di semplice copiatura non autorizzata di
          "files" contenuti in un supporto informatico
          altrui, non comportando tale attività la perdita
          del possesso della "res" da parte del legittimo
          detentore ... (omissis)... i dati e le
          informazioni non sono compresi nel concetto, pur
          ampio, di "cosa mobile"... (omissis) la
          sottrazione di dati quando non si estenda ai
          supporti materiali su cui i dati sono impressi
          altro non è che una "presa di conoscenza" di
          notizie, ossia un fatto intellettivo, rientrante,
          se del caso, nella violazione dei segreti
          »
          (Corte di Cassazione, Sezione IV Penale, 26
          ottobre 2010 (dep. 21 dicembre 2010), n.
          44840)A parte il fatto che citi una sentenza e non una legge, molti la pensano in maniera opposta e il dibattito è ancora aperto. Equipararlo al furto aggrava la pena, ma non farlo non è che assolva, ci sarà una pena minore ma sempre una pena.
      • Un signore scrive:
        Re: HADOPI flop
        - Scritto da: Carlo
        Gran bel ragionamento fai! Dai che veniamo tutti
        a casa tua a rubare la tua roba e vediamo se il
        danno è pari allo
        zero!http://www.youtube.com/watch?v=IeTybKL1pM4
      • cicciobello scrive:
        Re: HADOPI flop
        Se dopo che sei passato la roba è ancora lì, il danno è zero.
      • Etype scrive:
        Re: HADOPI flop
        - Scritto da: Carlo
        Gran bel ragionamento fai! Dai che veniamo tutti
        a casa tua a rubare la tua roba e vediamo se il
        danno è pari allo
        zero!Dove hai letto la parola rubare ?Faccio un esempio: navigo su internet,m'imbatto su un mp3 che mi piace e lo scarico.No ho rubato nulla,non c'è sottrazione di materiale,neanche sul server.Un pò come girando per strada e trovi una banconota da 50 Euro per terra,non la raccogli ? Rintracci il proprietario ? :D la BCE fallisce ? :D
    • Allibito scrive:
      Re: HADOPI flop
      - Scritto da: Etype
      " I netizen i cui indirizzi IP vengano
      rastrellati da uno soggetto indipendente sulle
      reti P2P, intenti a condividere ripetutamente
      contenuti protetti da diritto d'autore, saranno
      raggiunti da notifiche nelle quali si segnala
      l'avvenuta violazione, insieme a suggerimenti
      volti a convertire l'utente all'offerta
      legale"

      Ma ancora ?

      Ma se uno scarica un contenuto illegalmente è
      perchè non può o non vuole pagarlo.Tutti quelli
      che lo fanno non andrebbero mai a spendere i
      soldi per l'acquisto,il danno è
      zero.

      Si è più volte sottolineato l'inutilità di tali
      misure.C'è una via d'uscita, non compri e ...non vedi. nessuno vuole costringere a comprare film.
      • unaDuraLezione scrive:
        Re: HADOPI flop
        contenuto non disponibile
      • krane scrive:
        Re: HADOPI flop
        - Scritto da: Allibito
        - Scritto da: Etype

        Si è più volte sottolineato l'inutilità di tali

        misure.
        C'è una via d'uscita, non compri e ...non vedi.
        nessuno vuole costringere a comprare film.Tranquillo che sta andando proprio cosi', anzi i peggio scariconi che conoscevo sono i primi a far notare che la qualita' e' in continua discesa.
      • Un signore scrive:
        Re: HADOPI flop

        C'è una via d'uscita, non compri e ...non vedi.
        nessuno vuole costringere a comprare
        film.Invece tu vuoi costringere a non vederli se non si comprano il che è sbagliato e infatti non ci riesci.
      • cicciobello scrive:
        Re: HADOPI flop
        E con che diritto dici che non possiamo vederlo? A casa propria ognuno guarda quello che gli pare.
Chiudi i commenti