Sony scatta con Alpha37 e NEX-F3

Ormai le reflex sono una rarità. Senza specchio o con specchio traslucido, l'importante è tenere basso il costo

Roma – Tra giugno e luglio arriveranno due nuove possibilità di scelta per chi intende muovere i primi passi nel segmento delle fotocamere con obiettivo intercambiabile. Sony ha appena lanciato ufficialmente la Alpha A37 e la Alpha NEX-F3 , macchine dal prezzo entry-level (intorno ai 600 dollari) con caratteristiche di tutto rispetto.

Il sensore CMOS utilizzato è lo stesso per entrambi i modelli, un Exmor APS HD da 16,1 Megapixel effettivi. Tutte e due possono registrare video in FullHD e giostrarsi con una sensibilità che spazia da 100 a 16.000 ISO, grazie all’ultima versione del processore d’immagine Bionz. In ogni caso, la A37 è una SLT (Single Lens Translucid) con attacco di tipo A, mentre la nuova NEX-F3 è una pura mirrorless con il classico innesto ottiche a baionetta E.

La fotocamera a specchio fisso translucido che andrà a rimpiazzare la A35 strizza l’occhio al design delle reflex, senza esagerare con peso (446 grammi) e ingombri. Tra le altre caratteristiche chiave si parla di autofocus a 15 punti con 3 sensori a croce, schermo LCD orientabile da 2,7″ (230.000 punti) e modalità scatto continuo da 7 FPS. Dulcis in fundo, uno stabilizzatore che aiuta a scattare immagini a mano libera, a prescindere dall’obiettivo montato.

La macchina che andrà a sostituire la vecchia NEX-C3 in zona entry-level include invece un flash incorporato e offre un display LCD da 3 pollici (920.000 punti) molto più orientabile, che può essere ribaltato di 180 gradi ma non contempla il touch-screen. Per quanto riguarda lo scatto continuo si parla di una raffica a soli 2,5 fotogrammi al secondo, ma la mirrorless riguadagna posizioni con l’autonomia della batteria (470 scatti), ricaricabile anche via USB. Entrambi i modelli Sony saranno abbinati ad un kit di lenti 18-55mm.

Roberto Pulito

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • infame scrive:
    un altro genio...
    ...che pensava: "tanto su internet nessuno sa chi sei"?LOL
  • ANTIANARCHI A scrive:
    ...
    Sicuramente la condanna - solo 1 anno di galera - non fungerà da deterrente nei confronti degli altri criminali informatici che si sentono onnipotenti, ma è meglio che niente.Dovranno adottare misure più severe per costringere quei topi a tornare nelle fogne! :D
  • Carlo scrive:
    Pirateria audiovisiva.
    Riporto anche qua la frase scritta da un mio carissimo amico: "Per gli scariconi, invece, un pigiama a righe e una bella palla alla caviglia, e via a rimboschire le montagne, a sistemare gli argini e a pulire le città.Come rancio giornaliero: una fetta di pane, un paio di olive e un bicchiere d'acqua, come i nostri nonni e bisnonni coloni dai latifondisti."
  • Allibito scrive:
    Mi sembra il minimo.
    La privacy non è un qualcosa di creato solo per proteggere chi vuole scaricare impunemente, in questo caso è sacrosanta.
  • Pianeta Video 2000 scrive:
    ...
    Ecco la giusta punizione per gli hacker informatici![img]http://www.umbria24.it/notizie/wp-content/uploads/2011/06/carcere3.jpg[/img]
Chiudi i commenti