Sony Vaio Z, un laptop con gli attributi

Connessione Thunderbolt e docking station grafica che aggiunge una scheda Radeon esterna all'ultrasottile della giapponese

Roma – Non esistono solo gli Ultrabook Intel. Anche Sony pensa in grande per i laptop della next-generation e introduce sul mercato il nuovo Vaio Z , un computer portatile con pannello LCD da 13,3 pollici che sfrutta la grafica integrata in mobilità e una Radeon 6650M quando si trasforma in una sorta di “PC desktop”.

Il computer è equipaggiato infatti con CPU Core i5/i7 e memoria SSD da 128 o 256 GB, ma può sempre contare sul lettore CD/DVD/Blu-Ray esterno e sulla GPU dedicata AMD con 1 GB di memoria ulteriore, agganciandosi ad una basetta opzionale chiamata Power Media Dock .

Il collegamento con la particolare docking station avviene via Thunderbolt , la tecnologia d’interconnessione messa a punto da Intel e Apple. Il nuovo Vaio è infatti il primo dispositivo sul mercato a proporre il “fulmineo” trasferimento, dopo l’esclusiva temporale dei MacBook Pro. Tra le altre connessioni confermate troviamo USB 3.0, HDMI e VGA.

Tra i gadget opzionali ci sono una seconda batteria, da collegare sotto lo châssis, che farà raggiungere al computer con Windows 7 un totale di 14 ore di autonomia. Per quanto riguarda il mercato europeo, Sony prevede di lanciare Vaio e accessori entro la fine di luglio. I prezzi ufficiali non sono ancora stati comunicati.

Roberto Pulito

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • ABOLIRE IL COPYRIGHT scrive:
    La censura non vincerà
    La censura non vincerà. Il Mondo se ne frega di questi rottami del passato e va per la sua strada. ABOLIRE IL COPYRIGHT P-)
  • Pino scrive:
    E allora si cambierà IP
    Non la vedo molto difficile :-D
    • Alfonso Maruccia scrive:
      Re: E allora si cambierà IP
      'Nsomma, non è così facile: questi bloccano i range di IP, senza parlare dei DNS (vedi caso The Pirate Bay in Italia)....
      • Pepito il breve scrive:
        Re: E allora si cambierà IP
        apparte che se si ritorna a vendere door to door i pacchi di floppy disk copiati si aprira' un mercato sommerso enorme, soldi facili per molta gente a differenza di ora dove i soldi non li fa nessuno.
      • Sgabbio scrive:
        Re: E allora si cambierà IP
        Bloccando anche servizi che usano gli stessi IP....Comunque non è che un sito diventi inaccessibile con sto blocco.
        • Pepito il breve scrive:
          Re: E allora si cambierà IP
          se bloccano DNS e IP di fatto e' inaccessibile in italia a meno che usi DNS stranieri o proxy stranieri.non e' questo il problema quanto che come minimo dovrebbe esserci un sync con la europol anziche' limitarsi al territorio italiota, a che serve bloccarlo solo in italia ? e perche' non costringere l'ISP allo shutdown dei dati sul server invece visto che c'e' un reato e il sito e' illegale ?il problema e' alla fonte invece, non c'e' alcun requisito preventivo per pubblicare online, bisognerebbe che come per le testate giornalistiche ci sia una iscrizione all'albo e un direttore responsabile, finche' non si va in questa direzione si restera' all'attuale far west.chi di voi tesse le lodi dei leaks su politici e banchieri si ricordi che i leaks li puo' ormai fare anche il vostro vicino di casa con foto taroccate di vostra moglie, e nella situazione attuale e' praticamente legale fino a che sa come restare anonimo online.
          • luppolo scrive:
            Re: E allora si cambierà IP
            - Scritto da: Pepito il breve
            il problema e' alla fonte invece, non c'e' alcun
            requisito preventivo per pubblicare online,
            bisognerebbe che come per le testate
            giornalistiche ci sia una iscrizione all'albo e
            un direttore responsabile, finche' non si va in
            questa direzione si restera' all'attuale far
            west.Registro di cosa? Dei pirati online? :D
          • Guybrush scrive:
            Re: E allora si cambierà IP
            - Scritto da: Pepito il breve
            se bloccano DNS e IP di fatto e' inaccessibile in
            italia a meno che usi DNS stranieri o proxy
            stranieri.ROTFL.Non è inaccessibile neanche tua sorella, figurati un IP.
            non e' questo il problema quanto che come minimo
            dovrebbe esserci un sync con la europol anziche'
            limitarsi al territorio italiota, a che serve
            bloccarlo solo in italia ?A niente, bravo, esatto.
            e perche' non
            costringere l'ISP allo shutdown dei dati sul
            server invece visto che c'e' un reato e il sito
            e' illegale
            ?Perché magari il server è in Islanda o in Romania? O magari in Russia?
            il problema e' alla fonte invece, non c'e' alcun
            requisito preventivo per pubblicare online,E vorrei ben vedere.
            bisognerebbe che come per le testate
            giornalistiche ci sia una iscrizione all'albo e
            un direttore responsabile, finche' non si va in
            questa direzione si restera' all'attuale far
            west.E allora potremo dormire sonni tranquilli.La Rete è stata progettata così e anche nella sua versione ip V6 continua ad essere così: tutti i nodi sono "pari" e aventi stessa importanza. La mia lavatriceIP e il tuo portale di fotografia.
            chi di voi tesse le lodi dei leaks su politici e
            banchieri si ricordi che i leaks li puo' ormai
            fare anche il vostro vicino di casa con foto
            taroccate di vostra moglie, e nella situazione
            attuale e' praticamente legale fino a che sa come
            restare anonimo
            online.L'anonimato online è ancora impossibile, nonostante l'impegno che voialtri state profondendo per renderlo possibile.Se il mio vicino di casa facesse una cosa del genere la polizia postale saprebbe come stanarlo, ma pure io e anche tu, se ti mettessi a studiare come funziona la rete.GT
Chiudi i commenti