SpaceX mette un SuperDraco nel motore

Testato un nuovo sistema di propulsione per la navicella Dragon. Entusiasta SpaceX. Sarebbe il primo passo per avviare un programma umano con mezzi privati

Roma- Space Exploration Technologies (SpaceX) ha mostrato al mondo un video in cui viene testato con successo il nuovo motore SuperDraco . L’azienda ha rilasciato un comunicato in cui dichiara che il nuovo motore “gioca un ruolo fondamentale” per “cambiare il futuro dei voli spaziali effettuati dall’uomo”.

SuperDraco è una versione aggiornata dei motori Draco, attualmente utilizzati dalla navicella Dragon . Gli otto motori installati in futuro sulle paratie laterali, del tutto analoghi al prototipo mostrato, avranno una capacità di spinta assiale pari a 54 tonnellate. In questo modo i potenziali passeggeri, se Dragon verrà resa idonea al volo umano, saranno in grado di mettersi presto al sicuro se dovessero avere seri problemi durante il lancio.

Per certi versi SuperDraco rappresenta l’invenzione più vicina agli standard di Star Trek dicono gli osservatori. Il motore, infatti, può essere riavviato più volte, ha una grande potenza e permette agli astronauti di avere il pieno controllo della navicella. In sostanza, SuperDraco rientra a pieno nella strategia di SpaceX di voler rendere le astronavi più simili agli aerei .

“I motori SuperDraco rappresentano il meglio della tecnologia allo stato dell’arte – ha dichiarato Elon Musk , Ceo di SpaceX – Questi motori renderanno Dragon la navicella più sicura nella storia e sarà in grado di effettuare atterraggi sulla Terra o su qualsiasi altro pianeta con una precisione millimetrica”.

SpaceX e Nasa lo scorso aprile hanno firmato un contratto da 75 milioni di dollari per ideare un escape system che permettesse di rendere Dragon compatibile per i voli spaziali effettuati dall’uomo. In appena nove mesi SpaceX è riuscita a disegnare, progettare, costruire e testare SuperDraco. Ma è solo l’inizio.

Gabriella Tesoro

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • claudio scrive:
    induzione
    n questo modo si risparmia anche energia, emettendo calore solo dove serve?Ma l'induzione COMUNQUE sara' cosi' visto che se non appoggi la pentola la P=0!
  • cippalippa scrive:
    4600 watt
    inutili dato che una casa ha un impiato di massimo 3kW
  • cippalippa scrive:
    4600 watt
    inutili dato che una casa ha un impiato di massimo 3kW
    • lucio scrive:
      Re: 4600 watt
      Non dovrai usarli per forza. E puoi sempre fare contratti per più di Kw.... Chi spende tanto per una cucina di tal genere, forse abita in ville grandi, dove la potenza assorbita può avere picchi maggiori di 3 Kw ed è assai probabile che già abbiano forniture proporzionalmente garndi....
    • OldDog scrive:
      Re: 4600 watt
      Sono curioso di sapere se questo costosissimo piano ha almeno un buon rapporto tra energia consumata e calore prodotto per la cottura, anche se non saprei come esprimere questa unità di misura; forse Kw per arrosto? :-)Comunque le soluzioni di cottura "tutto elettrico" non hanno tanto sucXXXXX in Italia, dove la maggior parte delle città allaccia le abitazioni alla rete gas metano. In alcune nazioni mi risulta che invece il gas a uso domestico non sia diffuso, quindi la cottura è per forza elettrica (piastre e/o microonde).
      • Guybrush scrive:
        Re: 4600 watt
        - Scritto da: OldDog
        Sono curioso di sapere se questo costosissimo
        piano ha almeno un buon rapporto tra energia
        consumata e calore prodotto per la cottura, anche
        se non saprei come esprimere questa unità di
        misura; forse Kw per arrosto?
        :-)
        Basta un termometro e il contatore.Metti un litro d'acqua a bollire e misuri quanti Watt ci vogliono per alzare la temperatura di 1 grado.
        Comunque le soluzioni di cottura "tutto
        elettrico" non hanno tanto sucXXXXX in Italia,
        dove la maggior parte delle città allaccia le
        abitazioni alla rete gas metano.In Italia abbiamo avuto un certo Mattei che ha pensato bene di portare il gas un po' ovunque e, già che stava posando tubi, ha pure pensato di metterci accanto un po' di cavi che potevano sempre servire.
        In alcune
        nazioni mi risulta che invece il gas a uso
        domestico non sia diffuso, quindi la cottura è
        per forza elettrica (piastre e/o
        microonde).Chi ha abbondanza di energia elettrica se ne frega abbastanza di sprecare corrente per far bollire una pentola.Se però rifletti su come quell'energia è stata prodotta:prendi qualcosa (carbone, gas, uranio) fai bollire una pentola d'acqua, col vapore fai girare una turbina e da li' una dinamo, trasmetti la corrente fino a casa, accendi la piastra e... ricominci!Dal punto di vista energetico è molto più efficiente il gas.Lo usi solo dove serve (a casa), quando serve (pranzo, cena colazione) e nel punto in cui serve (esattamente sotto la pentola), con una sola trasformazione: da CH4 + 2O2 a CO2 + 2H2O e tanto buon calore.Ecco, quando avremo l'energia da fusione disponibile, forse diventerà interessante usare le piastre a induzione.GT
        • OldDog scrive:
          Re: 4600 watt
          - Scritto da: Guybrush

          non saprei come esprimere questa unità di

          misura; forse Kw per arrosto?

          :-)



          Basta un termometro e il contatore.
          Metti un litro d'acqua a bollire e misuri quanti
          Watt ci vogliono per alzare la temperatura di 1
          grado.La mia era una battuta, comunque ok per il suggerimento ;)

          In alcune

          nazioni mi risulta che invece il gas a uso

          domestico non sia diffuso, quindi la cottura è

          per forza elettrica (piastre e/o

          microonde).
          Chi ha abbondanza di energia elettrica se ne
          frega abbastanza di sprecare corrente per far
          bollire una pentola.Beh, va anche riconosciuto che non esistono case distrutte da una fuga di energia elettrica. Il gas metano va sempre maneggiato con particolare cura, mentre il rischio di folgorazione è molto più contenibile.
          Se però rifletti su come quell'energia è stata
          prodotta:E' corretto quanto scrivi, però è molto più probabile che sia efficiente al meglio la combustione in una centrale che in milioni di fornelli in giro per il paese. Non avendo numeri per valutare le due situazioni mi rimane un margine di dubbio. :)
    • vampirla scrive:
      Re: 4600 watt
      - Scritto da: cippalippa
      inutili dato che una casa ha un impiato di
      massimo
      3kWNon e' stato pensato per l'utilizzo in italia. In casa mia, per esempio, avendo la tariffa elettrica flat (i.e. 19 euro/mese indipendentemente dall'utilizzo) e' tutto elettrico e la potenza e' ben superiore a 3 kw: infatti posso cucinare (non ho il gas), usare la lavatrice, farmi una doccia (ho il boiler istantaneo elettrico) ed accendere un calorifero elettrico senza alcun problema
      • Surak 2.0 scrive:
        Re: 4600 watt
        E dove stai?Qui in Italia, non credo proprio..con quella cifra (quasi annuale) ci paghi al massimo il tizio che ogni anno ti viene a soffiare nel filtro della caldaia perchè sennò poverino non lavora.Purtroppo Mattei lo hanno tolto di mezzo, altrimenti con il cavolo che rinunciavamo al nucleare, ma di Mattei ne nasce uno ogni 50 anni, di Pecorario Scanio è pieno il Paese.
Chiudi i commenti