SpaceX Starship: voli orbitali solo con 75 modifiche

SpaceX Starship: voli orbitali solo con 75 modifiche

La FAA ha chiesto a SpaceX di apportare diverse modifiche alla base di lancio Starbase, prima di effettuare il volo orbitale di test di Starship.
La FAA ha chiesto a SpaceX di apportare diverse modifiche alla base di lancio Starbase, prima di effettuare il volo orbitale di test di Starship.

La FAA (Federal Aviation Administration) ha finalmente concluso la valutazione di impatto ambientale della Starbase, la base che verrà utilizzata da SpaceX per i lanci orbitali dello Starship. L’agenzia federale statunitense ha stabilito che il sito non rappresenta un pericolo per l’ambiente circostante, ma l’azienda di Elon Musk dovrà effettuare oltre 75 modifiche. Arrivano invece notizie negative dalla NASA in merito alla costruzione di una base a Cape Canaveral.

Starship: primo volo orbitale più vicino

Musk aveva annunciato l’imminente volo orbitale di test per il mese di maggio. La FAA ha invece posticipato più volte la pubblicazione della valutazione di impatto ambientale, quindi la data non è stata rispettata. Prima di effettuare il volo orbitale di test, SpaceX dovrà ottenere la licenza. Ciò avverrà solo se l’azienda attuerà oltre 75 misure per ridurre l’impatto sull’area dove sorge Starbase.

La FAA ha autorizzato un massimo di cinque voli orbitali e cinque voli suborbitali all’anno. SpaceX non potrà chiudere la strada di accesso a Starbase (che porta anche alla spiaggia di Boca Chica) durante 18 giorni festivi e comunque per un massimo di cinque weekend all’anno. Le chiusure potranno durare fino a 500 ore all’anno, alle quali si possono aggiungere un massimo di 300 ore per eventuali emergenze.

SpaceX ha eseguito finora solo voli suborbitali (l’ultimo a maggio 2021 con il prototipo SN15). Il primo volo orbitale verrà effettuato con il prototipo SN20, sul quale sono installati i nuovi motori Raptor 2.

SpaceX ha comunque avviato la costruzione di una base di lancio a Cape Canaveral. La NASA ha tuttavia espresso alcuni dubbi, in quanto la base è troppo vicina al Launch Complex 39A, usato per il lancio delle Crew Dragon. Un’eventuale esplosione dello Starship potrebbe danneggiare il Launch Complex 39A e quindi bloccare tutte le missioni per portare gli astronauti sulla Stazione Spaziale Internazionale.

La costruzione di un Launch Complex 40 a maggiore distanza richiederebbe troppo tempo. L’intenzione della NASA è usare lo Starship per portare gli astronauti sulla Luna entro il 2025.

Fonte: SpaceNews
Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Pubblicato il 14 giu 2022
Link copiato negli appunti