Spam, arrivano i cybercop

Confermata l'operazione Slam Spam: è in corso in tutti gli USA e sta portando ad arresti e sequestri. Al centro spammer, virus writer e phisher


Washington (USA) – Sono confermate in queste ore le indiscrezioni che da un paio di giorni parlano di una operazione in grande stile in corso sul territorio degli Stati Uniti contro i grandi spammer, coloro che inondano le mailbox di tutto il mondo con pubblicità non richiesta.

Forti della nuova legge antispam statunitense, i cybercop coordinati dal dipartimento della Giustizia stanno eseguendo in queste ore numerose perquisizioni e sarebbero già più di 100 gli arrestati , in quella che appare come la più imponente azione di questo tipo mai portata avanti negli USA.

Nel mirino degli investigatori, dunque, sono coloro che producono e gestiscono le cosiddette fabbriche dello spam , ossia aziende la cui attività principale è quella di promuovere per conto terzi ogni genere di prodotto o servizio, recapitando messaggi ad hoc su liste di milioni di indirizzi.

Sebbene i dettagli dell’operazione Slam Spam siano ancora scarsi, alcuni degli arresti e dei mandati di perquisizione di queste ore riguarderebbero anche esponenti del mondo del virus writing e, più spesso, soggetti ritenuti gli autori di celebri truffe via email , attività conosciuta come phishing .

Sono attesi a breve ulteriori dettagli sull’operazione da parte del Dipartimento di Giustizia.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    rama rivelato
  • Anonimo scrive:
    Meno male che qualcuno ci pensa!
    Ho dovuto acquistare un cambia-cd perchè il lettore cd della mia autoradio si rifiuta di leggere i cd protetti dalla EMI !!!
  • Anonimo scrive:
    Re: ti dico perchè spesso non compro nul
    Il quote, questo sconosciuto....
  • Anonimo scrive:
    Re: Perchè?
    - Scritto da: denisfsc
    Perchè esistono ancora associazioni
    dei consumatori? Io non me ne sono mi
    accorto....Qua ci fottono in tutti i versi e
    nessuno dice niente...Chi dovrebbe farlo se
    non le ass dei cons?Più che altro, siamo noi "cons" che lo prendiamo "in the ass..."
  • Anonimo scrive:
    si può fare tutto...
    - Scritto da: Anonimo
    Dicevo che proprio da pc alcuni ultimi DVD
    non si riescono a rippare vedi ad esempio:

    groups.google.it/groups?hl=it&lr=&ie=UTF-8&thMa scusa, ti ha risposto..."Non so se è possibile fare il backup completo ma dovrebbe essere cmq possibile fare il backup del solo film. Per farlo si può usare DVDDecrypter in IFO MODE e spuntare le prime 3 celle vuote (che contengono gli errori). In questo modo si estrarrà il film (almeno quello) senza problemi (saltando quindi le celle con i settori danneggiati)."personalmente è difficile che mi copio tutto il DVD compresi menu e contenuti extra (che il + delle volte fanno schifo) preferisco rippare solo il film (magari con la traccia inglese e sottotitoli, tanto puoi richiamarli direttamente dal telecomando) in questo modo devo comprimere di meno se non entra sui 4.5Gb del DVD-Rnon conosco la procedura su PC ma su Mac (se il DVD è fallato) ti basta dirgli di scaricare l'elemetary streaming del film ed il gioco e fatto.. aggiungo solo che sono avvelenato contro CD e DVD originali da quando hanno imposto la tassa contro la pirateria e che non comprero mai più un DVD o CD originale se le cose non cambieranno...(apple)
  • Anonimo scrive:
    Re: Parere di un futuro artista

    Se invece fai jazz hai anche un pubblico
    particolare, che cerca e segue; spesso i
    concerti si vedono anche ai centri sociali o
    anche per strada ... se fai dischi ti
    comprano e se non ne fai ti seguono, sia che
    si paghi (poco) sia che non si paghi.Avete sentito ragazzi tutti a fare jazz perchè rende!Lo dice il nostro amico sapientone (quello che suona le pentole all'angolo della strada perchè è troppo stupido anche per lavorare da mcdonald)
  • chef scrive:
    Re: tanto non cambia una mazza
    - Scritto da: jfx
    forse con catene di negozi un po' più
    impersonali ci faremo coraggio e
    restituiremo anceh noi i cd e chiederemo
    risarcimenti.... io quella volta non me la
    sono sentita, il negoziante lo conoscevo e
    non volevo scassare le palle a
    lui... d'ora in poi
    sceglierò catene grosse per roba
    sospetta e negozietti per roba di provata
    fiducia (tipo la roba della
    music-for-nations che è ottima e mai
    protetta e mi funzia perfettamente in
    macchina)che c'entra ? mica e' colpa loro ovviamente. Non e' una questione di coraggio ma di rispetto. Se io avessi un negozio e avessi venduto un "pacco" ad un mio amico sarei il primo a chiedere scusa e a farmelo ridare. Poi mi incazzerei con i miei fornitori anche per la figura di m3rda che mi hanno fatto fare con i miei clienti.
  • Anonimo scrive:
    Re: Parere di un futuro artista
    - Scritto da: Anonimo
    Sono un ragazzo giovane, studio musica e
    spero un giorno di poter vivere fecendo
    musica per chi puo apprezzarla Sarebbe bello
    (come altri hanno detto) che chi fa arte
    (non voglio dire che quello che farò
    sarà "arte"...forse sì...chi
    lo sa...cmq spetta ad altri la decisione)
    potesse semplicemente condividere la sua
    passione gratuitamente, regalare le sue
    emozioni, però putroppo penso che se
    dovessi sia incidire e creare la mia musica
    "gratuitamente" e poi fare anche un altro
    mestiere per poter mangiare; non troverei
    mai il tempo per poter fare entrambe le cose
    benesei sempre tu.sempre tu e te l'abbiamo già detto un miliardo di volte che per fare arte non servono i soldi.ora se sei quello della musica classica, sai perfettamente anche che stai solo facendo il troll, perchè la musica classica non risente del peer to peer: risente del fatto che è molto costosa da sentire dal vivo e in altri ambiti invece non è molto acquistata, ai ragazzi interessa sempre meno e pure le persone di una certa età se non sono molto raffinate raramente la ascoltano e tantomeno la acquistano.costa sempre molto.sarà anche giustificato, ma se si vuol fare ancora arte, forse non bisogna pensare solo al soldo.se sei un compositore sai che si può fare senza l'orchestra: scrivi la partitura e poi la suonerà chi può: ne resti l'autore e ne detieni tutti i diritti.se invece parliamo di pop/rock/metal/hardrock/house/disco, sappiamo tutti che puoi anche lavorare al mcdonald tutti i giorni e sfornare due album all'anno se hai la giusta dose di caparbietà e di voglia di fare; lo puoi fare anche gratis o ad un prezzo che normalmente altri spenderebbero (sommato in un anno) per andare ai localetti fichetti con ingresso a pagamento. Ognuno sceglie come spendere i propri soldi e il proprio tempo.Se invece fai jazz hai anche un pubblico particolare, che cerca e segue; spesso i concerti si vedono anche ai centri sociali o anche per strada ... se fai dischi ti comprano e se non ne fai ti seguono, sia che si paghi (poco) sia che non si paghi.Insomma, l'arte non ha bisogno di vivere di sé stessa per nascere. Ben venga se si auto-alimenta, ma non è necessario.
  • Anonimo scrive:
    Re: nuova protezione DVD?
    - Scritto da: denisfsc
    Se sei così contento di spendere non
    so quanti euro per un prodotto sul quale non
    puoi neanche fare quello che vuoi fai
    pure...mi associo totalmentenon si tratta solo della buona qualitàà del prodotto, ma del fatto che io non impedisco loro di far quel che vogliono dei soldi che gli do: quindi nemmeno loro devono impedirlo a me con quello che gli ho dato in cambio.
  • Anonimo scrive:
    Re: nuova protezione DVD?
    - Scritto da: Anonimo
    no la protezioni di "è già
    ieri" e della passione di cristo sono (o
    meglio saranno) diversema puoi dire tranquillamente erano :-)
  • Anonimo scrive:
    Re: nuova protezione DVD?
    - Scritto da: Anonimo

    - Scritto da: Anonimo

    no problem chi puo' lo schiaffa in un
    pc e

    selo rippa levando tutte le protezioni
    in

    tempi brevi ...



    il problema verra' quando chiuderanno

    hw/firmware se mai lo faranno ...



    ciao

    Dicevo che proprio da pc alcuni ultimi DVD
    non si riescono a rippare vedi ad esempio:http://tinyurl.com/4syobtanto per fare prima :)
  • Anonimo scrive:
    Re: Varie Associazioni dei Consumatori
    - Scritto da: Anonimo
    Prendete esempio dai cugini d'oltralpe e
    fate qualcosa pure voi per noi utenti
    italiani!

    P.S.:se già lo avete fatto, cosa di
    cui io non sono a conoscenza,
    pubblicizzatelo bene e dappertutto.timidissima "presuccettina di posizione" di altroconsumo.microscopica e insignificante.mi pare da queste partihttp://www.altroconsumo.it/map/src/46131.htmoppure fai un giro qui:http://www.altroconsumo.it/default.aspx?show=389&first=0&Searched=cd
  • Anonimo scrive:
    mano male: qualcuno non dorme.
    per fortuna qualcuno è ancora sveglio. Bravi francesi. non stanno solo a blaterare nei forum.Tanto di cappello.
  • denisfsc scrive:
    Re: nuova protezione DVD?
    Se sei così contento di spendere non so quanti euro per un prodotto sul quale non puoi neanche fare quello che vuoi fai pure...
  • denisfsc scrive:
    Perchè?
    Perchè esistono ancora associazioni dei consumatori? Io non me ne sono mi accorto....Qua ci fottono in tutti i versi e nessuno dice niente...Chi dovrebbe farlo se non le ass dei cons?
  • Anonimo scrive:
    Re: tanto non cambia una mazza

    questo è un bel paradosso: è
    necessario fare una copia di un cd per
    poterlo ascoltare, e perché?
    perché il cd è protetto dalla
    copia.affare suo, io l'ultimo mio cd l'ho preso nel 92. facessero come me le major a quest'ora passerebbero di porta in porta ad implorarti di comprare un pacco di cd senza protezioni a 50 centesimi l'uno...a parità di spesa, mi soddisfa molto di più un dvd. difatti il mercato dvd è in crescita apurosa, quello musicale crolla semrpe più... credo che la gente, col tempo, si sia fatta una sua coscienza e non intenda foarsi fottere soldi da chi li vuole inculare come le major discografiche... ed è giusto che sia così.
  • Anonimo scrive:
    Re: nuova protezione DVD?
    - Scritto da: Anonimo


    - Scritto da: Anonimo

    Si tratta di una nuova forma di
    protezione,

    tra l'altro adottata per "La Passione di

    Cristo" che sta per uscire, che
    impedisce di

    rippare il dvd.

    Buono a sapersi.
    Volevo acquistare il DVD della Passione.
    Pazienza mi accontentero' del solito Divx...La copia completa del DVD Region 1 USA già si trova in giro in verità, per chi vuole cercarla. Personalmente non l'ho scaricata pur potendo. Forse lo comprerò comunque.
  • Anonimo scrive:
    Re: nuova protezione DVD?
    - Scritto da: Anonimo
    Si tratta di una nuova forma di protezione,
    tra l'altro adottata per "La Passione di
    Cristo" che sta per uscire, che impedisce di
    rippare il dvd.Buono a sapersi.Volevo acquistare il DVD della Passione.Pazienza mi accontentero' del solito Divx...
  • Anonimo scrive:
    Re: nuova protezione DVD?
    no la protezioni di "è già ieri" e della passione di cristo sono (o meglio saranno) diverse
  • onizuka6 scrive:
    Caro il mio artista...
    A proposito dei prezzi e di "aspettare" per comprare a meno....Ti sembra razionale che sulla proprieta' intellettuale ci siano guadagni illimitati? Che dopo essere rientrati QUATTRO oppure dieci volte delle spese si mandi in galera chi copia?Che si pretenda di sfruttare per 50 anni, anche dopo la morte di un'artista i suoi lavori?Allora mettiamola cosi': spese documentate e quando artisti e distribuzione arrivano al guadagno ragionevolmente pattuito dalle parti e intendo artisti e consumatori tutto va nel pubblico dominio.Per la cultura non prendiamoci in giro: se la tua musica ha un messaggio che valga di essere ascoltato, che meriti un diritto ad essere patrimonio di tutti... allora il bene comune vuole che tutti la possano ascoltare. Ricorda che il diritto d'autore serve a garantire il sostentamento degli autori, ma e' un compromesso fra due parti nell'interesse comune e questo vuol dire condivisione delle opere, non sfruttamento unilaterale illimitato delle opere. Come tutti i MONOPOLI dovrebbe essere concesso a ragion veduta bilanciando fra le esigenze opposte perche' altrimenti snatura il mercato stesso.E infine... se vedi artisti poveri e' piu facile che sia per la gestione del business da parte dei discografici, che non di tredicenni che si scambiano le canzoni. I piagnucolosi musicanti che si lagnano della pirateria perlopiu' lo fanno a bordo dei loro jet, dei panfili, delle megaville e di stili di vita che bruciano in un giorno quello che a me basta per un anno o piu... e allora piangano pure ma io non mi commuovo.CiaoOnizuka
  • Anonimo scrive:
    Re: dovrebbero
    - Scritto da: Anonimo
    Dovrebbero rendere illegale ogni forma di
    protezioneQuoto.Qualsiasi forma di protezione finisce per essere troppo invasiva sulla privacy e sui diritti dell'utilizzatore.CiaoOnizuka
  • Anonimo scrive:
    Re: nuova protezione DVD?
    Tutte le protezioni in un modo o nell'altro sono superabili.Se e' difficile per il singolo ci sara' la pirateria (criminale) organizzata a fini di lucro; se non si puo' normarlmente si modderanno i FW.E contro una bella cassetta VHS come si proteggono? :-)finche i prezzi non saranno ragionevoli ci saranno sempre sufficienti motivazioni per copiare... o NON comprare. :-)CiaoOnizuka
  • Anonimo scrive:
    Re: Parere di un futuro artista

    qualità, i diritti di copyright sulla
    tecnologia, ma qual è la percentuale
    di speculazione?

    Zero, con P2P.Sono stato in Argentina recentemente, i cd audio uguali a quelli che vendono sul nostro mercato costano 7 (sette) euro! , Ma per la loro economia (e per il loro stipendio) vengono a costare come qui.Le mayor impongono i prezzi secondo il mercato ed hanno ricavi assurdi, sui mercati dove se lo possono permettere spremono al massimo, altro che crisi, e solo speculazione
  • Anonimo scrive:
    Re: Parere di un futuro artista
    Premesso che ritengo che molti CD costino troppo.
    E' vero che musica, cinema e letteratura
    sono cultura ed è anche vero che la
    cultura dovrebbe essere usufruibile a tutti;benissimo la musica e' cultura, se vuoi spendere poco c'e' musica economica (5 euro a cd), prendi quella Altrimenti si puo' aspettare, molte volte con la scusa della cultura si trova un alibi per aver diritto a copiare l'ultimo disco uscito.Io ho aspettato un po di tempo e poi mi sono comprato un disco di Branduardi a meta' prezzo.Idem per i film, mi sono preso film, non gli utlimi usciti, a prezzi molto piu' bassi.Volete l'ultima canzone a prezzo zero, benissimo ascoltate la radio.Quello a cui io sono contro e' il fatto che se devo comprare un hard-disk, un dvd o un cd per registrare progetti miei o anche le mie foto e' che devo pagare i diritti alla SIAE.Per quale motivo devo questo tributo?perche' c'e' gente che ruba le canzoni?ma io non sono innocente fino a prova contraria?ciao
  • Anonimo scrive:
    Re: nuova protezione DVD?
    Si tratta di una nuova forma di protezione, tra l'altro adottata per "La Passione di Cristo" che sta per uscire, che impedisce di rippare il dvd.Se ne parla ampiamente in un articolo a pag. 40 di AF Digitale di settembre.Ciao ;-)Stefano
  • F. scrive:
    Re: tanto non cambia una mazza
    - Scritto da: Anonimo
    allungheranno una mazzetta ai giudici e
    finito lo scandalo...

    boh, giusto oggi un mio amico è
    venuto a chiedermi incazzato come una biscia
    di fargli una copia di un cd appena comprato
    pagato l'ira di dio e che grazie alla copy
    protection proprio non vuole girare in
    macchina...

    sono allibito: uno dovrebbe pagare una
    follia per i cd e non poterli nemmeno
    ascoltare?

    che gioia poi leggere i risultati annuali
    delle vendite del settore: almeno quasta
    soddisfazione mi rimaneNo problem..CD protetto da copia? in macchina non si sente? al computer non si sente? non puoi mettere le canzoncine nell'iPod (o qualsiasi altro strumento di ascolto digitale)Riporta indietro il CD al negoziante, fatti RIDARE (non sostituire con buono, RIDARE) i soldi, e magari fai pure una bella incazzata in pubblico..Ma MAI E POI MAI sottostare a questo..MAI SPENDERE TEMPO & SOLDI (elettricità, cd vergine, etc) PER QUESTO..Non funziona? Riportalo indietro.
    • Anonimo scrive:
      Re: tanto non cambia una mazza

      CD protetto da copia? in macchina non si
      sente? al computer non si sente? non puoi
      mettere le canzoncine nell'iPod (o qualsiasi
      altro strumento di ascolto digitale)

      Riporta indietro il CD al negoziante, fatti
      RIDARE (non sostituire con buono, RIDARE) i
      soldi, e magari fai pure una bella incazzata
      in pubblico..Il "problem" c'è eccome! Tralasciando un sacco di considerazioni su tutto ciò che sta succedendo intorno alla musica, al P2P, al "giusto" prezzo da dare alla musica, ecc... se io acquisto un CD lo faccio perchè mi piace la musica che ci trovo dentro. Si, certo, riporto indietro il CD e mi ridanno (forse) i soldi ma la musica che mi piace come la sento? Risolvimi questo "problem" e non comprerò più in CD per il resto della vita!Tra un po' finiremo che per ascoltare la musica della tale casa discografica dovremo avere il loro lettore che ovviamente non funzionerà per riprodurre la musica degli altri. Bel futuro, eh?
  • Anonimo scrive:
    Re: nuova protezione DVD?
    - Scritto da: Anonimo
    no problem chi puo' lo schiaffa in un pc e
    selo rippa levando tutte le protezioni in
    tempi brevi ...

    il problema verra' quando chiuderanno
    hw/firmware se mai lo faranno ...

    ciaoDicevo che proprio da pc alcuni ultimi DVD non si riescono a rippare vedi ad esempio:http://groups.google.it/groups?hl=it&lr=&ie=UTF-8&threadm=MPG.1b53d62a50b18b0a989d31%40powernews.libero.it&rnum=1&prev=/groups%3Fq%3Ddvd%2B%25C3%25A8%2Bgi%25C3%25A0%2Bieri%26hl%3Dit%26lr%3D%26ie%3DUTF-8%26selm%3DMPG.1b53d62a50b18b0a989d31%2540powernews.libero.it%26rnum%3D1
  • Anonimo scrive:
    Re: ti dico perchè spesso non compro nul
    Non esagerare, ascolta la musica da un tuo amico o al negozio, come si faceva un tempo. Se poi si tratta di musica commerciale basta accendere la radio o la tv, ciao.------------------------------------------------------------Scusa se ho esagerato , hai ragione ,ma questo clima di terrore di leggi e leggine fatte a doc , a me hanno dato un senso di non sicurezza su quello che si può fare o che non si può fare, anche quando stò comprando nei negozi.
  • Anonimo scrive:
    Re: tanto non cambia una mazza

    boh, giusto oggi un mio amico è
    venuto a chiedermi incazzato come una biscia
    di fargli una copia di un cd appena comprato
    pagato l'ira di dio e che grazie alla copy
    protection proprio non vuole girare in
    macchina...questo è un bel paradosso: è necessario fare una copia di un cd per poterlo ascoltare, e perché? perché il cd è protetto dalla copia.
  • Anonimo scrive:
    Re: ti dico perchè spesso non compro nulla.
    - Scritto da: Anonimo
    xchè non posso valutare se mi piace o
    no.
    perchè se l'ascolto da un'amico o da
    un conoscente con le leggi che hanno fatto
    fare le case discografiche si rischia la
    galera o la denuncia.
    perchè vengo considerato un criminale
    a priori , " balzelli vari Siae"
    ,indipendemente che io paghi l'orginale o no
    , questa cosa è poi eticamente
    scorretta e non la giustificherò mai
    .
    perchè mi vogliono sempre prendere in
    giro, io pago un cd di musica per il
    contenuto e non per il supporto, ho il
    diritto di ascoltarmelo quante volte voglio
    , dove voglio , con chi voglio .
    Ho pagato capisci ?
    Non esiste nessun'altro lavoro che mi lega a
    seguire cosi' tante restrizioni come quello
    protetto dal diritto d'autore.
    Una volta che si vende un bene deve finire o
    almeno le restrizioni non devono soffocare
    il cliente .
    E si sono un cliente e tu un venditore.

    Il brutto di vendere un prodotto finito
    sugli scaffali è che non sei a
    contatto con chi proprina la musica , i film
    , e tutto quello che è come dite voi
    cultura.
    Sai che succede nei lavori normali ?
    uno viene a casa fà il suo lavoro e
    se non è fatto con una certa
    qualità gli si contesta il lavoro
    eseguito .

    Esistono leggi che tutelano l'utente anche
    per i difetti di conformità , con la
    garanzia di 2 ANNI !!!! Quando compro musica
    che garanzie ho ? Nessuna se non quella di
    essere considerato peggio di un delinquente
    che uccide un'uomo dopo aver pagato con
    soldi veri ( mica copiati eh ) e questa mio
    caro artista ,scusa il tono un pò
    alterato è la cosa più
    schifosa,perchè per dare 3 anni di
    galera ad una persona che si copia il cd per
    leggerselo in auto oppure per farsi copia di
    backup .

    E possibile che dopo aver pagato , mi debba
    sentire cosi' SPORCO se mi prendo qualche
    "diritto" in più ? Non dico quello
    che di duplicare a manetta distribuendo a
    mezzo mondo, ma soltanto per farti ascoltare
    a qualcuno ,senza avere il terrore di
    infrangere qualche legge?

    il vostro lavoro è un lavoro che si
    può svolgere con guadagno infinito
    visto che la musica che masterizzate non
    avrebbe limiti se non quella dei supporti e
    non capisco perchè si continuino a
    mantenere virtualmente a prezzi alti ,in
    altri lavori questa cosa non si può
    fare !!!

    Ti dò un suggerimento , il prezzo
    è alto perchè almeno le case
    discografiche vogliono rientrare subito in
    attivo vendendo pochi supporti a tanto
    piuttosto che tanti supporti a poco.

    Bhe sei fortunato che mi comprerò 1
    cd di musica all'anno se proprio ti
    và bene , xchè non sò
    come la pensano i clienti che ti compravano
    decine di cd se vengono avvertiti veramente
    di come potrebbero essere trattati dopo che
    comprano la tua roba e commettono delle
    leggerezze .

    un'altra osservazione , ma voi gli leggete i
    giornali ? si parla di crisi del cinema ,
    della musica , ma perchè allora i
    giornali danno sempre tutto esaurito ?

    In ogni caso ti auguro buona fortuna per la
    tua carriera.Non esagerare, ascolta la musica da un tuo amico o al negozio, come si faceva un tempo. Se poi si tratta di musica commerciale basta accendere la radio o la tv, ciao.
  • Anonimo scrive:
    ti dico perchè spesso non compro nulla.
    xchè non posso valutare se mi piace o no.perchè se l'ascolto da un'amico o da un conoscente con le leggi che hanno fatto fare le case discografiche si rischia la galera o la denuncia.perchè vengo considerato un criminale a priori , " balzelli vari Siae" ,indipendemente che io paghi l'orginale o no , questa cosa è poi eticamente scorretta e non la giustificherò mai .perchè mi vogliono sempre prendere in giro, io pago un cd di musica per il contenuto e non per il supporto, ho il diritto di ascoltarmelo quante volte voglio , dove voglio , con chi voglio .Ho pagato capisci ?Non esiste nessun'altro lavoro che mi lega a seguire cosi' tante restrizioni come quello protetto dal diritto d'autore.Una volta che si vende un bene deve finire o almeno le restrizioni non devono soffocare il cliente .E si sono un cliente e tu un venditore.Il brutto di vendere un prodotto finito sugli scaffali è che non sei a contatto con chi proprina la musica , i film , e tutto quello che è come dite voi cultura.Sai che succede nei lavori normali ? uno viene a casa fà il suo lavoro e se non è fatto con una certa qualità gli si contesta il lavoro eseguito .Esistono leggi che tutelano l'utente anche per i difetti di conformità , con la garanzia di 2 ANNI !!!! Quando compro musica che garanzie ho ? Nessuna se non quella di essere considerato peggio di un delinquente che uccide un'uomo dopo aver pagato con soldi veri ( mica copiati eh ) e questa mio caro artista ,scusa il tono un pò alterato è la cosa più schifosa,perchè per dare 3 anni di galera ad una persona che si copia il cd per leggerselo in auto oppure per farsi copia di backup .E possibile che dopo aver pagato , mi debba sentire cosi' SPORCO se mi prendo qualche "diritto" in più ? Non dico quello che di duplicare a manetta distribuendo a mezzo mondo, ma soltanto per farti ascoltare a qualcuno ,senza avere il terrore di infrangere qualche legge?il vostro lavoro è un lavoro che si può svolgere con guadagno infinito visto che la musica che masterizzate non avrebbe limiti se non quella dei supporti e non capisco perchè si continuino a mantenere virtualmente a prezzi alti ,in altri lavori questa cosa non si può fare !!! Ti dò un suggerimento , il prezzo è alto perchè almeno le case discografiche vogliono rientrare subito in attivo vendendo pochi supporti a tanto piuttosto che tanti supporti a poco.Bhe sei fortunato che mi comprerò 1 cd di musica all'anno se proprio ti và bene , xchè non sò come la pensano i clienti che ti compravano decine di cd se vengono avvertiti veramente di come potrebbero essere trattati dopo che comprano la tua roba e commettono delle leggerezze .un'altra osservazione , ma voi gli leggete i giornali ? si parla di crisi del cinema , della musica , ma perchè allora i giornali danno sempre tutto esaurito ?In ogni caso ti auguro buona fortuna per la tua carriera.
  • Anonimo scrive:
    Re: nuova protezione DVD?
    no problem chi puo' lo schiaffa in un pc e selo rippa levando tutte le protezioni in tempi brevi ...il problema verra' quando chiuderanno hw/firmware se mai lo faranno ...ciao
  • Anonimo scrive:
    Re: Parere di un futuro artista
    Anche io sono un artista, musicista esecutore, per precisione. Tutti i miei amici musicisti sono d'accordo con me. Un cd a 20 euro non lo compro. ma se costassero 10 euro ne comprerei magari 3, facendo guadagnare di più a chi li vende. Se continuano a far pagare così tanto dvd e cd per forza li si cerca in rete, rischiando grazie alle nuove leggi anche la galera. Mi chiedo: perchè lo stesso film in vhs costa la metà di quello in dvd? ok, la qualità, i diritti di copyright sulla tecnologia, ma qual è la percentuale di speculazione? Zero, con P2P.
  • avvelenato scrive:
    Re: Parere di un futuro artista
    è un bel post il tuo.innanzitutto, credo di essere uno dei p2pari a riconoscermi nella descrizione non estremista.ora però, visto che studi musica, ti pongo un problema.Supponiamo che diventi un artista famoso in tutto il mondo.Vendi milioni di dischi. La tua casa discografica li piazza in modo che non possano avere un prezzo inferiore ai 20 euro da nessuna parte.Allora tu vai in centro a Milano, e passeggiando per largo Como ti riconoscono un gruppetto di amici. Quattro sono vestiti estremamente bene, sono benestanti, uno invece è normale. Ti salutano, ti vengono incontro e si fanno firmare un autografo. Parlando scopri che i quattro hanno il cd originale (i benestanti), e l'altro ce l'ha masterizzato. Tu non ti arrabbi perché sei molto buono, e poi ti spiega che i soldi sono pochi e bisogna saperli gestire, ecc.Con la casa editrice lotti perché il prezzo venga abbassato a 15euro.Vieni in centro ad una cittadina, tipo legnano, trovi dei ragazzi che ti riconoscono, sembrano simpatici. Tre di questi hanno l'originale, uno no. Beh, ma tu non ti arrabbi. Poi scopri che ha dei problemi perché non riesce neanche ad uscire tutte le sere con gli amici, e capisci che il prezzo è troppo.Lo fai abbassare a 12euro. Ti ritrovi nella periferia di milano, un gruppo di ragazzi ti riconoscono. Due hanno il cd originale, tre no. "Costa troppo, e non ho neanche un mezzo per andare al lavoro, sto mettendo i soldi da parte per un motorino usato" ti dice uno.Ti commuovi. Ma possibile che il prezzo non vada mai bene?Dovunque andrai troverai sempre qualcuno per il quale la tua musica costa troppo. Ci sono dei posti dove 20euro sono la paga di un mese. Ti dovrai porre un problema: la tua musica è arte? la tua musica è indispensabile, o è solo intrattenimento?Vorresti far ascoltare la musica a chiunque, o solo a chi può permetterselo?Pensi sia giusto che una persona non dotata di grosso reddito non abbia modo di acquisire una cultura musicale?io non so come si possa affrontare questo problema; ma so che è giusto che tutti ascoltino tutto. Forse la soluzione è dare di più a chi paga, lasciando di meno (mp3 a basso bitrates, 96kbps) a chi vuole scaricare gratuitamente. Forse la soluzione è lasciare una legge irrispettabile e lasciare che le persone si regolamentino in base alla loro coscienza.Però a me sembra un delitto lasciare un povero cristo nell'impossibilità di scoprire gruppi storici e importantissimi, oppure gruppi sconosciuti ma che mi piacciono da morire.
  • Anonimo scrive:
    Messaggio spostato
    continuare quihttp://punto-informatico.it/forum/pol.asp?mid=723835
  • Anonimo scrive:
    Ho sbagliato notizia
    si potrebbe spostare in questo forum?http://punto-informatico.it/p.asp?i=49361
  • Anonimo scrive:
    Re: Parere di un futuro artista

    Grazie per aver letto
    Qualsiasi commento è ben accetto ma
    per favore non insultatemi ...
    Danielpiù che altro non ho capito cosa centra con i dipositivi anticopia illegali o semi tali...potevi postarlo nei commenti all'articolo sulle nuove indagini sul p2p e sugli obiettivi della riaa, forse c'entrava di più
  • Anonimo scrive:
    tanto non cambia una mazza
    allungheranno una mazzetta ai giudici e finito lo scandalo... boh, giusto oggi un mio amico è venuto a chiedermi incazzato come una biscia di fargli una copia di un cd appena comprato pagato l'ira di dio e che grazie alla copy protection proprio non vuole girare in macchina...sono allibito: uno dovrebbe pagare una follia per i cd e non poterli nemmeno ascoltare?che gioia poi leggere i risultati annuali delle vendite del settore: almeno quasta soddisfazione mi rimane
    • Anonimo scrive:
      Re: tanto non cambia una mazza
      E' probabile, ma trovo che sia un buon inizio; penso che sia veramente assurdo pagare 25 (!) euro per un CD che non puo' essere letto da un lettore (e non un frullatore) e che ormai tutto e' tranne che un CD Audio.Spero che li salassino, ma sopratutto che vietino tali sistemianti copia che degradano la qualita' del supporto.
    • jfx scrive:
      Re: tanto non cambia una mazza
      - Scritto da: Anonimo
      allungheranno una mazzetta ai giudici e
      finito lo scandalo...

      boh, giusto oggi un mio amico è
      venuto a chiedermi incazzato come una biscia
      di fargli una copia di un cd appena comprato
      pagato l'ira di dio e che grazie alla copy
      protection proprio non vuole girare in
      macchina...successa la stesa cosa a me:vedi qui:http://punto-informatico.it/p.asp?i=43616
      sono allibito: uno dovrebbe pagare una
      follia per i cd e non poterli nemmeno
      ascoltare?forse con catene di negozi un po' più impersonali ci faremo coraggio e restituiremo anceh noi i cd e chiederemo risarcimenti.... io quella volta non me la sono sentita, il negoziante lo conoscevo e non volevo scassare le palle a lui... d'ora in poi sceglierò catene grosse per roba sospetta e negozietti per roba di provata fiducia (tipo la roba della music-for-nations che è ottima e mai protetta e mi funzia perfettamente in macchina)
  • Anonimo scrive:
    Varie Associazioni dei Consumatori
    Prendete esempio dai cugini d'oltralpe e fate qualcosa pure voi per noi utenti italiani!P.S.:Se già lo avete fatto, cosa di cui io non sono a conoscenza, pubblicizzatelo bene e dappertutto.
  • Anonimo scrive:
    nuova protezione DVD?
    Parrebbe che anche certi DVD recenti adottiino qualche marchingegno che ne impedisce il grabbaggio. Qualcuno sa qualcosa di più in merito ?
  • Anonimo scrive:
    dovrebbero
    Dovrebbero rendere illegale ogni forma di protezione
Chiudi i commenti