Registrati in Italia 6,3 milioni di SPID

Il Ministero dell'Innovazione annuncia che, grazie all'erogazione dei servizi durante l'emergenza, il ritmo di registrazione degli SPID è raddoppiato.
Il Ministero dell'Innovazione annuncia che, grazie all'erogazione dei servizi durante l'emergenza, il ritmo di registrazione degli SPID è raddoppiato.

Quel che non si riusciva a fare neppure con i bonus cultura ai 18enni, lo si è riuscito a fare grazie alla necessità imposta dall’attuale situazione di isolamento: le registrazioni delle credenziali SPID sono improvvisamente aumentate, arrivando fino a 100 mila a settimana. Il ritmo è dunque improvvisamente raddoppiato rispetto alle 50 mila mensili erogate a fine 2019.

6,3 milioni di SPID

Oggi il numero di credenziali SPID registrate è pari a 6,3 milioni (dati di fine marzo), mentre erano 5,9 milioni nel mese di febbraio.

I motivi di questo aumento sono evidenti: costringendo i cittadini in casa, ognuno ha cercato il modo più semplice per poter accedere a molti servizi fondamentali erogati dalla Pubblica Amministrazione ed improvvisamente è stato chiaro a tutti quanto il digitale fosse fondamentale per snellire le procedure, evitare spostamenti e gestire le richieste online invece che allo sportello. Tra questi servizi, l’AGID ricorda

le indennità di sostegno al reddito erogate dall’INPS, quali il bonus dei 600 euro e il bonus baby sitting previsti dal Decreto Cura Italia, i buoni spesa dei Comuni e la Carta Famiglia, rilasciata dal Dipartimento per le politiche della famiglia della Presidenza del Consiglio dei Ministri.

Entra con SPID

Ora che centinaia di migliaia di persone in più posseggono lo SPID, con ogni probabilità aumenteranno le richieste di servizi tramite i siti ufficiali e anche servizi privati iniziano a sposare la causa. Se qualcosa di positivo lo si vuol trovare in questo periodo tormentato, lo SPID può essere un segnale importante: l’improvvisa accelerazione nella trasformazione digitale della domanda di servizi, automaticamente stimolerà una accelerazione nella trasformazione digitale dell’erogazione dei servizi stessi. In tal senso il KO del sito INPS rimarrà forse agli annali come il punto di rimbalzo, mentre la distribuzione della beta dell’app IO è forse il primo segno della risalita. In vista della ripartenza a qualcosa occorre pur appigliarsi.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

24 04 2020
Link copiato negli appunti