Spyware per intercettare il VoIP?

Spyware per intercettare il VoIP?

Rumors indicano che l'idea è al vaglio del ministero delle Comunicazioni svizzero. Usare certi software potrebbe consentire di saperne di più sulle comunicazioni degli utenti
Rumors indicano che l'idea è al vaglio del ministero delle Comunicazioni svizzero. Usare certi software potrebbe consentire di saperne di più sulle comunicazioni degli utenti

Roma – Mancano informazioni dettagliate e conferme ufficiali, d’altra parte la materia è così delicata che questo non deve sorprendere: secondo Heise Security il Governo svizzero sta valutando l’ipotesi di ricorrere a spyware per riuscire ad intercettare le chiamate VoIP, un tipo di comunicazione che notoriamente dà grattacapi alle forze dell’ordine.

La notizia, ripresa anche da Slashdot , spiega che il software sarebbe prodotto da ERA IT Solutions , società elvetica che lo avrebbe proposto alle autorità. Il suo spyware sarebbe pensato esclusivamente per un uso investigativo: il suo codice così come le sue caratteristiche rimarranno ben celati, almeno nelle intenzioni dell’azienda. “Questo – sottolinea Heise – dovrebbe impedire ai produttori di antivirus di incorporare quel software nei propri database e consentire così ai propri strumenti di sicurezza di individuarlo. Secondo il produttore, i firewall non sono un problema”.

L’idea su cui si lavora è che su richiesta di un magistrato un provider sfrutti la connessione dell’abbonato da sorvegliare al proprio network per impiantare il programma nel suo PC . Il software si occuperebbe di ascoltare le conversazioni e inviarle frammentate in pacchetti irrintracciabili ad un server dedicato.

Ma c’è di più. Secondo Heise apparecchi come i microfoni dei portatili potrebbero essere attivati a distanza da chi controlla quel software, e così eventuali webcam. “Una volta concluse le attività di intercettazione – scrive l’ezine – il software può essere programmato per disinstallarsi da sé”.

Ad accreditare questi rumors, Heise cita il SonntagsZeitung , un giornale nel quale un alto funzionario del ministero delle Comunicazioni ammette che sebbene non vi sia una base giuridica chiara per l’uso di cavalli di troia, i regolamenti cantonali e federali sembrano permettere forme di intercettazione via software, da portare avanti con sistemi di intercettazioni secondo le normative che già regolano le intercettazioni tradizionali.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

10 10 2006
Link copiato negli appunti