Street View, accordo in Connecticut

Google ammette di aver ottenuto dati privati. Ribadisce la non volontarietà e le scuse. Evitato il processo

Roma – Google ha raggiunto un accordo con le istituzioni del Connecticut: al via negoziati per evitare un processo e permettere al contempo alle autorità competenti l’accesso ai dati raccolti con le macchine di Street View e potenzialmente prova di una violazione di privacy da parte di Mountain View.

L’ex procuratore generale del Connecticut Richard Blumenthal ( nel frattempo diventato Senatore dello Stato) aveva chiesto a Google (prima in maniera informale , poi tramite citazione in giudizio ) di consegnare i dati raccolti dalla macchine di Street View per valutarne eventuali violazioni delle leggi in materia di privacy.

I dati raccolti a strascico dalle Google car impegnate nella mappatura di reti WiFi aperte e di strade e case per il servizio Street View è finito nel mirino di diverse autorità tra cui paesi europei (con la Germania in testa), Corea del Sud, Canada e 30 procuratori generali statunitensi guidati da quello del Connecticut. Tutti preoccupati delle violazioni più o meno volontarie perpetrate da Mountain View. E dei dati di cittadini privati in questo modo finiti in suo possesso. Ad ottobre, intanto, sempre negli Stati Uniti si era chiusa l’indagine FTC aperta per lo stesso motivo, con la Commissione ritenutasi soddisfatta della promessa da parte di Google di adottare nuove misure per difendere la privacy dei cittadini.

Nel caso dell’azione avanzata dalle autorità del Connecticut, in un primo momento Google aveva chiesto ad un giudice di respingere la denuncia in quanto non vi era alcuna violazione di legge: “Non è illegale – si legge nei documenti difensivi di Mountain View – ai sensi della legge ricevere informazioni da reti che sono configurate in modo che le comunicazioni fatte su di loro siano facilmente accessibili al grande pubblico”.

Con l’ accordo ora raggiunto Google ammette di avere ottenuto tramite le macchine utilizzate per il servizio Street View dati privati (stralci più o meno completi di email, ma anche indirizzi navigati e password e altre informazioni riservate) e li ha passati alle autorità che li visioneranno prima che vengano distrutti come Mountain View dichiara di voler fare da tempo.

Claudio Tamburrino

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • alpha scrive:
    Radio amatori
    L'unica via in questi casi è quella che usano i radioamatori.E' possibile far viaggiare una piccola quantità di dati via radio verso i satelliti o ponti radio lontani migliaia di kilometri.Ci sono ancora radioamatori che da Roma, chattano via radio con altri radioamatori in giappone.L'etere per fortuna non si può ancora controllare :)
    • pippO scrive:
      Re: Radio amatori
      - Scritto da: alpha
      L'unica via in questi casi è quella che usano i
      radioamatori.
      E' possibile far viaggiare una piccola quantità
      di dati via radio verso i satelliti o ponti radio
      lontani migliaia di
      kilometri.
      Ci sono ancora radioamatori che da Roma, chattano
      via radio con altri radioamatori in
      giappone.
      L'etere per fortuna non si può ancora controllare
      :)A parte l'antenna da 20 metri, che non da molto nell'occhio ;)
      • Picchiatell o scrive:
        Re: Radio amatori
        - Scritto da: pippOare

        :)
        A parte l'antenna da 20 metri, che non da molto
        nell'occhio
        ;)e tutte le scartoffie da compilare per essere in regola...
      • sxs scrive:
        Re: Radio amatori

        A parte l'antenna da 20 metri, che non da molto
        nell'occhio
        ;)Se fose solo per quello...ti fai una filare e l'incementi! :-P
  • monnalisa monamour scrive:
    la rete è veloce nel debugging
    la rete è veloce , tutto è campo di studio.....e si evolve..[yt]FwYt7hobYZg[/yt]
  • Skywalker scrive:
    QSO?
    Va beh che siam rimasti in pochi, ma pochi buoni OM posti nel posto giusto, fanno ancora tanto in termini di "comunicazioni in emergenza". E se proprio si vuol rimanere su Internet, si può sempre fare del buon Packet Radio... :) :)Poi magari si può interconnettere il tutto ad una mesh WiFi... :)
    • alpha scrive:
      Re: QSO?
      Perdonami, ho postato un messaggio come il tuo.Si siete rimasti in pochi, io sono SWL su VHF e UHF.E' un mondo che andrebbe rivalutato, infatti questa sarebbe un'ottima occasione.
      • sxs scrive:
        Re: QSO?
        - Scritto da: alpha
        Perdonami, ho postato un messaggio come il tuo.
        Si siete rimasti in pochi, io sono SWL su VHF e
        UHF.
        E' un mondo che andrebbe rivalutato, infatti
        questa sarebbe un'ottima
        occasione.Si ma li non te la cavi con un pc e la presa del telefono,saremmo in pochissimi in grado di trasmettere datie se il problema e' opporsi alla censura di massanon serve a nulla. Comunque sempre W la radio e gli OM. :-)
  • Francesco scrive:
    Kriptonite
    Chissa' se qui c'e' qualcuno che solo dal titolo di questo post immagina a che cosa mi sto riferendo..in ogni caso, da scaricare (eventualmente stampare) e leggereO B B L I G A T O R I Ointesi?bene. allora scaricate questo file. dentro c'e' un pdf. http://www.ecn.org/kriptonite/kripto.zipquesto libro e' stato scritto tanti tanti anni fa, ma le basi e le tecniche sono sempre le stesse. Qui trovate un sacco di informazioni molto interessanti, soprattutto in casi di emergenza. buona lettura..
  • Ledda Garnera scrive:
    giusto. E volatilità, anche
    Tutto vero, sottoscrivo.Certo, si potrebbe migliorare ciò che ha fatto crollare internet in una nazione, per evitarlo.Ma voglio ricordare che lo stesso aspetto ha la volatilità di internet.Quintali di documentazione esisterebbero, se venisse stampata quella presente su internet.Basta spegnere un paio di pc che la ospitano e smetterà di esistere.Non ci scordiamo, una volta all'anno, di considerare che in un FLOPPY DISK ci stanno un tot di libri.Bene. Quanta documentazione sta SOLO in un pc che può spegnersi domani e non venire mai più collegato in rete?Lo stesso aspetto hanno alcuni link cambiati per capriccio e leggerezza, link che non portano più ad un documento che ieri consideravi la base di una formazione, una fonte, un mattoncino di qualcosa. Giornali, libri, roba permanente. Non dimentichiamola. Talvolta alcune fonti è meglio scaricarle, trasformarle, copiarle, ridistribuirle... non pensare "tanto sono li"... perché domani non ci saranno più, basta qualche anno.
    • panda rossa scrive:
      Re: giusto. E volatilità, anche
      - Scritto da: Ledda Garnera

      Giornali, libri, roba permanente. Non
      dimentichiamola. Talvolta alcune fonti è meglio
      scaricarle, trasformarle, copiarle,
      ridistribuirle... non pensare "tanto sono li"...
      perché domani non ci saranno più, basta qualche
      anno.Per questo e' dovere morale di ciascuno dotato di connessione internet e disco da 1 tera di scaricare tutto lo scaricabile e conservarlo.
  • feffy luggington scrive:
    da provare Netsukuku
    Direi di rispolverare la rete di netsukuku.
    • Mark scrive:
      Re: da provare Netsukuku
      Ma il progetto è ancora in piede? L'idea mi sembrava buona, però avevo sentito che c'erano delle difficoltà implementative
  • kallsu scrive:
    ?!?!?!?
    1- "Spegnere internet": la rete come tutti i sistemi, è costruito sopra un altro sistema. Basta togliere la base e il castello costruito sopra crolla inevitabilmente. Infatti "spegnendo" i collegamenti dell'infrastruttura ecco lì il collasso totale. Se la medesima infrastruttura fosse stata gestita in maniera totalmente decentralizzata questa casistica non poteva sussistere.2- "Passaparola e social network": è il mezzo di comunicazione più antico sul pianeta, noi lo abbiamo solo portato su internet, prima si chiamava "passaparola" o "pettegolezzi", ora si chiama "social network". La sostanza non cambia3- "Social network ed emergenze": è ovvio! le nostre interazioni sono come quelle di un sistema complesso. Più è alto il livello di interazione fra i singoli soggetti, attraverso uno o più canali (adeguati); più questo sistema si evolve e si bilancia, facendo fronte ad emergenze, eventi sporadici etc... Ormai è consolidato l'utilizzo per i sistemi di monitoring l'utilizzo di sistemi di agenti pro-attivi, base dei sistemi complessi.Ragazzi, qui c'è da denunciare un'altra cosa:1- Negazione della libertà dello scambio di informazioni, tramite via orale, internet o altro. Hanno bloccato direttamente il veicolo di trasmissione (per fortuna non hanno ancora inventato come togliere l'aria)2- il veicolo/mezzo di comunicazione/trasmissione deve essere gestito in modo decentralizzato, i cui pro e contro sono ben noti. L'importante è che su questo di comunicazione io possa parlare di tutto, dallo scambio di barzellette, alla richiesta di aiuto.3- Inutile sottolineare la natura "interattiva" dell'uomo e delle persone in generale. Gli antropologi e biologi studiano i comportamenti in gruppo degli animali e degli uomini, noi informatici studiamo sistemi complessi, in modo da renderci conto come i vari comportamenti siano del tutto simili.
    • feffy luggington scrive:
      Re: ?!?!?!?
      - Scritto da: kallsu
      1- [...] Se la medesima infrastruttura
      fosse stata gestita in maniera totalmente
      decentralizzata questa casistica non poteva
      sussistere.è infatti circa un decennio che lo si è già detto: negli states poi, che hanno inventato internet, è praticamente la stessa cosa. Se gli states volessero "chiuderebbero internet". Questo perché i nodi e le infrastrutture più importanti sono tutti in mano a pochi soggetti. Basterebbe qualche investimento in zone geografiche non più grandi di un comune, per aiumentare i nodi. Certo, serve gente competente.

      2- "Passaparola e social network": è il mezzo di
      comunicazione più antico sul pianeta, noi lo
      abbiamo solo portato su internet[...]"solo" è quello che ha generato la globalizzazione. Togli l'e-mail, il voip e la telefonia a basso prezzo e poi vediamo quanti continueranno a delocalizzare in scioltezza. L'e-mail ha cambiato il pianeta.[...]
      2- il veicolo/mezzo di comunicazione/trasmissione
      deve essere gestito in modo decentralizzato, i
      cui pro e contro sono ben noti. L'importante è
      che su questo di comunicazione io possa parlare
      di tutto, dallo scambio di barzellette, alla
      richiesta di
      aiuto.ti diranno subito le magiche parole pedoXXXXXgrafia, terrorismo, rivoluzione, sovversione e le immancabili al top: anarcoinsurrezionalsta! Per il bene della tua sicurezza ecc ecc. Quanti usano pgp?Quanti usano tor?Quanti usano Freenet?Quanti usano una darknet?Quanti hanno letto cryptnet?Quanti sanno cosa sia stato il crackdown degli anni 90?Quanti hanno usato waste? Quanti lo hanno portato avanti dopo che la nullsoft l'ha sconfessato?Quanti sanno su cosa sia poggiato il giocattolino che amano tanto?Quanti se ne interessano e approfondiscono?Dai, andiamo che sta per iniziare un'altra puntata del grande pisello.
      • panda rossa scrive:
        Re: ?!?!?!?
        - Scritto da: feffy luggington
        Quanti usano pgp?
        Quanti usano tor?
        Quanti usano Freenet?
        Quanti usano una darknet?
        Quanti hanno letto cryptnet?
        Quanti sanno cosa sia stato il crackdown degli
        anni
        90?
        Quanti hanno usato waste? Quanti lo hanno portato
        avanti dopo che la nullsoft l'ha
        sconfessato?
        Quanti sanno su cosa sia poggiato il giocattolino
        che amano
        tanto?

        Quanti se ne interessano e approfondiscono?
        Se la domanda e' rivolta considerando solo i tecnici (che sono quelli che contano), la risposta e' "tutti".Se la domanda e' rivolta considerando gli utonti, la risposta e' "nessuno".
  • Stever scrive:
    in caso di emergenza
    In caso di emergenza di blocco di adsl e cellulari (non possedendo un satellitare) si può sempre tentare di attaccare il vecchio modem 56k e chiamare un numero di telefono di un provider estero...costa un pò, si va lenti ma una email o un twitter è sempre possibile !
    • lui scrive:
      Re: in caso di emergenza
      Me lo stavo chiedendo anche io.Ma non sarebbe possibile bloccare facilmente anche le telefonate internazionali?Se vuoi controllare una nazione la prima cosa è quella.
      • Stever scrive:
        Re: in caso di emergenza
        si però pare che in Egitto abbiano bloccato solo adsl e gsm.
        • Wanu scrive:
          Re: in caso di emergenza
          Beh... non avrebbe funzionato... tutto il sistema di telecomunicazioni del paese era completamente collassato, praticamente riuscire ad agganciare una linea estera era abbastanza difficile, oltretutto dovresti anche riuscire ad avere il numero da chiamare, la user e la password... Sfido a farlo in un momento simile.In aggiunta basta poco ai provider per XXXXre anche il traffico dati su reti telefoniche normali.
      • DepreGol scrive:
        Re: in caso di emergenza
        - Scritto da: lui
        Me lo stavo chiedendo anche io.
        Ma non sarebbe possibile bloccare facilmente
        anche le telefonate
        internazionali?

        Se vuoi controllare una nazione la prima cosa è
        quella.Qualsiasi cosa sia possibile fare in un'azienda, si può fare in uno stato.E quindi la risposta è: si può.
  • Guybrush scrive:
    Un paio di precisazioni
    Non e' andata giu' solo la rete.E' stata spenta proprio l'infrastruttura TLC del paese e non "4 o 5 providers", o almeno così riferivano i giornalisti presenti sul posto.Con tutta probabilità le uniche connessioni attive, oltre quelle militari, erano le connessioni locali via wifi. Pure che riesci a creare un ponte radio con una cantenna... è dura, quando hai qualche centinaio di km di deserto da attraversare prima del ripetitore più vicino.Fai prima a mettere una micro-sd su un piccione.E si, la rete è potentissima finché non la spegni... ma anche spegnere la rete non è servito allo scopo, anzi: pare abbia solo peggiorato le cose.SalutiGT
    • Massimo Mantellini scrive:
      Re: Un paio di precisazioni
      @Guybrush, Se leggi bene ho scritto esattamente che Internet è stata spenta (mentre la rete gsm ha funzionato a tratti) dagli operatori delle telecomunicazioni. Che in Egitto sono 5 o 6. E' rimasta accesa solo Nook che è la rete sulla quale gira la borsa egizianaSaluti- Scritto da: Guybrush
      Non e' andata giu' solo la rete.
      E' stata spenta proprio l'infrastruttura TLC del
      paese e non "4 o 5 providers", o almeno così
      riferivano i giornalisti presenti sul
      posto.

      Con tutta probabilità le uniche connessioni
      attive, oltre quelle militari, erano le
      connessioni locali via wifi. Pure che riesci a
      creare un ponte radio con una cantenna... è dura,
      quando hai qualche centinaio di km di deserto da
      attraversare prima del ripetitore più
      vicino.
      Fai prima a mettere una micro-sd su un piccione.

      E si, la rete è potentissima finché non la
      spegni... ma anche spegnere la rete non è servito
      allo scopo, anzi: pare abbia solo peggiorato le
      cose.

      Saluti
      GT
    • Postribulo scrive:
      Re: Un paio di precisazioni
      - Scritto da: Guybrush
      Non e' andata giu' solo la rete.
      E' stata spenta proprio l'infrastruttura TLC del
      paese e non "4 o 5 providers", o almeno così
      riferivano i giornalisti presenti sul
      posto.Il fatto è che la rete in Egitto sono quei 4 o 5 provider, non è come in altri paesi che i provider sono centinaia.
      • pippO scrive:
        Re: Un paio di precisazioni
        - Scritto da: Postribulo
        - Scritto da: Guybrush

        Non e' andata giu' solo la rete.

        E' stata spenta proprio l'infrastruttura TLC del

        paese e non "4 o 5 providers", o almeno così

        riferivano i giornalisti presenti sul

        posto.

        Il fatto è che la rete in Egitto sono quei 4 o 5
        provider, non è come in altri paesi che i
        provider sono
        centinaia.Certo, proviamo a chiudere telecom, vodafone, tre, wind, fastweb e vediamo cosa rimane da noi... :D
        • krane scrive:
          Re: Un paio di precisazioni
          - Scritto da: pippO
          - Scritto da: Postribulo

          - Scritto da: Guybrush


          Non e' andata giu' solo la rete.


          E' stata spenta proprio l'infrastruttura TLC


          del paese e non "4 o 5 providers", o almeno


          così riferivano i giornalisti presenti sul


          posto.

          Il fatto è che la rete in Egitto sono quei 4 o 5

          provider, non è come in altri paesi che i

          provider sono centinaia.
          Certo, proviamo a chiudere telecom, vodafone,
          tre, wind, fastweb e vediamo cosa rimane da
          noi...
          :DEmmm...Forse stava parlando di paesi evoluti, mica di noi...
          • pippO scrive:
            Re: Un paio di precisazioni
            - Scritto da: krane
            - Scritto da: pippO

            - Scritto da: Postribulo


            Il fatto è che la rete in Egitto sono quei 4
            o
            5


            provider, non è come in altri paesi che i


            provider sono centinaia.

            Certo, proviamo a chiudere telecom, vodafone,

            tre, wind, fastweb e vediamo cosa rimane da

            noi...

            :D

            Emmm...
            Forse stava parlando di paesi evoluti, mica di
            noi...ops :$
        • Postribulo scrive:
          Re: Un paio di precisazioni
          Bè dai,ce n'è qualcuno in più, comunque si, anche da noi la situazione è abbastanza concentrata.Minori esistono anche: Tiscali, Aruba, BT, ecc...e tanti piccoli provider locali (non avranno tanti sottoscrittori però se mi chiudono gli altri conoscerò qualcuno che utilizza quelli).Non siamo come l'Egitto ma potremmo essere meglio.Ciao
          • anonimo scrive:
            Re: Un paio di precisazioni
            - Scritto da: Postribulo
            Bè dai,
            ce n'è qualcuno in più, comunque si, anche da noi
            la situazione è abbastanza
            concentrata.
            Minori esistono anche: Tiscali, Aruba, BT, ecc...
            e tanti piccoli provider locali (non avranno
            tanti sottoscrittori però se mi chiudono gli
            altri conoscerò qualcuno che utilizza
            quelli).
            Non siamo come l'Egitto ma potremmo essere meglio.

            Ciao Siamo un popolo di lamentoni .
      • Guybrush scrive:
        Re: Un paio di precisazioni
        - Scritto da: Postribulo
        - Scritto da: Guybrush

        Non e' andata giu' solo la rete.[...]

        posto.

        Il fatto è che la rete in Egitto sono quei 4 o 5
        provider, non è come in altri paesi che i
        provider sono
        centinaia.O in italia dove nessuno sa esattamente quanti sono e chi è che effettivamente gestisce i backbones (evil grin).GT
        • sxs scrive:
          Re: Un paio di precisazioni

          O in italia dove nessuno sa esattamente quanti
          sono e chi è che effettivamente gestisce i
          backbones (evil
          grin).
          GTGiusto...ma in Italia Internet si "spegenerebbe" senza saperechi e' stato a staccare le spine.
    • Picchiatell o scrive:
      Re: Un paio di precisazioni
      - Scritto da: Guybrush

      Con tutta probabilità le uniche connessioni
      attive, oltre quelle militari, erano le
      connessioni locali via wifi. Pure che riesci a
      creare un ponte radio con una cantenna... è dura,
      quando hai qualche centinaio di km di deserto da
      attraversare prima del ripetitore più
      vicino.In generale in queste situazioni solo i radiamatori riescono a venire a capo della faccenda...piu' in piccolo con i baracchini cb... tanta buona volontà...e un buon gruppo elettrogeno...
      • sxs scrive:
        Re: Un paio di precisazioni

        In generale in queste situazioni solo i
        radiamatori riescono a venire a capo della
        faccenda...piu' in piccolo con i baracchini cb...
        tanta buona volontà...e un buon gruppo
        elettrogeno......e un lineare da qualche centinaio di watt,oltre che di una buona antenna.Il packet non e' un gran che, saremmo in 4 gattipurtroppo.
        • Picchiatell o scrive:
          Re: Un paio di precisazioni
          - Scritto da: sxs

          ...e un lineare da qualche centinaio di watt,
          oltre che di una buona antenna.
          Il packet non e' un gran che, saremmo in 4 gatti
          purtroppo.beh si l'idea e' di prendervi subito....tanto i dati li avete gia'comunicati...
          • sxs scrive:
            Re: Un paio di precisazioni

            beh si l'idea e' di prendervi subito....tanto i
            dati li avete
            gia'comunicati...Non io uahz uahz!! :D
Chiudi i commenti