Stuxnet, una creatura israelo-statunitense?

Nuove indiscrezioni confermerebbero che la paternità del worm più chiacchierato del 2010 va ascritta all'asse Washington-Gerusalemme. Lo dice il New York Times
Nuove indiscrezioni confermerebbero che la paternità del worm più chiacchierato del 2010 va ascritta all'asse Washington-Gerusalemme. Lo dice il New York Times

Stuxnet, il worm telematico che nell’ultima parte del 2010 ha preso di mira il programma nucleare iraniano aprendo le porte a una nuova era per la cyber-war mondiale, sarebbe il frutto di una “joint venture” militare tra USA e Israele tesa a colpire Teheran.

Stando a quanto sostiene il New York Times , esperti e ufficiali confermano ancora una volta quello che già era noto da tempo: il coinvolgimento di Gerusalemme nell’ affaire Stuxnet – con la possibile assistenza di Washington – era apparso sin da subito molto più che plausibile , vista l’estrema sofisticatezza della minaccia informatica e l’obiettivo dichiarato degli apparati di controllo industriale impiegati nelle centrali nucleari iraniane.

Il worm è stato creato da ufficiali statunitensi e israeliani, dice il NYT , con il contributo – consapevole o meno – di Gran Bretagna e Germania. Non bastasse questo, sostengono le fonti del quotidiano statunitense, Stuxnet è risultato essere particolarmente efficace nel raggiungimento dei suoi obiettivi perché Israele ne ha potuto testare le qualità “dal vivo”.

Il test del malware sarebbe avvenuto nell’impianto super-sorvegliato di Dimona , nel deserto del Negev, sede dell’unico programma nucleare militare noto del Medio Oriente – ancorché mai ufficialmente dichiarato dalle autorità del paese.

Anche grazie all’azione di cyber-sabotaggio apportata dall’infezione di Stuxnet, sostengono gli esperti, i piani di sviluppo nucleare dell’Iran sono tornati indietro di qualche anno. Israele continua a supportare l’idea degli USA di costringere Teheran ad abbandonare l’atomo con le sanzioni – e il supporto di una minaccia militare “concreta” – ma dietro le quinte la potenza mediorientale lavora con ogni mezzo possibile per prevenire il progresso delle ricerche altrui.

Alfonso Maruccia

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

18 01 2011
Link copiato negli appunti