Sulle funzionalità degli antivirus

Un altro lettore interviene sulla questione delle risposte automatiche dei sistemi di protezione contro i virus. Per risolvere basta una buona configurazione


Roma – Salve, innanzitutto complimenti per la e-zine sempre ricca ed aggiornata. Come faceva notare il sig. Andrea Rimicci nella lettera pubblicata da PI è vero che purtroppo nei protocolli di posta in genere non si possa verificare l’autenticità del campo From: che viene emesso, però anche se i sistemi di antivirus per server di posta elettronica mandano un email al mittente, al postmaster e al destinatario avvertendo la cosa è per parecchi motivi di cui:

– innanzitutto per avvertire sia mittente che destinatario che un eventuale allegato non è stato recapitato (ma disinfettato o eliminato), quindi per non creare malintesi nella corrispondenza, questo dipende dalle policy dell’antivirus che possono anche vietare solamente certe estensioni di file!

– il postmaster e ormai anche chi riceve posta sanno benissimo che i virus che girano negli ultimi tempi sfruttano indirizzi email da rubriche, posta in uscita ed in entrata come From:, quindi posso ormai escludere il fenomeno per cui il mittente venga “condannato” per un eventuale distribuzione di virus, al contrario di come la pensa il sig. Rimicci.

– la questione basilare è: tener conto del principio di cautela e quindi inviare comunque il messaggio (io la penserei così), o a scanso di malintesi per chi non se ne intende lasciare tutto “a tacere”, anche se questo, in caso di attachment regolari, potrebbe provocare malintesi, ecc.

– per quanto riguarda la questione che l’antivirus addirittura rispedisse indietro in allegato materiale infetto mi sembra assolutamente assurdo! Tutto quello che passa per i server mail con un buon antivirus (cioé quasi tutti quelli che lo hanno), viene pulito, che sia in entrata o in un uscita o solo in transito.

Cordiali Saluti,
Nicolas Walker

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    tutto era scritto
    quando analisti avevano detto in Italia non c'è posto per un quarto operatore mobile, e il governo (per ingraziarsi l'allora amico BerlusKaiser) diede la licenza a Blu, ha fatto un grande errore, e ora purtrooppo i dipendenti ne pagano le conseguenze.Mi spiace molto per loro.Forse meriterebbero un trattamento migliore da questo governo (il cui pres è anche azionista di maggioranza di Blu).quando si dice conflitto di interessi :)
  • Anonimo scrive:
    i cartelli
    purtroppo era già tutto scritto dai tempi della strana gara x le umtsdispiace sinceramente peri dipendenti che poi pagano per le mosse altrui poco chiarealmeno avessere evitato certe faraoniche carovane che giravano per l'italia: non bastano un pò di ragazzotte per ridare bellezza ad una azienda che l'ha persa agli occhi del pubblico (per non parlare del costo di una simile azione dimkt...)
  • Anonimo scrive:
    soggetti istituzionali
  • Anonimo scrive:
    SCATTO ALLA RISPOSTA
    CON TUTTI I SORDI CHE SE MAGNANO CIRCA 300 DELLE VEKKIE LIRE X UNO SCATTO ALLA RISPOSTA BASTA QUELLO X LIQUIDARE TUTTI I DIPENDENTI... AVEVANO LE TARIFFE + ALTE MERITANO QUESTO, HANNO SPESO TROPPI SOLDI PER FARE PUBBLICITA' SENZA SENSO.. RICORDATE GATTO SILVESTRO E QUELLA DELLA CARTA IGIENICA MENTRE POTEVA UTILIZZARE ALTROVE QUEI SOLDI! UN UTENTE MOLTO DELUSO COSTRETTO A PASSARE DI NUOVO A WIND...
    • Anonimo scrive:
      Re: SCATTO ALLA RISPOSTA
      sono pienamente d'accordo, e aggiungo:se vi ricordate bene la storia dell'UMTS sono stati loro a comportarsi come veri e propri "mafiosi" (non gli impiegati dei call-centers, ma i Dirigenti. Sempre se vi ricordate bene (è meglio avere buona memoria) la scusa per salvarsi in quell'occasione fu "per difesa del posto di lavoro" ( e ricorda molto la storia del Bancoapoli, sempre per chi ha buona memoria e magari si ricorda anche che la socità ha fra gli azionisti di riferimento gli stessi che ebbero a che fare col BancoNapoli).Credo che il posto di lavoro sia costato abbastanza allo Stato, dispiacemolto per i dipendenti di medio e basso livello, ma anche quelli che lavoravano per la Enron non avevano colpa; spesso purtroppo alla massa dei dipendenti non è dato di sapere per che razza di gente lavorano o devono inghiottire la pillola per poter mangiare. Questo purtroppo non è una ragione sufficente per permettere a certa gente di farla franca.....
      • Anonimo scrive:
        Re: SCATTO ALLA RISPOSTA
        Parole sante. Inoltre i dipendenti potevano rimanere dov'erano, al sicuro. Hanno rischiato, si sono messi nelle mani di gente senza scrupoli, e ora ovviamente ne pagano le conseguenze.
        • Anonimo scrive:
          Re: SCATTO ALLA RISPOSTA
          Tariffe fuori dal mercato, offerte inconsistenti, comportamento tutt'altro che limpido. QUando si trattò per l'assegnazione della terza licenza GSM ci mancò poco che blu vincesse al posto di WIND.Blu si merita di fallire.
Chiudi i commenti