Sulle nanotecnologie l'Europa arranca

Nelle nanotecnologie l'Europa è lenta e incapace di stendere un ponte fra ricerca e imprenditoria. La UE suona il campanello d'allarme


Bruxelles – Quello legato alle nanotecnologie è un settore chiave della ricerca in cui USA, Giappone, Cina e Taiwan hanno già investito moltissimo. Altrettanto non si può dire dell’Europa, una regione del mondo che, secondo quanto è emerso da una recente conferenza organizzata dall’Unione Europea, rischia di rimanere il fanalino di coda di un settore in rapida ascesa e destinato a guidare una fetta importante del futuro mercato tecnologico.

“L’Europa deve assolutamente riuscire ad affrontare la maggiore competitività messa in campo da USA e Giappone e la minaccia rappresentata da Taiwan e Cina, entrambe avviate a divenire centri d’eccellenza per le nanotecnologie”, ha affermato Pascal Colombani, chairman e CEO della French Atomic Energy Commission (CEA).

Il rischio che l’Europa perda troppo terreno nei confronti delle proprie avversarie, in un campo così centrale come quello delle tecnologie in scala nanometrica, preoccupa molto anche Philippe Busquin, commissario per la ricerca dell’UE.

“USA, Giappone e Cina – ha detto Busquin – stanno tutte progredendo molto velocemente. L’Europa dev’essere capace di competere con questi paesi”. Se così non fosse – ha sottolineato Busquin – l’Europa rischia di dipendere sempre più dai costosi brevetti sviluppati oltre oceano.

Secondo alcuni esperti del settore, in Europa il più grosso problema è dato dalla mancanza di quella mentalità imprenditoriale che in paesi come gli USA pervade tutto il settore della ricerca. Una situazione che, secondo alcuni, si scontra anche con l’approccio estremamente prudente e conservatore tipico della capital venture europee.

La sfida che l’Europa si prepara a raccogliere è dunque duplice: da un lato riuscire a finanziare più progetti di ricerca nell’ambito delle nanotecnologie, dall’altro capire poi come trasformare questi progetti in nuovi business.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    HYVÄ SUOMI!
    Almeno Jipii! Non ha ceduto subito alla dittatura amerikkana...Ma del resto la BSE (o BSA che dir si voglia) ha molti dollarazzi a disposizione, e si sà, i dollari sono onnipotenti!
  • Anonimo scrive:
    ci lamentiamo tutti tanto ma... bla bla
    ci lamentiamo tanto, bla bla bla bla ... ma alla fine cosa facciamo per evitare i soprusi?BSA e dollarosi perlomeno AGISCONO. Credono in ciò che hanno e agiscono, colpo su colpo.noi stiamo sempre in panciolle a blaterare.
    • Anonimo scrive:
      Re: ci lamentiamo tutti tanto ma... bla bla

      noi stiamo sempre in panciolle a blaterare.Parla per te.
    • Anonimo scrive:
      Re: ci lamentiamo tutti tanto ma... bla bla
      Scusa, ma per te è prassi normale andare in tribunale, sorbirsi tutte le rogne annesse e connesse e pagare le salatissime parcelle ad odiosi avvocati!?La BSA non ha altro da fare se non questo, è normale per loro agire in questa maniera.
  • Anonimo scrive:
    BSA???
    Ma che c'entra la BSA con l'Europa???
Chiudi i commenti