Sumitomo Mitsui, la banca dalla difesa olistica

Avevano provato a svaligiarla penetrandone le difese sia fisiche che informatiche, ora l'istituto pensa all'unificazione dei due settori. Integrazione e gestione centralizzata sono le parole chiave

Roma – Era stata vittima, oltre due anni fa, di quello che fu definito uno dei più grossi tentativi di furto nel Regno Unito. Sumitomo Mitsui Banking Corporation , l’istituto finanziario giapponese che ha rischiato di vedersi scippare 220 milioni di sterline a causa dell’installazione sui sistemi interni di keylogger in grado di carpire password e credenziali di accesso, corre ora ai ripari unificando i due livelli di protezione necessari alla salvaguardia delle attività della banca: quello dell’accesso fisico ai terminali e quello corrispondente all’identificazione digitale sulla rete interna.

Il progetto di sicurezza integrata prevede attualmente di coinvolgere 19 filiali sparse in Europa e negli USA: in ognuna di esse, impiegati e personale addetto alle più svariate mansioni avranno un profilo unico con il quale verranno tracciati i loro spostamenti e attività sia nel mondo fisico sia nel mondo telematico. Le tecnologie impiegate verranno fornite dalla società Imprivata .

A capo del nuovo organigramma della sicurezza ci sarà Andrew Weston, senior security officer di SMBC, che avrà il compito di gestire l’intero sistema. “Ora sono responsabile per la sicurezza fisica e quella delle informazioni” ha dichiarato Weston in relazione al suo nuovo ruolo, sottolineando come “il progetto integrato sarebbe stato molto più difficile da attuare senza l’approccio combinato”.

“L’obiettivo ultimo – continua Weston – è avere sistemi di accesso fisico e logico, così come circuiti CCTV, collegati insieme attraverso tutta l’Europa e gli Stati Uniti entro i prossimi tre anni”. Per ora, ad ogni modo, la prima fase di sviluppo del progetto prevede il coinvolgimento entro luglio di 2mila impiegati, tutti appartenenti agli uffici inglesi della Sumitomo Mitsui. Ognuno di essi, ad ogni accesso ai sistemi della banca sarà chiamato a identificarsi con una combinazione di password a tempo e riconoscimento delle impronte .

Con un tale meccanismo di autenticazione a doppio fattore, Weston e la SMBC sperano di far fronte ai pericoli provenienti dall’interno , sempre più preoccupanti nel settore bancario. Ma c’è chi come Richard Hackworth, ex-responsabile della sicurezza presso HSBC , denuncia gli svantaggi di una siffatta difesa integrata: “L’integrazione di questi ruoli non è prioritaria per la gestione del rischio – ha dichiarato Hackworth – I problemi e le capacità necessarie sono differenti per ogni tipo di lavoro e le aree di pericolo sono tanto diverse che finora non è stato possibile unificarli”.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • the_m scrive:
    Speriamo che non falliscano..
    Un giorno magari entreranno nel business dei sistemi operativi (combinandolo con qualche servizio on-line) e forse ci libereranno dal monopolio M$.Intanto per ora siamo ancora obbligati a tenerci sto windows dentro le macchine virtuali.. :-/ :-/
    • Nome Cognome scrive:
      Re: Speriamo che non falliscano..
      - Scritto da: the_m
      Un giorno magari entreranno nel business dei
      sistemi operativi (combinandolo con qualche
      servizio on-line) e forse ci libereranno dal
      monopolio
      M$.Speriamo di no, gli mancherebbe solo quello... anche se android è stato fatto partire su pc..
      Intanto per ora siamo ancora obbligati a tenerci
      sto windows dentro le macchine virtuali.. :-/
      :-/Obbligati? Per un uso comune del pc puoi passare tranquillamente a ubuntu e liberarti dal male. Se è più una questione di software singoli che non ci sono, bè, lì è colpa delle software house che non li portano.. se è per i giochi, buy a console ;)Comunque sono dell'idea che se google dovesse fallire la fine del mondo sarebbe abbastanza vicina
      • Wargames scrive:
        Re: Speriamo che non falliscano..
        Ma perché dovrebbero fallire? Prima di fallire Google, fallisce mezzo web! ^_^
        • Nome Cognome scrive:
          Re: Speriamo che non falliscano..
          - Scritto da: Wargames
          Ma perché dovrebbero fallire? Prima di fallire
          Google, fallisce mezzo web!
          ^_^Mica ho scritto che falliranno, anzi.. spero di no, anche se ultimamente stanno mettendo le mani un pò in troppi cambi con una mole di informazioni che conoscono sugli utenti impressionanteCoomunque se dovessero spegnersi i loro server forse anche più di mezzo web, tutte le pagine proverebbero a caricare per adsense e analytics non trovando niente... ^^
          • peppo scrive:
            Re: Speriamo che non falliscano..
            se fossero in euro le loro azioni salirebbero anzichè scendere!
          • non titolato scrive:
            Re: Speriamo che non falliscano..
            - Scritto da: peppo
            se fossero in euro le loro azioni salirebbero
            anzichè
            scendere!quoto, bisogna anche vedere il contesto. il fatto di regionalizzare un'azienda come google mi sembra abbastanza insensato.
          • lina rino scrive:
            Re: Speriamo che non falliscano..
            - Scritto da: non titolato
            - Scritto da: peppo

            se fossero in euro le loro azioni salirebbero

            anzichè

            scendere!

            quoto, bisogna anche vedere il contesto. il fatto
            di regionalizzare un'azienda come google mi
            sembra abbastanza
            insensato.a riprova del fatto che l'america è già in recessione c'è anche la notizia su ms. come sempre è difficile dividere la realtà dell'azienda da quello che vogliono far credere, ma questa è stata sempre la sua forza:http://www.ansa.it/site/notizie/awnplus/internet/news/2008-01-25_125144881.htmlla ragione addotta dalla notizia è che ms guadagna soprattutto all'estero.
      • Categorico scrive:
        Re: Speriamo che non falliscano..
        - Scritto da: Nome Cognome
        - Scritto da: the_m

        Un giorno magari entreranno nel business dei

        sistemi operativi (combinandolo con qualche

        servizio on-line) e forse ci libereranno dal

        monopolio

        M$.

        Speriamo di no, gli mancherebbe solo quello...
        anche se android è stato fatto partire su
        pc..


        Intanto per ora siamo ancora obbligati a tenerci

        sto windows dentro le macchine virtuali.. :-/

        :-/

        Obbligati? Per un uso comune del pc puoi passare
        tranquillamente a ubuntu e liberarti dal male. Se
        è più una questione di software singoli che non
        ci sono, bè, lì è colpa delle software house che
        non li portano.. se è per i giochi, buy a console
        ;)Ma se a uno piacciono i giochi per PC? La mia soluzione è che mi tengo Win 2000 per i giochi e per navigare, scaricare e programmare uso Kubuntu... Nel 2010, quando scadrà il supporto esteso a Win 2000, valuterò se metterlo in una macchina virtuale o se comprare Vienna (nel caso uscissero giochi che mi piacciono incompatibili con W2k, ma per ora sono arrivato a giocare titoli del 2004 e quelli che ho sono tutti compatibili anche con Win 2000), nel frattempo, per l'uso limitato che ne faccio, solo giochi e lo scanner che ha solo i driver per Win 9x/ME e 2000, non ho nessun bisogno neppure di considerare XP o men che meno Vista.La gente si fascia troppo la testa prima di essersela rotta, mica vengono il Griso e il Nibbio a casa a obbligarli a installare Vista, a maggior ragione se hanno XP, che ha ancora quasi 2 anni di supporto mainstream e fino al 2014 il supporto esteso, insommma, con ancora quasi 7 anni di supporto garantito, anche volendo comprare un PC ora, se uno non vuole Vista ma gli serve Windows, XP è comunque da valutare seriamente.Quanto alle console... De gustibus, Wii mi attira perché è diversa sia dal PC, sia dalle altre console, ma anche le Playstation, che comunque mi piacciono per giocare in compagnia a casa di amici, non mi hanno mai convinto ad abbandonare il gioco su PC in loro favore.
    • rarth scrive:
      Re: Speriamo che non falliscano..
      - Scritto da: the_m
      Un giorno magari entreranno nel business dei
      sistemi operativi (combinandolo con qualche
      servizio on-line) e forse ci libereranno dal
      monopolio
      M$.ecco che il frustrato di turno non perde occasione per dimostrare la sua classe perdenteazzo c'entra microsoft?

      Intanto per ora siamo ancora obbligati a tenerci
      sto windows dentro le macchine virtuali.. :-/
      :-/poverino, evidentemente sarai un tipo facile da condizionare e sottomettere a qualsiasi cosanon ho dubbi: sei un linaroper il resto credo che molto un google se ne fa un altro, idem per MSl'informatica aimhè tende a creare forti posizioni dominanti a chi arriva prima
      • the_m scrive:
        Re: Speriamo che non falliscano..
        - Scritto da: rarth
        ecco che il frustrato di turno non perde
        occasione per dimostrare la sua classe
        perdente

        azzo c'entra microsoft?Chi è più frustrato di un troll ignorantello che passa il suo tempo ad insultare gratuitamente altre persone sui forum?

        Intanto per ora siamo ancora obbligati a tenerci

        sto windows dentro le macchine virtuali.. :-/

        :-/

        poverino, evidentemente sarai un tipo facile da
        condizionare e sottomettere a qualsiasi
        cosaRipeto sfigatello, motiva queste affermazioni (a parte quella più ovvia cioè che sei un TROLL).Io nel settore IT ci lavoro e ci guadagno da vivere, se il mercato, i clienti, i fornitori, le tecnologie a volte mi impongono di usare windows, DEVO farlo se voglio lavorare.Ah no dimenticavo sei solo un troll che perde tempo insultando gli altri sul forum.. e che di certo col computer non ci lavora

        non ho dubbi: sei un linaroAh adesso ho capito: sei un rosicone che ha provato, ma non è mai stato in grado, di far funzionare decentemente un sistema diverso da m$ win, neanche sul pc di casa..

        per il resto credo che molto un google se ne fa
        un altro, idem per MSse ne fa un altro, oppure quelli che già ci sono prendono il suo posto (MSN search? bleah!)
    • OpenMind64 scrive:
      Re: Speriamo che non falliscano..
      E' moolto improbabile che falliscano.Il problema è solo il modo malato di ragionare degli analisti finanziari. Una volta si ragionava in termini di fatturato, poi si è passato a ragionare in termini di incremento del fatturato, e ora si ragiona in termini di curva di incremento rispetto all'anno precedente.Quindi se una azienda ha avuto un grande utile l'anno precedente e quest'anno incrementerà ancora questo utile (magari già gigantesco), ma in maniera inferiore all'incremento dell'anno scorso, le azioni sono incredibilmente destinate a scendere anche se l'azienda è sempre più florida.Tutto ciò è ovviamente demenziale. E' impossibile per qualunque azienda aumentare indefinitamente il trend di crescita da un anno con l'altro.Al momento la cosa migliore da fare è tenersi semplicemente lontani dal mercato azionario fino a che gli analisti finanziari non ricominceranno a ragionare bene :)
      • ninjaverde scrive:
        Re: Speriamo che non falliscano..
        Ma se quelle azioni non servono o non valgono datemene un pò a me! ;)Purtroppo quando il mercato va giù vi è un figgi fuggi generale (o quasi) eppure prorio adesso conviene comprare!!!Sicuramente qualcuno compra e poi vende quando le cose vanno bene... :@ e si fa i soldi...$$$
Chiudi i commenti