Suonala ancora Winamp

Dopo il requiem del lettore si fa avanti un compratore. Ma, al contrario di quanto si poteva supporre fin qui, non è Microsoft e neppure Spotify
Dopo il requiem del lettore si fa avanti un compratore. Ma, al contrario di quanto si poteva supporre fin qui, non è Microsoft e neppure Spotify

Winamp non deve morire: questo il messaggio che è risuonato in Rete dopo l’ anonimo annuncio con cui il lettore multimediale rivelava di essere arrivato al capolinea della sua lunghissima storia.

L’interesse sollevato dallo storico protagonista ha spinto Spotify a lanciare una petizione, Spotiamp , per il suo salvataggio che ha in poco tempo superato le 50mila firme “per onorare le abilità e la passione che ha portato a sviluppare questo fantastico software amato da milioni di persone”: probabilmente un’operazione per testare il polso degli utenti in vista di una possibile offerta.

Anche se Winamp si dava per morto, insomma, l’interesse nei suoi confronti era ancora vivo e vegeto, tanto che diverse voci sembravano puntare non solo alla possibile offerta di Spotify, ma anche di diversi altri compratori tra cui Microsoft .

Pur mancando ancora l’annuncio ufficiale, al momento le indiscrezioni parlano di un’operazione di acquisto andata a buon fine: tuttavia gli indizi portano lontano da Redmond e Spotify.

Secondo Whois , infatti, il dominio di Winamp è passato già da AOL a Radionomy, un servizio di streaming musicale simile proprio a Spotify, per cui si suppone un’operazione legata soprattutto all’interesse generato da Shoutcast, servizio di musica in cloud chiusa con Winamp dal proprietario AOL.

Claudio Tamburrino

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Link copiato negli appunti