Super WiFi, al via in North Carolina

Lo stato USA è il primo a implementare il nuovo network wireless veicolato attraverso i "white space" televisivi. Il termine "Super Wi-Fi" non ci piace, dice Wi-Fi Alliance, e i problemi non finiscono qui

Roma – Super WiFi, questione da “decantare” ancora o tecnologia pronta per l’uso nel quotidiano? Mentre c’è chi prova a trasformare il nuovo sistema di trasmissione wireless in uno standard di settore , le autorità del North Carolina annunciano l’installazione e l’avvio di una rete Super WiFi per i cittadini.

La supposta rivoluzione del wireless veicolato sui “white space” televisivi – frequenze VHF e UHF inutilizzate e liberalizzate dalla Federal Communications Commission per uso telematico – comincia dunque dallo stato orientale del North Carolina, e in particolare nella città portuale di Wilmington.

Il North Carolina è il primo stato USA a poter attivare il Super WiFi grazie al fatto di essere stato il primo ad aver completato con successo la transizione dalle trasmissioni televisive analogiche a quelle digitali.

Il Super WiFi avrà dunque il futuro garantito? Non necessariamente, se si considera lo scarso entusiasmo di Wi-Fi Alliance per la nuova tecnologia: l’organizzazione di settore che comprende Cisco, 3Com, Lucent, Motorola e Nokia ha già fatto sapere di non gradire la definizione di “Super Wi-Fi” e di temere per la confusione che essa potrebbe generare presso l’utenza.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • iome scrive:
    voi dite quello che volete
    voi dite quello che volete, ma io mi immagino tesoro tutta nuda su un bel lettore che a gambe aperte si penetra ripetutamente con un mostruoso olisbo tipo membro equino fino a raggiungere un devastante orgasmo.Sai che mi frega dell'articolo....
  • sentinel scrive:
    In realtà non hanno ragione...
    ...Quando dicono di aver inventato un social network tramite lo scambio di email. C'era già chi faceva così prima che nascesse Facebook. Poi tutti sappiamo come è andata...
  • w4mb4m scrive:
    In Italia invece...
    il nostro parlamento si blocca per molto meno!
    • amedeo scrive:
      Re: In Italia invece...
      ma non per la posta elettronica, quella non sanno bene se si mangia o se ne fa altro. Loro sono impegnati a giocare e visitare siti XXXXX con l'iPad.
      • Mela avvelenata scrive:
        Re: In Italia invece...
        - Scritto da: amedeo
        ma non per la posta elettronica, quella non sanno
        bene se si mangia o se ne fa altro. Loro sono
        impegnati a giocare e visitare siti XXXXX con
        l'iPad.Dall'iPadella alla brace... :(
    • Funz scrive:
      Re: In Italia invece...
      - Scritto da: w4mb4m
      il nostro parlamento si blocca per molto meno!Tanto nessun politico è capace di usaer la posta elettronica, tantomeno Gogol+ o altre reti sociali, e quando ci provano...[img]http://gilioli.blogautore.espresso.repubblica.it/files/2012/01/pa3-300x84.jpg[/img]
  • Mela avvelenata scrive:
    Anche in Germania...
    ...è pieno di idiomi! Ma i server di posta del Bundestag non sono in grado di sopportare un pò di traffico sostenuto in più? Mah...
    • amedeo scrive:
      Re: Anche in Germania...
      Con troppi deficienti che fanno 'rispondi a tutti', il numero di messaggi cresce a dismisura in pochissimo tempo. Il primo errore è di non utilizzare il campo CCN per gli indirizzi, che escluderebbe a priori la possibile esplosione di risposte da tutti verso tutti. Purtroppo sembra che tale piccolo accorgimento sia piuttosto sconosciuto ai più.
      • krane scrive:
        Re: Anche in Germania...
        - Scritto da: amedeo
        Con troppi deficienti che fanno 'rispondi a
        tutti', il numero di messaggi cresce a dismisura
        in pochissimo tempo. Il primo errore è di non
        utilizzare il campo CCN per gli indirizzi, che
        escluderebbe a priori la possibile esplosione di
        risposte da tutti verso tutti. Purtroppo sembra
        che tale piccolo accorgimento sia piuttosto
        sconosciuto ai più.Fortunatamente per quelli che collezionano indirizzi email...
    • Gino scrive:
      Re: Anche in Germania...
      - Scritto da: Mela avvelenata
      ...è pieno di idiomi! Ma i server di posta del
      Bundestag non sono in grado di sopportare un pò
      di traffico sostenuto in più?
      Mah...E mettere una righina tipo questa sul mailserver?define(`confMAX_RCPTS_PER_MESSAGE', `10')dnl
  • attonito scrive:
    io ci provo a leggere l'articolo, ma....
    ma poi vedo la foto di tesoro e non capisco piu niente.Potresti mettere una foto piu grande?
    • quota scrive:
      Re: io ci provo a leggere l'articolo, ma....
      - Scritto da: attonito
      ma poi vedo la foto di tesoro e non capisco piu
      niente.
      Potresti mettere una foto piu grande?Quanto ti capisco... di che parlava l'articolo???
Chiudi i commenti