Il Surface Studio 2 modulare come Surface Hub 2?

Per il nuovo PC all-in-one Surface Studio, Microsoft potrebbe adottare lo stesso design modulare già impiegato nel Surface Hub di seconda generazione.

Nei giorni scorsi Microsoft ha reso note alcune novità in merito a Surface Hub 2, un dispositivo indirizzato all’ambito professionale che può essere descritto come un enorme tablet da 50 pollici per l’ufficio. La più interessante riguarda la sua natura modulare: essenzialmente, in futuro gli acquirenti potranno effettuare un upgrade del comparto hardware semplicemente sostituendo la parte intercambiabile del prodotto che contiene scheda madre, processore e RAM.

Microsoft Surface Studio 2

Lo stesso approccio potrebbe essere impiegato dal gruppo di Redmond anche per il suo PC all-in-one, quel Surface Studio 2 forse presentato nei prossimi giorni in occasione di un evento (fissato per il 2 ottobre a New York) che vedrà proprio la gamma Surface come protagonista. Presso l’USPTO hanno già fatto la loro comparsa proprietà intellettuali che descrivono un concept di questo tipo, ma da Microsoft non sono mai giunte indicazioni concrete in tal senso. L’immagine allegata di seguito, estratta dal brevetto in questione, fa riferimento diretto a “Computing Modular Component”, “Display Modular Component” e “Accessory Modular Component”.

Un'immagine inclusa nel brevetto depositato da Microsoft

Intanto spuntano in Rete i primi benchmark attribuiti proprio a Surface Studio 2. La scheda tecnica descritta dal test (da prendere con le pinze) mostra la dotazione di un processore Intel Core i7-7820HQ affiancato da 32 GB di RAM DDR4. Lo schermo dovrebbe essere ancora una volta con diagonale da 28 pollici, mentre il sistema operativo sarà ovviamente Windows 10, nella sua versione Pro a 64-bit.

Considerando che la presentazione del predecessore (il primo Surface Studio) è andata in scena nell’ottobre di due anni fa in occasione di un evento dedicato proprio a Windows 10, non è da escludere che i tempi siano ormai maturi per assistere all’annuncio del nuovo modello. Il nome in codice con il quale è identificato internamente il dispositivo è Capitola e il suo debutto sul mercato potrebbe avvenire già entro la fine di quest’anno o al più tardi nei primi mesi del 2019.

Fonte: The Verge

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

Chiudi i commenti