SwiftKey dice addio a iOS a partire da ottobre

SwiftKey dice addio a iOS a partire da ottobre

Microsoft ha deciso di ritirare SwiftKey da App Store a partire dal 5 ottobre prossimo, verrà interrotto pure il supporto per iOS/iPadOS.
Microsoft ha deciso di ritirare SwiftKey da App Store a partire dal 5 ottobre prossimo, verrà interrotto pure il supporto per iOS/iPadOS.

SwiftKey di Microsoft è stata tra le prime tastiere di terze parti ad approdare su iPhone (e iPad), ma a quanto pare è destinata pure ad essere una tra le prime – tra quelle più rinomate – a dire addio a iOS (e iPadOS). Con un comunicato stampa piuttosto conciso, infatti, il colosso di Redmond ha informato che dal prossimo 5 ottobre andrà a rimuovere da App Store la celebre app acquisita nel 2016, decretandone pure la fine del supporto.

SwiftKey: via da App Store e fine del supporto dal 5 ottobre

Riportiamo di seguito la comunicazione data da Microsoft sul da farsi.

Grazie per essere stato un utente del nostro prodotto. Visita data.swiftkey.com per i dettagli su come gestire i tuoi dati.

Al momento, non vi è una motivazione ufficiale del perché Microsoft abbia scelto di procedere in questo modo, ma è senz’altro singolare che improvvisamente e senza troppo preavviso si decida di rimuovere l’app da App Store e al tempo stesso di sospendere pure il supporto tecnico.

Si ipotizza che i problemi della tastiera sui dispositivi del gruppo di Cupertino fossero così importanti da impedirne il corretto funzionamento, mentre altri puntano il dito contro la mancanza di aggiornamenti ormai da mesi. L’ipotesi più plausibile resta però quella che le politiche particolarmente pretenziose di Apple rendono complessa l’integrazione di determinate funzioni con il suo ecosistema.

Ad ogni modo, chi proprio non intende rinunciare a SwiftKey non deve preoccuparsi, in quanto se l’app è già installata sul dispositivo continuerà ad essere fruibile sino a quando non deciderà di rimuoverla manualmente, ma chiaramente nel mentre non vi sarà mai più alcun aggiornamento, con tutto quel che ne comporta dal punto di vista della sicurezza. Per Android, invece, nessun problema: l’app continuerà ad essere disponibile.

Fonte: ZDNET
Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Pubblicato il 29 set 2022
Link copiato negli appunti