Teheran arresta decine di scoiattoli

I roditori allarmano il regime: dispongono di capacità di spionaggio al servizio di potenze straniere. Non si conosce il loro destino

Roma – La notizia rimbalza da blog in blog da alcuni giorni e questo non deve sorprendere: le forze di sicurezza iraniane sono riuscite a bloccare e arrestare alcuni roditori, scoiattoli per la precisione , ai quali sono state attribuite capacità tecnologiche d’attacco .

In particolare, riporta AHN tra gli altri, sarebbero 14 gli scoiattoli arrestati . A confermarlo sarebbe secondo AHN un lancio di IRNA , l’agenzia di Stato iraniana, secondo cui “nelle ultime settimane, agenti dell’intelligence hanno arrestato 14 scoiattoli all’interno dei confini iraniani”.

Il motivo? Spiega ancora IRNA: “Gli scoiattoli portavano con sé strumenti di spionaggio di agenzie straniere, e sono stati fermati prima di poter agire grazie al livello di allerta dei nostri servizi di intelligence”. Anche il comandante della polizia del paese, Emsaeil Ahmad-Moqadam, avrebbe confermato gli arresti, dichiarando peraltro di non avere tutti i dettagli dell’operazione.

L’arresto dei roditori potrebbe facilmente tradursi in un incidente diplomatico : Teheran accusa le “potenze occidentali” di voler minacciare la repubblica islamica.

Daily Wireless pubblica a questo proposito un piccolo approfondimento sull’uso degli animali nelle operazioni di spionaggio.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

Chiudi i commenti