Tetris, dilemma multigiocatore

Intervistato, l'inventore del celebre puzzle videoludico ha ammesso di non avere idea su come realizzare una versione multiplayer. I ritmi sono troppo intensi, l'impegno totalizzante
Intervistato, l'inventore del celebre puzzle videoludico ha ammesso di non avere idea su come realizzare una versione multiplayer. I ritmi sono troppo intensi, l'impegno totalizzante

Era il 1984. Alexey Pajitnov – all’epoca studente dell’Accademia Sovietica delle Scienze a Mosca – arrivava a concepire Tetris solo dopo numerosi tentativi intermedi, mescolando ogni genere di passatempi e puzzle matematici. Un vero e proprio rompicapo, che avrebbe tuttavia fruttato uno dei più longevi e amati videogame della storia.

Ma gli interrogativi e i dolori di testa non avrebbero lasciato tanto facilmente l’allora ventinovenne Alexey Pajitnov. Che è stato di recente il protagonista di una lunga intervista , pubblicata online dal sito Gamasutra . Una chiacchierata informale, organizzata per celebrare la fine di quello che è stato il 25esimo anniversario della nascita di Tetris .

Dopo 10 anni, Alexey Pajitnov non è riuscito a venirne a capo, proprio non ha idea di come realizzare una versione multiplayer di uno dei titoli più giocati – in solitario – della storia videoludica. “È stato sempre un problema – ha spiegato Pajitnov a Gamasutra – dal momento che il gioco ha dei ritmi molto intensi. Specialmente nei livelli più alti, lì dove ogni giocatore vorrebbe arrivare”.

E il problema cruciale pare riguardare proprio le facoltà mentali di chi gioca. “Si gioca al limite delle proprie abilità – ha continuato l’inventore di Tetris – in termini di velocità e di reattività. Non si hanno le facoltà mentali per capire quello che stanno facendo gli altri. E questo è il principale problema teorico che dovremmo risolvere”.

La domanda di Pajitnov potrebbe essere dunque girata a tutti i fan di Tetris: è forse preferibile un gioco dai ritmi più lenti, ma che fornisca ai player l’opportunità di capire quello che stanno facendo gli altri? Meglio un Tetris collaborativo e strategico? Oppure il caro, vecchio muro di mattoncini che scendono a velocità supersonica? Forse la soluzione ai dilemmi di Pajitnov è in questo video.

Mauro Vecchio

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

29 06 2010
Link copiato negli appunti