THQ, bancarotta e smembramento

Uno dei maggiori produttori videoludici statunitensi alza bandiera bianca, va in bancarotta e si vende alla concorrenza. Così termina una lunga storia dalle umili origini
Uno dei maggiori produttori videoludici statunitensi alza bandiera bianca, va in bancarotta e si vende alla concorrenza. Così termina una lunga storia dalle umili origini

Gennaio 2013 verrà probabilmente ricordato come il periodo dei fallimenti di alto profilo, nel business videoludico: dopo Atari ora tocca a THQ consegnare i libri al giudice, cedere gli asset più invitanti alla concorrenza e mandar via tutti i dipendenti con l’augurio di un domani migliore.

Confermando le indiscrezioni che cominciavano a fioccare sui social network, in queste ore il CEO e il presidente del publisher (Brian Farrell e Jason Rubin) hanno inviato una lettere di commiato a tutti i dipendenti.

La lettera è poi divenuta di pubblico dominio, assieme all’augurio personale del management che le esperienze maturate durante il periodo di permanenza in THQ permettano a chi non verrà riassorbito di trovare presto un nuovo lavoro in seno all’industria videoludica.

Una parte consistente degli oramai ex-impiegati di THQ dovrebbero a ogni modo avere il futuro garantito, se si dà una scorsa agli asset messi all’asta e a chi se li è aggiudicati : Relic Entertainment (sviluppatori di Company of Heroes) andrà a Sega per 26,6 milioni di dollari, THQ Montreal (al lavoro sugli inediti 1666 e Underdog) passerà a Ubisoft (2,5 milioni), Evolve (ancora un inedito di Turtle Rock Studios) andrà a Take-Two Interactive (10 milioni), Volition (Saints Row) e Metro (in attesa del sequel “Last Light”) a Koch Media per 22 e 5 milioni, Homefront a Crytek (544mila dollari), South Park ancora a Ubisoft per 3 milioni.

Un altro boccone prelibato, vale a dire la licenza della lega di wrestling WWE, finirà nel portafoglio di Take-Two Interactive dopo che indiscrezioni la indicavano già in partenza per Electronic Arts. Nel corso delle prossime settimane, quel che resta di THQ verrà ulteriormente smantellato e rivenduto al miglior offerente: a quel punto si concluderà definitivamente una storia iniziata nel 1991 e che, tra alti e bassi , a un certo punto sembrava candidare il publisher statunitense al titolo di maggiore corporation videoludica del mondo.

Alfonso Maruccia

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

25 01 2013
Link copiato negli appunti