Toshiba sposa HD DVD-R e hard disk

Il colosso giapponese sta per lanciare in patria due videorecorder capaci di registrare i programmi TV, inclusi quelli in alta definizione, sia sul capiente hard disk interno che su supporti HD DVD-R

Tokyo – Verso la fine del mese Toshiba introdurrà sul mercato giapponese due nuovi videoregistratori digitali (DVR), l’RD-A600 e l’RD-A300, che combinano le funzionalità di registrazione su hard disk con quelle di registrazione e riproduzione di dischi HD DVD.

I due sistemi, eredi del mastodontico RD-A1 , si differenziano tra loro per la capacità dell’hard disk integrato: di 600 GB nell’RD-A600 e di 300 GB nell’RD-A300. Entrambi includono un masterizzatore HD DVD , un decoder per la TV digitale terrestre ed uno per quella satellitare (utilizzabili anche per registrare due programmi contemporaneamente), la capacità di inviare flussi video HDTV verso altri dispositivi che supportano il sistema di protezione DTCP-IP , l’upscaling dei DVD alla risoluzione di 1080p, e il supporto al trasferimento di video da o verso altri recorder dotati di porta i.LINK (IEEE1394).

Il drive ottico integrato può essere utilizzato per scrivere su un disco HD DVD-R o su un DVD-R/-RW/RAM i programmi TV trasmessi in quel momento o i video registrati su hard disk. L’unità supporta sia i dischi HD DVD a singolo layer, da 15 GB, che quelli a doppio layer, con capacità doppia.

Rispetto all’RD-A1, i due nuovi DVR di Toshiba misurano e pesano praticamente la metà : nonostante questo, le loro proporzioni rimangono sensibilmente più grandi rispetto a quelle di un tipico DVR DVD.

Toshiba stima che l’A600 costerà intorno ai 1.645 dollari, mentre l’A300 costerà circa 1.232 dollari. Al momento l’azienda non ha però svelato quando e a che prezzo i suoi DVR raggiungeranno i mercati occidentali. Le specifiche techiche dei due videoregistratori sono reperibili qui .

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Il sito elart raccoglie i link...
    A quanto mi pare di capire alla pagina: http://www.elart.it/openoffice/ trovi dei comodi link che ti aiutano ad individuare le versioni ufficiali italiane elart mappa solo le versioni ufficiali in modo comodo attingendole dai mirror ufficiali italiani. Molto comodo.
  • Carlo Strata scrive:
    Tipico mirror italiano, dorsale Italiana
    http://na.mirror.garr.it/mirrors/openoffice/localized/it
  • Giuseppe Rossi scrive:
    Sicurezza OpenOffice
    Nessun Software è da considerarsi sicuro al 100%, e questa ne è la dimostrazione. La differenza è che per rimediare ci hanno messo poco, mentre altri (MS) cosa fa? Ragazzi, ci sono delle vulnerabilità considerate critiche per IE e MS non le ha mai sistemate. Bravi!
  • ciccio scrive:
    Alla faccia di chi diceva che era sicuro
    Alla faccia di chi diceva che era sicuro
    • citrullo scrive:
      Re: Alla faccia di chi diceva che era sicuro
      - Scritto da: ciccio
      Alla faccia di chi diceva che era sicuroBeh sempre meglio di Office che costa uno sproposito.
    • mirko scrive:
      Re: Alla faccia di chi diceva che era sicuro
      @citrulloSicuro che costa tanto?1) Se sei un'azienda Office ti costa pochissimo rispetto alle disponibilità finanziarie che hai2) Se sei uno studente c'è la versione per studenti3) Una volta comprato ti dura per decenni e quindi in ogni caso la spesa la ammortizzi
    • d scrive:
      Re: Alla faccia di chi diceva che era sicuro
      - Scritto da: ciccio
      Alla faccia di chi diceva che era sicuroCerto, invece office e' una fortezza. Il software piu' sicuro che sia mai stato scritto. Almeno oo e' gratuito...-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 15 giugno 2007 10.06-----------------------------------------------------------
    • Marco Pigozzi scrive:
      Re: Alla faccia di chi diceva che era sicuro
      @citrulloSicuro che costa tanto?Si'1) Se sei un'azienda Office ti costa pochissimo rispetto alle disponibilità finanziarie che haiOpen Office invece costa zero.2) Se sei uno studente c'è la versione per studentiSe sono uno studente anche 50 euro per me e' tanto.3) Una volta comprato ti dura per decenni e quindi in ogni caso la spesa la ammortizziAnche Open Office dura per sempre con aggiornamenti per tutta la vita gratuiti.Poi ovvio se sei abituato a copiare Office scaricandolo o piratandolo, ovvio che convenga e' un prodotto commerciale, con piu' esperienza e piu' curato visto che e' programmato da gente ben pagata e che fa solo quello per lavoro... ovvio che se hai Microsoft Office gratis non vai a perdere tempo con Open Office.
    • soccmel scrive:
      Re: Alla faccia di chi diceva che era sicuro
      Infatti Marco, hai ragione.Una delle peculiarità di questo tipo di software è che toglie ogni ragion d'essere (se mai ce ne sono) alla pirateria: perché piratare (= rubare) qualcosa, quando c'è qualcosa, gratis, che funziona alla stessa maniera, è libera, per cui non devi pagare nulla e sei legalmente autorizzato ad usarla, usa un formato libero, il che vuol dire che fra 100 anni si saprà sempre come leggere ecc ecc? Risposta: non c'è ragione.Poi, se proprio devi usare una feature che c'è solo in quel programma, compralo, ma per l'uso casalingo, ad esempio, non c'è motivo di copiarsi l'Office 200x dell'ufficio. OpenOffice va più che bene.
    • citrullo scrive:
      Re: Alla faccia di chi diceva che era sicuro

      @citrullo
      Sicuro che costa tanto?
      1) Se sei un'azienda Office ti costa pochissimo rispetto
      alle disponibilità finanziarie che hai
      2) Se sei uno studente c'è la versione per studenti
      3) Una volta comprato ti dura per decenni e quindi in ogni
      caso la spesa la ammortizziAmmortizzi un bel niente. Ad esempio FrontPage del pacchetto Office XP non supporta delle cose che invece la versione per Office 2003 supporta. Quindi l'upgrade è forzato in ambito lavorativo e pure in ambito casalingo se vuoi fare determinate cose.Dunque... come opinione personale dico che per quello che costa Office non vale granché. La compatibilità tra versioni rasenta il ridicolo. Ad esempio i poveracci che avevano un file Access fatto con Office 2000 e poi con Office 2003 hanno dovuto rifare tutto perché a parte la maschera il resto non ha più funzionato. E non vale dire che non sapevano fare bene le tabelle/query etc. visto che se Access te lo fa fare c'è poco da discutere.Stessa cosa per la formattazione in Word che da una versione all'altra salta.Alla luce di questo, Office costa uno sproposito per quello che offre per non parlare della sua stabilità. Le ultime versioni sono migliorate (Word 2000 crashava per un banale spostamento di testo) ma considerato il costo e il fatto che è così "integrato" col SO ci si aspettano ben altre prestazioni.Diciamo che come testa di ponte per virus & Co è imbattibile. :D
    • AtariLover scrive:
      Re: Alla faccia di chi diceva che era sicuro
      - Scritto da: ciccio
      Alla faccia di chi diceva che era sicurohttp://secunia.com/product/6157/Non vedo come non potrebbe esserlo... 0 falle conosciute aperte, tempo medio di aggiornamento quanto... 2 mesi (a voler essere tranquilli)?
  • anonimo scrive:
    Versione italiana
    Per scaricare le versioni italiane http://www.elart.it/openoffice/
    • anonymous scrive:
      Re: Versione italiana
      Vi si trovano solo le versioni per Mac e Linux, quella per Windows non è ancora stata rilasciata.Il sito ufficiale è sempre it.openoffice.org
    • scorpioprise scrive:
      Re: Versione italiana
      Ora sul sito Elart disponibile anche la versione italiana per Windows-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 15 giugno 2007 10.39-----------------------------------------------------------
    • soccmel scrive:
      Re: Versione italiana
      Sì, ma chi è elart? Io mi fido di solo di it.openoffice.org, e consiglio anche gli altri di fare altrettanto, confrontando anche le signature dei file.
Chiudi i commenti