TPP, copyright a stelle e strisce

Wikileaks divulga nuove bozze del trattato per la riforma globale della proprietà intellettuale: considerato il nuovo ACTA, che rischia di vedere Washington imporre la propria visione della proprietà intellettuale

Roma – Wikileaks ha ottenuto e divulgato nuovi documenti relativi al Trans-Pacific Partnership Agreement ( TPP ), il trattato transnazionale anti-contraffazione considerato il naturale erede dell’ Anti-Counterfeiting Trade Agreement ( ACTA ).

Come già appariva dai primi documenti divulgati, TPP rappresenta la volontà da parte di Washington di dare un nuovo cappello alla tutela internazionale di diritto d’autore, delle indicazioni geografiche, dei domini Internet, dei marchi commerciali e dei brevetti .

In generale, infatti, nel TPP sembra prevalere un punto di vista a stelle e strisce della proprietà intellettuale: per quanto riguarda le indicazioni geografiche, per esempio, nella bozza ora divulgata si parla dell’obbligo da parte dei paesi di riconoscere una forma di protezione a loro favore attraverso i marchi oppure con un sistema sui generis . Si tratta di una posizione molto diversa da quella europea, che vorrebbe invece veder riconosciuto il suo sistema di tutela basato sulle indicazioni di origine e sui prodotti tradizionali legati ad un prodotto, un consorzio o un territorio, e che al contrario attraverso la registrazione di marchi con nomi come “parmesan” o “mozzarella” da parte di aziende extra-europee si vede spesso scippare delle possibilità di successo all’estero dei propri prodotti di qualità. Continuando su questo esempio, un altro articolo della bozza specifica che nessuna parte deve “in caso di indicazione geografica di beni diversi da spiriti e vini, proibire parti terze dall’usare o registrare versioni tradotte di tali indicazioni geografiche o proibire parti terze dall’usare termini che le evochino”. Insomma, sembra una norma che nel nome della lotta alla contraffazione quanto meno rischia di creare problemi ai prodotti tradizionali europei.

Sul fronte brevettuale, invece, l’accordo prevede l’ estensione dei titoli a qualsiasi ambito della tecnica (brevetti software, chiaro?) e all’introduzione di misure che limitano le ragioni per cui un titolo può essere revocato.

In particolare, poi, Washington vorrebbe veder riconosciuto dagli altri paesi le previsioni del Digital Millenium Copyright Act (DMCA) tra cui la proibizione degli aggiramento delle misure tecniche di protezione dei contenuti digitali , come i DRM, oppure la possibilità di richiedere la rimozione di un contenuto o l’inibizione all’accesso ad un sito accusato di una violazione senza dover attendere lo svolgimento di un normale processo, nonché la previsione di misure penali per gestori e responsabili di domini.

Oltre a questo sembra che l’accordo preveda l’estensione della durata del diritto d’autore fino a 95 o addirittura 100 anni (come chiederebbe il Messico) dopo la morte dell’autore, con grave danno e depauperamento del pubblico dominio.

A preoccupare , oltre all’andamento segreto delle trattative che sembrano saldamente in mano dei lobbisti delle grandi aziende , tanto da sfuggire anche al controllo dei membri del Congresso degli Stati Uniti che vi avrebbero un accesso parziale, è che TPP sia – secondo quanto riferisce Wikileaks – il documento sulle cui basi si discuterà anche la partnership transatlantica segreta sulla proprietà intellettuale ( Transatlantic Trade and Investment Partnership , TTIP), le cui negoziazioni sono iniziate lo scorso gennaio e che vedono sedere al tavolo Stati Uniti e paesi europei.

Claudio Tamburrino

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • pazuzu scrive:
    dura lex sed lex
    Per anni sono stato un difensore caparbio della libertà d'espressione, al punto che permetterei tutte le manifestazioni, fossero pure di un movimento pro pedofilia nazista, purtroppo con l'età mi sono reso conto che al mondo (e specialmente in questo paese) ci sono troppi rincitrulliti che andrebbero realmente fatti seguire da un assistente sociale 24/7, ne consegue che espressioni di idiozia come stormfront et similia siano realmente pericolosi perchè potrebbero facilmente trasformare il rincitrullito in un soggetto deleterio per la società, togli stormfront e si alza la probabilità che facciano semplicemente la coda per le audizioni di un reality.Anche questo pericoloso per la società, ma più gestibile.
    • krane scrive:
      Re: dura lex sed lex
      - Scritto da: pazuzu
      Per anni sono stato un difensore caparbio della
      libertà d'espressione, al punto che permetterei
      tutte le manifestazioni, fossero pure di un
      movimento pro pedofilia nazista, purtroppo con
      l'età mi sono reso conto che al mondo (e
      specialmente in questo paese) ci sono troppi
      rincitrulliti che andrebbero realmente fatti
      seguire da un assistente sociale 24/7, ne
      consegue che espressioni di idiozia come
      stormfront et similia siano realmente pericolosi
      perchè potrebbero facilmente trasformare il
      rincitrullito in un soggetto deleterio per la
      società, togli stormfront e si alza la
      probabilità che facciano semplicemente la coda
      per le audizioni di un
      reality.
      Anche questo pericoloso per la società, ma più
      gestibile.Quindi piu' repressione e meno educazione, complimenti per il livello di maturazione cui sei giunto, forse e' meglio come la pensavi prima.
      • about a boy uno sgabbio scrive:
        Re: dura lex sed lex
        [img]http://2.bp.blogspot.com/-Z6tQ94UJ0MI/T7CyfYd746I/AAAAAAAAFhk/iRHXZF7NSQU/s1600/ditoluna.jpg[/img]
    • Leguleio scrive:
      Re: dura lex sed lex

      Per anni sono stato un difensore caparbio della
      libertà d'espressione, al punto che permetterei
      tutte le manifestazioni, fossero pure di un
      movimento pro pedofilia nazista, purtroppo con
      l'età mi sono reso conto che al mondo (e
      specialmente in questo paese) ci sono troppi
      rincitrulliti che andrebbero realmente fatti
      seguire da un assistente sociale 24/7, Nemmeno. Una di queste persone ha un nome e un cognome, perché è salita all'onore delle cronache nel 2009: Massimo Tartaglia.Il fatto che fosse seguito da tempo dai servizi sociali ha cambiato le cose?È un rischio a cui ci esponiamo tutti vivendo in società, e non è un obbligo, esiste anche il romitaggio. A Milano preferisco incontrare per strada un Massimo Tartaglia, dichiarato non totalmente capace di intendere e di volere (e infatti come arma usa delle statuette), che un Adam Kabobo, dichiarato sano di mente. (!)
      ne
      consegue che espressioni di idiozia come
      stormfront et similia siano realmente pericolosi
      perchè potrebbero facilmente trasformare il
      rincitrullito in un soggetto deleterio per la
      società, Probabilmente lo è già, se crede a quelle follie. Ma seguirlo come fosse un interdetto, anche se è costoso, serve di più che non mettergli contro la macchina della giustizia e sbatterlo in prima pagina. La celebrità ottenuta con questi mezzi ha effetti ancora peggiori.
      togli stormfront e si alza la
      probabilità che facciano semplicemente la coda
      per le audizioni di un
      reality.
      Anche questo pericoloso per la società, ma più
      gestibile.Ogni riferimento al vincitore della decima edizione del Grande Fratello, un salumiere di Castelfranco Veneto, è del tutto casuale. (anonimo)
  • S.D. scrive:
    ...
    Holywar? (rotfl)(rotfl)(rotfl)Invece la magistratura avrebbe ben altro da fare:http://www.ilfattoquotidiano.it/2012/08/20/reati-in-aumento-in-italia-milano-peggiore-napoli-al-primo-posto-nelle-truffe/
    • Leguleio scrive:
      Re: ...

      Holywar? (rotfl)(rotfl)(rotfl)


      Invece la magistratura avrebbe ben altro da fare:


      http://www.ilfattoquotidiano.it/2012/08/20/reati-iNon so se intendi dire che dovrebbe agire contro i commentatori del <I
      Fatto quotidiano </I
      , che come livello sono pari a Holywar, ma lì dopo un paio di giorni li cancellano tutti, oppure dovrebbero combattere attivamente contro un incremeneto dei reati... constato nell'agosto del 2012. Guarda la data. Un po' invecchiato, non credi?
      • ciccio scrive:
        Re: ...

        oppure dovrebbero combattere
        attivamente contro un incremeneto dei reati...Combattere attivamente? Qui siamo in Italy. (rotfl)
        constato nell'agosto del 2012. Guarda la data. Un
        po' invecchiato, non
        credi?E' solo dell'anno scorso, la situazione non deve essere cambiata poi così tanto. Basta seguire le cronache quotidiane.E comunque secondo me ha ragione: la magistratura si dovrebbe occupare di altro.
  • oltrelamente scrive:
    SACROSANTE VERITA
    Ho visto holywar e mi viene in mente una domanda: quali sarebbero le cose sbagliate e cattive di cui parla? (negazionismo a parte)
    • Leguleio scrive:
      Re: SACROSANTE VERITA

      Ho visto holywar e mi viene in mente una domanda:
      quali sarebbero le cose sbagliate e cattive di
      cui parla? (negazionismo a
      parte)Ovviamente bisognerebbe vedere l'atto d'accusa, che non è stato reso pubblico, e controllare quali parti di quel sito sono sotto accusa.Io ho trovato questa "perla":"Dobbiamo dirlo: l'Italia si sta autodistruggendo; la Mafia Giudaico-Massonica ha aperto le porte del nostro Paese a tutte le razze e religioni (aliene al Cattolicismo) del Terzo Mondo. Se continua di questo passo 'italianita' svanira' nel niente. Il Razzismo Anti-Italiano dei perfidi ebrei e' arrivato ad un livello cosi' mostruoso che sta oscurando tutti i settori della nostra societa', rubando anche le braghe degli italiani, senza che loro reagiscano. La crisi mondiale voluta dalla Sinagoga di Satana sta portando sul lastrico milioni di italiani, e come se questo non bastasse gli usurai delle Banche Ebraiche succhiano il sangue delle ultime ditte italiane. La repubblica ebraica italiana e' fondata sulla truffa. Un paese "cattolico" diretto dalla MAFIA EBRAICA, una piccola percentuale di EBREI (sono 37.000 in tutto) sono riusciti a controllare l'Italia ed i suoi cittadini con l'inganno e la truffa. Un governo "italiano" dove tutti i ministri sono ebrei o cittadini israeliani, come il nostro ministro degli esteri (!) Franco Frattini. Ma anche Alemanno, Larussa, Maroni e Calderoli sono della camarilla".http://holywar.org/E013.htmNon credo sia necessario ti spieghi quali disposizioni viola questo vomito prolungato di veleno. :)Per una volta sono d'accordo con Luco, giudice di linea mancato: la repressione non serve proprio a nulla in casi come questo. Anziché scomodare la magistratura, che ha cose più importanti da fare, sarebbe il caso di allertare il centro di igiene mentale competente per territorio.
  • Gingle scrive:
    Articolista Claudio Tamburrino
    Dal sottotitolo del suo articolo, sig. Tamburrino, lei insinua che questa censura potrebbe mettere a rischio la libertà online nel nome della lotta all'odio razziale. Purtroppo tutto questo non è libertà (online) e non lo è nemmeno nel nome della lotta all'odio razziale. Non è "nel nome di un qualche cosa", di qualche cosa che ci si è inventati dall'oggi al domani. È il fatto di mettere fuorilegge comportamenti e affermazioni che inducono alla violenza e sovvertono i princìpi e regole che sono stati previsti, nonché il fatto di salvaguardare e rafforzare la convivenza civile e la coesione sociale. Poi, nell'articolo afferma Una legge che appare pericolosa per diverse ragioni: innanzitutto perché si tratta di reati (gravi) di opinione, quindi per definizione di difficile identificazione e dimostrazione []Insiste a chiamarli reati di opinione, quando opinioni non lo sono affatto. Sono violente prese di posizione, azioni che suggeriscono, ìncitano altri a compiere atti delittuosi e crimini contro una comunità.Per che cosa crede che venga insegnato fin dalla culla, nelle famiglie, nelle scuole, nelle televisioni, in internet, che gli ebrei sono dei cani, dei maiali che tolgono la libertà ai poveri palestinesi e che, quindi, vanno eliminati fino all'ultimo? Incitano che vanno combattuti fino a quando anche gli alberi diranno: Oh, servo di allah, guarda, c'è un ebreo che si nasconde dietro di me. Colpiscilo! Crede che sia per una semplice opinione che hanno degli ebrei e che non vi siano conseguenze tragiche per i loro pareri? È convinto che queste opinioni debbano venire rispettate e garantite in nome della democrazia e della libera espressione? O, forse, crede che i toni degli stormfront e degli holywar (che bel nome!) siano sostanzialmente diversi da quelli di pace espressi dai palestinesi e dai media arabi?E però lei dovrebbe considerare che la sua posizione di garantista delle cosiddette opinioni, quando sono invece incitamenti alla violenza, non si concilia con le regole che adotta P.I, in quanto cancella i contenuti razzisti o sessisti, offensivi, calunniosi o diffamanti, con contenuti ingiuriosi, volgari, illegali o contrari alla policy.
    • Leguleio scrive:
      Re: Articolista Claudio Tamburrino

      Dal sottotitolo del suo articolo, sig.
      Tamburrino, lei insinua che questa censura
      potrebbe mettere a rischio la libertà online nel
      nome della lotta all'odio razziale.Veramente non solo online. Anche offline, nella vita di tutti i giorni.
      Poi, nell'articolo afferma Una legge che appare
      pericolosa per diverse ragioni: innanzitutto
      perché si tratta di reati (gravi) di opinione,
      quindi per definizione di difficile
      identificazione e dimostrazione
      []
      Insiste a chiamarli reati di opinione, quando
      opinioni non lo sono affatto. Infatti. A certificare cosa è opinione e cosa no oggi c'è Gingle, e ci solleva dalla fatica di pensare.Basta un timbro, e quella diventa ufficialmente opinione. Non c'é il timbro? non lo è. Fuorilegge subito!Parola di Gingle.
      Crede che sia per una semplice opinione che
      hanno degli ebrei e che non vi siano conseguenze
      tragiche per i loro pareri? È convinto che
      queste opinioni debbano venire rispettate e
      garantite in nome della democrazia e della
      libera espressione?Lo crede una precisa convenzione che l'Italia ha sottoscritto: la Convenzione europea dei diritti dell'uomo e del cittadino. Che conta un po' più di Tamburrino, e per fortuna anche di te.
      • Gingle scrive:
        Re: Articolista Claudio Tamburrino
        - Scritto da: Leguleio

        Dal sottotitolo del suo articolo, sig.

        Tamburrino, lei insinua che questa censura

        potrebbe mettere a rischio la libertà
        online
        nel

        nome della lotta all'odio razziale.


        Veramente non solo online. Anche offline, nella
        vita di tutti i
        giorni.Bene. Ci voleva la sua precisazione.

        Poi, nell'articolo afferma Una legge che
        appare

        pericolosa per diverse ragioni: innanzitutto

        perché si tratta di reati (gravi) di
        opinione,

        quindi per definizione di difficile

        identificazione e dimostrazione

        []

        Insiste a chiamarli reati di opinione,
        quando

        opinioni non lo sono affatto.

        Infatti. A certificare cosa è opinione e cosa no
        oggi c'è Gingle, e ci solleva dalla fatica di
        pensare.
        Basta un timbro, e quella diventa ufficialmente
        opinione. Non c'é il timbro? non lo è. Fuorilegge
        subito!
        Parola di Gingle.Eh già, le "opinioni" dei palestinesi, degli stormfront, degli holywar non sono dannose, anzi. Parola di Prof. Leguleio.

        Crede che sia per una semplice opinione che

        hanno degli ebrei e che non vi siano
        conseguenze

        tragiche per i loro pareri? È
        convinto
        che

        queste opinioni debbano venire rispettate e

        garantite in nome della democrazia e della

        libera espressione?

        Lo crede una precisa convenzione che l'Italia ha
        sottoscritto: la Convenzione europea dei diritti
        dell'uomo e del cittadino. Che conta un po' più
        di Tamburrino, e per fortuna anche di
        te. Infatti, i palestinesi e i loro amici rispettano questa convenzione europea dei diritti dell'uomo e del cittadino.
        • Leguleio scrive:
          Re: Articolista Claudio Tamburrino



          Dal sottotitolo del suo articolo, sig.


          Tamburrino, lei insinua che questa censura


          potrebbe mettere a rischio la libertà

          online

          nel


          nome della lotta all'odio razziale.





          Veramente non solo online. Anche offline, nella

          vita di tutti i

          giorni.

          Bene. Ci voleva la sua precisazione.Ci vuole <B
          sempre </B
          la precisazione. Altrimenti non la scriverei. E altrimenti i lettori avrebbero una percezione della realtà incompleta.

          Infatti. A certificare cosa è opinione e cosa no

          oggi c'è Gingle, e ci solleva dalla fatica di

          pensare.

          Basta un timbro, e quella diventa ufficialmente

          opinione. Non c'é il timbro? non lo è.
          Fuorilegge

          subito!

          Parola di Gingle.

          Eh già, le "opinioni" dei palestinesi, degli
          stormfront, degli holywar non sono dannose, anzi.
          Parola di Prof. Leguleio. Prof.Dott.Ing.Leguleio, laurea <I
          honoris causa </I
          in Meccanica della rottura delle doppie sfere rotanti, prego. :@Lo so che provi un po' di invidia, ma i titoli vanno citati per esteso, oppure vanno omessi tutti.

          Lo crede una precisa convenzione che l'Italia ha

          sottoscritto: la Convenzione europea dei diritti

          dell'uomo e del cittadino. Che conta un po' più

          di Tamburrino, e per fortuna anche di

          te.

          Infatti, i palestinesi e i loro amici rispettano
          questa convenzione europea dei diritti dell'uomo
          e del
          cittadino.Non so se la rispettano. Loro non sono nemmeno cittadini, sono apolidi, dubito che qualche convenzione possa mai proteggerli. E qui, se non te ne fossi accorto, non stiamo parlando delle ossessioni della politica interna israeliana. Per quella esistono forum appositi, in cui puoi andare con maggior sucXXXXX.Qui stiamo parlando di Italia, e di leggi italiane applicate da giudici italiani.
          • Gingle scrive:
            Re: Articolista Claudio Tamburrino
            - Scritto da: Leguleio

            Bene. Ci voleva la sua precisazione.

            Ci vuole <B
            sempre </B
            la
            precisazione. Altrimenti non la scriverei. E
            altrimenti i lettori avrebbero una percezione
            della realtà incompleta. Eh già, dal momento che lei considera i lettori degli inferiori.


            Infatti. A certificare cosa è opinione
            e cosa
            no


            oggi c'è Gingle, e ci solleva dalla
            fatica
            di


            pensare.


            Basta un timbro, e quella diventa
            ufficialmente


            opinione. Non c'é il timbro? non lo è.

            Fuorilegge


            subito!


            Parola di Gingle.



            Eh già, le "opinioni" dei palestinesi, degli

            stormfront, degli holywar non sono dannose,
            anzi.

            Parola di Prof. Leguleio.

            Prof.Dott.Ing.Leguleio, laurea <I
            honoris
            causa </I
            in Meccanica della rottura
            delle doppie sfere rotanti, prego.
            :@ :)
            Lo so che provi un po' di invidia, ma i titoli
            vanno citati per esteso, oppure vanno omessi
            tutti.Chiedo venia.


            Lo crede una precisa convenzione che
            l'Italia
            ha


            sottoscritto: la Convenzione europea
            dei
            diritti


            dell'uomo e del cittadino. Che conta un
            po'
            più


            di Tamburrino, e per fortuna anche di


            te.



            Infatti, i palestinesi e i loro amici
            rispettano

            questa convenzione europea dei diritti
            dell'uomo

            e del

            cittadino.

            Non so se la rispettano. Loro non sono nemmeno
            cittadini, sono apolidi, dubito che qualche
            convenzione possa mai proteggerli.Ha ancora il dubbio? Per quanto riguarda la condizione di "apolidi", l'hanno scelta i loro "leaders" durante questi sessantacinque anni. E continuano a volerla, i soldi in gioco sono troppi. E sono i più protetti di tutta la terra. La protezione che hanno questi, se la sognano quelli dell'Africa, del Tibet, i Curdi. Non sanno nemmeno cos'è la protezione.
            E qui, se non te ne fossi accorto, non stiamo
            parlando delle ossessioni della politica interna
            israeliana. Per quella esistono forum appositi,
            in cui puoi andare con maggior
            sucXXXXX.
            Qui stiamo parlando di Italia, e di leggi
            italiane applicate da giudici
            italiani.Gli esempi reali valgono qui come in qualunque altra parte del mondo.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 15 novembre 2013 12.46-----------------------------------------------------------
          • Leguleio scrive:
            Re: Articolista Claudio Tamburrino


            Ci vuole <B
            sempre </B
            la

            precisazione. Altrimenti non la scriverei. E

            altrimenti i lettori avrebbero una percezione

            della realtà incompleta.

            Eh già, dal momento che lei considera i lettori
            degli inferiori. Solo alcuni.Ma posso cambiare idea.


            Infatti, i palestinesi e i loro amici

            rispettano


            questa convenzione europea dei diritti

            dell'uomo


            e del


            cittadino.



            Non so se la rispettano. Loro non sono nemmeno

            cittadini, sono apolidi, dubito che qualche

            convenzione possa mai proteggerli.

            Ha ancora il dubbio? Non mi pongo il problema: io non vivo in Israele. Tu non so.
            Per quanto riguarda la condizione di "apolidi",
            l'hanno scelta i loro "leaders" durante questi
            sessantacinque anni. E continuano a volerla, i
            soldi in gioco sono troppi. E sono i più protetti
            di tutta la terra. La protezione che hanno
            questi, se la sognano quelli dell'Africa, del
            Tibet,Più protetti dei palestinesi insomma non c'è nessuno. Arriva un colono israeliano e impianta una casa sui loro terreni, e subito la polizia arriva, lo arresta, e restituisce il terreno al palestinese così com'era prima, con tante scuse.In psichiatria questa si chiama "distorsione cognitiva".
            i Curdi. Non sanno nemmeno cos'è la protezione.I curdi, con la minuscola. In italiano i popoli vanno con la minuscola.Non siamo qui a perorare la causa dei popoli senza patria, che sono anche piuttosto numerosi (gli uiguri, i ceceni, gli abitanti del Saharaui...).Stiamo parlando delle loro idee, delle loro opinioni. Mi pare ovvio che siano considerate pericolose dai governi e dalle popolazioni da cui intendono emanciparsi, altrimenti un loro Stato lo avrebbero già ottenuto da tempo; e mi pare altrettanto ovvio che tutti nel loro ambito le demonizzino. Noi, da estranei all'area e alle loro diatribe, dovremmo giudicarle per quello che sono: legittime aspirazioni all'indipendenza, con mezzi non sempre legittimi.

            E qui, se non te ne fossi accorto, non stiamo

            parlando delle ossessioni della politica interna

            israeliana. Per quella esistono forum appositi,

            in cui puoi andare con maggior

            sucXXXXX.

            Qui stiamo parlando di Italia, e di leggi

            italiane applicate da giudici

            italiani.

            Gli esempi reali valgono qui come in qualunque
            altra parte del
            mondo.Valgono forse in astratto. In Italia i palestinesi sono una manciata di persone, e gli israeliani pure. Preoccupati di più delle idee di chi siede in parlamento, e con numerosi seggi. I danni veri li fanno loro.
          • Gingle scrive:
            Re: Articolista Claudio Tamburrino
            - Scritto da: Leguleio
            Più protetti dei palestinesi insomma non c'è
            nessuno. Arriva un colono israeliano e impianta
            una casa sui loro terreni, e subito la polizia
            arriva, lo arresta, e restituisce il terreno al
            palestinese così com'era prima, con tante
            scuse.
            In psichiatria questa si chiama "distorsione
            cognitiva". Qui l'aspettavo. Ora si spiega tutto.
          • Leguleio scrive:
            Re: Articolista Claudio Tamburrino
            - Scritto da: Gingle
            - Scritto da: Leguleio


            Più protetti dei palestinesi insomma non c'è

            nessuno. Arriva un colono israeliano e impianta

            una casa sui loro terreni, e subito la polizia

            arriva, lo arresta, e restituisce il terreno al

            palestinese così com'era prima, con tante

            scuse.

            In psichiatria questa si chiama "distorsione

            cognitiva".

            Qui l'aspettavo. Ora si spiega tutto.Cosa si spiega? Spiega anche a me. (newbie)
  • Luco, giudice di linea mancato scrive:
    La censura crea solo martiri
    Chi viene censurato per aver detto quello che pensa, potrà dire (e avere più forza nel dimostrare) che è stato censurato perché chi lo ha censurato non è in grado di controbattere con controargomentazioni valide e convincenti.Quindi censurare un'opinione nazista (o fascista o qualunque altra) la rende soltanto più forte perché rende un martire chi la propaganda.E i martiri hanno ragione a prescindere, proprio per il motivo che ho appena detto (se avessero torto, basterebbe dimostrarlo; il fatto di tappargli la bocca vuol dire solo che non si è in grado di dimostrare che hanno torto).
    • Free Internet scrive:
      Re: La censura crea solo martiri
      Esatto. Il sonno della ragione genera mostri, e i mostri non si combattono con la paura ma con il ragionamento. Questo conduce poi alla verità e alla giustizia.Tutto il resto è ipocrisia allo stato puro.
    • Gingle scrive:
      Re: La censura crea solo martiri
      - Scritto da: Luco, giudice di linea mancato
      Chi viene censurato per aver detto quello che
      pensa, potrà dire (e avere più forza nel
      dimostrare) che è stato censurato perché chi lo
      ha censurato non è in grado di controbattere con
      controargomentazioni valide e
      convincenti.
      Quindi censurare un'opinione nazista (o fascista
      o qualunque altra) la rende soltanto più forte
      perché rende un martire chi la
      propaganda.
      E i martiri hanno ragione a prescindere, proprio
      per il motivo che ho appena detto (se avessero
      torto, basterebbe dimostrarlo; il fatto di
      tappargli la bocca vuol dire solo che non si è in
      grado di dimostrare che hanno
      torto).Secondo lei, dunque, era possibile far ragionare i nazisti, snocciolando loro le argomentazioni che tutti noi conosciamo, e fargli capire che le loro "opinioni" non erano proprio alla base della civiltà? È possibile dimostrare ai bin laden, ai al-zawahiri, ai nasrallah, agli hezbollah, ad hamas, ai khomeini, che le loro "opinioni" non sono proprio democratiche e civili e che non portano alla concordia fra i popoli? È possibile che gli stormfront, gli holywar comprendano, con le nostre serie ed inequivocabili argomentazioni, che le loro "opinioni" non sono civili e propaganti il buon vivere tra le entie o gli Stati, di cui loro vorrebbero disfarsene, ma che invece fomentano solo antisemitismo, odio razziale e violenza? Capirebbero che sono in grave errore? Se è possibile tutto questo, allora abbiamo sbagliato pianeta. :|
      • Luco, giudice di linea mancato scrive:
        Re: La censura crea solo martiri
        - Scritto da: Gingle
        Secondo lei, dunque, era possibile far ragionare
        i nazisti, snocciolando loro le argomentazioni
        che tutti noi conosciamo, e fargli capire che le
        loro "opinioni" non erano proprio alla base della
        civiltà?

        È possibile dimostrare ai bin laden, ai
        al-zawahiri, ai nasrallah, agli hezbollah, ad
        hamas, ai khomeini, che le loro "opinioni" non
        sono proprio democratiche e civili e che non
        portano alla concordia fra i popoli?L'occidente di matrice statunitense, che per fermare queste "opinioni" ha usato la bomba atomica (Giappone), le armi chimiche (Vietnam, Jugoslavia, Iraq 1, Afghanistan, Iraq 2) e la caccia all'uomo (Bin Laden), è davvero così migliore di queste ideologie che dice di voler combattere? E sto parlando solo della storia recente. Se poi guardiamo più indietro, tipo alle Crociate o ancora più indietro alle Guerre Puniche, siamo davvero così migliori di loro?
        È possibile che gli stormfront, gli holywar
        comprendano, con le nostre serie ed
        inequivocabili argomentazioni, che le loro
        "opinioni" non sono civili e propaganti il buon
        vivere tra le entie o gli Stati, di cui loro
        vorrebbero disfarsene, ma che invece fomentano
        solo antisemitismo, odio razziale e violenza?
        Capirebbero che sono in grave errore?La chiusura di questi siti fermerà a costoro di avere la loro opinione?Ovviamente no.Impedirà ad altri di leggere la loro opinione e di crearsi un'opinione personale e non preconfezionata da altri (chiunque essi siano)?Ovviamente sì.E' a questi ultimi che si deve fornire i ragionamenti ineccepibili in modo da far capire che gli altri "ragionamenti" non lo siano.Fornendo loro un'unica opinione, invece, si dimostra solo che è l'opinione col potere più forte (magari delle lobby), ma assolutamente non gli si dimostrerà che sia quella giusta (perché non hanno più altre opinioni con cui confrontarla).Durante il nazifascismo chi non era d'accordo con quei regimi era zittito bastonato e deportato. Oggi lei vorrebbe fare lo stesso con loro: non la rende certo migliore dei nazifascisti.
        Se è possibile tutto questo, allora abbiamo
        sbagliato pianeta. :|Forse ha sbagliato nazione lei. Io sapevo che siamo in democrazia. Si lamenta tanto delle ideologie naziste e poi le applica contro di loro. In democrazia la legge del taglione non ha spazio, e invece sta applicando esattamente quelle stesse leggi (guardacaso create proprio dal fascista Alfredo Rocco, con tutto il codice penale ancora in vigore) non facendo altro che rendendosi ridicolo.Usare metodi nazifascisti per zittire i nazifascisti è il modo più sbagliato per combattere i nazifascisti.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 15 novembre 2013 15.30----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 15 novembre 2013 15.32-----------------------------------------------------------
  • La concorrenz a scrive:
    gentile redazione
    Gentile redazione, se nel titolo principale aveste menzionato Stormfront ci sarebbero stati almeno 2-300 interventi (troll a parte). Provare per credere.
  • ... scrive:
    ...
    I bimbiminkia:[yt]e7tRDOvlsR0[/yt]
  • Giorgio V. scrive:
    vergognatevi!
    Con tutti i crimini che vengono commessi giornalmente (furti, rapine, spaccio, violenze di ogni genere) la magistratura impegna tempo e risorse economiche ed umane per correre dietro a quei quattro relitti di strormfront.Vergognatevi!
  • angelam scrive:
    Ma se avessero usato Tor e Truecrypt ...
    Non conosco i dettagli dell'operazione (probabilmente li conosce solo la polizia), ma c'è da mettere la mano sul fuoco che se avessero usato costantemente Tor per accedere a quel sito (tra l'altro italiano, quindi facilissimamente controllabile dagli inquirenti senza neppure bisogno di collaborazione internazionale!) nessuno di loro sarebbe stato individuato.E se avessero usato Truecrypt nessun archivio compromettente potrebbe essere trovato come prova (qui non è chiaro se è stato trovato o meno, mi sembra che non se ne parli).Purtroppo il pericolo maggiore non sono le "incredibili capacità" degli investigatori ma semplicemente il fatto che la gente di solito va in rete SENZA PROTEGGERSI, nè proteggendo l'IP nè gli archivi sul PC.Stando così le cose, anche un bambino col distintivo di "investigatore" riuscirebbe ad incastrarli.
    • Leguleio scrive:
      Re: Ma se avessero usato Tor e Truecrypt ...

      Non conosco i dettagli dell'operazione
      (probabilmente li conosce solo la polizia), ma
      c'è da mettere la mano sul fuoco che se avessero
      usato costantemente Tor per accedere a quel sito
      (tra l'altro italiano, quindi facilissimamente
      controllabile dagli inquirenti senza neppure
      bisogno di collaborazione internazionale!)
      nessuno di loro sarebbe stato
      individuato.Non pensavano di commettere alcun illecito, in genere con commentatori e militanti da tastiera è così. E non è ancora dimostrato nulla, aspettiamo il proXXXXX.Anche qui su PI di gente che diffama a più riprese, oppure compie il reato di vilipendio all'ordine giudiziario, ce ne sono, alcuni te li posso dire perché hanno il nome registrato. Credo non se ne rendano conto nemmeno loro... e loro magari Tor lo usano, ma giusto perché su PI la consapevolezza informatica è più alta della media. ;)
      • Sg@bbio scrive:
        Re: Ma se avessero usato Tor e Truecrypt ...
        - Scritto da: Leguleio

        Non conosco i dettagli dell'operazione

        (probabilmente li conosce solo la polizia),
        ma

        c'è da mettere la mano sul fuoco che se
        avessero

        usato costantemente Tor per accedere a quel
        sito

        (tra l'altro italiano, quindi
        facilissimamente

        controllabile dagli inquirenti senza neppure

        bisogno di collaborazione internazionale!)

        nessuno di loro sarebbe stato

        individuato.

        Non pensavano di commettere alcun illecito, in
        genere con commentatori e militanti da tastiera è
        così. E non è ancora dimostrato nulla, aspettiamo
        il
        proXXXXX.

        Anche qui su PI di gente che diffama a più
        riprese, oppure compie il reato di vilipendio
        all'ordine giudiziario, ce ne sono, alcuni te li
        posso dire perché hanno il nome registrato. Credo
        non se ne rendano conto nemmeno loro... e loro
        magari Tor lo usano, ma giusto perché su PI la
        consapevolezza informatica è più alta della
        media.
        ;)C'è anche gente che viola la policy con il bene placido della redazione.
        • Leguleio scrive:
          Re: Ma se avessero usato Tor e Truecrypt ...

          C'è anche gente che viola la policy con il bene
          placido della
          redazione.Il beneplacito.Dai, Sg@bbio, scrivi almeno una decina di volte la parola "censura". Così ti sfoghi.
          • Sg@bbio scrive:
            Re: Ma se avessero usato Tor e Truecrypt ...
            CVD :(
          • Leguleio scrive:
            Re: Ma se avessero usato Tor e Truecrypt ...

            CVD :(Su, forza, ti aiuto:Censura!Censura!Censura!Censura!Il tuo scopo nella vita così è raggiunto.E poi, a seguire:Stai divagandoStai divagando di nuovoStai ancora divagandoE per finire (non ci facciamo mancare nulla):Il dito e la lunaIl dito e il ditoLa luna e il ditoLa luna e la una. S'è fatta l'una.
          • sgabbietto scrive:
            Re: Ma se avessero usato Tor e Truecrypt ...
            01/10
          • sgabbiozzo scrive:
            Re: Ma se avessero usato Tor e Truecrypt ...
            (rotfl)(rotfl)(rotfl)
          • Sg@bbio scrive:
            Re: Ma se avessero usato Tor e Truecrypt ...
            http://punto-informatico.it/b.aspx?i=3931798&m=3932850#p3932850
          • Leguleio scrive:
            Re: Ma se avessero usato Tor e Truecrypt ...
            Il dito e la luna!Anzi, il link e la luna!
          • sgabbiozzo scrive:
            Re: Ma se avessero usato Tor e Truecrypt ...
            Il giochino dell'ultima parola....
          • Sg@bbio scrive:
            Re: Ma se avessero usato Tor e Truecrypt ...
            http://punto-informatico.it/b.aspx?i=3931798&m=3932850#p3932850
          • Sg@bbio scrive:
            Re: Ma se avessero usato Tor e Truecrypt ...
            CVD...sempre CVD.
        • Gingle scrive:
          Re: Ma se avessero usato Tor e Truecrypt ...
          - Scritto da: Sg@bbio
          C'è anche gente che viola la policy con il bene
          placido della
          redazione.Eg. sig. sg@bbio, sono comunque "opinioni" che devono essere espresse, secondo qualcuno, in nome della "libertà di opinione", anche se fomentano antisemitismo, odio, violenza. Non certo per divertimento, PI, con le sue regole, dichiara di cancellare le "libere opinioni" in quanto possono avere contenuto razzista o sessista, possono essere offensive, calunniose o diffamanti, [...] ingiuriose, volgari, illegali.Non va bene così. Ahinoi, P.I. (S)cade proprio sulla "censura", chiamiamola così. Se dico in pubblico (o lo affermo online, è lo stesso) ad un tale, o a un gruppo: "Tu sei uno sXXXXX ebreo, (oppure uno sXXXXX XXXXX, o un omosessuale, uno schifoso terrone, a scelta) andreste tutti messi ai forni, tu e la tua razza volete appropriarvi del mondo intero, voi tenete la finanza e l'economia mondiali in pugno per impoverire tutti gli altri, voi siete i nuovi nazisti e terroristi, oppressori di poveri popoli inermi (sic!), voi fate ai palestinesi quello che i nazisti hanno fatto a voi (sic!), siete ratti e cani, andreste riportati ad Auschwitz, peccato che hitler abbia completato il lavoro a metà, se dipendesse da me ( o da noi) porteremmo a compimento ciò che ha lasciato a metà baffetto, etc, etc, etc. Per legge, per buon senso, civiltà, per impedire che io aggreghi altri criminali del mio stampo che hanno le stesse mie "opinioni", non andrei fermato, punito penalmente e civilmente? Aggiungerei, anche messo al pubblico ludibrio, assieme ai miei compari. Ci sarà sempre qualcuno, scandalizzato, che invocherà che la "libertà di opinione" venga garantita in ogni caso, per "salvaguardare la democrazia".
          • Sg@bbio scrive:
            Re: Ma se avessero usato Tor e Truecrypt ...
            Che lungaggine ! Io mi riferivo al fatto che la redazione lascia a piede libero certi personaggi che diffamano, deviano i discorsi al solo scopo di ridicolizzare il prossimo, violando la policy del sito.
          • Sg@bbio scrive:
            Re: Ma se avessero usato Tor e Truecrypt ...
            Io mi lamento solo del fatto che ci sono certi personaggi che violano la polcy e non vengono nemmeno moderati.
          • Gingle scrive:
            Re: Ma se avessero usato Tor e Truecrypt ...
            - Scritto da: Sg@bbio
            Io mi lamento solo del fatto che ci sono certi
            personaggi che violano la polcy e non vengono
            nemmeno
            moderati.Si, e mi permetta di dire scherzosamente che così P.I. garantisce la libertà di opinione, contrariamente alla sue regole. :)
          • Sg@bbio scrive:
            Re: Ma se avessero usato Tor e Truecrypt ...
            Ma opprime le oppinioni altrui contrariamente alle sue regole, anche.
        • about a boy uno sgabbio scrive:
          Re: Ma se avessero usato Tor e Truecrypt ...
          [img]http://2.bp.blogspot.com/-Z6tQ94UJ0MI/T7CyfYd746I/AAAAAAAAFhk/iRHXZF7NSQU/s1600/ditoluna.jpg[/img]Perché tu riesci solo a vedere il dito?
          • Gingle scrive:
            Re: Ma se avessero usato Tor e Truecrypt ...
            Oh, c'è proprio un'epidemia di dita e di lune nel web. Fra poco, ripeto, vedremo da codesti anche dita nel c..o che poi fischiano.
  • ... scrive:
    avanti così!
    E' assurdo che nel 21° secolo esistano ancora i reati d'opinione nei nostri codici! Questo è preoccupante dato che si assiste ad una rapida accelerazione sulla creazione di nuovi reati d'opinione veri e propri, con la previsione di pene detentive anche elevate.Ma il succo del discorso è: quanto è legittimo in una democrazia mettere qualcuno in carcere, sequestrargli i beni e bandirlo dalla società semplicemente perché esprime un'opinione? Ma ancor più legittimamente fa discutere a mancanza di equilibrio dell'applicazione di tutte queste leggi, che puniscono solo "alcune" opinioni. Se chiami una persona "sXXXXX straniero" è reato, ma se uno straniero ti chiama "sXXXXX italiano"? Secondo una recente sentenza della Cassazione pare proprio di no! In teoria è un reato affermare la superiorità di qualunque religione, popolo, razza o nazione sulle altre, ma la regola vale per tutti? Perché è reato parlare bene del regime fascista ma non è reato inneggiare alla dittatura comunista? Perché è un "simbolo d'odio" la croce celtica ma non la stella delle Br?Mettere in carcere una persona perché esprime un'opinione, anche folle o stupida, è già abbastanza agghiacciante, ma arrestare solo chi esprime "certe" opinioni lasciando invece piene libertà a chi ne esprime altre almeno altrettanto scandalose è ragionevole?Avanti così. Provvedimento dopo provvedimento quel poco di democrazia che ancora abbiamo in Italia finirà presto!
    • Voice of Reason scrive:
      Re: avanti così!
      Sbagli. Le idee possono essere molto, molto pericolose e la società civile deve proteggersi anche, eventualmente, censurando e mettendo al bando opinioni aberranti e punendo chi le diffonde.Non possiamo aspettare che idee e concetti perniciosi si siano diffusi per combatterli. Da questo punto di vista, internet è un mezzo molto pericoloso da tenere sotto strettissimo controllo.Dobbiamo epurare le menti - specie quelle dei più giovani - da opinioni sbagliati e pericolose. Discorso chiuso.
      • Nome e cognome scrive:
        Re: avanti così!
        - Scritto da: Voice of Reason
        Dobbiamo epurare le menti - specie quelle dei più
        giovani - da opinioni sbagliati e pericolose.
        Discorso
        chiuso.Ma come ti permetti di scrivere "discorso chiuso"? Ma chi ti credi di essere per scrivere la parola fine a una discussione?????
        • ciccio scrive:
          Re: avanti così!
          - Scritto da: Nome e cognome
          - Scritto da: Voice of Reason



          Dobbiamo epurare le menti - specie quelle dei
          più

          giovani - da opinioni sbagliati e pericolose.

          Discorso

          chiuso.


          Ma come ti permetti di scrivere "discorso
          chiuso"?

          Ma chi ti credi di essere per scrivere la parola
          fine a una
          discussione?????Voice of Reason e' solo un poveraccio che vuole avere ragione a tutti i costi. "Bisogna lasciare la ragione agli altri perché questo li consola del non avere altro."André Gide, L'immoralista, 1902
      • collione scrive:
        Re: avanti così!
        - Scritto da: Voice of Reason
        Sbagli. Le idee possono essere molto, molto
        pericolose e la società civile deve proteggersi
        anche, eventualmente, censurando e mettendo al
        bando opinioni aberranti e punendo chi le
        diffonde.
        censura? allora è meglio che il "discorso chiuso" lo poniamo riguardo la democraziademocrazia e censura sono assolutamente antitetiche, quindi o accetti l'una o l'altraciò che va punito sono le travalicazioni della libertà personale altrui, il mazziere che ti picchia, il naziskin che butta fuori dal treno lo zingaro, ecc...ma le idee devono restare libere, altrimenti non è democraziaa questo proposito, vorrei solo far notare che l'ordinamento giuridico italiano è basato sul codice Rocco ( cioè il codice fascista!!! )
        • Voice of Reason scrive:
          Re: avanti così!
          La Francia è una democrazia, i reati d'opinione esistono.La Germania è una democrazia, i reati d'opinione esistono.Hai ancora qualcosa da dire?
          • collione scrive:
            Re: avanti così!
            - Scritto da: Voice of Reason
            La Francia è una democrazia, i reati d'opinione
            esistono.

            La Germania è una democrazia, i reati d'opinione
            esistono.

            Hai ancora qualcosa da dire?certoil fatto che Francia e Germania ( l'ex Germania nazista, guarda caso ) ce li abbiano, non cambia il fatto che è una tipologia di reato incivilecome mai le democrazie di stampo anglosassone non li hanno?pensa te, nel mondo islamico mangiare maiale è reato, quindi che facciamo? ci adeguiamo?
          • Leguleio scrive:
            Re: avanti così!

            il fatto che Francia e Germania ( l'ex Germania
            nazista, guarda caso ) ce li abbiano, non cambia
            il fatto che è una tipologia di reato
            incivile

            come mai le democrazie di stampo anglosassone non
            li
            hanno?No, i reati contro le espressioni d'odio esistono anche in Canada, per dire.
            pensa te, nel mondo islamico mangiare maiale è
            reato, quindi che facciamo? ci
            adeguiamo?In un certo senso lo abbiamo già fatto. Ma non con il maiale, che ha poco pelo, per sua sfortuna, e non è considerato un animale da compagnia. Con il gatto. È severamente vietata la vendita di pellicce di gatto, anche quando sono state ricavate da animali morti per cause naturali, e credo ricordi anche tu il putiferio che fece Beppe Bigazzi quando raccontò come cucinare un gatto:http://www.adnkronos.com/IGN/Mediacenter/Video_News/Cosi-si-cucina-il-gatto-Bigazzi-sospeso-dalla-Rai-per-la-ricetta-choc-a-La-prova-del-cuoco-VIDEO_21361223.htmlSarebbe bello che tutti i fanatismi fossero di là, tutta la ragione fosse di qua, si traccia una bella linea e via.... Ma non è mai così.
          • Voice of Reason scrive:
            Re: avanti così!
            - Scritto da: collione

            il fatto che Francia e Germania ( l'ex Germania
            nazista, guarda caso ) ce li abbiano, non cambia
            il fatto che è una tipologia di reato
            incivile
            Come puoi paragonare la Germania di adesso al Terzo Reich? Sei privo di argomenti, vedo.
            come mai le democrazie di stampo anglosassone non
            li
            hanno?La Gran Bretagna li ha. Il Canada li ha. Non parliamo degli USA, per favore, non sono una nazione civile con il loro terribile Secondo Emendamento, causa di migliaia di morti all'anno.Non hai argomenti.

            pensa te, nel mondo islamico mangiare maiale è
            reato, quindi che facciamo? ci
            adeguiamo?Vedo che sei costretto ad arrampicarti sugli specchi e questo mi fa molto piacere: significa che i difensori della "libertà" ad ogni costo sono ancora più disperati di quanto pensassi. :)Cosa c'entra un desueto dettame religioso contro leggi ampiamente giustificate da fatti storici?Sei senza argomenti. Il discorso è chiuso. Taci ed evita di dimostrarti ancora più stupido.
          • passavo diqua scrive:
            Re: avanti così!
            - Scritto da: Voice of Reason
            sono ancora più disperati di quanto pensassi.
            :)Pensassi?Non è la tua specialità lascia perdere
          • sgabbiozzo scrive:
            Re: avanti così!
            il dito..... la luna.....
          • cofler scrive:
            Re: avanti così!
            - Scritto da: Voice of Reason
            Sei senza argomenti. Il discorso è chiuso. Taci
            ed evita di dimostrarti ancora più
            stupido.Ancora con: "il discorso è chiuso"? Probabilmente lo stupido sei tu. Pensaci.
          • mah scrive:
            Re: avanti così!
            sì,NON SONO DEMOCRAZIE.
      • Lo smascherat ore di ostrega scrive:
        Re: avanti così!
        Ostrega, era un po' che non ti facevi vivo!
        • Lo smescherat ore di legulei scrive:
          Re: avanti così!
          - Scritto da: Lo smascherat ore di ostrega
          Ostrega, era un po' che non ti facevi vivo!Eravate amici vero? ;)
          • Lo smescherat ore di legulei scrive:
            Re: avanti così!
            E guarda che c'è un sacco di arretrato. Devi mandare i messaggi in automatico qui:http://punto-informatico.it/3915666/PI/News/droni-assassini-amnesty-contro-obama.aspxDai che ce la fai.
      • mah scrive:
        Re: avanti così!
        Confronto a te il duce è un chierichetto!
      • anverone99 scrive:
        Re: avanti così!
        - Scritto da: Voice of Reason
        Le idee possono essere molto, molto
        pericolose e la società civile deve proteggersi
        anche, eventualmente, censurando e mettendo al
        bando opinioni aberranti e punendo chi le
        diffonde.

        Non possiamo aspettare che idee e concetti
        perniciosi si siano diffusi per combatterli.
        Dobbiamo epurare le menti - specie quelle dei più
        giovani - da opinioni sbagliati e pericolose.(Dal "Mein Kampf" di Adolf Hitler, solo che lui parlava delle idee ALTRUI)
      • Gingle scrive:
        Re: avanti così!
        - Scritto da: Voice of Reason
        Discorso
        chiuso.Peccato V.o.R., aveva fatto un ragionamento di buon senso (ah, il buon senso, questo sconosciuto) ma ha imposto la "chiusura del discorso" e, inevitabilmente, ha portato a focalizzare la tenzone solo su questo punto. :(
      • Trollollero scrive:
        Re: avanti così!
        - Scritto da: Voice of Reason
        Sbagli. Le idee possono essere molto, molto
        pericolose e la società civile deve proteggersi
        anche, eventualmente, censurando e mettendo al
        bando opinioni aberranti e punendo chi le
        diffonde.

        Non possiamo aspettare che idee e concetti
        perniciosi si siano diffusi per combatterli. Da
        questo punto di vista, internet è un mezzo molto
        pericoloso da tenere sotto strettissimo
        controllo.

        <b
        Dobbiamo epurare le menti </b
        - specie quelle dei più
        giovani - da opinioni sbagliati e pericolose.
        Discorso
        chiuso.Quando leggo certo cose sento un brivido lungo la schiena....
    • thinshadow scrive:
      Re: avanti così!
      - Scritto da: ...
      E' assurdo che nel 21° secolo esistano ancora i
      reati d'opinione nei nostri codici! Questo è
      preoccupante dato che si assiste ad una rapida
      accelerazione sulla creazione di nuovi reati
      d'opinione veri e propri, con la previsione di
      pene detentive anche
      elevate.Quoto totalmente.Viviamo tempi assurdi.L'Italia (e non solo l'Italia) è finita in mano a idioti autoritari e fanatici (a destra, centro e sinistra), a cui il proporsi come "inflessibili gendarmi" serve anche per nascondere la propria mediocrità e che da anni usano i media e la retorica per instupidire la gente e impedire che pensi con la propria testa.E in buona parte ci sono riusciti!Vedi anche qui la gente che vuole "epurare le menti" e che pensa di essere dalla parte della ragione e (incredibile!) della DEMOCRAZIA!Comincia però a sentirsi anche un venticello di rivolta contro questo "pensiero unico" e le leggi che ne conseguono, per ora è solo un venticello ma chissà ...
    • Gingle scrive:
      Re: avanti così!
      Anche durante la propaganda nazista, ad opera del ministro goebbels, erano "opinioni", no? Quindi, essendo "opinioni", non dovevano essere condannate e combattute, no? Infatti i nostri bisnonni, nonni, genitori, hanno vissuto le conseguenze in tutto il mondo per queste "opinioni". Niente di più subdolo e pericoloso chiamare l'odio razziale, l'antisemitismo, il boicottaggio, la propaganda nazislamica, "opinioni". Dai risultati che vediamo tutti, a parte i ciechi ideologici, la Storia insegna proprio nulla.
  • bubba scrive:
    bene "indagare", MALE tutto il resto
    e' un po il solito discorso dei "reati finti"...hai un bel blog che propaganda i negri arrosto? bene, "indaga" un po'.. (insider, o anche una disposizione del magistrato, se ci sono evidenze) per vedere chi sono e conseguentemente SE FANNO QUALCOSA. SE delirano SOLO sul blog e' inutile anzi DELETERIO iniziare a perseguitare. Soprattutto perche' (ti servono/avvalli la presenza di) leggi liberticide per farlo... ma anche perche' e' uno spreco di risorse e di tempo.
    • collione scrive:
      Re: bene "indagare", MALE tutto il resto
      ha ragione l'amico qui http://punto-informatico.it/b.aspx?i=3931798&m=3932400#p3932400il problema è che, in nome dell'antifascismo, abbiamo continuato a nutrire un ordinamento fascista, che non ammette possibilità di critica nei confronti delle cosidette minoranzeovviamente chi siano tali minoranze dipende dall'orientamento politico di turnofatto sta che è ormai chiaro, che l'Italia non è un Paese per italiani
      • Gingle scrive:
        Re: bene "indagare", MALE tutto il resto
        - Scritto da: collione
        ha ragione l'amico qui
        http://punto-informatico.it/b.aspx?i=3931798&m=393

        il problema è che, in nome dell'antifascismo,
        abbiamo continuato a nutrire un ordinamento
        fascista, che non ammette possibilità di critica
        nei confronti delle cosidette
        minoranzeAttenzione, non scivoliamo sui termini. "Critica" è una cosa e ben venga come in ogni democrazia. Razzismo, incitamento alla violenza è ben altra cosa. Ovviamente non sono "opinioni".
        ovviamente chi siano tali minoranze dipende
        dall'orientamento politico di
        turnoLe minoranze sono sempre minoranze. A seconda dell'orientamento politicole minoranze sono considerate e "trattate" in questo o in quel modo.
        fatto sta che è ormai chiaro, che l'Italia non è
        un Paese per italiani Concordo. Aggiungerei che gli italiani non sono per l'Italia, perché l'hanno mandata in malora. Non se lo merita. :-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 14 novembre 2013 23.59----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 15 novembre 2013 03.46-----------------------------------------------------------
  • bubba scrive:
    per combattere i fascisti..
    ..usiamo metodi fascisti, diventando fascisti a nostra volta; geniale
    • Leguleio scrive:
      Re: per combattere i fascisti..

      ..usiamo metodi fascisti, diventando fascisti a
      nostra volta;
      genialeNon ancora, non è prescritto l'olio di ricino fra le pene.
      • bubba scrive:
        Re: per combattere i fascisti..
        - Scritto da: Leguleio

        ..usiamo metodi fascisti, diventando
        fascisti
        a

        nostra volta;

        geniale

        Non ancora, non è prescritto l'olio di ricino fra
        le
        pene.sigh un clone noioso. :P(non dissento totalmente dal suo post cmq ;) )
        • bubba scrive:
          Re: per combattere i fascisti..
          - Scritto da: bubba
          - Scritto da: Leguleio


          ..usiamo metodi fascisti, diventando

          fascisti

          a


          nostra volta;


          geniale



          Non ancora, non è prescritto l'olio di
          ricino
          fra

          le

          pene.

          sigh un clone noioso. :P

          (non dissento totalmente dal suo post cmq ;) )se non dissenti ma quel che dico ti annoia, significa che anche i tuoi argomenti son sognosi e quindi anche tu lo sei
          • bubba scrive:
            Re: per combattere i fascisti..
            - Scritto da: bubba
            - Scritto da: bubba

            - Scritto da: Leguleio



            ..usiamo metodi fascisti,
            diventando


            fascisti


            a



            nostra volta;



            geniale





            Non ancora, non è prescritto l'olio di

            ricino

            fra


            le


            pene.



            sigh un clone noioso. :P



            (non dissento totalmente dal suo post cmq ;)
            )

            se non dissenti ma quel che dico ti annoia,NO. Mi annoia la presenza del clone. A prescindere che scriva uno o un poema award-winning.
          • abbub scrive:
            Re: per combattere i fascisti..
            Ma non eri registrato?
          • sgabbiozzo scrive:
            Re: per combattere i fascisti..
            01/10
  • Nessuno scrive:
    Abolire i reati di opinione!
    I reati di opinione sono un'assurdità, in una nazione moralmente evoluta, quale probabilmente l'Italia non è. A chi esprime opinioni assurde, odiose e infondate si dovrebbe rispondere con un'informazione corretta, non con il carcere.
    • vercutio scrive:
      Re: Abolire i reati di opinione!
      - Scritto da: Nessuno
      I reati di opinione sono un'assurdità, in una
      nazione moralmente evoluta, quale probabilmente
      l'Italia non è. A chi esprime opinioni assurde,
      odiose e infondate si dovrebbe rispondere con
      un'informazione corretta, non con il
      carcere.Il problema è l'incitamento all'odio razziale o alla violenza, sarà pure una opinione che molti non condividono, ma basta UNO che l'ascolta e commette un omicidio (perché sei nero, perché sei ebreo, perché sei ricco, perché sei donna, perché sei gay... non importa il motivo), ed è ormai troppo tardi per intervenire. Basta uno, non serve che certe idee attecchiscano in tanti.
      • Voice of Reason scrive:
        Re: Abolire i reati di opinione!
        Vedo che qualcuno capisce, per fortuna.Ci sono idee pericolose e queste vanno vietate, punto e basta.Se salva anche una sola vita umana, ne vale la pena.
        • sgabbiozzo scrive:
          Re: Abolire i reati di opinione!
          Hai fatto una figura di palta.
          • Voice of Reason scrive:
            Re: Abolire i reati di opinione!
            - Scritto da: sgabbiozzo
            Hai fatto una figura di palta.Sono questi i tuoi argomenti? Vedo che hai il fiato corto.La luce della civiltà e della ragione splenderà anche sulla Rete. Rassegnati.
        • Trollollero scrive:
          Re: Abolire i reati di opinione!
          - Scritto da: Voice of Reason
          Vedo che qualcuno capisce, per fortuna.

          Ci sono idee pericolose e queste vanno vietate,
          punto e
          basta.

          Se salva anche una sola vita umana, ne vale la
          pena.Le tue, ad esempio.Liberticide, autoritarie e pericolossime come ampiamente dimostrato dalla storia recente e passata.
      • Gingle scrive:
        Re: Abolire i reati di opinione!
        - Scritto da: vercutio
        Il problema è l'incitamento all'odio razziale o
        alla violenza, sarà pure una opinione che molti
        non condividono, [...]Non sono opinioni. E quello che fanno gli holiwar, gli stormfront e compagni.
      • Luco, giudice di linea mancato scrive:
        Re: Abolire i reati di opinione!
        - Scritto da: vercutio
        Il problema è l'incitamento all'odio razziale o
        alla violenza, sarà pure una opinione che molti
        non condividono, ma basta UNO che l'ascolta e
        commette un omicidio (perché sei nero, perché sei
        ebreo, perché sei ricco, perché sei donna, perché
        sei gay... non importa il motivo), ed è ormai
        troppo tardi per intervenire. Basta uno, non
        serve che certe idee attecchiscano in
        tanti.Quindi punisci quell'uno (quello che ammazza, non l'istigatore) esattamente come se avesse agito senza incitamento, non vedo la differenza, sempre omicidio è.
    • Leguleio scrive:
      Re: Abolire i reati di opinione!

      I reati di opinione sono un'assurdità, in una
      nazione moralmente evoluta, quale probabilmente
      l'Italia non è. Magari fosse solo l'Italia... Di reati d'opinione ce ne sono, e ben più pesanti, anche in Austria, in Francia e in Germania, per restare dentro la UE.
    • Gingle scrive:
      Re: Abolire i reati di opinione!
      Sig. nessuno, l'antisemitismo, l'incitamento all'odio, i boicottaggi, di certo non sono opinioni. Sono tutto quello che ha permesso al nazismo e alla propaganda goebbelsiana di fare ciò che ha fatto e quello che il nazislamismo sta facendo ora. Come novità ultima si è aggiunto il negazionismo. Peccato che la STORIA non insegni alcunché.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 14 novembre 2013 19.15-----------------------------------------------------------
      • Leguleio scrive:
        Re: Abolire i reati di opinione!


        ... E sottolineare. Soprattutto sottolineare.

        Non prenda per il cesto la gente. Non lo faccio. Perché più la conversazione va avanti, più mi convinco che non è vero che ti eri espresso male, e che non volevi dire una cosa diversa. Volevi dire <B
        proprio quello </B
        . Solo che a volte certe cose si possono dire ad alta voce, non è politicamente corretto o politicamente conveniente.Ma si capiscono lo stesso...
        Ci vada lei. È lei che difende il "diritto
        d'opinione", quando opinione non
        è.Ancora con questa storia, adesso la patente ufficiale di "opinione" la conferisci tu. Forse i dizionari italiani ne sanno più di te sulla definizione di "opinione", che dici, Gingle?E con l'invito ad andare in uno Stato totalitario, intendevo solo un "toccare con mano" la situazione. È facile criticare la popolazione tedesca sotto il Terzo Reich dalla nostra democrazia. Meno facile era viverci dentro.
        No. Il razzismo, l'incitamento all'odio razziale,
        l'antisemitismo che lei chiama "opinioni" e che
        lei vuol difendere, non sono opinioni. Allora, l'incitamento all'odio razziale è un reato in diversi ordinamenti, perché lì si va oltre la semplice opinione. Si istiga a comportamenti illegali, di vario genere.Il razzismo e l'antisemitismo no. Saranno idee aberranti, ma la polizia delle coscienze ancora non l'hanno inventata.
        Non
        decide lei che queste posizioni pericolose siano
        delle opinioni, perché non lo sono.Tradotto: arrestiamo razzisti e antisemiti, perché Gingle dice così.Poi già che ci siamo arrestiamo anche altri sostenitori di idee che non piacciono a Gingle: che so, gli avventisti del settimo giorno, i maoisti. Siccome non sono opinioni, le loro, nemmeno hanno la protezioni delle dichiarazione universale dei diritti dell'uomo. È tutto così semplice: non è un opinione? Si persegua legalmente. In galera!
        Non è andato al potere così, per magia. Appunto,
        glielo hanno permesso. Un popolo manda su il
        dittatore che si "merita" e che permette che vada
        al potere. Chi l'ha fatta Weimar?
        Nessuno?La Costituzione della repubblica di Weimar è stata scritta in fretta al termine della Prima Guerra Mondiale, e di sciocchezze ne conteneva diverse. Una di queste permetteva, a certe condizioni, di avere tutto il potere senza avere la maggioranza semplice, e tantomeno la maggioranza qualificata. E Hitler l'ottenne.Hitler non è mai stato candidato a Führer. Gli elettori lo votavano per averlo come cancelliere.

        Per inciso, non è che le idee di alcuni partiti

        antagonisti fossero proprio meglio, eh? Hai mai

        letto il programma del partito comunista tedesco

        (KPD) nel

        1932?

        E dunque? Nel 1932 la Germania era uno Stato allo sbando. Sarebbe andata male qualunque partito avesse vinto, era una gara agli estremismi.Questo per mettere in prospettiva l'ascesa di molti dittatori in giro per l'Europa, e non solo in Germania.
        Certe
        "opinioni", come le chiama lei, anche in
        democrazia, prendono forma, lentamente, si
        insinuano nelle menti labili e diventano verità
        catastrofiche. Hai fatto degli studi. Le idee che non piacciono a te si insinuano e diventano verità. Psicopolizia cercasi.Le idee che invece ti piacciono non si insinuano, e possono avere libera circolazione. Non fa una grinza.
        "Ripetete una bugia cento, mille,
        un milione di volte e diventa verità". Vede, le
        "opinioni", quando ben congegnate, portano a
        disastri. Sì, lo sto constatando qui con con te. Non so chi abbia ripetuto mille volte queste cose mentre ascoltavi, ma l'effetto è lampante. Si perde innanzitutto il senso della realtà. :

        Ci avevano pensato i turchi nel 1914-1918,

        invece.

        Invece un bel niente. Lei commette un grave
        errore, tale da sminuire il nazismo. I turchi
        hanno compiuto un genocidio tremendo, come ce ne
        sono stati tanti nella storia e come ve sono
        recentemente, grazie alle "opinioni che devono
        sempre aver la libertà di essere
        espresse.
        Il crimine contro l'umanità compiuto dalla
        Germania non ha precedenti.Stavamo parlando dell'originalità delle azioni compiute dal governo di Adolf Hitler, e non dell'ampiezza del genocidio. Rileggi la discussione.Peraltro storici recenti hanno calcolato le vittime delle purghe staliniane e delle persecuzioni nei gulag in generale in un numero superiore a quelle dei lager tedeschi. Urss batte Terzo Reich 1-0, se vuoi fare paragoni a questo infimo livello.Io non li farei mai.
        Non si tratta di uno di quegli uragani furiosi
        che percorrono un paese ricadendo in una nube di
        sangue; sono i sinistri orgasmi del genocidio,
        con la sua scientificità, metodica e rigore. Tutti sono sinistri, tutti sono tremendi, tranne sé stessi. Perché la polizia delle idee è notoriamente una cosa fattibile e rispettosa dei diritti civili.
        Professore, lei ha sbagliato indirizzo. Se mi mostri, dati alla mano, che le mie affermazioni storiche sono sbagliate, sono pronto a cambiare indirizzo. Per ora non li vedo. E non si ottiene la ragione con le battute brillanti.
        Davvero? La vorrei proporre come "opinionista"
        nelle tavole rotonde sui rapporti tra Occidente e
        islam.Attieniti alle affermazioni fatte, senza andare sul personale. Anche perché la policy di PI su questo punto è severa.

        ignare del fatto di

        costituire un problema, tranne quando gli tirano

        le bombe in testa, [...]

        Già, infatti gli amerikani, per primi, se le sono
        tirate giù da soli le torri. Alcuni lo dicono davvero. :(In ogni caso, di cittadini iracheni, in quel commando, non ce n'era nemmeno uno. Il rapporto di causa-effetto per la guerra in Iraq era totalmente assente. E in Afghanistan era leggermente diverso, ma anche lì...E visti i risultati, non gongolerei tanto sul dopo Saddam e dopo talebani, come mi pare stia facendo tu.
        Ma questa è una mia
        "opinione". Chi ha iniziato? "Loro!" "No, sono
        stati loro!" "Ma che c...o dite?!" "Gli altri
        sono
        statiiii!"No, non buttarla in caciara, non funziona.Non stavo parlando di chi ha cominciato, ma solo della condizione delle popolazioni di quelle aree. Che perlappunto all'Occidente non pensvano proprio. Pensavano ai casi loro. Anche alcuni terroristi italiani negli anni di piombo avevano il dente avvelenato con gli Usa, e arrivarono a rapire un generale della Nato, Dozier. Ma non hanno bombardato l'Italia per questo. Per il semplice fatto che non pensavano che tutti gli italiani fossero nemici dell'America. Loro sapevano ancora distinguere. Tu, che soffi sul fuoco dell'intolleranza, no.
        shari'ah che si impone
        subdolamente -ma nemmeno tanto- in Europa. C'est
        la
        vie.Questa la incornicio e concludo qui.È troppo spassosa. (rotfl)
  • Sg@bbio scrive:
    Solita soluzione di pirro
    Cioè oltre ad usare un argomento serio per far censura, si cerca di fare incette contro internet, come se non bastassero già le censure a XXXXXXX che fanno dal 2006.
  • Leguleio scrive:
    Dettaglio superfluo
    Leggo: "Nel corso delle indagini sono stati individuati, diversi post con forti incitamenti alla violenza, pubblicati da autori nascosti dietro pseudonimo".Nei forum è normale usare pseudonimi, a parte che siamo rimasti io e Claudio Tamburrino a ricordarci l'italiano e a chiamarli così: tutti gli altri conoscono solo il termine nickname, variamente abbreviato in nick, nik, ni. :)E oltre che normale, non è nemmeno un'aggravante in caso di reati. Perché sottolinearlo? mah...
    • incantatore scrive:
      Re: Dettaglio superfluo
      - Scritto da: Leguleio
      a parte che
      siamo rimasti io e Claudio Tamburrino a
      ricordarci l'italiano e a chiamarli così: tutti :
    • collione scrive:
      Re: Dettaglio superfluo
      - Scritto da: Leguleio
      variamente abbreviato in nick, nik, ni.e su PI è spesso sinonimo di astroturfer ( specialmente della mela ) :D
    • xzy scrive:
      Re: Dettaglio superfluo
      http://www.treccani.it/vocabolario/pseudonimo/http://www.treccani.it/vocabolario/soprannome/http://www.treccani.it/vocabolario/nomignolo/http://www.wordreference.com/enit/nicknameIl "nickname" è a seconda dei casi un soprannome o nomignolo, ma non è uno pseudonimo.
      • Leguleio scrive:
        Re: Dettaglio superfluo
        - Scritto da: xzy
        http://www.treccani.it/vocabolario/pseudonimo/
        http://www.treccani.it/vocabolario/soprannome/
        http://www.treccani.it/vocabolario/nomignolo/

        http://www.wordreference.com/enit/nickname

        Il "nickname" è a seconda dei casi un soprannome
        o nomignolo, ma non è uno
        pseudonimo.Probabilmente hai ragione, anche se il confine fra le tre cose, soprannome, nomignolo e pseudonimo, non sempre è netto: Liala è uno pseudonimo o un nomignolo? O magari un soprannome, visto che lo ha coniato D'annunzio?Con la diffusione di internet è entrato nell'italiano comune questo termine, e per di più usato un po' a sproposito.
        • bubba scrive:
          Re: Dettaglio superfluo
          - Scritto da: Leguleio
          - Scritto da: xzy


          http://www.treccani.it/vocabolario/pseudonimo/


          http://www.treccani.it/vocabolario/soprannome/

          http://www.treccani.it/vocabolario/nomignolo/



          http://www.wordreference.com/enit/nickname



          Il "nickname" è a seconda dei casi un
          soprannome

          o nomignolo, ma non è uno

          pseudonimo.

          Probabilmente hai ragione, anche se il confine
          fra le tre cose, soprannome, nomignolo e
          pseudonimo, non sempre è netto: Liala è uno
          pseudonimo o un nomignolo? O magari un
          soprannome, visto che lo ha coniato
          D'annunzio?
          Con la diffusione di internet è entrato
          nell'italiano comune questo termine, e per di più
          usato un po' a
          sproposito.secondo me non ha ragione in verita'... il nickname e' proprio lo pseudonimo... un nome d'arte/nome di battaglia che uno SI DA' non volendosi identificare col proprio nome.La differenza col soprannome imho e' abbastanza evidente... nel senso che e' tale in quanto sono gli altri che te lo attribuiscono..
          • Leguleio scrive:
            Re: Dettaglio superfluo





            http://www.treccani.it/vocabolario/pseudonimo/




            http://www.treccani.it/vocabolario/soprannome/



            http://www.treccani.it/vocabolario/nomignolo/





            http://www.wordreference.com/enit/nickname





            Il "nickname" è a seconda dei casi un

            soprannome


            o nomignolo, ma non è uno


            pseudonimo.



            Probabilmente hai ragione, anche se il confine

            fra le tre cose, soprannome, nomignolo e

            pseudonimo, non sempre è netto: Liala è uno

            pseudonimo o un nomignolo? O magari un

            soprannome, visto che lo ha coniato

            D'annunzio?

            Con la diffusione di internet è entrato

            nell'italiano comune questo termine, e per di
            più

            usato un po' a

            sproposito.
            secondo me non ha ragione in verita'... il
            nickname e' proprio lo pseudonimo... un nome
            d'arte/nome di battaglia che uno SI DA' non
            volendosi identificare col proprio
            nome.Ma l'inglese ha il termine <I
            pseudonym </I
            . E questo è generalmente suddiviso in vari tipi: <I
            pen name, stage name, war name </I
            .
          • bubba scrive:
            Re: Dettaglio superfluo
            - Scritto da: Leguleio









            usato un po' a


            sproposito.

            secondo me non ha ragione in verita'... il

            nickname e' proprio lo pseudonimo... un nome

            d'arte/nome di battaglia che uno SI DA' non

            volendosi identificare col proprio

            nome.

            Ma l'inglese ha il termine <I
            pseudonym
            </I
            . E questo è generalmente suddiviso in
            vari tipi: <I
            pen name, stage name, war
            name </I

            .chiamalo sinonimo :) O se vuoi pignolare, chiama "nickname" una particolare sottoclasse di "pseudonym".Sinceramente penso si perda nella notte dei tempi, del perche', nel tempo escano dei sinonimi... sono "focalizzati/forgiati" in uno speciale ambito... ( ham-radio, bbs, usenet) e poi vengono usati o "dimenticati", riciclati ecc... pensa per es ad "handle" ...
    • panda rossa scrive:
      Re: Dettaglio superfluo
      - Scritto da: Leguleio
      Leggo:

      "Nel corso delle indagini sono stati individuati,
      diversi post con forti incitamenti alla violenza,
      pubblicati da autori nascosti dietro
      pseudonimo".

      Nei forum è normale usare pseudonimi, a parte che
      siamo rimasti io e Claudio Tamburrino a
      ricordarci l'italiano e a chiamarli così: tutti
      gli altri conoscono solo il termine nickname,
      variamente abbreviato in nick, nik, ni.
      :)In italiano si dice "nome d'arte" non pseudonimo.Pseudonimo e' quello che usa Leguleio.Il nick invece e' quello dei troll.Panda Rossa e' un nome d'arte.
      E oltre che normale, non è nemmeno un'aggravante
      in caso di reati. Perché sottolinearlo?
      mah...Perche' l'anonimato e' importante.
      • Leguleio scrive:
        Re: Dettaglio superfluo


        Nei forum è normale usare pseudonimi, a
        parte
        che

        siamo rimasti io e Claudio Tamburrino a

        ricordarci l'italiano e a chiamarli così:
        tutti

        gli altri conoscono solo il termine nickname,

        variamente abbreviato in nick, nik, ni.

        :)

        In italiano si dice "nome d'arte" non pseudonimo.

        Pseudonimo e' quello che usa Leguleio.
        Il nick invece e' quello dei troll.
        Panda Rossa e' un nome d'arte.Poi ci mettiamo anche i <I
        nom de plume </I
        , e l'elenco è completo. :D

        E oltre che normale, non è nemmeno
        un'aggravante

        in caso di reati. Perché sottolinearlo?

        mah...

        Perche' l'anonimato e' importante.Importante, forse, ma non efficiente. La polizia è arrivata lo stesso ad identificare le persone reali.
        • panda rossa scrive:
          Re: Dettaglio superfluo
          - Scritto da: Leguleio


          Nei forum è normale usare pseudonimi, a

          parte

          che


          siamo rimasti io e Claudio Tamburrino a


          ricordarci l'italiano e a chiamarli
          così:

          tutti


          gli altri conoscono solo il termine
          nickname,


          variamente abbreviato in nick, nik, ni.


          :)



          In italiano si dice "nome d'arte" non
          pseudonimo.



          Pseudonimo e' quello che usa Leguleio.

          Il nick invece e' quello dei troll.

          Panda Rossa e' un nome d'arte.

          Poi ci mettiamo anche i <I
          nom de plume
          </I
          , e l'elenco è completo.
          :D



          E oltre che normale, non è nemmeno

          un'aggravante


          in caso di reati. Perché sottolinearlo?


          mah...



          Perche' l'anonimato e' importante.

          Importante, forse, ma non efficiente. La polizia
          è arrivata lo stesso ad identificare le persone
          reali.La polizia e' arrivata a delle persone.Se poi sono effettivamente quelle che cercavano loro, lo stabilira' il giudice.Oppure siamo arrivati al punto che non sono piu' necessari i tre gradi di giudizio ed e' sufficiente la pubblica accusa?
          • Leguleio scrive:
            Re: Dettaglio superfluo


            Importante, forse, ma non efficiente. La
            polizia

            è arrivata lo stesso ad identificare le
            persone

            reali.
            La polizia e' arrivata a delle persone.
            Se poi sono effettivamente quelle che cercavano
            loro, lo stabilira' il
            giudice.

            Oppure siamo arrivati al punto che non sono piu'
            necessari i tre gradi di giudizio ed e'
            sufficiente la pubblica
            accusa?Per carità, aspettiamo il terzo grado di giudizio. :|Poi se gli imputati saranno come la prima tornata di Stormfront, che hanno scelto tutti il rito abbreviato, cioè un proXXXXX nel quale non si possono chiamare tecnici come consulenti di parte e nemmeno testimoni in carne ed ossa, questa loro estraneità la dimostreranno con uno schiocco di mano! :)
          • panda rossa scrive:
            Re: Dettaglio superfluo
            - Scritto da: Leguleio


            Importante, forse, ma non efficiente. La

            polizia


            è arrivata lo stesso ad identificare le

            persone


            reali.


            La polizia e' arrivata a delle persone.

            Se poi sono effettivamente quelle che
            cercavano

            loro, lo stabilira' il

            giudice.



            Oppure siamo arrivati al punto che non sono
            piu'

            necessari i tre gradi di giudizio ed e'

            sufficiente la pubblica

            accusa?

            Per carità, aspettiamo il terzo grado di
            giudizio.
            :|Ecco, bravo.E fino ad allora tutti presunti innocenti e possibili vittime di errore giudiziario.
            Poi se gli imputati saranno come la prima tornata
            di Stormfront, che hanno scelto tutti il rito
            abbreviato, cioè un proXXXXX nel quale non si
            possono chiamare tecnici come consulenti di parte
            e nemmeno testimoni in carne ed ossa, questa loro
            estraneità la dimostreranno con uno schiocco di
            mano!
            :)Magari qualcuno patteggera' pure, godendo di sconto di pena, indulto e non menzione chiudendo la questione prima ancora che si apra.Diciamo chiaramente le cose come stanno: in italia in galera non ci si va mai! E le carceri strapiene lo dimostrano!
          • Leguleio scrive:
            Re: Dettaglio superfluo


            Per carità, aspettiamo il terzo grado di

            giudizio.

            :|

            Ecco, bravo.
            E fino ad allora tutti presunti innocenti e
            possibili vittime di errore
            giudiziario.Hanno inventato l'indennizzo per ingiusta carcerazione proprio per questo. Poi che fra la richiesta e la concessione passino anni, è un piccolo dettaglio.a
            tornata

            di Stormfront, che hanno scelto tutti il rito

            abbreviato, cioè un proXXXXX nel quale non si

            possono chiamare tecnici come consulenti di
            parte

            e nemmeno testimoni in carne ed ossa, questa
            loro

            estraneità la dimostreranno con uno schiocco
            di

            mano!

            :)

            Magari qualcuno patteggera' pure, godendo di
            sconto di pena, indulto e non menzione chiudendo
            la questione prima ancora che si
            apra.No, l'indulto no. L'ultimo è stato nel 2006, e non ci sono le condizioni per approvarne uno in tempi così burrascosi. Vedremo l'anno prossimo.
            Diciamo chiaramente le cose come stanno: in
            italia in galera non ci si va mai! E le carceri
            strapiene lo
            dimostrano!È facile, facilissimo finire in carcere in Italia prima che un giudice si sia pronunciato sull'effettiva colpevolezza. Ma è difficile, e particolarmente laborioso, che uno ci finisca quando la sua colpevolezza è stata definitivamente stabilita al terzo grado: esistono molti modi alternativi di scontare la pena. In questo caso particolare però di carcere non si parla: ci sono state perquisizioni, e contestuali informazioni di garanzia.
        • tucumcari fante lesto scrive:
          Re: Dettaglio superfluo
          - Scritto da: Leguleio

          Pseudonimo e' quello che usa Leguleio.già più "pseudo" che "nimo" però...Quando si fa di mestiere il venditore di carabattole Microsoft il "leguleio" è decisamente "pseudo"Anzi "pseudissimo"
          • tucumcari fante lesto scrive:
            Re: Dettaglio superfluo
            E devi andare qui e mettere una caterva di messaggi in automatico:http://punto-informatico.it/3915666/PI/News/droni-assassini-amnesty-contro-obama.aspxAltrimenti non sei più tu.
Chiudi i commenti