Trump, dopo la Casa Bianca l'editoria digitale

La posizione assunta da Fox durante il rush finale delle elezioni presidenziali non è piaciuta al tycoon che ora promette battaglia, a modo suo.
La posizione assunta da Fox durante il rush finale delle elezioni presidenziali non è piaciuta al tycoon che ora promette battaglia, a modo suo.

Uscito sconfitto dalla tornata elettorale d’oltreoceano, Donald Trump non sembra avere alcuna intenzione di starsene con le mani in mano. E mentre qualcuno ipotizza una sua ennesima candidatura alle Presidenziali USA 2024, altri danno quasi per certa l’intenzione di dar vita a un gruppo editoriale con un obiettivo ben preciso: dare del filo da torcere a Fox News.

Fuoco amico: la guerra di Trump a Fox

L’attuale inquilino della Casa Bianca pare non aver digerito in particolare un annuncio anzitempo della vittoria di Biden in Arizona, uno degli stati chiave per l’assegnazione del prossimo mandato. “Ha intenzione di distruggere Fox, nessun dubbio a riguardo” è quanto trapelato da un membro dell’entourage e riportato dalla stampa a stelle e strisce. I rumor in merito alla sua nuova discesa in campo parlano del possibile lancio di un canale via cavo o di un’emittente 100% in streaming. Quest’ultima è l’ipotesi più quotata.

Sarà un’offerta premium, accessibile tramite la sottoscrizione di un abbonamento mensile. Non è difficile immaginarne la linea editoriale. “Dedicherà molto tempo alla guerra a Fox” è la dichiarazione attribuita da Axios a una fonte rimasta anonima, ma ritenuta a conoscenza del progetto.

Di recente Trump ha puntato il dito contro il canale di Murdoch anche per aver, a suo parere, intervistato troppi esponenti democratici in vista della chiamata alle urne. La sua battaglia è già iniziata promuovendo in modo diretto altri network o piattaforme vicine all’ala repubblicana o conservatrice come One America News e Newsmax. Quest’ultimo è uno dei siti che nell’ultimo periodo hanno maggiormente attirato le attenzioni e le simpatie dell’elettorato di destra (ed estrema destra), insieme a Rumble e Parler. Chiudiamo con le parole del tycoon raccolte in un’intervista recente.

Qual è la principale differenza tra oggi e quattro anni fa? Fox. Non mi sto lamentando, lo sto solo raccontando. È una delle differenze più grandi tra questa stagione e quella passata.

Fonte: Axios
Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Link copiato negli appunti