Turchia: bloccare YouTube è incostituzionale

La Corte Costituzionale turca decreta illegale il blocco della piattaforma di videosharing: le autorità locali dovranno revocare l'inibizione imposta agli ISP nel mese di marzo

Roma – Impedire ai cittadini turchi di accedere a YouTube, di fruire e di partecipare allo scorrere dei contenuti che popolano la piattaforma, è contrario alla Costituzione: così ha deciso la Corte Costituzionale turca, interpellata sul blocco fatto calare sul Tubo nei mesi scorsi.

La piattaforma era stata resa inaccessibile alla fine del mese di marzo, quando in Turchia si avvicinavano le elezioni amministrative: sul servizio di sharing erano comparse delle registrazioni di certe intercettazioni sgradite al primo ministro Erdogan, che avrebbero rivelato troppo sulle strategie del potere turco in Siria. L’autorità che vigila sulle tecnologie delle comunicazioni, così come con Twitter, aveva ordinato ai fornitori di connettività di innescare i filtri: solo in un secondo momento era intervenuta l’autorità giudiziaria, riconducendo i blocchi all’illegalità di video che, come accaduto in passato , avrebbero infangato l’immagine di Mustafa Kemal Ataturk, che la Turchia ritiene padre della patria, e avrebbero attentato alla sicurezza nazionale infiammando gli animi dei cittadini.

I ricorsi erano piovuti sulla ordinanza di inibizione, si erano mossi gli avvocati turchi, ottenendo dal tribunale locale di Gölbasi una revoca del blocco, giudicato sproporzionato, e l’ordine di rendere irraggiungibili i singoli video illegali. Una revoca, però, subito revocata: il tribunale aveva riconosciuto l’ impossibilità di inibire l’accesso alle singole clip e aveva ritenuto che la sicurezza nazionale dovesse prevalere sulla libera circolazione dell’informazione.

YouTube, insieme ad altri due ricorrenti , si era dunque rivolta alla Corte Costituzionale, che ora ha espresso il proprio giudizio rispetto all’inibizione della piattaforma: si tratterebbe di una violazione della libertà di espressione. La sentenza della Corte Costituzionale, decisa all’unanimità, è stata comunicata all’autorità amministrativa che regola le comunicazioni, insieme all’ ordine di revocare il blocco , ma non sono ancora chiare le modalità con cui verrà recepita.

Il percorso di ripristino del servizio, infatti, potrebbe non essere lineare. Anche nel caso della censura di Twitter , avvenuta come nel caso di YouTube nel periodo pre-elettorale e per le stesse motivazioni, la Corte Costituzionale era intervenuta per disporre la fine dell’inibizione: la decisione dei supremi giudici turchi, però, non aveva fatto rassegnare il primo ministro Erdogan, che aveva in un primo momento denunciato la posizione di Twitter rispetto al fisco turco, per poi rivolgersi a sua volta alla Corte Costituzionale , invocando giustizia e un risarcimento rispetto alla violazione della privacy rispetto alla sua persona. Twitter, tornato accessibile in Turchia, aveva nel frattempo provveduto alla rimozione selettiva dei contenuti illegali nel quadro normativo locale.

Gaia Bottà

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • ... scrive:
    e per iol casellario giudiziario?
    google ok, ma come funziona il casellario giudiziale italiano? credo di avere il diritto di sapere se uno che vuole avere a che fare con me e' stato in galera, ha ammazzato, truffato, rapinato, etc, vi pare?
    • Gennarino scrive:
      Re: e per iol casellario giudiziario?
      - Scritto da: ...
      google ok, ma come funziona il casellario
      giudiziale italiano? credo di avere il diritto di
      sapere se uno che vuole avere a che fare con me
      e' stato in galera, ha ammazzato, truffato,
      rapinato, etc, vi
      pare?Che c'entra? (newbie)
    • sgabbia scrive:
      Re: e per iol casellario giudiziario?
      - Scritto da: ...
      google ok, ma come funziona il casellario
      giudiziale italiano? credo di avere il diritto di
      sapere se uno che vuole avere a che fare con me
      e' stato in galera, ha ammazzato, truffato,
      rapinato, etc, vi
      pare?Pere con le mele.[img]http://www.gifs.net/Animation11/Food_and_Drinks/Fruits/Apple_and_pear.gif[/img]
  • ... scrive:
    Scajola, assassini, terroristi...
    Gia' me li vedo a reclamare "a loro insaputa" la cancellazione delle loro malefatte.
  • Stasi Roberto scrive:
    Google paranoica
    Secondo me Google non sta andando bene con le sue pratiche di sicurezza.Io ho creato un sito web chiamato dipref.it/intoit dove ho inserito un software che ho creato. Quando provo a scaricarlo con il browser Google Chrome mi dice che la mia applicazione potrebbe essere un virus perchè non è stata scaricata abbastanza volte dagli utenti. Analizzare una fila da scaricare è compito dell'antivirus e non del browser. Rendere paranoici coloro che visitano un sito web è una cattiva pratica poichè sul messaggio di pericolo nella barra di stato vi è inoltre un'opzione per inviare una segnalazione del sito. Ho letto di gente che è stata rovinata da queste politiche di sicurezza esagerata poichè il loro sito è stato considerato insicuro per motivi futili ed hanno perso molto traffico. Io, per esempio, ho imparato ad evitare di installare qualsiasi software che richiede diritti di amministratore perchè credo che nel software ci siano politiche di controllo dittatoriali. Gli altri facciano ciò che volgiono ma si rendano conto che tali politiche hanno causato anche della pubblicità forzata addirittura mentre si va a scaricare un nuovo software per provarlo.
    • panda rossa scrive:
      Re: Google paranoica
      - Scritto da: Stasi Roberto
      Ho letto di
      gente che è stata rovinata da queste politiche di
      sicurezza esagerata poichè il loro sito è stato
      considerato insicuro per motivi futiliSe lo meritano!Tutti coloro che ambiscono a lucrare dalla rete si meritano la rovina.Io sono anni che ho dei siti, sono anni che distribuisco software in rete ed e' impossibile che io abbia delle perdite.Spazi gratuiti, software libero, tutti contenti.
      • ... scrive:
        Re: Google paranoica
        - Scritto da: panda rossa
        - Scritto da: Stasi Roberto

        Ho letto di

        gente che è stata rovinata da queste
        politiche
        di

        sicurezza esagerata poichè il loro sito è
        stato

        considerato insicuro per motivi futili

        Se lo meritano!
        Tutti coloro che ambiscono a lucrare dalla rete
        si meritano la
        rovina.

        Io sono anni che ho dei siti, sono anni che
        distribuisco software in rete ed e' impossibile
        che io abbia delle
        perdite.

        Spazi gratuiti, software libero, tutti contenti.ok per il software libero, ma chi stracavolo paga la corrente, i server e tutta l'infrastruttura che tieni in piedi lo spazio "gratuito"?
        • panda rossa scrive:
          Re: Google paranoica
          - Scritto da: ...
          ok per il software libero, ma chi stracavolo paga
          la corrente, i server e tutta l'infrastruttura
          che tieni in piedi lo spazio
          "gratuito"?Rimborso spese != lucro
      • qualcuno scrive:
        Re: Google paranoica
        Un sitarello internet non è un complesso sito aziendale che si deve evolvere nel tempo. Quando ci sono tante pagine da gestire è facile fare errori. Ho visto una azienda esterna rifare da capo un sito aziendale, hanno fato un buon lavoro, ma una vecchia pagina che prima era destinata solo ai dipendenti che avevano fatto il login è diventata accessibile a google, non agli utenti che navigano sul nuovo sito. Quella pagina conteneve il download di uno script perl, è stato sufficiente per bannare l'intero dominio. Questo succede perchè non essendoci uno standard è google che si fa le regole.
    • RiBaldi scrive:
      Re: Google paranoica
      Chiedo scusa se vado fuori tema a beneficio dell'amico Stasi. La tua pagina http://www.dipref.it/intoit/ sembra far parte della sezione Prodotti del sito /www.dipref.it/, ma se vado a Home e poi torno a Prodotti ottengo una pagina diversa.Buon lavoro
  • bubba scrive:
    un ottimo lavoro....
    * un tassello in piu' aggiunto al Partito del Revisionismo (assieme al diritto di rettifica, ecc ecc)* un tassello in piu' al partito dei burocrati e revisori ( bigG se lo ciuccia, anche come costi, ma altri non e' detto che vogliano affrontarne il peso ... l'articolo sul washingtonpost elenca bene i problemini )
    • Leguleio scrive:
      Re: un ottimo lavoro....

      * un tassello in piu' aggiunto al Partito del
      Revisionismo (assieme al diritto di rettifica,
      ecc
      ecc)Il diritto di rettifica esiste fin dall'8 febbraio 1948, sancito dalla legge n° 47.Un "partito" che ha una vita più lunga della tua.
      * un tassello in piu' al partito dei burocrati e
      revisori ( bigG se lo ciuccia, anche come costi,
      ma altri non e' detto che vogliano affrontarne il
      peso ... Giusto, per fare i motori di ricerca ci vuole un investimento in proporzione. Anche perché diversamente non trovano un bel niente, il classico caso di "nozze coi fichi secchi".Chi non è in grado faccia programmi in open source.
      l'articolo sul washingtonpost elenca
      bene i problemini
      )Adesso la vestale del diritto alla privacy dei cittadini è un quotidiano di Washington, non così lontano in linea d'aria da Fort George G. Meade, la sede della NSA. Andiamo bene.Cita la <I
      Pravda </I
      la prossima volta: fai più ridere.
      • Sg@bbio scrive:
        Re: un ottimo lavoro....
        Fingi di non vedere.
        • tucumcari scrive:
          Re: un ottimo lavoro....
          no non finge è proprio così di "natura". ;)
        • Leguleio scrive:
          Re: un ottimo lavoro....

          Fingi di non vedere.Il dito o la Luna?La frittata o la rivoltata?La censura o le divagazioni?Perhé la faccenda cambia.
          • tucumcari scrive:
            Re: un ottimo lavoro....
            Ma come cambia se cambia?Come la facoltà di scienze dell'Informazione?A quando la tesi? :D
          • sgabbiotto scrive:
            Re: un ottimo lavoro....
            (cylon)(cylon)(cylon)- Scritto da: Leguleio

            Fingi di non vedere.

            Il dito o la Luna?
            La frittata o la rivoltata?
            La censura o le divagazioni?

            Perhé la faccenda cambia.
          • bubba scrive:
            Re: un ottimo lavoro....
            - Scritto da: Leguleio

            Fingi di non vedere.

            Il dito o la Luna?
            La frittata o la rivoltata?
            La censura o le divagazioni?

            Perhé la faccenda cambia.no ,fingo di non vedere solo le corbellerie. Tolte quelle, e' rimasto solo "Giusto, ".
          • Leguleio scrive:
            Re: un ottimo lavoro....



            Fingi di non vedere.



            Il dito o la Luna?

            La frittata o la rivoltata?

            La censura o le divagazioni?



            Perhé la faccenda cambia.
            no ,fingo di non vedere solo le corbellerie.
            Tolte quelle, e' rimasto solo "Giusto, ".Che c'entri tu con Sg@bbio?A parte la circostanza che siete dislessici entrambi?
        • ... scrive:
          Re: un ottimo lavoro....
          - Scritto da: Sg@bbio
          Fingi di non vedere.ma no, e' cje gli piace vedere ,a solo ma entro il ristretto orizzonte timbri, bolli e ceralacca che si e' costruito. A volte a studiare troppo ti specializzi all'estremo e non riesci a vedre oltre il tuo naso.
        • sgabbino scrive:
          Re: un ottimo lavoro....
          [img]http://us.cdn4.123rf.com/168nwm/bds/bds1002/bds100200489/6439442-young-woman-covering-her-eyes-isolated-on-black-background.jpg[/img]
  • qualcuno scrive:
    Troppa fretta
    Perchè Google ha accettato la decisione con tanta fretta?La decisione è scaturita dalla richiesta di un utente che voleva far sparire una pagina che parlava di una casa pignorata. Ma Cancellare o no l'acXXXXX a una pagina simile non ha nessun effetto sulle possibilità di ottenere un nuovo prestito in futuro, le bance mica usano google per elaborare il credit score. Nell'era di big data le grandi societa si fanno i loro megadatabase e se li analizzano come gli pare, certe informazioni spariscono solo alla vista dei privati o delle piccole società.Google può essere contenta che gli utenti si illudano di poter ricorrere ad un oblio che non esiste. Però dobbiamo anche ricordarci che l'informazione è potere e questo potere si sta concentrando sempre più nelle mani delle grandi corporations.
    • Leguleio scrive:
      Re: Troppa fretta

      Perchè Google ha accettato la decisione con tanta
      fretta?Perché non proviene dal pretore di Lodi, ma dalla Corte UE. Possibilità di appello non ce ne sono più.
      La decisione è scaturita dalla richiesta di un
      utente che voleva far sparire una pagina che
      parlava di una casa pignorata. Ma Cancellare o no
      l'acXXXXX a una pagina simile non ha nessun
      effetto sulle possibilità di ottenere un nuovo
      prestito in futuro, I problemi economici dell'utente, dopo 10 anni e passa, sono risolti.Lui non vuole che si sappia in giro di questa macchia del passato, non ha intenzione di accedere ad altri prestiti.Io, almeno, l'ho intesa così.
      • qualcuno scrive:
        Re: Troppa fretta


        l'acXXXXX a una pagina simile non ha nessun

        effetto sulle possibilità di ottenere un
        nuovo

        prestito in futuro,

        I problemi economici dell'utente, dopo 10 anni e
        passa, sono
        risolti.
        Lui non vuole che si sappia in giro di questa
        macchia del passato, non ha intenzione di
        accedere ad altri
        prestiti.
        Io, almeno, l'ho intesa così.Tu l'hai intesa così. I vari sistemi di credit scoring delle banche no.
        • Leguleio scrive:
          Re: Troppa fretta


          I problemi economici dell'utente, dopo 10
          anni
          e

          passa, sono

          risolti.

          Lui non vuole che si sappia in giro di questa

          macchia del passato, non ha intenzione di

          accedere ad altri

          prestiti.

          Io, almeno, l'ho intesa così.

          Tu l'hai intesa così. I vari sistemi di credit
          scoring delle banche
          no.Ma quelli esistevano da prima di google: la CRIF italiana nasce a Bologna nel 1988:http://www.crif.it/Chi-siamo/Pages/La-nostra-storia.aspxE molte informazioni sui richiedenti prestiti non ci sono su google: se dovessero basarsi su quelle...
          • qualcuno scrive:
            Re: Troppa fretta
            - Scritto da: Leguleio


            I problemi economici dell'utente, dopo
            10

            anni

            e


            passa, sono


            risolti.


            Lui non vuole che si sappia in giro di
            questa


            macchia del passato, non ha intenzione
            di


            accedere ad altri


            prestiti.


            Io, almeno, l'ho intesa così.



            Tu l'hai intesa così. I vari sistemi di
            credit

            scoring delle banche

            no.

            Ma quelli esistevano da prima di google: la CRIF
            italiana nasce a Bologna nel
            1988:

            http://www.crif.it/Chi-siamo/Pages/La-nostra-stori

            E molte informazioni sui richiedenti prestiti non
            ci sono su google: se dovessero basarsi su
            quelle...Si vede che non sai granchè dell'argomento e ti butti su quello che trovi su internet.La centrale rischi aggrega le informazioni su quanto un ente o una persona sono esposti in un determinato momento. Poi distribuisce l'informazione alle banche. Ma questo è solo un elemento del credit score.
          • Leguleio scrive:
            Re: Troppa fretta


            Ma quelli esistevano da prima di google: la
            CRIF

            italiana nasce a Bologna nel

            1988:




            http://www.crif.it/Chi-siamo/Pages/La-nostra-stori



            E molte informazioni sui richiedenti
            prestiti
            non

            ci sono su google: se dovessero basarsi su

            quelle...

            Si vede che non sai granchè dell'argomento e ti
            butti su quello che trovi su
            internet.
            La centrale rischi aggrega le informazioni su
            quanto un ente o una persona sono esposti in un
            determinato momento. Poi distribuisce
            l'informazione alle banche. Ma questo è solo un
            elemento del credit
            score.Sì, buonanotte: per sapere se possono erogare un credito questi vanno a vedere su google se l'anno prima ha fatto una XXXXXXXXX al bar.Proprio non capisco perché hai voluto accostare la questione, delicatissima, del punteggio di accettazione, con le ricerche di google, che c'entrano come i cavoli a merenda.
          • qualcuno scrive:
            Re: Troppa fretta
            - Scritto da: Leguleio


            Ma quelli esistevano da prima di
            google:
            la

            CRIF


            italiana nasce a Bologna nel


            1988:








            http://www.crif.it/Chi-siamo/Pages/La-nostra-stori





            E molte informazioni sui richiedenti

            prestiti

            non


            ci sono su google: se dovessero basarsi
            su


            quelle...



            Si vede che non sai granchè dell'argomento e
            ti

            butti su quello che trovi su

            internet.

            La centrale rischi aggrega le informazioni su

            quanto un ente o una persona sono esposti in
            un

            determinato momento. Poi distribuisce

            l'informazione alle banche. Ma questo è solo
            un

            elemento del credit

            score.

            Sì, buonanotte: per sapere se possono erogare un
            credito questi vanno a vedere su google se l'anno
            prima ha fatto una XXXXXXXXX al
            bar.
            Proprio non capisco perché hai voluto accostare
            la questione, delicatissima, del punteggio di
            accettazione, con le ricerche di google, che
            c'entrano come i cavoli a
            merenda.Non hai capito niente.Il bello che l'ho scritto chiaramente sopra.Le banche usano i loro database, mica google. Quindi se fai sparire una determinata pagina da google o pure direttamente dal sito internet hai nascosto una informazione ad un privato o ad una piccola azienda, la banca o la grande corporation che hanno la loro copia dell'informazione a quel punto sono avvantaggiate.Lascia perdere la risposta hai già messo a dura prova le tue meningi oggi.
          • Leguleio scrive:
            Re: Troppa fretta


            Proprio non capisco perché hai voluto
            accostare

            la questione, delicatissima, del punteggio di

            accettazione, con le ricerche di google, che

            c'entrano come i cavoli a

            merenda.

            Non hai capito niente.Il bello che l'ho scritto
            chiaramente
            sopra.Mooolto chiaramente:"Tu l'hai intesa così. I vari sistemi di credit scoring delle banche no."
          • qualcuno scrive:
            Re: Troppa fretta
            - Scritto da: Leguleio


            Proprio non capisco perché hai voluto

            accostare


            la questione, delicatissima, del
            punteggio
            di


            accettazione, con le ricerche di
            google,
            che


            c'entrano come i cavoli a


            merenda.



            Non hai capito niente.Il bello che l'ho
            scritto

            chiaramente

            sopra.

            Mooolto chiaramente:

            "Tu l'hai intesa così. I vari sistemi di credit
            scoring delle banche
            no."Vuoi farmi credere che non hai letto il primo post che ho scritto?E' piu probabile che non ti sia piaciuto il commento di partenza e ti sei messo a trollare per cambiare discorso.
          • qualcuno scrive:
            Re: Troppa fretta
            - Scritto da: Leguleio


            Proprio non capisco perché hai voluto

            accostare


            la questione, delicatissima, del
            punteggio
            di


            accettazione, con le ricerche di
            google,
            che


            c'entrano come i cavoli a


            merenda.



            Non hai capito niente.Il bello che l'ho
            scritto

            chiaramente

            sopra.

            Mooolto chiaramente:

            "Tu l'hai intesa così. I vari sistemi di credit
            scoring delle banche
            no."Basta leggere il post precedente per capire di cosa parlo. Ma se il tuo scopo è trollare e distoglire il discorso da un argomento che no ti piace va bene così.
          • ... scrive:
            Re: Troppa fretta
            - Scritto da: qualcuno
            - Scritto da: Leguleio



            Proprio non capisco perché hai
            voluto


            accostare



            la questione, delicatissima, del

            punteggio

            di



            accettazione, con le ricerche di

            google,

            che



            c'entrano come i cavoli a



            merenda.





            Non hai capito niente.Il bello che l'ho

            scritto


            chiaramente


            sopra.



            Mooolto chiaramente:



            "Tu l'hai intesa così. I vari sistemi di
            credit

            scoring delle banche

            no."

            Basta leggere il post precedente per capire di
            cosa parlo.

            Ma se il tuo scopo è trollare e distoglire il
            discorso da un argomento che no ti piace va bene
            così.ohhh e ci sei arrivato finalemente!il suo scopo e' trollare e lo sappiamo, ma E' ANCHE spalleggiato dalla Redazione alla quale segnala i post da cancellare in tempo reale via chat: inutile competere.
      • panda rossa scrive:
        Re: Troppa fretta
        - Scritto da: Leguleio

        Perchè Google ha accettato la decisione con
        tanta

        fretta?

        Perché non proviene dal pretore di Lodi, ma dalla
        Corte UE. Possibilità di appello non ce ne sono
        più.



        La decisione è scaturita dalla richiesta di
        un

        utente che voleva far sparire una pagina che

        parlava di una casa pignorata. Ma Cancellare
        o
        no

        l'acXXXXX a una pagina simile non ha nessun

        effetto sulle possibilità di ottenere un
        nuovo

        prestito in futuro,

        I problemi economici dell'utente, dopo 10 anni e
        passa, sono
        risolti.
        Lui non vuole che si sappia in giro di questa
        macchia del passato, Col risultato che non solo il mondo intero oggi lo sa, ma in quanto soggetto della prima sentenza di questo genere, il señor Mario Costeja si e' garantito pure imperitura memoria per gli anni a venire a causa di quell'ipoteca sulla casa di cui oggi si vergogna.
        • Leguleio scrive:
          Re: Troppa fretta


          I problemi economici dell'utente, dopo 10
          anni
          e

          passa, sono

          risolti.

          Lui non vuole che si sappia in giro di questa

          macchia del passato,

          Col risultato che non solo il mondo intero oggi
          lo sa, ma in quanto soggetto della prima sentenza
          di questo genere, il señor Mario Costeja si
          e' garantito pure imperitura memoria per gli anni
          a venire a causa di quell'ipoteca sulla casa di
          cui oggi si
          vergogna.Mario Costeja González, per la precisione. È un ambito del tutto nuovo, bisogna vedere gli sviluppi. A far le cose bene, Google dovrebbe eliminare dai risultati sia la vicenda del 1998, sia questa recente sentenza che lo riguarda.
          • panda rossa scrive:
            Re: Troppa fretta
            - Scritto da: Leguleio


            I problemi economici dell'utente, dopo
            10

            anni

            e


            passa, sono


            risolti.


            Lui non vuole che si sappia in giro di
            questa


            macchia del passato,



            Col risultato che non solo il mondo intero
            oggi

            lo sa, ma in quanto soggetto della prima
            sentenza

            di questo genere, il señor Mario
            Costeja
            si

            e' garantito pure imperitura memoria per gli
            anni

            a venire a causa di quell'ipoteca sulla casa
            di

            cui oggi si

            vergogna.

            Mario Costeja González, per la precisione.
            È un ambito del tutto nuovo, bisogna vedere
            gli sviluppi. A far le cose bene, Google dovrebbe
            eliminare dai risultati sia la vicenda del 1998,
            sia questa recente sentenza che lo
            riguarda.Giusto.Cosi' potremo parlare di come Google abbia pure rimosso tutte le notizie che riguardano la cancellazione della notizia che il il señor Mario Costeja González ha richiesto di essere tolto dall'indicizzazione di google perche' non voleva che si ricordasse che in gioventu' e' stato costretto ad ipotecare la sua casa per debiti.Ci sara' sempre un diritto di cronaca che dovra' citare fatti passati.Per quanto tu possa chiedere di rimuoverli, io potro' sempre raccontare che li hai rimossi, e dovro' citarli per spiegarne il motivo.
          • Leguleio scrive:
            Re: Troppa fretta


            Mario Costeja González, per la
            precisione.


            È un ambito del tutto nuovo, bisogna
            vedere

            gli sviluppi. A far le cose bene, Google
            dovrebbe

            eliminare dai risultati sia la vicenda del
            1998,

            sia questa recente sentenza che lo

            riguarda.

            Giusto.
            Cosi' potremo parlare di come Google abbia pure
            rimosso tutte le notizie che riguardano la
            cancellazione della notizia che il il señor
            Mario Costeja González ha richiesto di
            essere tolto dall'indicizzazione di google
            perche' non voleva che si ricordasse che in
            gioventu' e' stato costretto ad ipotecare la sua
            casa per
            debiti.

            Ci sara' sempre un diritto di cronaca che dovra'
            citare fatti
            passati.
            Per quanto tu possa chiedere di rimuoverli, io
            potro' sempre raccontare che li hai rimossi, e
            dovro' citarli per spiegarne il
            motivo.La rimozione agisce sia per quanto riguarda il passato sia per il futuro; almeno credo che andrà così.Puoi citare quanto vuoi la vicenda sui forum e sul tuo sito, se ne hai uno, la leggeranno solo coloro che vanno lì regolarmente. Google quel nome non lo indicizzerà più, almeno finché è abbinato al pignoramento.
          • tucumcari scrive:
            Re: Troppa fretta
            - Scritto da: Leguleio
            Puoi citare quanto vuoi la vicenda sui forum e
            sul tuo sito, se ne hai uno, la leggeranno solo
            coloro che vanno lì regolarmente. Google quel
            nome non lo indicizzerà più, almeno finché è
            abbinato al
            pignoramento.1) "L'abbinamento" secondo te chi lo fa?Lo fa google o lo fa la tua testa dando un senso all'insieme di parole che leggi?...Hint... se credi che lo faccia google torna al punto 1. :D
          • tucumcari scrive:
            Re: Troppa fretta
            - Scritto da: Leguleio
            Puoi citare quanto vuoi la vicenda sui forum e
            sul tuo sito, se ne hai uno, la leggeranno solo
            coloro che vanno lì regolarmente. Google quel
            nome non lo indicizzerà più, almeno finché è
            abbinato al
            pignoramento.1) "L'abbinamento" lo fai tu o lo fa google?Se credi che l'abbinamento lo faccia google invece che la tua testa che da un senso alle parole torna al punto 1) :D
          • tucumcari scrive:
            Re: Troppa fretta
            - Scritto da: Leguleio
            Puoi citare quanto vuoi la vicenda sui forum e
            sul tuo sito, se ne hai uno, la leggeranno solo
            coloro che vanno lì regolarmente. Google quel
            nome non lo indicizzerà più, almeno finché è
            abbinato al
            pignoramento.1) "L'abbinamento" lo fai tu o lo fa google?Se credi che l'abbinamento lo faccia google invece che la tua testa che da un senso alle parole torna al punto 1) :D
          • tucumcari scrive:
            Re: Troppa fretta
            - Scritto da: Leguleio
            Puoi citare quanto vuoi la vicenda sui forum e
            sul tuo sito, se ne hai uno, la leggeranno solo
            coloro che vanno lì regolarmente. Google quel
            nome non lo indicizzerà più, almeno finché è
            abbinato al
            pignoramento.1) "L'abbinamento" lo fai tu o lo fa google?Se credi che l'abbinamento lo faccia google invece che la tua testa che da un senso alle parole torna al punto 1) :D
  • unaDuraLezione scrive:
    la soluzione è banale e non coinvolge G.
    contenuto non disponibile
    • Leguleio scrive:
      Re: la soluzione è banale e non coinvolge G.

      scaduti i termini, i giornali online
      sostituiscano negli articoli i nomi con le sole
      iniziali.

      La storicità dell'evento viene salvaguardata, la
      privacy di chi ha già pagato pure, e Google non
      deve fare nulla se non aggiornare la
      cache.Fino a un certo punto: incuriosito dall'evento, chiunque può andare in biblioteca e leggere l'originale di carta, conoscendo la data. Nessuna legge può impedire di consultare archivi di carta.
      • panda rossa scrive:
        Re: la soluzione è banale e non coinvolge G.
        - Scritto da: Leguleio

        scaduti i termini, i giornali online

        sostituiscano negli articoli i nomi con le
        sole

        iniziali.



        La storicità dell'evento viene
        salvaguardata,
        la

        privacy di chi ha già pagato pure, e Google
        non

        deve fare nulla se non aggiornare la

        cache.

        Fino a un certo punto: incuriosito dall'evento,
        chiunque può andare in biblioteca e leggere
        l'originale di carta, conoscendo la data. Nessuna
        legge può impedire di consultare archivi di
        carta.E per fortuna!
    • nome e cognome scrive:
      Re: la soluzione è banale e non coinvolge G.
      - Scritto da: unaDuraLezione
      scaduti i termini, i giornali online
      sostituiscano negli articoli i nomi con le sole
      iniziali.

      La storicità dell'evento viene salvaguardata, la
      privacy di chi ha già pagato pure, e Google non
      deve fare nulla se non aggiornare la
      cache.Ma no... il concetto di privacy è ben diverso. Qui stiamo dicendo che si devono dimenticare le cose: semplicemente assurdo.Sei stato condannato per qualche reato, hai pagato... perfetto. Fine del discorso, perché mai questa notizia dovrebbe essere fatta sparire per sempre dall'archivio globale di informazioni? Questa decisione di google mina alle basi il concetto di motore di ricerca. L'unione europea ha espresso una sentenza ridicola, google è stata troppo accondiscendente.
      • unaDuraLezione scrive:
        Re: la soluzione è banale e non coinvolge G.
        contenuto non disponibile
      • Leguleio scrive:
        Re: la soluzione è banale e non coinvolge G.

        Ma no... il concetto di privacy è ben diverso.
        Qui stiamo dicendo che si devono dimenticare le
        cose: semplicemente
        assurdo.Guarda che la privacy, nella definizione più estesa di conservazione e gestione dei dati personali, si occupa proprio di questo.Non si occupa solo di questo, nel senso che alcuni dati non possono mai essere resi pubblici, nemmeno quelli appena saltati fuori. Ma una buona parte della normativa è dedicata all'obsolescenza. Anche se con la privacy non c'entra direttamente: come mai sono state compiute tante lotte per mettere un tetto massimo agli anni in cui i numeri telefonici, in partenza e in arrivo, vengono conservati dai gestori? Secondo i tuoi criteri, andrebbero conservati per sempre.
        Sei stato condannato per qualche reato, hai
        pagato... perfetto. Fine del discorso, perché mai
        questa notizia dovrebbe essere fatta sparire per
        sempre dall'archivio globale di informazioni?Perché viene fatta sparire anche dal casellario giudiziale, che torna immacolato. Ecco perché.Nella moderna civiltà occidentale non esiste la dannazione eterna, né la gogna a vita: il concetto di <B
        riabilitazione </B
        ha un ruolo nella gestione dei crimini e dei criminali.
        Questa decisione di google mina alle basi il
        concetto di motore di ricerca.Ma no, la XXXXXgrafia si cerca comunque, i risultati di calcio presenti e passati idem, chi hanno arrestato oggi? lo veniamo a sapere come prima, più di prima. Il 99 % delle ricerche è salvo.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 30 maggio 2014 20.23-----------------------------------------------------------
        • tucumcari scrive:
          Re: la soluzione è banale e non coinvolge G.
          - Scritto da: Leguleio

          Ma no... il concetto di privacy è ben
          diverso.

          Qui stiamo dicendo che si devono dimenticare
          le

          cose: semplicemente

          assurdo.

          Guarda che la privacy, nella definizione più
          estesa di conservazione e gestione dei dati
          personali, si occupa proprio di
          questo.
          Non si occupa solo di questo, nel senso che
          alcuni dati non possono mai essere resi pubblici,
          nemmeno quelli appena saltati fuori. Ma una buona
          parte della normativa è dedicata
          all'obsolescenza.


          Anche se con la privacy non c'entra direttamente:
          come mai sono state compiute tante lotte per
          mettere un tetto massimo agli anni in cui i
          numeri telefonici, in partenza e in arrivo,
          vengono conservati dai gestori? Secondo i tuoi
          criteri, andrebbero conservati per
          sempre.




          Sei stato condannato per qualche reato, hai

          pagato... perfetto. Fine del discorso,
          perché
          mai

          questa notizia dovrebbe essere fatta sparire
          per

          sempre dall'archivio globale di informazioni?

          Perché viene fatta sparire anche dal casellario
          giudiziale, che torna immacolato. Ecco
          perché.
          Nella moderna civiltà occidentale non esiste la
          dannazione eterna, né la gogna a vita: il
          concetto di <B
          riabilitazione </B

          ha un ruolo nella gestione dei crimini e dei
          criminali.



          Questa decisione di google mina alle basi il

          concetto di motore di ricerca.

          Ma no, la XXXXXgrafia si cerca comunque, i
          risultati di calcio presenti e passati idem, chi
          hanno arrestato oggi? lo veniamo a sapere come
          prima, più di prima. Il 99 % delle ricerche è
          salvo.Sarebbe vero se esistesse solo google ma dato che non esiste solo google e non esiste solo la versione "epurata" potenzialmente il 100% delle ricerche è salvo.La sentenza giuridicamente è un mostro e appare (come tutte le cose di questo tipo) ridicola e sostanzialmente inutile.La verità è che siamo alle solite nella impossibilità pratica di agire sulle fonti si finge che le cose siano come sembra "comodo" che siano.Giustizia virtuale.Ovvero inutile nella migliore delle ipotesi.Le uniche cose "sensate" e non banali su questo tema le ha scritte S.Rodotà e in molti non le hanno neppure capite.
        • tucumcari scrive:
          Re: la soluzione è banale e non coinvolge G.
          - Scritto da: Leguleio

          Ma no... il concetto di privacy è ben
          diverso.

          Qui stiamo dicendo che si devono dimenticare
          le

          cose: semplicemente

          assurdo.

          Guarda che la privacy, nella definizione più
          estesa di conservazione e gestione dei dati
          personali, si occupa proprio di
          questo.
          Non si occupa solo di questo, nel senso che
          alcuni dati non possono mai essere resi pubblici,
          nemmeno quelli appena saltati fuori. Ma una buona
          parte della normativa è dedicata
          all'obsolescenza.


          Anche se con la privacy non c'entra direttamente:
          come mai sono state compiute tante lotte per
          mettere un tetto massimo agli anni in cui i
          numeri telefonici, in partenza e in arrivo,
          vengono conservati dai gestori? Secondo i tuoi
          criteri, andrebbero conservati per
          sempre.




          Sei stato condannato per qualche reato, hai

          pagato... perfetto. Fine del discorso,
          perché
          mai

          questa notizia dovrebbe essere fatta sparire
          per

          sempre dall'archivio globale di informazioni?

          Perché viene fatta sparire anche dal casellario
          giudiziale, che torna immacolato. Ecco
          perché.
          Nella moderna civiltà occidentale non esiste la
          dannazione eterna, né la gogna a vita: il
          concetto di <B
          riabilitazione </B

          ha un ruolo nella gestione dei crimini e dei
          criminali.



          Questa decisione di google mina alle basi il

          concetto di motore di ricerca.

          Ma no, la XXXXXgrafia si cerca comunque, i
          risultati di calcio presenti e passati idem, chi
          hanno arrestato oggi? lo veniamo a sapere come
          prima, più di prima. Il 99 % delle ricerche è
          salvo.Sarebbe vero se esistesse solo google.Non esistendo solo google il 100% delle ricerche è potenzialmente salvo.In realtà puoi sempre cercare nella versione non "epurata" o non europea o su altri motori o puoi addirittura indicizzare tu.La realtà è che porsi il problema a prescindere dalle fonti è totalmente insensato.Non potendo in pratica agire su tutte le fonti si fa come al solito ovvero si <b
          finge </b
          che le cose siano come sembra comodo che siano.Giuridicamente è un mostro ovvero "giustizia virtuale". <b
          inutile </b
          nella <b
          migliore </b
          delle ipotesi.Le uniche cose "sensate" su questo argomento le ha scritte S.Rodotà e in molti non le hanno neppure capite.
Chiudi i commenti