Tutta Hollywood a mezz'euro

Occhi puntati su ZML.com, il nuovo sito russo anti-major: consente di scaricare centinaia di pellicole, vecchie e nuove. A prezzi... interessanti

Roma – Si chiama ZML.com , viene dalla Russia, e mette a disposizione dei navigatori più di 1500 film , vecchi e nuovi, a prezzi stracciati. Un grattacapo in più per l’americana MPAA , l’associazione degli studios hollywoodiani, già invischiata nella complicata questione dello sciopero degli sceneggiatori .

ZML.com Il prezzo base per un film in formato iPod supera di poco l’euro, mentre arriva a 3,5 euro per un lungometraggio in qualità DVD. Tariffe possibili grazie alla licenza adottata per distribuire il contenuto: quella rilasciata da ROMS , la stessa usata anche dall’ ormai defunto AllOfMP3 .

Ma ZML si differenzia da quest’ultimo per alcuni aspetti fondamentali a partire dalla modalità di pagamento . Prima di comprare, infatti, gli utenti devono “caricare” con del credito il proprio account: per farlo, ZML rimanda ad un altro sito, una struttura disgiunta, in un gioco di scatole cinesi pensato per aggirare quei meccanismi finanziari e creditizi che hanno messo all’angolo AllOfMP3 .

A scanso di equivoci, inoltre, al punto 6 delle condizioni di utilizzo del servizio si legge:

6.4 Il cliente non ha diritto di scaricare alcun file dal sito se questo viola le leggi del proprio paese.
6.5 Gli amministratori del sito non possono controllare le azioni di ogni cliente, dunque il cliente è ritenuto responsabile di ogni uso illegittimo dei materiali e/o dei servizi offerti sul sito.

Come dire: non intendiamo farci tirare in ballo quando le major si accorgeranno di cosa stiamo combinando .

Luca Annunziata

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • mda scrive:
    altri siti
    se il sito non si vede si può scaricarlo suLinuxQuestions.org Linux Downloads MadTux.org
  • Marco C. scrive:
    Iniziamo bene...
    Allettato dalla vocazione della distro, ho cliccato nell'ordine:- http://artistx.org/ -
    500 Internal Server Error- http://www.artistx.org/ -
    500 Internal Server Error- http://artistx.org/site/downloads/ -
    500 Internal Server ErrorAgli sviluppatori dico: mettetelo online, ziobudda!
Chiudi i commenti