Tutto è craccabile, autostrade e pc francesi inclusi

Cracker scatenati su web: abusano di siti per il trasporto sicuro, vendono password su portali underground e sottraggono fondi a presidenti transalpini

Roma – In tempi di crisi finanziarie e non, ci sono crimini che continuano a rimanere profittevoli: i criminali dell’underground telematico non si risparmiano e agiscono su tutti i fronti, dalla sottrazione di denaro alla commercializzazione di dati sensibili, fino alla contraffazione di società per attacchi di tipo man-in-the-middle .

Nicholas L. e Viachelav B., ad esempio, sono due immigrati russi che secondo le indagini dell’FBI avrebbero messo insieme un bottino di 500mila dollari spacciandosi per una ditta di trasporti interstatali con tanto di licenza, “brutalizzando” per oltre tre anni il sito del Dipartimento di Trasporti USA Safer Web . Il duo riusciva a falsificare le informazioni di contatto delle società di trasporti legittime presenti sul sito, dirottando i contatti verso indirizzi e numeri di telefono sotto il proprio controllo.

Una volta ottenuto un contratto per il trasporto di un carico, i cyber-truffatori lo “subappaltavano” ad aziende reali ma intascavano la somma pattuita per il lavoro, sparendo subito dopo , lasciando chi aveva eseguito fisicamente il viaggio, e il cliente che teoricamente se ne era servito, a rimpallarsi le nefaste conseguenze della truffa.

Lakes e Berkovich possono essere considerati del cyber-criminali anche se il business da loro abusato era quello delle autostrade statunitensi. Strade su cui tre cubani residenti in Florida hanno tentato altre vie, come quella di ripulire le stazioni di carburante dello stato con carte regalo riprogrammate con numeri di carte di credito rubate.

Di natura più tradizionale è poi il tipo di cyber-crimini condotto per mezzo dei forum di DarkMarket , network dall’accesso su invito specializzato nella commercializzazione di dati personali trafugati , carte di credito e quant’altro con 2.500 utenti registrati. In due anni di indagini e collaborazioni con le polizie di Germania, Regno Unito e Turchia, l’FBI è riuscita a far infiltrare i propri agenti sulla piazza virtuale, identificare gli utenti chiave e arrestare quasi 60 persone.

Secondo le stime, l’intero valore del business criminoso condotto per mezzo del “sito riservato” DarkMarket è di circa 40 milioni di sterline : in un caso un uomo è stato arrestato per aver acquistato dati personali dal valore di 250mila sterline in sei settimane, dati che sarebbero poi stati sfruttati per frodi dal valore di 10 milioni di sterline.

I cracker non si fanno problemi nemmeno ad agire sui conti online di personaggi pubblici e particolarmente in vista , come il caso dei furti sull’account bancario personale del presidente francese Nicolas Sarkozy chiaramente dimostra: il governo francese ha confermato a denti stretti l’avvenuta sottrazione di denaro conseguente all’individuazione (non si sa bene come) del codice di accesso online del président , ma ha altresì assicurato che si è trattato di “prelievi” di piccola entità.

“I truffatori saranno puniti”, dice minaccioso il segretario di stato per i consumatori Luc Chatel, ma gli esperti di sicurezza denunciano che se non affrontata con mezzi innovativi la situazione del crimine online degenererà già sul breve periodo . Mikko Hypponen, CFO della security enterprise finlandese F-Secure , evoca ad esempio l’istituzione di una Interpol di Internet, una Internetpol , come unico strumento realmente efficace per combattere un fenomeno senza confini e dagli esecutori sfuggenti com’è il cyber-crimine online.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Massi cadenti scrive:
    Purtroppo è così
    Io da sempre vorrei un micetto per casa, ma purtroppo non posso per vari motivi tra cui questo. Avere una casa a misura di animale domestico, soprattutto cani o gatti, è sempre più difficile (a meno che non si tratti di canarini o altri animali in gabbia o analogo) e visto quanto adoro i gatti (e quanto probabilmente adorerei il mio se ci fosse) ci starei davvero malissimo se si facesse male (o peggio) per un motivo del genere.D'altra parte non posso mica rinchiuderlo nel trasportino, o tenerlo sorvegliato 24 ore su 24, o staccare tutti i cavi quando gira per casa. Se anche per assurdo avessi tutto wireless ci sono sempre i cavi dell'alimentazione, mica posso usare le pile per tutto. Vicino al PC tutte le periferiche hanno tutti cavi, non c'è nulla di wireless tranne l'antenna del router. Nei pressi del televisore poi tra console varie (e qualche volta retrocomputer), decoder sat, decoder dtt, dvd, vhs, sono talmente tanti cavi che io stesso spesso non mi ci raccapezzo.Questo per tacere delle console portatili, lettori mp3 e accessori simili, che come dice l'articolo rischiano (purtroppo) di essere ingeriti a causa della dimensione (comoda per noi ma non per un animale come anche non lo sarebbe, per fare un altro esempio che l'articolista non ha fatto, per un bambino piccolo).Purtroppo devo rinunciare, per il bene di entrambi. La tecnologia si miniaturizza (giustamente, penso ad esempio ai cellulari di 10 o 15 anni fa e penso a quelli attuali che pesano e ingombrano un sesto) ma questo aiuta le nostre vite. Non le loro, anzi le mette in pericolo.Voi che potete, fate comunque attenzione.
    • 0verture scrive:
      Re: Purtroppo è così
      Stai tranquillo che se c'è un animale che non inciampa nei cavi, quello è proprio il gatto. Capirei parlassi del coniglio nano che se li rosicchia ma non un gatto
      • Massi cadenti scrive:
        Re: Purtroppo è così
        - Scritto da: 0verture
        Stai tranquillo che se c'è un animale che non
        inciampa nei cavi, quello è proprio il gatto.Inciampa no, ma rosicchia sì. Non come un roditore, ovviamente.
        • 0verture scrive:
          Re: Purtroppo è così
          Naaa, ho un gatto in casa da quasi 10 anni ed al massimo assale i cellulari e la radiosveglia quando suonano. I cavi non li considera nemmeno
          • Severissimus scrive:
            Re: Purtroppo è così
            Probabilmente tu hai un gatto tranquillo. Ti posso garantire che quando ero piccolo ne avevo uno che, quando si lanciava all'inseguimento di palline, mosche, o quant'altro, era capace di portarsi dietro anche i mobili. Spesso andava anche a sbattere (uno volta ha calcolato male un "salto a ostacoli" e s'è rotto un dente). Ho anche dovuto smettere di giocare in casa con la mia defunta macchinina radiocomandata, perché le faceva gli agguati: si appostava sulla sedia, aspettava che fosse a tiro e saltava o tirava zampate... bestiaccia malefica! :D
    • Paperoliber o scrive:
      Re: Purtroppo è così
      A parte che basta dotarsi di guaine passacavi e altri accessori sul mercato da parecchi anni, poi non mi sembra questa enorme tragedia, neanche si tirassero addosso un armadio, si vede che non avete bambini che scorazzano per casa, altro che gatti e roditori. Poi comunque come con i bambini, gli animali si possono "educare" ad aver rispetto delle cose degli umani, altrimenti poi non si salva niente in casa !!! Non capisco questi articoli catastrofici.
      • Funz scrive:
        Re: Purtroppo è così
        - Scritto da: Paperoliber o
        A parte che basta dotarsi di guaine passacavi e
        altri accessori sul mercato da parecchi anni, poi
        non mi sembra questa enorme tragedia, neanche si
        tirassero addosso un armadio, si vede che non
        avete bambini che scorazzano per casa, altro che
        gatti e roditori. Poi comunque come con i
        bambini, gli animali si possono "educare" ad aver
        rispetto delle cose degli umani, altrimenti poi
        non si salva niente in casa !!! Non capisco
        questi articoli
        catastrofici.vero, comunque istruire un bimbo è più facile che un gatto... penso a mio figlio che a 1 anno e mezzo aveva scoperto il gioco "premi il bottone luminoso del PC per 5 secondi" ovvero "premi il bottone luminoso della ciabatta del PC"Dopo un paio di miei urlacci ha smesso :D(meno male che non è mai riuscito a infilarsi in mezzo ai cavi)
    • Nome e cognome scrive:
      Re: Purtroppo è così
      Io ne ho tre, la casa piena di cavi e gadget tecnologici, e pure il roomba... e nessuno si è mai fatto male (uno dei tre quando vede il roomba in giro ci sale sopra e si fa portare in giro, vedi un po' tu). L'altro va a dormire al caldo dietro alla TV della sala che ha un groviglio di cavi che non ti dico, e zero danni.Peraltro, il giorno in cui avrai un figlio piccolo, che è molto più "fragile" di un gatto, cosa farai?
Chiudi i commenti