Tutto il wireless in un chip

Lo promette un produttore a stelle e strisce: il suo gadget consente ai dispositivi mobili di connettersi a pressoché qualsiasi tipo di rete wireless. Bastano semplici e rapidi aggiornamenti del software


Lowell (USA) – Un gingillo tecnologico consentirà ai dispositivi portatili di connettersi a sistemi wireless diversi mediante semplici aggiornamenti del software, aprendo così le porte ad un nuovo mercato e all’integrazione dei molti dei servizi wireless esistenti.

C’è questo e nientemeno dietro le novità annunciate dalla società specializzata statunitense BitWave Semiconductor che nelle scorse ore ha presentato un suo RFIC (Radio Frequency Integrated Circuits) parlando di una imminente rivoluzione del settore mobile.

Il Softransceiver RFIC permetterà ai cellulari, notebook e altri dispositivi mobili di comunicare – e quindi trasmettere dati – con ogni tipo di network wireless. La peculiarità di questo CMOS RFIC chip è di poter essere programmato secondo le esigenze e quindi supportare la multi-frequenza . E questo dovrebbe avere un effetto anche sui costi di produzione dei dispositivi, vista la possibilità di realizzare telefoni e altri giochini funzionanti più o meno ovunque, liberando così il produttore di almeno alcune delle necessità di personalizzazione dell’hardware in relazione ai mercati.

Il Softransceiver è in grado di supportare più frequenze e livelli di banda diversi, sfruttando le potenzialità di ri-configurazione via software . Se oggi la programmabilità dei ricetrasmettitori in commercio, integrati sulle schede o nei dispositivi mobili, può avvenire solo ed esclusivamente durante il processo produttivo, domani con il Softransceiver gli aggiornamenti potranno susseguirsi l’uno all’altro, compatibilmente con i servizi offerti dai fornitori di reti wireless. Il software, attualmente, è in grado di intervenire sulle frequenze operative, sui consumi energetici in relazione alle performance desiderate e la banda passante. Insomma, un unico chip e software per rendere operativo un dispositivo mobile in ogni parte del mondo con ogni provider.

“I produttori hanno a che fare con standard wireless emergenti e in continuo sviluppo. Ora, grazie al Softransceiver abbiamo reso più semplici i loro iter di sviluppo fornendo un unico chip a basso consumo totalmente programmabile e compatibile con ogni tipo di network. Si tratta senza ombra di dubbio di una rivoluzione nel settore wireless”, ha enfatizzato Douglas Shute, CEO di BitWave. “Un provider non dovrà più preoccuparsi delle macchine in dotazione agli utenti, queste potranno essere semplicemente aggiornate via software per essere compatibili con i nuovi servizi”.

I test condotti dall’azienda fan sì che oggi i suoi dirigenti sprizzino ottimismo da tutti i pori: per la prossima estate già si profila, a loro dire, la prima fornitura del firmware aggiornabile ai produttori hardware.

Dario d’Elia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    anche gli RSS...
    ma pure li' vuole mettere le mani la MSme spiegatemi che bisogno c'e' che si scomodi un Ray Ozzie per un sistema che va benissimo cosi' com'e'e' sufficiente avere un applettino sul proprio browser di posta (thunderbird ce l'ha) per aggiungerci gli RSS che vuoi e assieme alla posta hai il feed delle news che ti interessano, che bisogno ce' di complicare sempre tutto???solo perche' l'exploder non ce'lha???MS e' come re Mida - tutto quello che tocca lo trasforma... ma non in oro questo e' sicuro e vedrete se non sara' cosi' anche con gli RSS...
  • Anonimo scrive:
    Ripetete con me...
    ...embrace and extend!
    • Anonimo scrive:
      Re: Ripetete con me...
      - Scritto da: Anonimo

      ...embrace and extend!Eppure bastava leggere l'articolo fino in fondo:"Una grande novità riguarda l'uso di licenza Creative Commons di tipo Attribution-ShareAlike da parte di Microsoft: il colosso ha scelto l'alternativa creativa, nel tentativo di rinnovare la propria politica aziendale in nome di maggiore apertura."http://creativecommons.org/licenses/by-sa/2.5/Per una volta che ne fa una di buona... bha.
      • Anonimo scrive:
        Re: Ripetete con me...

        er una volta che ne fa una di buonadiciamo piuttosto chePER L'ENNESIMA VOLTA COPIA E VA ARIMORCHIO
        • Anonimo scrive:
          Re: Ripetete con me...
          - Scritto da: Anonimo

          er una volta che ne fa una di buona
          diciamo piuttosto che
          PER L'ENNESIMA VOLTA COPIA E VA A
          RIMORCHIONon cambia, Microsoft sta cambiando e questo è un bene per vhi usa windows e per chi come me preferisce qualcosa di differente. Brava Microsoft ( nn pensavo che l'avrei mai detto ), una volta tanto.
          • Anonimo scrive:
            Re: Ripetete con me...
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo


            er una volta che ne fa una di buona

            diciamo piuttosto che

            PER L'ENNESIMA VOLTA COPIA E VA A

            RIMORCHIO

            Non cambia, Microsoft sta cambiando e questo è un
            bene per vhi usa windows e per chi come me
            preferisce qualcosa di differente. Brava
            Microsoft ( nn pensavo che l'avrei mai detto ),
            una volta tanto.Il fatto e' che ai piu' riesce difficile credere nella buona fede di chi ha basato la sua politica di espansione economica sulla "eliminazione fisica" delle aziende che osavano intralciarle il passo ;)
      • Anonimo scrive:
        Re: Ripetete con me...
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo



        ...embrace and extend!

        Eppure bastava leggere l'articolo fino in fondo:

        "Una grande novità riguarda l'uso di licenza
        Creative Commons di tipo Attribution-ShareAlike
        da parte di Microsoft: il colosso ha scelto
        l'alternativa creativa, nel tentativo di
        rinnovare la propria politica aziendale in nome
        di maggiore apertura."

        http://creativecommons.org/licenses/by-sa/2.5/

        Per una volta che ne fa una di buona... bha.Si se ci credi....Ma ricordati del proverbio:Fidarsi è bene, non fidarsi è meglioViso i precedenti di un "pizzico" di scetticismo è importante
        • Anonimo scrive:
          Re: Ripetete con me...
          - Scritto da: Anonimo

          http://creativecommons.org/licenses/by-sa/2.5/



          Per una volta che ne fa una di buona... bha.


          Si se ci credi....
          Ma ricordati del proverbio:
          Fidarsi è bene, non fidarsi è meglio
          Viso i precedenti di un "pizzico" di scetticismo
          è importanteGuarda, nel caso in esame non c'è proprio niente da credere o di cui fidarsi, parlano i fatti, leggi la licenza di cui sopra, è ad un clic di distanza ed è pure in italiano.Io sono il primo a non fidarmi di Microsoft, di porcate ne ha fatte tante e tantene farà, ho anche smesso di usare Windows se è per questo. Ma per questa volta ha fatto veramente le cose per bene, non gli si può dire niente.Poi puoi tranquillamente continuare a tirare m3rd@ su MS per tutto il resto, niente da dire, ma spargere FUD quando finalmente ne fà una di giusta non mi sembra corretto.
      • Anonimo scrive:
        Re: Ripetete con me...
        - Scritto da: Anonimo
        - Scritto da: Anonimo

        ...embrace and extend!
        Eppure bastava leggere l'articolo fino in fondo:
        "Una grande novità riguarda l'uso di licenza
        Creative Commons di tipo Attribution -
        ShareAlike da parte di Microsoft: il colosso
        ha scelto l'alternativa creativa, nel tentativo di
        rinnovare la propria politica aziendale in nome
        di maggiore apertura."
        http://creativecommons.org/licenses/by-sa/2.5/
        Per una volta che ne fa una di buona... bha.Aspettiamo che ne faccia tante di buone quanto ne ha fatte di cattive per avere di nuovo un'opinione "equilibrata" su di loro.
Chiudi i commenti