Twitter, chi è chi?

L'account ufficiale della casa automobilistica Jeep tra le vittime delle scorribande del collettivo DTSNC. Individuato uno dei potenziali responsabili, un DJ statunitense. Mentre MTV si defaccia per il marketing

Roma – In evoluzione, l’operazione Mucca Pazza continua a mietere vittime eccellenti tra i grandi marchi presenti su Twitter. Dopo la nota catena di fast food Burger King, il collettivo Defonic Team Screen Name Club (DTSNC) – apparentemente affiliato ad Anonymous – ha rivendicato la presa dell’account cinguettante della casa automobilistica Jeep .

Le dinamiche del nuovo defacement su Twitter sono simili a quelle di ieri , quando il logo di Burger King veniva sostituito dagli archi dorati del rivale McDonald’s. In un falso comunicato ufficiale si annuncia come il marchio Jeep sarebbe stato venduto a Cadillac, una volta beccati numerosi dipendenti a fumare sostanze stupefacenti.

Tra i responsabili dei due attacchi informatici ci sarebbe Tony iThug Cunha, un disc-jockey di Rhode Island con diversi precedenti da smanettone. Dal suo profilo Facebook si è infatti scatenata una discussione animata sull’accaduto, comprese alcune rivelazioni sui prossimi obiettivi del collettivo. Il giovane ha poi lasciato diverse firme dagli account compromessi di Burger King e Jeep .

Nel frattempo, altri due account sulla piattaforma di microblogging – quelli dei canali di Viacom MTV e BET – hanno subito un curioso defacciamento reciproco , solo inizialmente collegato alle scorribande di DTSNC. In realtà, dal profilo della stessa MTV è stato pubblicato un cinguettio a proposito di una burla virale, inscenata dai due broadcaster per pubblicizzare lo show televisivo What the Hack .

Mauro Vecchio

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Fai il login o Registrati scrive:
    Quel che non c'è non si rompe...
    In tutta fretta, l'azienda californiana ha rilasciato un aggiornamento della versione di Java su OS X, sottolineando come dalla release Lion i vari Mac siano stati forniti senza il software di Oracle. Non mi sembra una gran mossa. Per carità, quel che non c'è non si rompe, lo diceva anche il mio vecchio meccanico decantando le doti di affidabilità del Morini 3 1/2 rispetto alle moto giapponesi. Però ora la Morini è (purtroppo) quasi sparita, mentre le nippo sono vive e vegete...
    • Etype scrive:
      Re: Quel che non c'è non si rompe...
      Le idee italiane ci sono e sono a volte rivoluzionarie,solo che ci si scontra con i piani alti che hanno tutt'altra mentalità.Noi ci svendiamo il meglio del made in Italy, gli altri Paesi no,questo dovrebbe far riflettere...
  • Etype scrive:
    un piccolo numero ....
    "un piccolo numero" .....se fosse stato elevato lo avrebbe mai ammesso Apple ?
    • Struppolo scrive:
      Re: un piccolo numero ....
      - Scritto da: Etype
      "un piccolo numero" .....se fosse stato elevato
      lo avrebbe mai ammesso Apple
      ?Dipende cosa si intende anche piccolo numero....Per Apple... un piccolo numero potrebbero anche essere centinaia di macchina....
  • Robertino scrive:
    un colabrodo sto mac
    non installate java
Chiudi i commenti