Twitter, cinguettii pontifici

Primi micropost dall'account ufficiale di Benedetto XVI, che ha iniziato a rispondere alle domande nell'hashtag #askpontifex. Twitter pubblica i topic più popolari nel 2012

Roma – “Cari amici, è con gioia che mi unisco a voi via twitter. Grazie per la vostra generosa risposta. Vi benedico tutti di cuore”. È il primissimo cinguettio di Papa Benedetto XVI sulla piattaforma di microblogging, dall’account italiano @pontifex_it . Il messaggio inaugurale del Santo Padre è stato tradotto in sette lingue – arabo compreso – per raggiungere un totale di oltre un milione di follower, guadagnato in poco meno di dieci giorni .

Scintille di verità in 140 caratteri, come annunciato nella sala stampa della Santa Sede da Greg Burke, attuale consulente della Segreteria di Stato per la comunicazione in Vaticano. Nella mattinata di oggi, il Papa ha iniziato ad interrogare i fedeli con una delle grandi domande religiose: “Come possiamo vivere meglio l’Anno della fede nel nostro quotidiano?”, si legge nel secondo tweet a mezz’ora di distanza dal primo.

Pochi minuti dopo, il terzo cinguettio : “Dialoga con Gesù nella preghiera, ascolta Gesù che ti parla nel Vangelo, incontra Gesù presente in chi ha bisogno”. Con quasi 100mila follower dell’account italiano – @pontifex non seguirà nessun profilo Twitter nelle otto lingue – Benedetto XVI provvederà progressivamente a rispondere nel flusso di domande verso l’hashtag #askpontifex .

A proposito di hashtag, Twitter ha pubblicato un bilancio per l’anno 2012, stilando varie classifiche delle tendenze più popolari registrate dal tecnofringuello. Tra i grandi eventi planetari, #Election2012 per raccontare in tempo reale la corsa presidenziale e dunque la sfida tra Barack Obama e Mitt Romney . Non manca l’ultima edizione dei Giochi Olimpici – #Olympics2012 – e una serie di popolari personaggi pubblici come #Bolt e @Pele (leggendario bomber brasiliano).

Nella sezione dedicata all’informatica e alla tecnologia in generale, i primi tre posti nei topic di discussione sono andati alla telco AT&T, seguita da iPhone e Instagram. Tra i singoli cinguettii che hanno ottenuto il totale più alto di re-tweet , quello dello stesso Obama con tanto di abbraccio alla moglie Michelle. Il micropost “Ancora quattro anni” ha guadagnato oltre 800mila condivisioni dai suoi follower . Benedetto XVI è stato invece annoverato nella nella classifica delle nuove voci .

Mauro Vecchio

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • CiccioQuant aCiccia scrive:
    Tristesssssaaaaaaaa
    "Sul search engine in viola, la parola più cercata dagli utenti del Belpaese resta Facebook per il terzo anno consecutivo, seguita da meteo, oroscopo e più in basso da personaggi pubblici come Beppe Grillo e Nicole Minetti."Certo che andare su Yahoo! per cercare Facebook è indice di QI elevatissimo ed estrema familiarità con le nuove tecnologie... quello che era un caposaldo del web negli anni 90 ora è un ricettacolo di bimbiminkia sempre + minkia... oroscopo.... vado a vomitare...
  • vituzzo scrive:
    La Cina omessa
    Interessante come Google cerchi di presentarsi promotore delle libertà, dei cambiamenti, glissando totalmente su Cina ed Iran.Strano come in un video in cui compaiono tanti eventi e tante nazioni manchino proprio due pesi massimi.
    • bubba scrive:
      Re: La Cina omessa
      - Scritto da: vituzzo
      Interessante come Google cerchi di presentarsi
      promotore delle libertà, dei cambiamenti,
      glissando totalmente su Cina ed
      Iran.
      Strano come in un video in cui compaiono tanti
      eventi e tante nazioni manchino proprio due pesi
      massimi.attacco di complottismo post pranzo?la Cina ovviamente nello zeitgeist C'E'. Anche se BigG, come noto, non e' molto amato dal governo cinese, viene comunque usato ed opera.
Chiudi i commenti