Twitter, corsa agli armamenti anti-troll

La piattaforma continua a cercare una soluzione per bloccare troll, fake e offese. Facebook, nel mentre, pensa a rispondere ai messaggi che sembrano annunciare l'idea del suicidio

Roma – I social network possono essere ferro o essere piuma: Twitter e Facebook stanno ora cercando di usare il pugno duro con i disturbatori e i bulli, ma vogliono anche dare una mano ai propri utenti che stanno passando un momento tanto difficile da pensare al suicidio.

Twitter ha presentato l’implementazione dell’ annunciata strategia anti-troll: nella ricerca di una maggiore qualità del servizio e della tutela degli utenti da contenuti violenti e offensivi riorganizza in particolare il suo sistema di notifiche.

Nel dettaglio, la piattaforma metterà a disposizione un nuovo sistema di notifiche per quanto riguarda le molestie, i furti di identità, i messaggi di auto-violenza, i pensieri suicidi e la condivisione di informazioni private e confidenziali (il cosiddetto doxing ).

Oltre al nuovo sistema di notifiche, Twitter ha annunciato nuove regole e tipologie di intervento possibili con i quali farle rispettare.
In particolare sembra aver esteso anche ad altri tipi di account la procedura già adottata per la verifica degli account VIP: si tratta di una verifica (via telefono o email) che ora dovranno effettuare anche i proprietari di account bloccati perché trovati in violazione delle policy di Twitter. Questo dovrebbe permettere di impedire ai troll seriali di agire nascondendosi sempre dietro nuovi account.

Accanto a questi nuovi strumenti, inoltre, Twitter ha annunciato che triplicherà nei prossimi sei mesi il numero di dipendenti incaricati di occuparsi delle segnalazioni di abusi.

Questo dovrebbe servire a mantenere legati a sé gli utenti, cercando al contempo di incoraggiare gli inserzionisti ad agire in un ambiente rassicurante, in cui non spopolino troll e violenza: lo stesso obiettivo ha anche Facebook, che oltre al nuovo sistema di notifiche anti-bufala , si distingue da ultimo per un nuovo strumento dedicato alla prevenzione (o meglio all’aiuto) nei possibili casi di suicidio.

Il nuovo strumento, sviluppato in collaborazione con diverse organizzazioni per la salute mondiale tra cui il National Suicide Prevention Lifeline e Now Matters Now , permette agli utenti di segnalare post o contenuti che indicano l’intenzione di arrecarsi danno o pensieri suicidi, spesso trattati dalle cronache come il risvolto di episodi di bullismo mediato dalla Rete: la segnalazione darà il via ad un procedimento che eventualmente innescherà per l’utente l’invito a rivolgersi ad un supporto medico.

Claudio Tamburrino

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • ... scrive:
    l'uomo da sei milioni di dollari
    signori: lo possiamo ricostruire.se 40 anni era fantascienza, oggi si vedono i primi prototipi di cyborg.
  • Enjoy with Us scrive:
    Mah
    So di studi che prevedono l'uso di microelaboratori in grado di raccogliere il segnale o direttamente dai centri motori cerebrali o a valle lungo il percorso della fibra nervosa a monte del danno e poi di ritrasmetterlo direttamente alle placche motrici dei muscoli colpiti.L'unica cosa che posso pensare è che tale impianto sia stato proposto in pazienti in cui il danno era cronico, ossia avesse già portato ad una atrofia iireversibile dei fasci muscolari controllati dai nervi danneggiati.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 01 marzo 2015 17.50-----------------------------------------------------------
    • nome e cognome scrive:
      Re: Mah
      - Scritto da: Enjoy with Us
      So di studi che prevedono l'uso di
      microelaboratori in grado di raccogliere il
      segnale o direttamente dai centri motori
      cerebrali o a valle lungo il percorso della fibra
      nervosa a monte del danno e poi di ritrasmetterlo
      direttamente alle placche motrici dei muscoli
      colpiti.
      L'unica cosa che posso pensare è che tale
      impianto sia stato proposto in pazienti in cui il
      danno era cronico, ossia avesse già portato ad
      una atrofia iireversibile dei fasci muscolari
      controllati dai nervi
      danneggiati.
      --------------------------------------------------
      Modificato dall' autore il 01 marzo 2015 17.50
      --------------------------------------------------Dall'articolo originale sembrerebbe che la mano, a causa del grande numer di fasce muscolari e nervi, sia considerata troppo complicata da "ricablare" e siccome il risultato che si otterrebbe collegando i nervi ai muscoli sarebbe peggiore, preferiscono amputare e rimpiazzare completamente.
  • rosbif scrive:
    ovviamente?
    "ha richiesto ovviamente l'amputazione delle mani e degli avambracci ..."Perché lo ha richiesto?Posso intuire una incapacità di azionare i muscoli con precisione usando elettrodi, ma di più non so.Avrei apprezzato due paroline in più su questo punto.
    • bancai scrive:
      Re: ovviamente?
      - Scritto da: rosbif
      "ha richiesto ovviamente l'amputazione delle mani
      e degli avambracci
      ..."

      Perché lo ha richiesto?

      Posso intuire una incapacità di azionare i
      muscoli con precisione usando elettrodi, ma di
      più non
      so.
      Avrei apprezzato due paroline in più su questo
      punto.mi ricordo che la stessa cosa si è detta per pistorius...
Chiudi i commenti