Twitter, cosa piace a Voghera?

Uno studio conferma l'utilità dei tweet come materiale da cui distillare tendenze e opinioni di una popolazione. Ammesso che si riescano ad affinare le tecniche per scremarli

Roma – Secondo una ricerca condotta dalla Carnegie Mellon University i milioni di cinguettii che giornalmente vengono inviati con Twitter potrebbero essere utilizzati come un “mezzo di rilevazione dell’opinione pubblica rapido e a buon mercato”.

L’assunto così sinteticamente espresso deve essere preso con cautela: l’effettiva validità di un sondaggio, innanzitutto, si basa anche sulla selezione di un campione che possa cioè rappresentare una popolazione più ampia. Inoltre si tratta di dati “rumorosi” e, come in generale i dati raccolti con un sondaggio, occorre trovare uno strumento per compensare distorsioni e affinare i risultati.

Tuttavia il gruppo di ricercatori capitanato dal professor Noah Smith raccogliendo un miliardo di cinguettii postati tra il 2008 e il 2009 ha potuto verificare l’esistenza di una tendenziale corrispondenza tra quanto poteva essere dedotto dal flusso di tweet e quanto rilevato con sondaggi come l’ Index Consumer Sentiment ( ICS ) e l’ Economic Confidence Index della società d’analisi Gallup .

I ricercatori hanno operato dividendo i micropost, con una semplice analisi testuale, per argomento (politica ed economia) e atteggiamento (positivi e negativi) e hanno verificato che quanto emergeva su determinati fatti di attualità, come le elezioni di Obama, corrispondesse ai risultati dei sondaggi tradizionali.
La correlazione rivelata arriva fino all’86 per cento. Inoltre, spiega Noah, “con più di sette milioni di tweet al giorno, questo flusso di dati può potenzialmente permetterci di avere molto velocemente il polso su quello che interessa la popolazione”.

Claudio Tamburrino

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • mario mario scrive:
    vere o al silicone ?
    quelli non sono due meloni,sono due missili terra aria. Ma sono vere o al silicone ?
    • Marco scrive:
      Re: vere o al silicone ?
      - Scritto da: mario mario
      quelli non sono due meloni,sono due missili terra
      aria. Ma sono vere o al silicone
      ?che importa ? guarda e ammira.
    • il solito bene informato scrive:
      Re: vere o al silicone ?
      - Scritto da: mario mario
      quelli non sono due meloni,sono due missili terra
      aria. Ma sono vere o al silicone
      ?su una c'è scritto "Fat Man" e sull'altra "Little Boy" (cit):-)
  • Santamaria scrive:
    situaizone più complessa...
    Allora, non tutti sanno che se io metto una foto su un social network, dal punto di vista giuridico, ne perdo i diritti.Quello che è mano chiaro è se sia logico che poi questa immagine diventi di pubblico dominio ed utilizzabile a piacere.Una sentenza di questo genere, apre scenari abbastanza inquietanti non tanto sull'aspetto della privacy, quanto su quello del diritto affinché la propria immagine non sia utilizzata in determinati contesti o a fini commerciali senza un assenso esplicito.In questo senso è una sentenza da medioevo...
    • ephestione scrive:
      Re: situaizone più complessa...
      - Scritto da: Santamaria
      Allora, non tutti sanno che se io metto una foto
      su un social network, dal punto di vista
      giuridico, ne perdo i
      diritti.eh?Dipende, al massimo, dal TOS del sito. Che di per sé è comunque opponibile per legge.Non conosco il TOS di fb/myspace ecc, ad ogni modo su un TOS può anche essere scritto che una volta iscritto, la tua anima appartiene al fondatore del sito... una clausola del genere non varrà mai per legge, anche se la accetti tacitamente iscrivendoti sei sempre tutelato.
    • il solito bene informato scrive:
      Re: situaizone più complessa...
      - Scritto da: Santamaria
      Allora, non tutti sanno che se io metto una foto
      su un social network, dal punto di vista
      giuridico, ne perdo i
      diritti.
      Quello che è mano chiaro è se sia logico che poi
      questa immagine diventi di pubblico dominio ed
      utilizzabile a
      piacere.
      Una sentenza di questo genere, apre scenari
      abbastanza inquietanti non tanto sull'aspetto
      della privacy, quanto su quello del diritto
      affinché la propria immagine non sia utilizzata
      in determinati contesti o a fini commerciali
      senza un assenso
      esplicito.
      In questo senso è una sentenza da medioevo...forse la tua visione è un po' contorta...Per definizione un social network è pubblico: quando ci metti una foto devi essere consapevole che, passando di amico in amico, potrebbe anche fare il giro del mondo. Se hai delle foto che vuoi che rimangano private, non le pubblichi e se hai delle foto sulle quali vuoi far valere dei diritti, ci sono un sacco di siti di fotografia e di grafica che ti danno certe garanzie sotto questo punto di vista.Non serve leggere contratti o licenze... a volte basta un po' di cervello.
    • LordAzuzuNo nLoggato scrive:
      Re: situaizone più complessa...
      Qualunque cosa tu pubblichi su Facebook, secondo il loro TOS, diventa di loro proprietà e possono farci quel che XXXXX gli pare.
  • Vindicator scrive:
    Ma che pretese
    Primo:Carichi una tua foto provocante su un sosciel netuorc senza aver capito bene come funziona.Secondo:Fino a quando la sua foto era visualizzata da millioni di utenti allupati di interdet andava tutto bene.Terzo:Ha capito che potevi cavare qualcosa dalla situazione e ha presentato la denunZia al PCC, finalmente svelando il vero intento che non è la privacy bensì la notorietà. polli che noi che contribuiamo.Quarto:L'articolo di PI suggerisce il modo per vedere, sono davvero epiche! :DDate un click e mantenete il sito in alto su pagerank! :)
    • Sgabbio scrive:
      Re: Ma che pretese
      VOGLIO VEDERE!Linkateci l'immagine :D
    • Marco scrive:
      Re: Ma che pretese
      - Scritto da: Vindicator
      Quarto:
      L'articolo di PI suggerisce il modo per vedere,
      sono davvero epiche!boia che meloni.sono come due bombe atomiche puntate sul mondo.chissà come sono ora pero'...
      • il solito bene informato scrive:
        Re: Ma che pretese
        - Scritto da: Marco
        - Scritto da: Vindicator


        Quarto:

        L'articolo di PI suggerisce il modo per vedere,

        sono davvero epiche!

        boia che meloni.
        sono come due bombe atomiche puntate sul mondo.

        chissà come sono ora pero'...beh sono passati quattro anni e non penso che nel frattempo abbia avuto...vediamododici per quattro quarantottoquarantotto diviso nove... perché la calcolatrice è così lenta ad avviarsi?... cinque virgola trentatrè periodico... cinque figli
Chiudi i commenti