Twitter Lite alla conquista dei paesi emergenti

La nuova versione alleggerita di Twitter va incontro alle esigenze dei Paesi emergenti. Consuma pochi dati, scarica immagini e video solo tramite consenso e non necessita di email o account su un'app store

Roma – Twitter ha rilasciato una nuova versione Lite della sua piattaforma. Una novità interessante per tutti coloro che non possono contare su connessioni dati veloci o smartphone all’ultimo grido. Secondo GSMA , infatti, il 45 per cento delle connessioni mobile avviene ancora sulle lente reti 2G, per nulla in grado di stare al passo con le moderne app.

twitter_lite

La nuova versione di Twitter pesa meno di 1 MB: per usarlo non è necessario scaricare alcunché, non serve un indirizzo email né un account sugli store mobile. Si avvia con una velocità del 30 per cento superiore alla versione standard permettendo una navigazione più agevole sia da smartphone che da tablet. Un Twitter più accessibile non significa per forza di cose limitato. Sono infatti contemplate tutte le maggiori funzionalità del sistema di micro blogging, tra le quali la timeline, i tweet, i messaggi diretti, i trend, i profili, il caricamento di contenuti multimediali e le notifiche (qualora l’utilizzo avvenga tramite Chrome su Android).

Tra gli stratagemmi più apprezzati per ridurre il consumo di dati fino al 70 per cento vi è l’introduzione dell’anteprima delle immagini e video, che potranno rimanere tali senza consumo di dati oppure essere scaricati interamente dietro autorizzazione. Molto apprezzato è anche il sistema di notifiche e il supporto offline che permette di utilizzare Twitter anche nel caso in cui vi dovesse essere una temporanea perdita di connessione.

Per lanciare la versione leggera Twitter sta stringendo accordi con gli operatori telefonici dei Paesi dove la novità è più appetibile. È il caso dell’India, dove Vodafone forte di 200 milioni di utilizzatori sta promuovendo Twitter Lite come mezzo per ricevere agevolmente aggiornamenti sportivi live delle partite della Indian Premier League e non solo. “Non importa dove ti trovi nel mondo, vogliamo fare di Twitter il miglior modo per ottenere aggiornamenti live su news, sport, intrattenimento, politica e altri argomenti che ti interessano” – si legge sul blog di Twitter.

La novità dimostra di avere forti potenzialità, ma ciò che salta all’occhio è il forte ritardo nel rilascio . Già tempo fa sviluppatori indiani avevano lavorato ad un’ app minimalista cassata sul nascere dalla stessa Twitter. La conquista dei mercati emergenti deve ora fare i conti con il ritardo rispetto ai maggiori player ( Facebook Messenger Lite ad esempio ha visto la luce a marzo dello scorso anno) e con l’aggressività dei competitor. Il mese scorso, solo per fare un esempio, Microsoft ha lanciato una versione customizzata di Skype solo per il mercato indiano.

Mirko Zago

fonte immagine

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • ... scrive:
    turbo-capitalismo della presa per il qlo
    Per avere sucXXXXX devi piacere alla gente, quindi devi sembrare un c*gli*n*, per questo stiamo andando in malora perchè le opportunità ci sono soltanto per chi è disposto a fare la parte del c*gli*n*.
    • bubba scrive:
      Re: turbo-capitalismo della presa per il qlo
      - Scritto da: ...
      Per avere sucXXXXX devi piacere alla gente,
      quindi devi sembrare un c*gli*n*, per
      questo stiamo andando in malora perchè le
      opportunità ci sono soltanto per chi è disposto a
      fare la parte del
      c*gli*n*.non so se proprio 'sembrare' o 'essere'... del resto i due grossi esempi citati sono di fescion blogger (cioe' gente -generalmente gnocca- che si ficca il rossetto o i pedalini nuovi davanti alla telecamera)
      • ... scrive:
        Re: turbo-capitalismo della presa per il qlo
        E' gente che incassa sulle spalle degli Sgabbi, quindi direi proprio che si passano per c*gl**n*, ma non lo sono neanche un po'.
        • bubba scrive:
          Re: turbo-capitalismo della presa per il qlo
          - Scritto da: ...
          E' gente che incassa sulle spalle degli Sgabbi,
          quindi direi proprio che si passano per c*gl**n*,
          ma non lo sono neanche un
          po'.c'e' assolutamente questo paradosso, infatti. io, cionondimeno, considero generalmente quella roba spazzatura/XXXXXXXte e affini (questo ANCHE nel caso di una che, a forza di lustrarsi le unghie su youtube, incassa come un dirigente)...
    • Sg@bbio scrive:
      Re: turbo-capitalismo della presa per il qlo
      - Scritto da: ...
      Per avere sucXXXXX devi piacere alla gente,
      quindi devi sembrare un c*gli*n*, per
      questo stiamo andando in malora perchè le
      opportunità ci sono soltanto per chi è disposto a
      fare la parte del
      c*gli*n*.La fiera della superficialità
      • ... scrive:
        Re: turbo-capitalismo della presa per il qlo
        Se non ce la fai a capire i commenti evita di rispondere così ti eviti la figura del sempliciotto.
  • Bye scrive:
    Prostituzione
    Praticamente prosituti marchettari.
  • iRoby scrive:
    Evangelizzatori
    Ah così si chiamano ora gli evangelizzatori del del dio laico che si chiama brand?
    • collione scrive:
      Re: Evangelizzatori
      e' la neolinguanon si puo' piu' dire zingaro, nero, XXXXXXXXX, cieco, sordo, mutoma si possono imbastire storielle mediatiche per attaccare la Siria, mentre dall'altra parte si fa finta di non vedere i massacri sauditi in Yemen e quelli americani in Iraqviviamo nell'era della menzogna
      • Il Fuddaro scrive:
        Re: Evangelizzatori
        - Scritto da: collione
        e' la neolingua

        non si puo' piu' dire zingaro, nero, XXXXXXXXX,
        cieco, sordo,
        muto

        ma si possono imbastire storielle mediatiche per
        attaccare la Siria, mentre dall'altra parte si fa
        finta di non vedere i massacri sauditi in Yemen e
        quelli americani in
        Iraq

        viviamo nell'era della menzognaCon un Popolo pupazzo* mondiale tutto è possibile![*]La popolazione mondiale e fatta per la maggioranza di uomini e donne pupazzo. Chi ha un po di influenza su di loro, è in grado di fargli fare di tutto!
      • ... scrive:
        Re: Evangelizzatori
        - Scritto da: collione
        e' la neolingua

        non si puo' piu' dire zingaro, nero, XXXXXXXXX,
        cieco, sordo,
        muto
        guarda che "nero" e' politically correct, mentre neGro e' e' termine corretto."XXXXXXXXX": erano anni che non lo sentivo, dai film di Pozzetto.... "cornuto si ma XXXXXXXXX no" film a episodi con la Fenech. Erano i tempi in cui sui XXXXX ci si poteva ancora scherzare, adesso basta che li guardi malee ti denunciano per omofobia. Tra un po saranno loro i "normali" e noi etero i "diversi". Sono fasi storiche, bisogna portare pazienza.
        ma si possono imbastire storielle mediatiche per
        attaccare la Siria, mentre dall'altra parte si fa
        finta di non vedere i massacri sauditi in Yemen e
        quelli americani in
        Iraq

        viviamo nell'era della menzogna
      • eheheh scrive:
        Re: Evangelizzatori
        perchè prima dicevano la verità?
    • Sg@bbio scrive:
      Re: Evangelizzatori
      - Scritto da: iRoby
      Ah così si chiamano ora gli evangelizzatori del
      del dio laico che si chiama
      brand?Usano un nuovo canale per pubblicizzare prodotti, dove la tv ormai perde colpi.Il vero problema non è chi prova e fa una critica su ciò che parla in maniera onesta e pulita, ma dei tanti markettoni che fanno pubblicità spacciate per altro, tipo su youtube (pratica tra l'altro vieta, strano ma vero, negli usa).
    • Alvaro Vitali scrive:
      Re: Evangelizzatori
      Il bello è che ancora esistono sprovveduti che negano l'esistenza degli influencer; la considerano una roba da complottisti.Strettamente legato agli influencer poi c'è il concetto di bufala o "fake news"; l'aspetto sconcertante però è che sino a qualche anno fa le "fake news" erano l'arma dei ciarlatani su Internet, mentre oggi i due personaggi che più utilizzano questa espressione sono Trump e Putin!
      • bubba scrive:
        Re: Evangelizzatori
        - Scritto da: Alvaro Vitali
        Il bello è che ancora esistono sprovveduti che
        negano l'esistenza degli influencer; la
        considerano una roba da
        complottisti.devono essere davvero molto sprovveduti..... e' tipo 30 anni che e' stato coniato il termine 'guerrilla marketing', nel cui campo si infilano perfettamente gli infuencer ecc
Chiudi i commenti