Twitter, versione a pagamento?

Per far quadrare il bilancio, pesantemente in perdita, l'azienda sta sondando il terreno per far pagare agli utenti professionali la sua interfaccia TweetDeck

Roma – Social network a pagamento, tanto tuono che piovve? Dopo tanti annunci fasulli, stavolta c’è qualcuno che potrebbe fare sul serio. Twitter starebbe considerando di offrire una versione “premium” della sua interfaccia TweetDeck; gli utenti che desiderano contenuti aggiuntivi dovrebbero quindi pagare, per la prima volta, una quota.


TweetDeck è un’interfaccia già esistente, che aiuta gli utenti a navigare su Twitter. Renderla fruibile a pagamento è, per ora, solo una ipotesi. La società sta conducendo infatti una indagine per “studiare l’interesse verso una versione nuova e migliorata di TweetDeck”, ha dichiarato la portavoce Brielle Villablanca lo scorso 23 marzo in un comunicato.
“Effettuiamo regolarmente ricerche sugli utenti per avere un feedback sull’esperienza di Twitter da parte delle persone e per meglio indirizzare le nostre decisioni di investimento sui prodotti, e stiamo esplorando diversi modi per rendere TweetDeck più appetibile per l’uso professionale”.

Villablanca non ha rilasciato alcuna indicazione circa la volontà di richiedere il pagamento da parte di tutti gli utenti, ma fonti vicine al New York Times hanno postato degli screenshot che mostrano una versione premium di TweetDeck. Questa comprende “strumenti più potenti per aiutare gli investitori, i giornalisti e i professionisti e altri nella nostra community a individuare ciò che succede nel mondo più velocemente”, recita uno degli screenshot. TweetDeck permette di ricevere notifiche in tempo reale sui nuovi tweet, creare facilmente più liste di account da seguire e fare ricerche personalizzate. In particolare, “strumenti per visualizzare e gestire i tweet, funzioni come notifiche, analisi dei trend, statistiche avanzate, sistemi avanzati per la composizione e la pubblicazione dei contenuti e una dashboard personalizzabile”. In cambio del pagamento di una quota, il servizio sarà privo di messaggi pubblicitari. La decisione di realizzare una versione premium di TweetDeck sarà presa, quindi, valutando le risposte che gli utenti daranno al questionario .

Lanciato undici anni fa, Twitter è sempre rimasto fedele alla sua missione di essere un servizio gratuito e ora ha raggiunto i 319 milioni di utenti in tutto il mondo. A differenza di Facebook, però, non è riuscito ad attrarre sufficienti investimenti pubblicitari, nonostante le ultime vicende riguardanti il presidente americano Donald Trump lo abbiano messo costantemente al centro dell’attenzione. TweetDeck è stato acquistato da Twitter nel 2011 per 40 milioni di dollari.

Twitter, che non ha mai chiuso un bilancio in utile, starebbe cercando nuove strade per finanziarsi. Nel quarto trimestre i ricavi sono cresciuti di appena l’1 per cento, a 717 milioni di dollari, a conferma delle difficoltà nell’attrarre inserzionisti. La perdita netta è quasi raddoppiata rispetto all’anno 2015 e i nuovi iscritti continuano a crescere troppo lentamente, soprattutto se confrontati con quelli di Facebook e di altri social network come Instagram.

Pierluigi Sandonnini

fonte immagine

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • soloperoggi scrive:
    non mi torna...
    Ma la Toyota non stava collaborando col la Ford per la creazione di un sistema Open source?
  • mat650 scrive:
    Nokyota?
    Nokia sviluppava MeeGo per rimpiazzare Symbian e proporre al mercato un loro prodotto in categoria smartphone. I finlandesi assumono un CEO arrivato fresco da Redmond ed ecco che improvvisamente abbandonano il progetto basato sul kernel Linux per fiondarsi in una mirabolante parthnership a condiszioni si "favore" per lanciare il nuovo e "solidissimo" OS del settore made by Microsoft. Sappiamo tutti come'è andata. ---------Toyota finanziatore e membro di spicco della fondazione Automotive Grade Linux ora decide di lanciarsi sulle ancora "solidissime" soluzioni di MS per il settore, le quali secondo l'autore (probabilmente un MS Evangelist) offriranno la "edge grade technology" da somministrare alle macchinette dei giappo.Difficile non farsi suggestionare dalle convergenze....-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 27 marzo 2017 12.06-----------------------------------------------------------
    • iRoby scrive:
      Re: Nokyota?
      Almeno sappiamo quale auto non comprare.Legare poi il proprio marchio a Microsoft è da masochisti.Anche la stessa M$ si vergogna a metterlo sulle confezione della Xbox. Dove è in piccolino nel fondo della confezione.
  • bnhkhny scrive:
    Quando la macchina non funziona
    Esci e rientra.
  • claudio scrive:
    ma nooo
    la toyota, famigerata per non rompersi mai, battuta solo dalla subaru sara' solo un ricodo.Dovremmo fare l'abitudine che in un viaggio autostradale dovremo spegnere e riaccendere il motore almeno un paio di volte.Dovremo pagare delle CAL aggiuntive di 3000E se porteremo 5 persone, ascolteremo jazz o metteremo il portapacchi.Alla fine costera' piu' di licenze che di hardware-Comunque non comprero' mai nessuna auto che monti MS.
    • Il Fuddaro scrive:
      Re: ma nooo
      - Scritto da: claudio
      la toyota, famigerata per non rompersi mai,
      battuta solo dalla subaru sara' solo un
      ricodo.
      Dovremmo fare l'abitudine che in un viaggio
      autostradale dovremo spegnere e riaccendere il
      motore almeno un paio di
      volte.
      Dovremo pagare delle CAL aggiuntive di 3000E se
      porteremo 5 persone, ascolteremo jazz o metteremo
      il
      portapacchi.
      Alla fine costera' piu' di licenze che di
      hardware-

      Comunque non comprero' mai nessuna auto che monti
      MS.Attento a come scrivi, qua su PI ci sono i migliori critici della grammatica itaGliana! Uomo avvisato mezzo salvato!nb. se sei uno che vuole fare bella figura, correggi le bozze dei tuoi post.Si ma non prima di aver scritto in brutta copia.Di aver passato il tuo post in un correttore ortofrutticolo ortografico.E solo dopo averlo portato in università dalla tua prof di fiducia in lingue. :)Ciao e ora puoi postare felicemente. Si perché nessun ebete potrà dirti: impara a scrivere prima! hi hi hi hi!!!Garantito lo fanno, sopratutto quelli zona Milano. e il tizio ... che poi sono sempre gli stessi, più il più glande di tutti Aphex_twin, lui sa perfettamente come vanno messi gli accenti le cedille, ecc, ecc.Saluti carissimi.
  • panda rossa scrive:
    Facciamoci l'abitudine
    [img]http://www.freakingnews.com/pictures/500/Windows-Car-Crash--770.jpg[/img]
    • rockroll scrive:
      Re: Facciamoci l'abitudine
      - Scritto da: panda rossa
      [img]http://www.freakingnews.com/pictures/500/Wind Ecco cosa succede quando si cerca di infilare SW M$ anche in sistemi di guida autonoma.E mi raccomando, sempre connessi, è un must, anche dove manca il segnale, e sempre tuffati nell'infotainment, indispensabile al guidatore, che così distratto non interverrà tempestivamente in caso di malfunazionamento del sistema di guida automatica.
      • Sgobbone scrive:
        Re: Facciamoci l'abitudine
        non interverrà tempestivamente
        in caso di malfunazionamento del sistema di guida
        automatica.le auto automatiche devono essere presidiate oppure no? oppure mi devo comportare come l'istruttore di scuola guida? posso dormire tutto il viaggio oppure no? se devo presidiare tanto vale guidare una preoccupazione in meno
        • xte scrive:
          Re: Facciamoci l'abitudine
          No, non hai capito: tu devi presidiare si da manlevare il costruttore se l'auto si schianta su una cisterna di idrogeno ad 1m da uno stadio pieno di gente, però l'auto dev'essere autonoma così da poter appunto decidere di schiantarsi, con opportuno ordine remoto, o semplicemente per poter avere una complessità tale da essere incontrollabile ed irreparabile da chiunque e avere opportuni malfunzionamenti o aggiornamenti obbligatori per fartela cambiare o farti pagare manutenzione quando il produttore lo ritiene opportuno.
Chiudi i commenti