Uber, leasing infuocato a Singapore

Nuovo guaio per la corporation statunitense, ora accusata di aver dato in affitto una flotta di veicoli difettati e potenzialmente pericolosi. Un'azione deliberata e volontaria, ma Uber si giustifica: ora è tutto diverso.

Roma – Non sembra esserci pace per Uber, il business del car sharing che deve fare i conti con gli scandali interni, la ricerca di un nuovo CEO, le contese legali e le iniziative regolatore – quando non direttamente censorie – da parte delle autorità in giro per il mondo. L’ultima grana arriva da Singapore, con Uber che si vede costretta a fronteggiare l’accusa di aver dato in affitto veicoli difettati ai propri conducenti.

L’ accusa riguarda una “flotta” di 1000 Honda Vezel, SUV compatti acquistati l’anno scorso da Uber per poi procedere all’operazione di leasing succitata. I veicoli erano stati richiamati per un difetto a un componente elettronico che avrebbe potuto presentare un riscaldamento eccessivo con possibile incendio a seguire, e Uber aveva, a quanto pare, acquistato i SUV nonostante fosse pienamente consapevole del rischio ai massimi livelli dirigenziali.

Uber

L’azienda avrebbe potuto cavarsela senza patemi ma la legge di Murphy era già in agguato, e nel gennaio di quest’anno uno dei 1000 Honda Vezel difettati ha preso fuoco distruggendo la zona cruscotto e il parabrezza. Per sua fortuna, il guidatore in servizio sul mezzo non ha subito danni.

A subire danni evidenti è invece la reputazione già malconcia di Uber, che viene ora accusata di aver considerato per l’ennesima volta prioritari gli interessi del business rispetto all’incolumità di chi, di quel business, rappresenta il volto esposto in prima persona ai clienti finali del servizio.

Ma Uber non ci sta, e alle accuse lanciate dal Wall Street Journal un portavoce della società ha risposto spiegando il comportamento seguito alla notizia dell’incendio sull’Honda Vezel a Singapore: l’azione di contrasto al problema è stata “immediata” e coordinata con le autorità dei trasporti locali, ha detto il portavoce, mentre i nuovi protocolli implementati dalla corporation – assieme all’assunzione diretta di tre esperti in carne e ossa – dovrebbero garantire una risposta tempestiva alle operazioni di richiamo messe in atto dalle compagnie automobilistiche.

Alfonso Maruccia

fonte immagine

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Ciro Esposito scrive:
    Facebook senza Fake News?
    Facebook = FakeBookfinchè ci saranno pagine come BioniBeam (nome originale omesso per non prendersi le querele di quel p*** di **** dell'admin... XXXXXXXX sua e di su nonno, che gli venga un cancro ai cogli**ni)ecco... scusate lo sfogo. ora prendo la pillola.
  • stranamore scrive:
    what a strange world
    I faceXXXXXXXX non si rendono conto che hanno loro il potere, e facebook fa in modo che nemmeno gli sfiori la testa questo pensiero.Nessuno si rende conto che ci sono alternative a facebook.La stessa storia per cui i governanti riescono ad avere la meglio su masse immense: pochi organizzati riescono sempre a piegare le masse disorganizzate.Che mondo strano.
  • f4376453128 scrive:
    discrezionalita
    Ampi margini di discrezionalita per un parametro difficile da valutare a posteriori visto che il loading time fluttua con i carichi sui server. Si stanno costruendo un'ottima scusa per censurare quello che vogliono senza dover rendere conto di quello che fanno.
    • Fabrizio scrive:
      Re: discrezionalita
      - Scritto da: f4376453128
      Ampi margini di discrezionalita per un parametro
      difficile da valutare a posteriori visto che il
      loading time fluttua con i carichi sui server. Si
      stanno costruendo un'ottima scusa per censurare
      quello che vogliono senza dover rendere conto di
      quello che
      fanno.è stato anche il mio primo pensieroparlare di fake news va bene ma chi decide se un contenuto è di bassa qualità?sono sempre stato curioso di sapere come vogliono contrastare le fake news.Se io scrivo che panda rossa è maggiorenne che fanno vanno a casa sua a controllare la carta di identità?
      • f76c2723828 scrive:
        Re: discrezionalita

        è stato anche il mio primo pensiero
        parlare di fake news va bene ma chi decide se un
        contenuto è di bassa
        qualità?Noo. Quello delle fake news è un trucco già dato per scontato. Io parlavo del nuovo trucco, il tempo di caricamento della pagina. Greg Marra ... non ha voluto condividere quali siano i parametri tecnici ... Limitandosi a lasciar intendere che i controlli non saranno eccessivamente stringenti E poi come si fa a prendere sul serio la storia delle fake news? Ecco chi pubblica fake news:http://www.bbc.com/news/blogs-trending-40484135http://www.bbc.com/news/world-africa-38391998
    • Thepassenge r scrive:
      Re: discrezionalita
      Ovviamente, tanto più che le elezioni del 2018 si stanno avvicinando, quale ghiotta occasione per censurare le opinioni e limitare la critica. Poi se non bastasse in programma ci sono anche i decreti su fascismo e odio in cui ci ricadrebbero talmente tante opinioni che avrebbero di che sguazzarci. Proprio delinquenti e servi fino alla fine.- Scritto da: f4376453128
      Ampi margini di discrezionalita per un parametro
      difficile da valutare a posteriori visto che il
      loading time fluttua con i carichi sui server. Si
      stanno costruendo un'ottima scusa per censurare
      quello che vogliono senza dover rendere conto di
      quello che
      fanno.
  • Ciccio scrive:
    Loading time & browsers
    Se quei bast**di di Firefox (e pure la M$) adottassero il protocollo WebP per le immagini, tutto sarebbe più veloce.Sono anni che aspetto.Bast**di.
    • Microsoft Corporatio n scrive:
      Re: Loading time & browsers
      - Scritto da: Ciccio
      Se quei bast**di di Firefox (e pure la M$)
      adottassero il protocollo WebP per le immagini,
      tutto sarebbe più
      veloce.
      Sono anni che aspetto.Aspetta, il supporto lo stiamo... no, scusa, niente.Rotola nella XXXXX!
Chiudi i commenti