UE, indagine sul prezzo degli ebook

Diversi editori online, Apple e il modello di agenzia al centro dell'inchiesta della Commissione Europea

Roma -La Commissione Europea ha aperto formalmente un’indagine sul settore ebook che ha coinvolto diversi editori e Apple.

Bruxelles aveva deciso a marzo di avviare delle indagini preliminari: ad attirare l’attenzione della Commissione era stata l’ipotesi che si fosse costituito un cartello atto a mantenere artificiosamente alti i prezzi nel settore .

La normativa europea in materia di concorrenza vieta la costituzione di cartelli e altre pratiche restrittive di un’attività commerciale: così le autorità avevano annunciato “ispezioni a sorpresa” presso gli uffici di vari editori sospettati in diversi paesi europei.

Il tutto si è ora risolto in una vera e propria accusa ufficiale: a dover spiegare le loro ragioni sono ora gli editori Hachette Livre, Harper Collins, Simon&Schuster, Penguin e Verlagsgruppe Georg von Holzbrinck proprietario tra l’altro della tedesca Macmillan).

La teoria dell’accusa suppone che questi, “forse con l’aiuto di Apple, abbiano adottato pratiche anti-competitive sulle vendite degli ebook”.

Il ruolo di Cupertino sarebbe legato al diffondersi del modello di prezzo di agenzia che, lasciando il controllo dei prezzi agli editori, avrebbe contribuito a produrre una situazione poco fluida: ben diversa da quella che vedeva Amazon adottare con gli editori un modello retail , in cui il rivenditore acquista i libri “all’ingrosso”, decidendo poi caso per caso il prezzo singolo di vendita.

La Commissione Europea “tratterà il caso come una questione prioritaria”.

Claudio Tamburrino

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Luco, giudice di linea mancato scrive:
    Non "pericolosamente vicina"...
    ... ma censura, sic et simpliciter.Oltre che inutile per il motivo prefissato (perché è facile cambiare indirizzo, perché è facile aggirarla, ecc.), colpisce indiscriminatamente anche siti innocenti che hanno la sventura di condividerne il dominio o l'indirizzo IP. Esattamente quanto già sucXXXXX da noi con la legge Gentiloni (che non a caso è una vera e propria XXXXXta).
    • tucumcari scrive:
      Re: Non "pericolosamente vicina"...
      - Scritto da: Luco, giudice di linea mancato
      ... ma censura, sic et simpliciter.
      Oltre che inutile per il motivo prefissato
      (perché è facile cambiare indirizzo, perché è
      facile aggirarla, ecc.), colpisce
      indiscriminatamente anche siti innocenti che
      hanno la sventura di condividerne il dominio o
      l'indirizzo IP. Esattamente quanto già sucXXXXX
      da noi con la legge Gentiloni (che non a caso è
      una vera e propria
      XXXXXta).Una "comoda" XXXXXta (avresti dovuto dire) perchè ha aperto la strada a peggiori conseguenze e si sono aggiunti prima i siti non "AMS concessionati" poi ci sono le proposte Agcom... ecc. ecc...Stante quindi la "XXXXXta" e stante che il crucco (che è tetragono ma non scemo e alla lunga capisce l'errore) c'è da chiedersi (e purtroppo le risposte che vengono in mente non sono consolanti) perchè i nostri politici (a differenza dei tedeschi) non cominciano a "capire".
      • Sgabbio scrive:
        Re: Non "pericolosamente vicina"...
        - Scritto da: tucumcari
        - Scritto da: Luco, giudice di linea mancato

        ... ma censura, sic et simpliciter.

        Oltre che inutile per il motivo prefissato

        (perché è facile cambiare indirizzo, perché è

        facile aggirarla, ecc.), colpisce

        indiscriminatamente anche siti innocenti che

        hanno la sventura di condividerne il dominio
        o

        l'indirizzo IP. Esattamente quanto già
        sucXXXXX

        da noi con la legge Gentiloni (che non a
        caso
        è

        una vera e propria

        XXXXXta).
        Una "comoda" XXXXXta (avresti dovuto dire) perchè
        ha aperto la strada a peggiori conseguenze e si
        sono aggiunti prima i siti non "AMS
        concessionati" poi ci sono le proposte Agcom...
        ecc.
        ecc...

        Stante quindi la "XXXXXta" e stante che il crucco
        (che è tetragono ma non scemo e alla lunga
        capisce l'errore) c'è da chiedersi (e purtroppo
        le risposte che vengono in mente non sono
        consolanti) perchè i nostri politici (a
        differenza dei tedeschi) non cominciano a
        "capire".AMMS è arrivata prima, dopo la pedoXXXXXgrafia.
        • tucumcari scrive:
          Re: Non "pericolosamente vicina"...
          - Scritto da: Sgabbio
          - Scritto da: tucumcari

          - Scritto da: Luco, giudice di linea mancato


          ... ma censura, sic et simpliciter.


          Oltre che inutile per il motivo prefissato


          (perché è facile cambiare indirizzo,
          perché
          è


          facile aggirarla, ecc.), colpisce


          indiscriminatamente anche siti innocenti
          che


          hanno la sventura di condividerne il
          dominio

          o


          l'indirizzo IP. Esattamente quanto già

          sucXXXXX


          da noi con la legge Gentiloni (che non a

          caso

          è


          una vera e propria


          XXXXXta).

          Una "comoda" XXXXXta (avresti dovuto dire)
          perchè

          ha aperto la strada a peggiori conseguenze e si

          sono aggiunti prima i siti non "AMS

          concessionati" poi ci sono le proposte Agcom...

          ecc.

          ecc...



          Stante quindi la "XXXXXta" e stante che il
          crucco

          (che è tetragono ma non scemo e alla lunga

          capisce l'errore) c'è da chiedersi (e purtroppo

          le risposte che vengono in mente non sono

          consolanti) perchè i nostri politici (a

          differenza dei tedeschi) non cominciano a

          "capire".

          AMMS è arrivata prima, dopo la pedoXXXXXgrafia.Ni.... nel senso che prima c'era solo il provvedimento di legge che diceva che bisognava essere "concessi" da AMMS e quindi i siti non "concessi" erano illegali.Ma la "struttura" preposta a indicare ai providers (il famigerato "Centro nazionale per il contrasto della pedoXXXXXgrafia") come fare la funzione (del tutto impropria e illegale) di poliziotto, nasce con il "decreto Gentiloni" (onore al demerito).In questo senso il decreto gentiloni è il vero capostipite della sottrazione al controllo giudiziario (e conseguente affidamento al compiacente centro governativo con nessuna garanzia) di tutto l'ambaradan!
          • malto scrive:
            Re: Non "pericolosamente vicina"...
            - Scritto da: tucumcari
            Ma è ovvio! certo che lo so.... e lo sapevano
            benissimo anche loro "l'arma finale" della
            pedofilia è stata usata come scusa a bella posta
            per cercare di zittire chi avendo un briciolo di
            cervello faceva notare come stanno le
            cose!Siete tutti dei pedoXXXXXterrosatanisti! ;)
  • Sgabbio scrive:
    un'ottima notizia
    Hanno da subito capito l'inutilità dei filtri in questione, fanno più danno che altro. Speriamo che anche in italia capiscano la cosa.
  • attonito scrive:
    a prescindere dal caso particolare
    internet nasce per essere una rete "robusta": se butti giu un nodo, la rete resta in piedi. Come cavolo fai a bloccare tutto se non hai un controllo a livello planetario?
    • tucumcari scrive:
      Re: a prescindere dal caso particolare
      - Scritto da: attonito
      internet nasce per essere una rete "robusta": se
      butti giu un nodo, la rete resta in piedi. Come
      cavolo fai a bloccare tutto se non hai un
      controllo a livello
      planetario?Ma è semplice!Non ci riesci ma ci provi...E dopo un po' ti rendi conto che hai fatto un buco nell'acqua!Con i medesimi "benefici" pratici.Ma siccome il tedesco è un pochino "tetragono" di natura ma non poi così stupido magari dopo un po' ci arriva e si rende conto.Noi invece ch siamo il paese del "acca nisciuno è fesso" continuiamo imperterriti a battere la stessa via!Quello che mi chiedo è chi è il fesso che ha inventato la frase "acca nisciuno è fesso"!
      • unaDuraLezione scrive:
        Re: a prescindere dal caso particolare
        contenuto non disponibile
        • tucumcari scrive:
          Re: a prescindere dal caso particolare
          - Scritto da: unaDuraLezione
          - Scritto da: tucumcari


          Quello che mi chiedo è chi è il fesso che ha

          inventato la frase "acca nisciuno è

          fesso"!

          Un napoletano il cui vero nome è Ulisse?mmhhh...Ulisse non era abbastanza fesso da fare fesso anche se stesso.
Chiudi i commenti