UE, indagine sul prezzo degli ebook

Diversi editori online, Apple e il modello di agenzia al centro dell'inchiesta della Commissione Europea
Diversi editori online, Apple e il modello di agenzia al centro dell'inchiesta della Commissione Europea

Roma -La Commissione Europea ha aperto formalmente un’indagine sul settore ebook che ha coinvolto diversi editori e Apple.

Bruxelles aveva deciso a marzo di avviare delle indagini preliminari: ad attirare l’attenzione della Commissione era stata l’ipotesi che si fosse costituito un cartello atto a mantenere artificiosamente alti i prezzi nel settore .

La normativa europea in materia di concorrenza vieta la costituzione di cartelli e altre pratiche restrittive di un’attività commerciale: così le autorità avevano annunciato “ispezioni a sorpresa” presso gli uffici di vari editori sospettati in diversi paesi europei.

Il tutto si è ora risolto in una vera e propria accusa ufficiale: a dover spiegare le loro ragioni sono ora gli editori Hachette Livre, Harper Collins, Simon&Schuster, Penguin e Verlagsgruppe Georg von Holzbrinck proprietario tra l’altro della tedesca Macmillan).

La teoria dell’accusa suppone che questi, “forse con l’aiuto di Apple, abbiano adottato pratiche anti-competitive sulle vendite degli ebook”.

Il ruolo di Cupertino sarebbe legato al diffondersi del modello di prezzo di agenzia che, lasciando il controllo dei prezzi agli editori, avrebbe contribuito a produrre una situazione poco fluida: ben diversa da quella che vedeva Amazon adottare con gli editori un modello retail , in cui il rivenditore acquista i libri “all’ingrosso”, decidendo poi caso per caso il prezzo singolo di vendita.

La Commissione Europea “tratterà il caso come una questione prioritaria”.

Claudio Tamburrino

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Link copiato negli appunti