UE, MS pubblica i documenti antitrust

Il big di Redmond rilancia e per difendersi dall'arrocco delle autorità comunitarie ricorre ad una mossa a sorpresa: pubblicati online i documenti riservati usati nel caso antitrust. Alfiere in F7
Il big di Redmond rilancia e per difendersi dall'arrocco delle autorità comunitarie ricorre ad una mossa a sorpresa: pubblicati online i documenti riservati usati nel caso antitrust. Alfiere in F7


Bruxelles – Le autorità antitrust dell’Unione Europea devono fare i conti con la creatività dei dirigenti Microsoft: messi alle strette da una posizione molto decisa della Commissione Europea, questi ultimi hanno infatti deciso di ricorrere ad una sorta di arma finale , ovvero la pubblicazione su web della documentazione di difesa nel procedimento antitrust intentato dalla UE.

In una sezione dedicata del proprio sito, Microsoft sta pubblicando una notevole quantità di documentazione sul procedimento antitrust condotto nell’Unione Europea, un processo che ha già spinto l’azienda, come noto, a varare una nuova versione di Windows e a fornire ai propri competitor una mole di informazioni sullo stesso Windows, compreso il codice sorgente dei protocolli necessari a far girare al meglio il middleware sul sistema operativo.

La scelta ora di ricorrere alla pubblicazione su web di quei documenti rappresenta un’ulteriore atto d’accusa di Microsoft nei confronti delle autorità antitrust europee, che l’azienda ritiene poco trasparenti nel loro processo decisionale. Si tratta di un’ulteriore mossa in una partita a scacchi complicatissima che si gioca con molti pezzi: l’antitrust comunitario, la Corte di Giustizia europea, gli interessi di parte dei molti competitor di Microsoft, l’esperienza accumulata dell’azienda in questo genere di procedimenti, i repentini cambiamenti di un mercato in continuo movimento.

“La trasparenza – ha dichiarato ai reporter Horacio Gutierrez, legale di punta di MS in Europa – è di importanza vitale in quello che può essere invece un processo molto opaco che ha luogo a Bruxelles. Abbiamo deciso di pubblicizzarlo così ché tutti possano comprendere i temi in ballo”.

Nella documentazione che Microsoft pubblicherà online, che sarà priva soltanto dei segreti industriali che l’azienda ha dovuto rivelare alla Commissione, non saranno invece incluse le risposte della Commissione Europea . Stando a quanto riferito da Reuters , la Commissione ritiene che le proprie rilevazioni su Microsoft siano confidenziali , una posizione che agevola il tentativo di Microsoft di denunciare le procedure della Commissione stessa.
Come noto, l’Antitrust europeo sta valutando la possibilità di imporre all’azienda una multa da 2 milioni di euro al giorno , sanzione che verrebbe attivata qualora l’ente non si ritenesse soddisfatto dagli ultimi passi compiuti dall’azienda per adempiere alle richieste della Commissione.

Per il momento un portavoce della Commissione si è limitato a far sapere che “stiamo analizzando le risposte di Microsoft e solo dopo che l’azienda avrà avuto l’opportunità di presentare i propri argomenti all’audizione (che deve ancora essere fissata, ndr.) allora decideremo se imporre o no una multa giornaliera”.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

06 03 2006
Link copiato negli appunti