UE, nuove forme di reati informatici

Al vaglio una proposta per allargare la definizione di cybercrimini e stabilire pene più severe. Punibile anche il possesso di dispositivi destinati all'hacking

Roma – Il Comitato per le Libertà Civili del Parlamento Europeo ha approvato una proposta legislativa relativa agli attacchi informatici che adesso deve essere votato dagli organi europei.

Nella proposta si prevede di considerare reati diverse attività legate alle offensive perpetrate contro i sistemi informatici, partendo dal principio che un cyberattacco ad un sistema informatico costituisce, appunto, un crimine punito con la galera , dai 2 ai 5 anni. Pene più severe sono previste nei confronti di organizzazioni criminali vere e proprie, mentre si propone di non applicare una sanzione penale nel caso in cui, invece, “il danno conseguente all’attacco risulti insignificante”.

Tra le fattispecie da considerare crimini informatici vi sono “l’accesso illegale, l’interferenza o l’intercettazione di dati”, ma anche “l’utilizzo dell’identità elettronica altrui per commettere attacchi che causino pregiudizio al possessore originario dell’identità”.

Tra le nuove definizioni di reato si annovera anche il semplice “possesso di software e dispositivi per l’hacking”: ipotesi che renderebbe illegali di conseguenza anche quei sistemi atti a verificare la sicurezza informatica di un’azienda .

Nella proposta avanzata del Comitato vi è poi l’obbligo per le aziende di indicare un proprio responsabile legale, che risponderà nel caso di determinate azioni compiute nell’interesse dell’azienda (come per esempio nel caso di assunzione di un hacker per avere accesso al database di un concorrente), sia su sua diretta responsabilità che per sua mancanza di supervisione. Tra le pene comminate per l’azienda, anche “l’esclusione dal diritto di eventuali agevolazioni pubbliche o liquidazioni giudiziarie”.

La proposta di Direttiva Europea prevede inoltre l’obbligo da parte degli stati membri di dotarsi di forme adeguate di risposta alle emergenze, in modo tale da rispondere ad eventuali situazioni entro un massimo di otto ore e di prevenire la diffusione al di là dei propri confini degli attacchi informatici rilevati.

Claudio Tamburrino

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Passante scrive:
    Crisi e buone notizie
    La crisi non porta solo cattive notizie !http://video.repubblica.it/dossier/crisi-euro-merkozy/spagna-marijuana-contro-la-crisi/92380/90774
  • Basta Pirateria scrive:
    Le vere vittime
    Non credo che le vere "vittime" (che razza di termine, neanche stessimo parlando della perdita di vite umane) del copyright siano i siti scaricosi o pro-scarichini. Da quello che vedo la sola vittima è il mercato stesso: da una parte l'atteggiamento pirata che fornisce il pretesto per misure spesso esagerate che mettono in evidenza un sistema lobbystico, dall'altra gli anti major che prendono spunto da queste misure per argomentare pretestuose giustificazioni morali "per lo scaricaggio senza frontiere".Quello che ci rimette è il mercato lecito, fatto da gente comune che vorrebbe solo pagare un prezzo giusto per avere un po' di intrattenimento,
    • uno qualsiasi scrive:
      Re: Le vere vittime
      Lo scopo è proprio questo. Ricordati che il nostro obiettivo è proprio eliminare il mercato.Tieni presente che non è nemmeno un vero mercato, dal momento che non esiste libera concorrenza. Quindi, che vantaggio ci sarebbe a conservarlo?Immagina, per un attimo, che la scelta tocchi a noi, qui e adesso: tutelare il mercato dei beni digitali, o distruggerlo.Io propongo di farlo affondare, adducendo questa motivazione: sparirebbero i drm e i walled garden, e tutti i contenuti già esistenti diventerebbero gratuiti. La cultura diventerebbe accessibile a tutti, con modelli simili a wikipedia. Quindi, la distruzione del mercato avrebbe solo effetti positivi.Quali sono i tuoi argomenti, se tu invece desideri conservare il mercato?
      • Coerenzazer o scrive:
        Re: Le vere vittime

        Quali sono i tuoi argomenti, se tu invece
        desideri conservare il
        mercato?I miei argomenti sono che è dalla notte dei tempi che la gente vuole essere pagata per suo lavoro quindi, la tua idea, porterebbe solo ad un blocco della produzione. Specifichiamo anche che tu lo chiami "mercato dei beni digitali" ma in realtà non ti stanno vendendo un file, ti stanno vendendo un contenuto che è una cosa ben diversa.Detto questo, che si trovi pure un altro modo per pagare chi lavora, non si vuole più pagare un pochino tutti quanti? va bhè, si troverà il mecenate che pagherà tutto lui per far scaricare a te, oppure un filantropo che paghi gli artisti emergenti. Ci sono tanti ricchi al mondo no?
        • uno qualsiasi scrive:
          Re: Le vere vittime

          I miei argomenti sono che è dalla notte dei tempi
          che la gente vuole essere pagata per suo lavoro
          quindi, la tua idea, porterebbe solo ad un blocco
          della produzione.Io infatti sono assolutamente favorevole a questo: fermate pure la produzione.A me non interessa che la produzione continui, quindi non intendo finanziarla.

          Specifichiamo anche che tu lo chiami "mercato dei
          beni digitali" ma in realtà non ti stanno
          vendendo un file, ti stanno vendendo un contenuto
          che è una cosa ben
          diversa.
          Ne sei sicuro?Se mi stanno vendendo un contenuto, a chi appartiene il contenuto dopo che l'hanno venduto?Se il contenuto appartiene a me, sarò libero di duplicarlo e distribuirne quante copie voglio o no?
          Detto questo, che si trovi pure un altro modo per
          pagare chi lavora, non si vuole più pagare un
          pochino tutti quanti? va bhè, si troverà il
          mecenate che pagherà tutto lui per far scaricare
          a te, oppure un filantropo che paghi gli artisti
          emergenti. Ci sono tanti ricchi al mondo
          no?Il mecenatismo potrebbe essere un'ottima soluzione.
          • Coerenzazer o scrive:
            Re: Le vere vittime

            Io infatti sono assolutamente favorevole a
            questo: fermate pure la
            produzione.
            A me non interessa che la produzione continui,
            quindi non intendo
            finanziarla.
            Prendiamo atto che i paladini della libera diffusione della cultura sono pronti a mancare di coerenza ogni due per due pur di sostenere le loro idee.
          • krane scrive:
            Re: Le vere vittime
            - Scritto da: Coerenzazer o

            Io infatti sono assolutamente favorevole a

            questo: fermate pure la

            produzione.

            A me non interessa che la produzione
            continui,

            quindi non intendo

            finanziarla.




            Prendiamo atto che i paladini della libera
            diffusione della cultura sono pronti a mancare di
            coerenza ogni due per due pur di sostenere le
            loro
            idee.Prendiamo anche atto che le hai tagliate via quasi tutte senza commentarle ne' rispondere.
          • Coerenzazer o scrive:
            Re: Le vere vittime


            Prendiamo anche atto che le hai tagliate via
            quasi tutte senza commentarle ne'
            rispondere.Prendo atto che siete in due per tenere testa ad uno.Le altre le avevo già risposte o non meritano neppure le mia attenzione.
          • krane scrive:
            Re: Le vere vittime
            - Scritto da: Coerenzazer o

            Prendiamo anche atto che le hai tagliate via

            quasi tutte senza commentarle ne'

            rispondere.
            Prendo atto che siete in due per tenere testa ad
            uno.Si, uno ti tiene e l'altro ti picchia poverino...
            Le altre le avevo già risposte o non meritano
            neppure le mia attenzione.Se fossero cosi' autoevidenti le risposte non ti sentiresti in difficolta' a spiegarti.
          • Coerenzazer o scrive:
            Re: Le vere vittime


            Se fossero cosi' autoevidenti le risposte non ti
            sentiresti in difficolta' a
            spiegarti.Se fosse così evidente il tuo intelletto non avresti bisogno di chiedere spiegazioni.
          • krane scrive:
            Re: Le vere vittime
            - Scritto da: Coerenzazer o

            Se fossero cosi' autoevidenti le

            risposte non ti sentiresti in

            difficolta' a spiegarti.
            Se fosse così evidente il tuo intelletto non
            avresti bisogno di chiedere spiegazioni.Chi ha maggior intelletto e conoscienza dell'argomento dovrebbe essere in grado a spiegarlo a sua nonna, avanti...
          • Coerenzazer o scrive:
            Re: Le vere vittime

            Chi ha maggior intelletto e conoscienza
            dell'argomento dovrebbe essere in grado a
            spiegarlo a sua nonna,
            avanti...Fatto leggere i post a mia nonna, lei ha capito, tu no.
          • krane scrive:
            Re: Le vere vittime
            - Scritto da: Coerenzazer o

            Chi ha maggior intelletto e conoscienza

            dell'argomento dovrebbe essere in grado a

            spiegarlo a sua nonna, avanti...
            Fatto leggere i post a mia nonna, lei ha capito,
            tu no.Si si, stai tranquillo, ho capito anche io ora vai a prendere le tue medicine e stai calmo.
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: Le vere vittime

            Prendo atto che siete in due per tenere testa ad
            uno.E allora rispondi solo a uno, invece di fare la vittima.E comunque, stai mentendo, perchè con te c'è anche "basta pirateria" (che aveva scritto prima di me, tra l'altro), quindi siete due contro due.
            Le altre le avevo già risposte o non meritano
            neppure le mia
            attenzione.In altre parole: non sapevi come rispondere, e hai evitato di farlo.
          • Coerenzazer o scrive:
            Re: Le vere vittime
            - Scritto da: uno qualsiasi

            Prendo atto che siete in due per tenere
            testa
            ad

            uno.

            E allora rispondi solo a uno, invece di fare la
            vittima.
            E comunque, stai mentendo, perchè con te c'è
            anche "basta pirateria" (che aveva scritto prima
            di me, tra l'altro), quindi siete due contro due.

            bhè, non hai tutti i torti in effetti

            In altre parole: non sapevi come rispondere, e
            hai evitato di
            farlo.non sono tenuto a risponderti a tutto soprattutto quando sono solo provocazioni o cose che sai già benissimo da te.
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: Le vere vittime
            Allora ammetti di esserti sbagliato, se dici che so le cose meglio di te.
          • Basta Pirateria scrive:
            Re: Le vere vittime
            - Scritto da: uno qualsiasi[...]
            E comunque, stai mentendo, perchè con te c'è
            anche "basta pirateria" (che aveva scritto prima
            di me, tra l'altro), quindi siete due contro due.Scusami: io non sono "contro" nessuno e non condivido l'idea che sottintendi del dover avere ragione a tutti i costi.Si ragiona e ci si confronta. Punto. Io non la interpreto come una competizione di retorica.
          • panda rossa scrive:
            Re: Le vere vittime
            - Scritto da: Coerenzazer o



            Prendiamo anche atto che le hai tagliate via

            quasi tutte senza commentarle ne'

            rispondere.

            Prendo atto che siete in due per tenere testa ad
            uno.Tenere testa?Ma camomillati...Sei in minoranza. Non puoi pretendere di avere ragione.
            Le altre le avevo già risposte o non meritano
            neppure le mia
            attenzione.Esatto, quelle a cui hai risposto, non hai fornito risposte soddisfacenti.Alle altre non sai o non puoi rispondere, quindi le ignori.Tenere testa.... bah.
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: Le vere vittime
            Non mi sembra affatto di aver mancato di coerenza.In quale punto mi sarei contraddetto? Puoi indicarmelo?
          • Coerenzazer o scrive:
            Re: Le vere vittime
            - Scritto da: uno qualsiasi
            Non mi sembra affatto di aver mancato di coerenza.

            In quale punto mi sarei contraddetto? Puoi
            indicarmelo?no
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: Le vere vittime
            E allora la tua affermazione fatta qui:http://punto-informatico.it/b.aspx?i=3495675&m=3496270#p3496270è infondata.
          • Coerenzazer o scrive:
            Re: Le vere vittime
            - Scritto da: uno qualsiasi
            E allora la tua affermazione fatta qui:
            http://punto-informatico.it/b.aspx?i=3495675&m=349

            è infondata.La tua invece è da almanacco delle fesserie. Da annale proprio, da incorniciare direi: "blocchiamo la cultura perchè tanto a me non interessa", sottotitolo: "ho scaricato tanto di quella roba che non mi basta una vita per vederla/sentirla tutta, che me frega di altre cose".Una perla.
          • krane scrive:
            Re: Le vere vittime
            - Scritto da: Coerenzazer o
            - Scritto da: uno qualsiasi

            E allora la tua affermazione fatta qui:


            http://punto-informatico.it/b.aspx?i=3495675&m=349



            è infondata.


            La tua invece è da almanacco delle fesserie. Da
            annale proprio, da incorniciare direi:
            "blocchiamo la cultura perchè tanto a me non
            interessa", sottotitolo: "ho scaricato tanto di
            quella roba che non mi basta una vita per
            vederla/sentirla tutta, che me frega di altre
            cose".Semplice teoria dei giochi: la situazione puo' essere rappresentata sia come "Non Transferable Utility" sia "Transferable Utility", con tutte le conseguenze che le scelte implicano.La teoria dei giochi non e' che la scienza matematica che analizza situazioni di conflitto e ne ricerca soluzioni competitive e cooperative tramite modelli, come si sta facendo qua.
          • Coerenzazer o scrive:
            Re: Le vere vittime

            Semplice teoria dei giochi: la situazione puo'
            essere rappresentata sia come "Non Transferable
            Utility" sia "Transferable Utility", con tutte le
            conseguenze che le scelte
            implicano.
            La teoria dei giochi non e' che la scienza
            matematica che analizza situazioni di conflitto e
            ne ricerca soluzioni competitive e cooperative
            tramite modelli, come si sta facendo
            qua.Certo, vorrei proprio vedere se questa idea geniale la avesse avuta e realizzata qualche furbone 100 anni fa così a quest'ora non avevate niente da scambiarvi.
          • krane scrive:
            Re: Le vere vittime
            - Scritto da: Coerenzazer o

            Semplice teoria dei giochi: la situazione
            puo'

            essere rappresentata sia come "Non
            Transferable

            Utility" sia "Transferable Utility", con
            tutte
            le

            conseguenze che le scelte

            implicano.

            La teoria dei giochi non e' che la scienza

            matematica che analizza situazioni di
            conflitto
            e

            ne ricerca soluzioni competitive e
            cooperative

            tramite modelli, come si sta facendo

            qua.


            Certo, vorrei proprio vedere se questa idea
            geniale la avesse avuta e realizzata qualche
            furbone 100 anni fa così a quest'ora non avevate
            niente da scambiarvi.La nascita della moderna teoria dei giochi può essere fatta coincidere con l'uscita del libro "Theory of Games and Economic Behavior" di John von Neumann e Oskar Morgenstern nel 1944.
          • Coerenzazer o scrive:
            Re: Le vere vittime


            La nascita della moderna teoria dei giochi può
            essere fatta coincidere con l'uscita del libro
            "Theory of Games and Economic Behavior" di John
            von Neumann e Oskar Morgenstern nel
            1944.Ed io vorrei proprio che dal 1944 si fosse fermata la produzione di ogni musica, film o videogioco così come desiderato da "uno qualsiasi" e da te spalleggiato, così a quest'ora c'era la libera diffusione della divina commedia e dei promessi sposi e tutti erano felici.
          • panda rossa scrive:
            Re: Le vere vittime
            - Scritto da: Coerenzazer o



            La nascita della moderna teoria dei giochi
            può

            essere fatta coincidere con l'uscita del
            libro

            "Theory of Games and Economic Behavior" di
            John

            von Neumann e Oskar Morgenstern nel

            1944.


            Ed io vorrei proprio che dal 1944 si fosse
            fermata la produzione di ogni musica, film o
            videogioco così come desiderato da "uno
            qualsiasi" e da te spalleggiato, Ma siccome la creativita' umana non dipende dal mercato, la gente che sente il bisogno di creare opere continua a farlo incurante delle tue speranze.Invece sarebbero proprio le cagate commerciali, create al solo scopo di fare dollari, a non essere prodotte, con gran beneficio di tutti.
            così a quest'ora
            c'era la libera diffusione della divina commedia
            e dei promessi sposi e tutti erano
            felici.C'e' ancora la libera diffusione dei capolavori della letteratura italiana, per fortuna.
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: Le vere vittime

            Ed io vorrei proprio che dal 1944 si fosse
            fermata la produzione di ogni musica, film o
            videogiocovideogiochi nel 1944?Innanzi tutto, comunque, la produzione non si sarebbe fermata. I primi software erano liberi ed open source. Sarebbero esistiti comunque.E lo stesso vale per la musica: ci sarebbero state comunque le canzoni popolari e la musica classica, l'unica cosa che non sarebbe esistita sarebbero i tormentoni. E non sarebbe stato un male.
            così come desiderato da "uno
            qualsiasi" e da te spalleggiato, così a quest'ora
            c'era la libera diffusione della divina commedia
            e dei promessi sposi e tutti erano
            felici.Appunto. Non ci sarebbe fregato niente della mancata esistenza di alcune produzioni, visto che tanto nessuno le avrebbe mai pubblicizzate o avrebbe tentato di convincerci a vederle.E comunque, non credo che nessuno avrebbe prodotto nulla: la produzione c'era anche prima. Era più lenta, ma c'era.
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: Le vere vittime
            Siete voi che dite che i film non sono cultura ma intrattenimento, e se ne può fare a meno.Quindi, non finanziamoli.
          • Basta Pirateria scrive:
            Re: Le vere vittime
            - Scritto da: uno qualsiasi[...]
            Io infatti sono assolutamente favorevole a
            questo: fermate pure la
            produzione.
            A me non interessa che la produzione continui,
            quindi non intendo
            finanziarla.Non farlo, e soprattutto non acquistare (e per coerenza non fruire).Tieni presente che non sei rappresentativo, quindi non puoi pretendere che tutti gli altri la pensino come te.[...]

            Se il contenuto appartiene a me, sarò libero di
            duplicarlo e distribuirne quante copie voglio o
            no?No.Se ti vendo un paio di jeans sono i tuoi, ma - esattamente come per il dvd - non hai il diritto di duplicarlo e distribuire le copie a chi vuoi.

            Il mecenatismo potrebbe essere un'ottima
            soluzione.Non è mica vietato. Chi ha voglia di finanziare un'opera è liberissimo di farlo. Pensare che questa debba essere l'unica via significa tornare indietro, non evolvere.
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: Le vere vittime


            Non farlo, e soprattutto non acquistareNon acquisto, infatti. (e per
            coerenza non
            fruire).Sarebbe incoerente. Implicherebbe che per fruire io abbia bisogno del lavoro altrui, cosa non vera.
            Tieni presente che non sei rappresentativo,
            quindi non puoi pretendere che tutti gli altri la
            pensino come
            te.
            Non ho mai preteso una cosa del genere. Ma a giudicare da quanti scaricano, dubito di essere un caso isolato.
            [...]



            Se il contenuto appartiene a me, sarò libero
            di

            duplicarlo e distribuirne quante copie
            voglio
            o

            no?

            No.

            Se ti vendo un paio di jeans sono i tuoi, ma -
            esattamente come per il dvd - non hai il diritto
            di duplicarlo e distribuire le copie a chi
            vuoi.
            Falso. Ho tale diritto, mi basta non usare il tuo marchio.



            Il mecenatismo potrebbe essere un'ottima

            soluzione.

            Non è mica vietato. Chi ha voglia di finanziare
            un'opera è liberissimo di farlo. Pensare che
            questa debba essere l'unica via significa tornare
            indietro, non
            evolvere.
          • Basta Pirateria scrive:
            Re: Le vere vittime
            - Scritto da: uno qualsiasi



            Non farlo, e soprattutto non acquistare

            Non acquisto, infatti.

            (e per

            coerenza non

            fruire).

            Sarebbe incoerente. Implicherebbe che per fruire
            io abbia bisogno del lavoro altrui, cosa non
            vera.Troppo comodo: "prendo senza pagare perché ho deciso che è giusto così" è un discorso da pirata. Ma lo sai benissimo.


            Tieni presente che non sei rappresentativo,

            quindi non puoi pretendere che tutti gli
            altri
            la

            pensino come

            te.



            Non ho mai preteso una cosa del genere. Ma a
            giudicare da quanti scaricano, dubito di essere
            un caso
            isolato.E' il tuo volerlo considerare giusto e santo a renderti "un caso". Scaricare è divenuto un fenomeno di massa, ed è per questo motivo che lo stanno arginando rendendolo meno semplice (vedi chiusura dei MegaSiti).


            [...]





            Se il contenuto appartiene a me, sarò
            libero

            di


            duplicarlo e distribuirne quante copie

            voglio

            o


            no?



            No.



            Se ti vendo un paio di jeans sono i tuoi, ma
            -

            esattamente come per il dvd - non hai il
            diritto

            di duplicarlo e distribuire le copie a chi

            vuoi.


            Falso. Ho tale diritto, mi basta non usare il tuo
            marchio.Dimostralo allora (ti ricordo il caso Apple vs. Samsung). Secondo me ti sbagli.
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: Le vere vittime

            Troppo comodo: "prendo senza pagare perché ho
            deciso che è giusto così" è un discorso da
            pirata. Ma lo sai
            benissimo.Il discorso è: prendo senza pagare perchè non tolgo nulla a nessuno, e non faccio lavorare nessuno.Io ti pago in due casi: se ti tolgo qualcosa, o se fai un lavoro per me. Ma quando scarico non si verifica nessuno dei due casi. Quindi perchè dovrei pagare qualcuno?
            E' il tuo volerlo considerare giusto e santo a
            renderti "un caso". Scaricare è divenuto un
            fenomeno di massaEd appunto per questo va considerato giusto. (solito discorso del cartello "vietato fumare")
            , ed è per questo motivo che lo
            stanno arginando rendendolo meno semplice (vedi
            chiusura dei
            MegaSiti).Stanno provando ad arginarlo, ma senza riuscirci. Perchè è impossibile.

            Falso. Ho tale diritto, mi basta non usare
            il
            tuo

            marchio.

            Dimostralo allora (ti ricordo il caso Apple vs.
            Samsung). Secondo me ti
            sbagli.Intanto la samsung continua a vendere.
          • Basta Pirateria scrive:
            Re: Le vere vittime
            - Scritto da: uno qualsiasi[...]
            Ed appunto per questo va considerato giusto.
            (solito discorso del cartello "vietato
            fumare")Il discorso del cartello è una panzana. Infatti i luoghi in cui è proibito e sanzionato il fumo sono aumentati parecchio negli ultimi dieci anni in barba ai fumatori.Non sarà il caso di iniziare a rinnovarli questi esempi?
          • Sgabbio scrive:
            Re: Le vere vittime
            (rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: Le vere vittime
            Solo perchè sono calati di numero i fumatori.
          • Basta Pirateria scrive:
            Re: Le vere vittime
            - Scritto da: uno qualsiasi
            Solo perchè sono calati di numero i fumatori.Ma cosa dici?Il buon senso (ed una maggiore attenzione alle spese per l'assistenza sanitaria nazionale) ha fatto in modo che il diritto dei fumatori di fumare dove volevano venisse messo in secondo piano rispetto al diritto dei non fumatori di non respirarsi il loro fumo.L'esempio del cartello e dei fumatori non regge. E' ora che lo cambi.
          • Sgabbio scrive:
            Re: Le vere vittime
            (rotfl)(rotfl)(rotfl)
          • Basta Pirateria scrive:
            Re: Le vere vittime
            - Scritto da: Sgabbio
            (rotfl)(rotfl)(rotfl) (rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: Le vere vittime

            Non è mica vietato. Chi ha voglia di finanziare
            un'opera è liberissimo di farlo. Pensare che
            questa debba essere l'unica via significa tornare
            indietro, non
            evolvere.Dimenticavo: e quali sarebbero le altre vie? COSTRINGERE a finanziare un'opera che non vuoi?
          • Dottor Stranamore scrive:
            Re: Le vere vittime
            - Scritto da: uno qualsiasi
            A me non interessa che la produzione continui,
            quindi non intendo
            finanziarla.
            E' l'atteggiamento del parassita. Consuma e basta senza contribuire in alcun modo.
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: Le vere vittime
            Nessuno consuma. Il consumo porta all'esaurimento, la copia no.
      • Allibito scrive:
        Re: Le vere vittime
        - Scritto da: uno qualsiasi
        Lo scopo è proprio questo. Ricordati che il
        nostro obiettivo è proprio eliminare il
        mercato.

        Tieni presente che non è nemmeno un vero mercato,
        dal momento che non esiste libera concorrenza.
        Quindi, che vantaggio ci sarebbe a
        conservarlo?

        Immagina, per un attimo, che la scelta tocchi a
        noi, qui e adesso: tutelare il mercato dei beni
        digitali, o
        distruggerlo.

        Io propongo di farlo affondare, adducendo questa
        motivazione: sparirebbero i drm e i walled
        garden, e tutti i contenuti già esistenti
        diventerebbero gratuiti. La cultura diventerebbe
        accessibile a tutti, con modelli simili a
        wikipedia. Quindi, la distruzione del mercato
        avrebbe solo effetti
        positivi.

        Quali sono i tuoi argomenti, se tu invece
        desideri conservare il
        mercato?Un pò come dire "spesa proletaria per tutti" pensando di rendere facile l'acXXXXX ai beni. Un mercato non funziona così, c'è chi crea e produce che si aspetta un riconoscimento per il lavoro fatto, come tu ti aspetti uno stipendio dopo aver svolto il tuo lavoro. Credi che sia costruttivo saccheggiare il lavoro di cui ti occupi e rendere la tua presenza inopportuna? Wiky ha fatto una scelta, come l'ha fatta il tubo, FB o Google, non producono e rendono un servizio che è stato ideato free. E' diverso da chi crea di suo e i tre colossi citati, in realtà non creano nulla. Una scelta simile può spettare solo all'autore di un'opera e non ad altri
        • uno qualsiasi scrive:
          Re: Le vere vittime

          Un pò come dire "spesa proletaria per tutti"
          pensando di rendere facile l'acXXXXX ai beni.In un certo senso...
          Un
          mercato non funziona cosìInfatti non sarebbe un mercato. Non hai fatto attenzione a quello che ho scritto? Io propongo di eliminare il mercato dei contenuti digitali.
          , c'è chi crea e produce
          che si aspetta un riconoscimento per il lavoro
          fatto,Che continui ad aspettare, allora.
          come tu ti aspetti uno stipendio dopo aver
          svolto il tuo lavoro.Se non ricevo uno stipendio, semplicemente smetto di lavorare. E quando chi ha bisogno del mio lavoro mi chiama, io gli dico che non muovo un dito per lui finchè non mi salda i pagamenti arretrati. Ha sempre funzionato, con i clienti insolventi.
          Credi che sia costruttivo
          saccheggiare il lavoro di cui ti occupi e rendere
          la tua presenza inopportuna? Se inventi una macchina che riesce a fare il mio lavoro da sola, e gratis, io sono pronto a farmi da parte.
          Wiky ha fatto una
          scelta, come l'ha fatta il tubo, FB o Google, non
          producono e rendono un servizio che è stato
          ideato free.I contenuti di wiki vengono comunque creati. Lo stesso vale per i contenuti di FB. E Google è riuscito a creare contenuti come StreetView, quindi come fai a dire che non produce?
          E' diverso da chi crea di suo e i
          tre colossi citati, in realtà non creano nulla.Falso. Google ha creato progetti come StreetView.Wikipedia... hai visto quanta roba ha creato (anzi, ABBIAMO creato, perchè siamo stati anche noi utenti a farlo: anche io ho posato il mio mattone)
          Una scelta simile può spettare solo all'autore di
          un'opera e non ad
          altriL'autore ha il diritto di scegliere se pubblicare la sua opera o meno.Ma se ha dato la sua opera a qualcuno, poi non può lamentarsi se l'opera viene ceduta a un terzo.Se l'autore ha fatto la scelta di pubblicare, non può tornare indietro: esattamente come tu, se ti butti in mare, non puoi decidere mentre stai cadendo in acqua che hai cambiato idea.
  • zerobyte scrive:
    fino a quando...
    ...dopo aver lottato a suon di avvocati e giudici, faran chiudere buona parte dei siti web.Dopo la dura lotta tra bene e male, avran speso milioni in leggi e leggine da far passare nei vari parlamenti internazionali, e solo allora, quando le vendite non subiranno incrementi, capiranno che han solo perso soldi, tempo e fama.Fateli lottare, fategli anche chiudere tutti i siti di questo mondo, chi non vuol PAGARE, non paga.Se uno non e' disposto a spendere 20 euro per un disco di plastica, non lo sarà comunque disposto se tale materiale non e' reperibile in rete.Non parliamo di cibo o aria, parliamo di materiale ludico, materiale che puo' essere benissimo ignorato dalla gente.Fate tutte le guerre che volete, spendete tutti i miliardi che volete, non avrete 1 centesimo di rientro da queste vostre lotte contro i mulini a vento.
    • pentolino scrive:
      Re: fino a quando...
      parole sante, ma se uno parte dal postulato (perché di tale si tratta) che recita "copia scaricata abusivamente = mancato acquisto" è inevitabile che perda tempo in queste inutili idiozie
    • ospite scrive:
      Re: fino a quando...
      - Scritto da: zerobyte
      Dopo la dura lotta tra bene e male, avran speso
      milioni in leggi e leggine da far passare nei
      vari parlamenti internazionali, e solo allora,
      quando le vendite non subiranno incrementi,
      capiranno che han solo perso soldi, tempo e
      fama.C'e' già la Francia con il suo HADOPI (o come si chiama) a testimoniarlo, in un articolo apparso qualche giorno fa (non ricordo il link) a fronte di una diminuzione sostanziale della pirateria non c'è stato alcun incremento delle vendite legali.
    • Coerenzazer o scrive:
      Re: fino a quando...

      Se uno non e' disposto a spendere 20 euro per un
      disco di plastica, non lo sarà comunque disposto
      se tale materiale non e' reperibile in
      rete.Veramente a te non interessa il disco di plastica, non è per quello che paghi i 20 euro, è per il contenuto del disco di plastica che ti chiedono i soldi. A meno che tu non riesca a scaricare da internet dischi di plastica.
      Non parliamo di cibo o aria, parliamo di
      materiale ludico, materiale che puo' essere
      benissimo ignorato dalla
      gente.
      Si puà talmente rinunciare che gente come te sfida ogni giorno la legge pur di avere tutte le sciocchezze possibili ed immaginabili nel proprio computer
      Fate tutte le guerre che volete, spendete tutti i
      miliardi che volete, non avrete 1 centesimo di
      rientro da queste vostre lotte contro i mulini a
      vento.Invece li stanno già avendo i rientri, questo è il problema. Più controlli più vendite, loro si fanno forti di questo e gente come te ci casca in pieno in questo giochetto.
      • uno qualsiasi scrive:
        Re: fino a quando...

        Veramente a te non interessa il disco di
        plastica, non è per quello che paghi i 20 euro, è
        per il contenuto del disco di plastica che ti
        chiedono i soldi. A meno che tu non riesca a
        scaricare da internet dischi di
        plastica.
        Ma a chi appartiene tale contenuto?Perchè se il mio vicino di casa lo compra, appartiene a lui: e se lui me ne vuole regalare una copia, non ho più bisogno di comprarla.
        Invece li stanno già avendo i rientri, questo è
        il problema. Più controlli più vendite, loro si
        fanno forti di questo e gente come te ci casca in
        pieno in questo
        giochetto.A me le vendite sembrano in calo.
        • Coerenzazer o scrive:
          Re: fino a quando...

          Ma a chi appartiene tale contenuto?
          Perchè se il mio vicino di casa lo compra,
          appartiene a lui: e se lui me ne vuole regalare
          una copia, non ho più bisogno di
          comprarla.
          Ma è proprio quello il punto, lui non compra il contenuto ma il "permesso" di ascoltarlo. Giusto o sbagliato non sta a me dirlo, personalmente mi sembra un buon compromesso per avere un prezzo accessibile (che comunque andrebbe rivisto al ribasso). Nessuno ti vieta di chiedere al tuo cantante preferito di scriverti e incederiu un album pagando tutto tu e poi lo metti nel circuito del p2pcomunque, non vedo molta gente che lo fa, chissà perchè.

          A me le vendite sembrano in calo.Dove? dove c'è pirateria o dove ci sono contromisure?
          • krane scrive:
            Re: fino a quando...
            - Scritto da: Coerenzazer o

            Ma a chi appartiene tale contenuto?

            Perchè se il mio vicino di casa lo compra,

            appartiene a lui: e se lui me ne vuole
            regalare

            una copia, non ho più bisogno di

            comprarla.
            Ma è proprio quello il punto, lui non compra il
            contenuto ma il "permesso" di ascoltarlo.Sara', ma da quando la gente ha scoperto questa cosa non va piu' nei negozi a comprare, quindi comprare il "permesso di ascolto" semplicemente alla gente non interessa: o me lo fai sentire aggratisse o mi vendi il brano (non il permesso di ascolto) oppure suk/*
          • Coerenzazer o scrive:
            Re: fino a quando...

            Sara', ma da quando la gente ha scoperto questa
            cosa non va piu' nei negozi a comprare, quindi
            comprare il "permesso di ascolto" semplicemente
            alla gente non interessa: o me lo fai sentire
            aggratisse o mi vendi il brano (non il permesso
            di ascolto) oppure
            suk/*Sarà ma la gente pirata tanto da quando esiste il nastro e tantissimo da quando esiste internet, non è cambiata la percezione della gente ma la possibilità tecnica, se non ci arrivi è affar tuo.
          • krane scrive:
            Re: fino a quando...
            - Scritto da: Coerenzazer o

            Sara', ma da quando la gente ha

            scoperto questa cosa non va piu'

            nei negozi a comprare, quindi

            comprare il "permesso di ascolto"

            semplicemente alla gente non

            interessa: o me lo fai sentire

            aggratisse o mi vendi il brano

            (non il permesso di ascolto) oppure

            suk/*
            Sarà ma la gente pirata tanto da quando
            esiste il nastroVeramente si piratava gia' dal vinile.Solo che non c'erano i partiti pirata.
            e tantissimo da quando
            esiste internet, non è cambiata la
            percezione della gente ma la possibilità
            tecnica, se non ci arrivi è affar tuo.E invece e' cambiata, e se non ci arrivi e' affar tuo, cicca cicca cicca tie'.
          • Coerenzazer o scrive:
            Re: fino a quando...


            Veramente si piratava gia' dal vinile.
            Solo che non c'erano i partiti pirata.
            Si si, tutti a copiarsi il vinile, sono piano a casa di copie di vinili copie di altri vinili

            E invece e' cambiata, e se non ci arrivi e' affar
            tuo, cicca cicca cicca
            tie'.adesso ho capito, stai solo scherzando.
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: fino a quando...
            Mai copiato un vinile su cassetta?
          • Coerenzazer o scrive:
            Re: fino a quando...
            - Scritto da: uno qualsiasi
            Mai copiato un vinile su cassetta?Ed io cosa ho scritto? da quando ci sono i nastri! Ai tempi di mio padre il nastro non c'era, c'era il mangiadischi e basta.
          • krane scrive:
            Re: fino a quando...
            - Scritto da: Coerenzazer o

            Veramente si piratava gia' dal vinile.

            Solo che non c'erano i partiti pirata.
            Si si, tutti a copiarsi il vinile, sono
            piano a casa di copie di vinili copie
            di altri viniliNei paesi dell'est si faceva molto usando le radiografie, mentre qua potevamo permetterci stamperie clandestine con gli imitatori :D

            E invece e' cambiata, e se non ci

            arrivi e' affar tuo, cicca cicca cicca

            tie'.
            adesso ho capito, stai solo scherzando.Stavo cercando di esprimermi in un modo che tu potessi comprendere, avendo visto la tua capacita' comunicativa degna delle scuole elementari; non fai che continuare a dire che non hai bisogno di spiegare le tue idee ne' di spiegare perche' quelle altrui sono errate; forse, semplicemente, non ne hai.
          • Coerenzazer o scrive:
            Re: fino a quando...


            Nei paesi dell'est si faceva molto usando le
            radiografie, mentre qua potevamo permetterci
            stamperie clandestine con gli imitatori
            :D
            ti ripeto: pieno il mondo di vinili copiati

            Stavo cercando di esprimermi in un modo che tu
            potessi comprendere, avendo visto la tua
            capacita' comunicativa degna delle scuole
            elementari; non fai che continuare a dire che non
            hai bisogno di spiegare le tue idee ne' di
            spiegare perche' quelle altrui sono errate;
            forse, semplicemente, non ne
            hai.Non sono qua per esprimere le mie idea ma divertirmi a vedere come girate in tondo al discorso pur di affermare le vostre. Da qui il nickname.Le mie idee, visto che ci tieni a saperle, sono:- boicottaggio- copyright ridotto a 5 anni senza trucchi per estenderlo
          • krane scrive:
            Re: fino a quando...
            - Scritto da: Coerenzazer o



            Nei paesi dell'est si faceva molto usando le

            radiografie, mentre qua potevamo permetterci

            stamperie clandestine con gli imitatori

            :D




            ti ripeto: pieno il mondo di vinili copiatiSi, li trovi in aluni musei di roma, c'e' una grossa collezione portata in giro anche dal movimento Re-cicle che mostra come si utilizzavano le radiografie allo scopo in russia, ci sono parecchie radiografie toraciche riciclate e diventate dischi di Jimi Hendrix che in russia era proibito.

            Stavo cercando di esprimermi in un modo che
            tu

            potessi comprendere, avendo visto la tua

            capacita' comunicativa degna delle scuole

            elementari; non fai che continuare a dire
            che
            non

            hai bisogno di spiegare le tue idee ne' di

            spiegare perche' quelle altrui sono errate;

            forse, semplicemente, non ne

            hai.

            Non sono qua per esprimere le mie idea ma
            divertirmi a vedere come girate in tondo al
            discorso pur di affermare le vostre.E non ti sembra normale che anche gli altri siano qua per lo stesso motivo ? (rotfl)(rotfl)(rotfl)
            Da qui il
            nickname.
            Le mie idee, visto che ci tieni a saperle, sono:
            - boicottaggio
            - copyright ridotto a 5 anni senza trucchi per
            estenderlo
          • Coerenzazer o scrive:
            Re: fino a quando...

            Si, li trovi in aluni musei di roma, c'e' una
            grossa collezione portata in giro anche dal
            movimento Re-cicle che mostra come si
            utilizzavano le radiografie allo scopo in russia,
            ci sono parecchie radiografie toraciche riciclate
            e diventate dischi di Jimi Hendrix che in russia
            era
            proibito.Nei musei? ma no dai, in ogni casa c'è almeno un vinile copiato, esattamente come mp3 scaricati o cassettine copiate.

            E non ti sembra normale che anche gli altri siano
            qua per lo stesso motivo ?
            (rotfl)(rotfl)(rotfl)
            certo, è questo il divertente, vedere a che mondo aspiri certa gente pur di non pagare
          • krane scrive:
            Re: fino a quando...
            - Scritto da: Coerenzazer o

            Si, li trovi in aluni musei di roma, c'e' una

            grossa collezione portata in giro anche dal

            movimento Re-cicle che mostra come si

            utilizzavano le radiografie allo scopo in
            russia,

            ci sono parecchie radiografie toraciche
            riciclate

            e diventate dischi di Jimi Hendrix che in
            russia

            era

            proibito.


            Nei musei? ma no dai, in ogni casa c'è almeno un
            vinile copiato, esattamente come mp3 scaricati o
            cassettine copiate.

            E non ti sembra normale che anche gli altri
            siano

            qua per lo stesso motivo ?

            (rotfl)(rotfl)(rotfl)
            certo, è questo il divertente, vedere a che mondo
            aspiri certa gente pur di non pagareAspirare che ??? Non pagare che ? Ma sei su un forum gratuito lo sai ?Che sei cocainomane che aspiri ?
          • Coerenzazer o scrive:
            Re: fino a quando...

            Aspirare che ??? Non pagare che ? Ma sei su un
            forum gratuito lo sai
            ?
            Che sei cocainomane che aspiri ?Per taluni le idee che scrivono corrispondono a quello che pensano e quini aspirano nella vita, se per te non è così va bene, adesso so in che chiave leggere i tuoi commenti che sono sempre più fuori luogo tra l'altro.
          • panda rossa scrive:
            Re: fino a quando...
            - Scritto da: Coerenzazer o

            Per taluni le idee che scrivono corrispondono a
            quello che pensano e quini aspirano nella vita,
            se per te non è così va bene, adesso so in che
            chiave leggere i tuoi commenti che sono sempre
            più fuori luogo tra
            l'altro. :-o
          • krane scrive:
            Re: fino a quando...
            - Scritto da: Coerenzazer o

            Aspirare che ??? Non pagare che ? Ma

            sei su un forum gratuito lo sai ?

            Che sei cocainomane che aspiri ?
            Per taluni le idee che scrivono corrispondono a
            quello che pensano e quini aspirano nella vita,
            se per te non è così va bene, adesso so in che
            chiave leggere i tuoi commenti che sono sempre
            più fuori luogo tra l'altro.Essendo risposte a uno che per sua stessa ammissione : "Non sono qua per esprimere le mie idea ma divertirmi a vedere come girate in tondo al discorso", capisci che non e' che se ne esca tanto...
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: fino a quando...
            - Scritto da: Coerenzazer o



            Nei paesi dell'est si faceva molto usando le

            radiografie, mentre qua potevamo permetterci

            stamperie clandestine con gli imitatori

            :D




            ti ripeto: pieno il mondo di vinili copiati




            Stavo cercando di esprimermi in un modo che
            tu

            potessi comprendere, avendo visto la tua

            capacita' comunicativa degna delle scuole

            elementari; non fai che continuare a dire
            che
            non

            hai bisogno di spiegare le tue idee ne' di

            spiegare perche' quelle altrui sono errate;

            forse, semplicemente, non ne

            hai.

            Non sono qua per esprimere le mie idea ma
            divertirmi a vedere come girate in tondo al
            discorso pur di affermare le vostre. Da qui il
            nickname.
            Le mie idee, visto che ci tieni a saperle, sono:
            - boicottaggio
            - copyright ridotto a 5 anni senza trucchi per
            estenderloIl boicottaggio significa non comprare. E se scarichi non compri.
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: fino a quando...


            Ma è proprio quello il punto, lui non compra il
            contenuto No? Un attimo fa avevi detto di sì, e lo hai detto in due post. Ti contraddici da solo (è per questo che ti fai chiamare "coerenza zero"?)ma il "permesso" di ascoltarlo. GiustoIl "permesso" non mi serve, visto che posso ascoltare il brano anche senza, e la legge me lo consente.Se vendi solo il "permesso",vendi una merce priva di valore.
            o sbagliato non sta a me dirlo, personalmente mi
            sembra un buon compromesso per avere un prezzo
            accessibile (che comunque andrebbe rivisto al
            ribasso).Era un buon compromesso trenta anni fa. Oggi il download è un compromesso migliore
            perchè.




            A me le vendite sembrano in calo.


            Dove? dove c'è pirateria o dove ci son
            contromisure?Ovunque
          • Coerenzazer o scrive:
            Re: fino a quando...


            No? Un attimo fa avevi detto di sì, e lo hai
            detto in due post. Ti contraddici da solo (è per
            questo che ti fai chiamare "coerenza
            zero"?)
            "Comprare un cd" è un modo di dire, non è quello che fai legalmente. Ci fai o ci sei?
            ma il "permesso" di ascoltarlo. Giusto

            Il "permesso" non mi serve, visto che posso
            ascoltare il brano anche senza, e la legge me lo
            consente.e allora fallo, che problemi hai? anche io m iascolto u nsacco di roba su youtube o alla radio senza nessun bisogno di permesso.


            Se vendi solo il "permesso",vendi una merce priva
            di
            valore.si certo, per la tua testolina che pensa "vedere cammello dare soldi", ad esempio quando posteggi a pagamento cosa compri? il terreno?


            Era un buon compromesso trenta anni fa. Oggi il
            download è un compromesso
            miglioreSu questo sono più che d'accordo. Bisogna solo trovare un modo per garantire che tutti siano soddisfatti eliminado la sanguisughe. Il tutto

            OvunqueAllora non è vero che la pirateria fa aumentare le vendite come dice qualche studio?
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: fino a quando...
            - Scritto da: Coerenzazer o



            No? Un attimo fa avevi detto di sì, e lo hai

            detto in due post. Ti contraddici da solo (è
            per

            questo che ti fai chiamare "coerenza

            zero"?)



            "Comprare un cd" è un modo di dire, non è quello
            che fai legalmente. Ci fai o ci
            sei?Ok, cito le tue frasi esatte: <i
            in realtà non ti stanno vendendo un file, ti stanno vendendo un contenuto che è una cosa ben diversa. </i
            scritto qui: http://punto-informatico.it/b.aspx?i=3495675&m=3496199#p3496199Lo ribadisci: <i
            è per il contenuto del disco di plastica che ti chiedono i soldi </i
            scritto qui: http://punto-informatico.it/b.aspx?i=3495675&m=3496192#p3496192E poi affermi l'esatto contrario: <i
            Ma è proprio quello il punto, lui non compra il contenuto ma il "permesso" di ascoltarlo. </i
            scritto qui: http://punto-informatico.it/b.aspx?i=3495675&m=3496267#p3496267Quindi, ti contraddici. Le tue frasi sono molto chiare, esplicite, e non sono modi di dire.



            ma il "permesso" di ascoltarlo. Giusto



            Il "permesso" non mi serve, visto che posso

            ascoltare il brano anche senza, e la legge
            me
            lo

            consente.

            e allora fallo, che problemi hai? anche io m
            iascolto u nsacco di roba su youtube o alla radio
            senza nessun bisogno di
            permesso.Infatti: e da youtube posso ricavare i files mp3. Allo stesso modo posso farlo dalla radio. O posso scaricarmeli già fatti.Quindi, non ha senso che qualcuno li venda.

            Se vendi solo il "permesso",vendi una merce
            priva

            di

            valore.

            si certo, per la tua testolina che pensa "vedere
            cammello dare soldi", ad esempio quando posteggi
            a pagamento cosa compri? il terreno?Pago per lo spazio (che tolgo a qualcun altro, perchè altri non potranno parcheggiare lì) e per il servizio di sorveglianza della macchina (in un parcheggio coperto la macchina è al riparo, e ci sono le telecamere).








            Era un buon compromesso trenta anni fa. Oggi
            il

            download è un compromesso

            migliore

            Su questo sono più che d'accordo. Bisogna solo
            trovare un modo per garantire che tutti siano
            soddisfatti eliminado la sanguisughe. Appunto. E le uniche soluzioni sono il mecenatismo, o le libere donazioni.
            Allora non è vero che la pirateria fa aumentare
            le vendite come dice qualche
            studio?Io non ho mai creduto una cosa del genere. La pirateria fa aumentare le vendite dei gadget, ed a volte dei suporti fisici (magari compri un film già visto per avere il cofanetto originale), certo non dei contenuti.
          • Coerenzazer o scrive:
            Re: fino a quando...
            - Scritto da: uno qualsiasi
            - Scritto da: Coerenzazer o





            No? Un attimo fa avevi detto di sì, e
            lo
            hai


            detto in due post. Ti contraddici da
            solo


            per


            questo che ti fai chiamare "coerenza


            zero"?)






            "Comprare un cd" è un modo di dire, non è
            quello

            che fai legalmente. Ci fai o ci

            sei?

            Ok, cito le tue frasi esatte:
            <i
            in realtà non ti stanno vendendo un
            file, ti stanno vendendo un contenuto che è una
            cosa ben diversa. </i


            scritto qui:
            http://punto-informatico.it/b.aspx?i=3495675&m=349

            Lo ribadisci:
            <i
            è per il contenuto del disco di
            plastica che ti chiedono i soldi </i


            scritto qui:
            http://punto-informatico.it/b.aspx?i=3495675&m=349

            E poi affermi l'esatto contrario: <i
            Ma è
            proprio quello il punto, lui non compra il
            contenuto ma il "permesso" di ascoltarlo.
            </i


            scritto qui:
            http://punto-informatico.it/b.aspx?i=3495675&m=349

            Quindi, ti contraddici. Le tue frasi sono molto
            chiare, esplicite, e non sono modi di
            dire.
            Sai meglio di me come funziona il sistema, stai solo cercando di farmi perdere tempo in dettagli per levarlo alla sostanza.

            Infatti: e da youtube posso ricavare i files mp3.
            Allo stesso modo posso farlo dalla radio. O posso
            scaricarmeli già
            fatti.

            Quindi, non ha senso che qualcuno li venda.
            Ed a te che te frega se qualcuno li vende? continua a fare quello che hai scritto siamo tutti felici. Nell'articolo di PI non si sta parlando di chiudere le radio o youtube quindi che problemi hai?

            Pago per lo spazio (che tolgo a qualcun altro,
            perchè altri non potranno parcheggiare lì) e per
            il servizio di sorveglianza della macchina (in un
            parcheggio coperto la macchina è al riparo, e ci
            sono le
            telecamere).Quindi finchè il parcheggio non è pieno si può parcheggiare gratis? finchè non c'è coda fuori dal parcheggio io non levo spazio a nessuno no? e le migliaia di parcheggi comunali senza copertura e telecamere dovrebbero essre gratis quindi?dovrebbero fare anche il partito posteggio allora perchè a me sembra un abuso visti i termini della concessione.

            Appunto. E le uniche soluzioni sono il
            mecenatismo, o le libere
            donazioni.
            si, l'importante è che sia qualcun altro a pagare giusto?

            Io non ho mai creduto una cosa del genere. La
            pirateria fa aumentare le vendite dei gadget, ed
            a volte dei suporti fisici (magari compri un film
            già visto per avere il cofanetto originale),
            certo non dei
            contenuti.va bene, prendo atto che la tua opinione a riguardo è che in effetti la pirateria fa calare le vendite allora.
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: fino a quando...

            Sai meglio di me come funziona il sistema, stai
            solo cercando di farmi perdere tempo in dettagli
            per levarlo alla sostanza.

            Certo che lo so meglio di te, tu hai dimostrato di non saperlo.E io so anche che il sistema non funziona, e va eliminato.


            Ed a te che te frega se qualcuno li vende?
            continua a fare quello che hai scritto siamo
            tutti felici. Nell'articolo di PI non si sta
            parlando di chiudere le radio o youtube quindi
            che problemi
            hai?Quindi continuiamo a scaricare.




            Pago per lo spazio (che tolgo a qualcun
            altro,

            perchè altri non potranno parcheggiare lì) e
            per

            il servizio di sorveglianza della macchina
            (in
            un

            parcheggio coperto la macchina è al riparo,
            e
            ci

            sono le

            telecamere).


            Quindi finchè il parcheggio non è pieno si può
            parcheggiare gratis? finchè non c'è coda fuori
            dal parcheggio io non levo spazio a nessuno no? e
            le migliaia di parcheggi comunali senza copertura
            e telecamere dovrebbero essre gratis
            quindi?
            dovrebbero fare anche il partito posteggio allora
            perchè a me sembra un abuso visti i termini della
            concessione.




            Appunto. E le uniche soluzioni sono il

            mecenatismo, o le libere

            donazioni.



            si, l'importante è che sia qualcun altro a pagare
            giusto?
            Oppure che non paghi nessuno. Fai cosa preferisci.




            Io non ho mai creduto una cosa del genere. La

            pirateria fa aumentare le vendite dei
            gadget,
            ed

            a volte dei suporti fisici (magari compri un
            film

            già visto per avere il cofanetto originale),

            certo non dei

            contenuti.

            va bene, prendo atto che la tua opinione a
            riguardo è che in effetti la pirateria fa calare
            le vendite
            allora.
          • panda rossa scrive:
            Re: fino a quando...
            - Scritto da: Coerenzazer o
            Sai meglio di me come funziona il sistema, stai
            solo cercando di farmi perdere tempo in dettagli
            per levarlo alla sostanza.Se ritieni di stare perdendo tempo, sappi che qui nessuno ti trattiene.Se invece intendi esternare meglio il tuo pensiero, fallo, ma non lamentarti se ogni tua contraddizione viene evidenziata, visto che l'idea che intendi esprimere e' contraddittoria alla base.Il concetto e' molto semplice e riassumibile come segue:1) SIAMO LIBERI DI COMUNICARE2) NON SIAMO LIBERI DI COMUNICAREQualunque vincolo che venga messo al concetto 1) rende automaticamente vero il concetto 2)Io e molti altri qui dentro ci battiamo affinche' il concetto 1) sia vero.Tu no.
            Ed a te che te frega se qualcuno li vende?Niente, se li vende e basta.Mi frega se quello che li vende mi obbliga a comprarli da lui o ciccia.
            continua a fare quello che hai scritto siamo
            tutti felici. Nell'articolo di PI non si sta
            parlando di chiudere le radio o youtube quindi
            che problemi hai?L'articolo parla di liberta' negate.E di questo stiamo discutendo, se sia giusto negare alla moltitudine liberta' e diritti, per garantire l'arricchimento di pochi parassiti.
            Quindi finchè il parcheggio non è pieno si può
            parcheggiare gratis? In un parcheggio con spazio infinito si parcheggia gratis.Inoltre molti parcheggi offrono anche un servizio di custodia (che si paga).
            finchè non c'è coda fuori
            dal parcheggio io non levo spazio a nessuno no? e
            le migliaia di parcheggi comunali senza copertura
            e telecamere dovrebbero essre gratis
            quindi?Quelli sono compresi nella tassa di circolazione che comprende l'occupazione di suolo pubblico.In ogni caso nulla vieta al comune di far pagare qualunque parcheggio.Se non ti fa pagare devi ringraziare, e non ritenerlo un diritto acquisito.
            dovrebbero fare anche il partito posteggio allora
            perchè a me sembra un abuso visti i termini della
            concessione.Fallo, se ritieni che l'idea sia valida.Io saro' contro di te.



            Appunto. E le uniche soluzioni sono il

            mecenatismo, o le libere

            donazioni.



            si, l'importante è che sia qualcun altro a pagare
            giusto?Non a pagare, ma a mettere l'artista nelle condizioni migliori per creare nuove opere.



            Io non ho mai creduto una cosa del genere. La

            pirateria fa aumentare le vendite dei
            gadget,
            ed

            a volte dei suporti fisici (magari compri un
            film

            già visto per avere il cofanetto originale),

            certo non dei

            contenuti.

            va bene, prendo atto che la tua opinione a
            riguardo è che in effetti la pirateria fa calare
            le vendite allora.Certo. Calano sensibilmente a quanto pare.http://www.fimi.it/classifiche_album.php
        • Basta Pirateria scrive:
          Re: fino a quando...
          - Scritto da: uno qualsiasi[...]
          Ma a chi appartiene tale contenuto?
          Perchè se il mio vicino di casa lo compra,
          appartiene a lui: e se lui me ne vuole regalare
          una copia, non ho più bisogno di
          comprarla.Questo non è vero: ti è già stato spiegato.
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: fino a quando...


            Questo non è vero: ti è già stato spiegato.Diciamo che ci hai provato, ma nemmeno tu ne sei sicuro (infatti hai citato il caso apple e samsung, e hai concluso con "secondo me")
          • Basta Pirateria scrive:
            Re: fino a quando...
            - Scritto da: uno qualsiasi



            Questo non è vero: ti è già stato spiegato.

            Diciamo che ci hai provato, ma nemmeno tu ne sei
            sicuro (infatti hai citato il caso apple e
            samsung, e hai concluso con "secondo
            me")Ad ogni modo ti è stato spiegato ;)
      • ziovax scrive:
        Re: fino a quando...
        - Scritto da: Coerenzazer o
        è
        per il contenuto del disco di plastica che ti
        chiedono i soldi.Ma manco per niente: è per una licenza d'ascolto su quello che c'è inciso sul pezzo di plastica che mi chiedono soldi.
        • Coerenzazer o scrive:
          Re: fino a quando...


          Ma manco per niente: è per una licenza d'ascolto
          su quello che c'è inciso sul pezzo di plastica
          che mi chiedono
          soldi.Appunto: a te interessa quello che c'è dentro, non il pezzo di plastica. Questo è il fulcro della questione. Non è l'oggetto fisico o digitale il valore dell'opera ma il suo contenuto, e quel contenuto costa produrlo.Questo che è un concetto per me semplice da capire, per qualcuno è invece inimmaginabile.Che si trovi il metodo che si vuole per ripagare questo costo, ma che si trovi però, è troppo facile dire "la copia non costa nulla" perchè, lo ripeto, è il contenuto che costa, non il supporto.Se il modello commerciale di pagare a copia sia anacronistico a me sta anche bene, è un ragionamento che accetto e se ne può parlare, ma tornare al medioevo di quando la cultura e l'arte era dipendente da un mecenate ed a uso consumo di pochi mi pare altrettanto anacronistico.
          • panda rossa scrive:
            Re: fino a quando...
            - Scritto da: Coerenzazer o



            Ma manco per niente: è per una licenza
            d'ascolto

            su quello che c'è inciso sul pezzo di
            plastica

            che mi chiedono

            soldi.


            Appunto: a te interessa quello che c'è dentro,
            non il pezzo di plastica. Questo è il fulcro
            della questione. Non è l'oggetto fisico o
            digitale il valore dell'opera ma il suo
            contenuto, e quel contenuto costa
            produrlo.Quindi come spieghi la differenza di prezzo tra un DVD e un BlueRay con il medesimo contenuto, tanto per fare un esempio?E mi spieghi perche' non c'e' nessuna differenza di prezzo tra un film che e' piaciuto un sacco e uno che e' stato un flop?Entrambi costano 9.90
            Questo che è un concetto per me semplice da
            capire, per qualcuno è invece
            inimmaginabile.E' un concetto cosi' semplice da capire che basta entrare in qualunque negozio e guardare i prezzi per rendersi conto di quanto sia fasullo.
            Che si trovi il metodo che si vuole per ripagare
            questo costo, ma che si trovi però, è troppo
            facile dire "la copia non costa nulla" perchè, lo
            ripeto, è il contenuto che costa, non il
            supporto.E allora, se l'oggetto in questione e' questo fantomatico "contenuto" perche' mi si impedisce di preservarlo facendone una copia di backup?
            Se il modello commerciale di pagare a copia sia
            anacronistico a me sta anche bene, è un
            ragionamento che accetto e se ne può parlare, ma
            tornare al medioevo di quando la cultura e l'arte
            era dipendente da un mecenate ed a uso consumo di
            pochi mi pare altrettanto
            anacronistico.Nessuno ti obbliga a fare l'artista.Se vuoi vivere di arte, ti esibisci dal vivo: funziona senza bisogno di alcun mecenate.L'aspetto negativo e' che funziona solo se sei bravo.
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: fino a quando...

            Appunto: a te interessa quello che c'è dentro,
            non il pezzo di plastica. Questo è il fulcro
            della questione. Non è l'oggetto fisico o
            digitale il valore dell'opera ma il suo
            contenuto, e quel contenuto costa
            produrlo.No: il contenuto è una copia. E produrre una copia non costa nulla.
            Questo che è un concetto per me semplice da
            capire, per qualcuno è invece
            inimmaginabile.Peccato che tu non l'hai capito, e l'hai dimostrato chiaramente quando hai confuso contenuto e licenza.http://punto-informatico.it/b.aspx?i=3495675&m=3496341#p3496341

            Che si trovi il metodo che si vuole per ripagare
            questo costo, ma che si trovi però, è troppo
            facile dire "la copia non costa nulla" perchè, lo
            ripeto, è il contenuto che costa, non il
            supporto.E di nuovo confondi copia, contenuto e supporto.Tu non ricevi il contenuto, ma una copia del contenuto. E tale copia non costa nulla.Se tu comprassi il contenuto, il contenuto dovrebbe diventare tua esclusiva proprietà. Se non accade, vuol dire che non hai comprato il contenuto.E chi non riesce a capirlo muore di fame: lo stiamo vedendo tutti i giorni. Pura e semplice selezione naturale.

            Se il modello commerciale di pagare a copia sia
            anacronistico a me sta anche bene, è un
            ragionamento che accetto e se ne può parlare, ma
            tornare al medioevo di quando la cultura e l'arte
            era dipendente da un mecenate ed a uso consumo di
            pochi mi pare altrettanto
            anacronistico.A me no. A me sembra l'unica soluzione possibile nella pratica.Quali altre soluzioni ci potrebbero essere?
          • Basta Pirateria scrive:
            Re: fino a quando...
            - Scritto da: uno qualsiasi[...]
            No: il contenuto è una copia. E produrre una
            copia non costa
            nulla.Che noia. Sempre con questa falsità.Le opere dell'ingegno NON sono infinite e NON sono a costo zero. Voi vi accaparrate i contenuti sfruttando il comportamento illecito di chi li condivide arrogandovi un diritto che nessuno vi ha conXXXXX e nascondendovi dietro alla puerile scusa del "si può fare, quindi lo faccio", e questo nel migliore dei casi, quando non tirate in ballo il diritto alla cultura.[...]
            Peccato che tu non l'hai capito, e l'hai
            dimostrato chiaramente quando hai confuso
            contenuto e
            licenza.Cavilla pure, attaccati alle parole e continua a fare giochetti logici da retorica populista, ma il concetto rimane quello: prendi senza pagare sbattendotene allegramente del consenso dell'autore. Si chiama violenza.[...]
            E di nuovo confondi copia, contenuto e supporto.E tu confondi l'opera con il file, l'ingegno con la copia e fai una gran confusione citando a sproposito le regole di mercato etichettando come infinita un'offerta che non lo è affatto.

            Tu non ricevi il contenuto, ma una copia del
            contenuto. E tale copia non costa
            nulla.E basta con questa storiella... Sempre la stessa, post dopo post.

            Se tu comprassi il contenuto, il contenuto
            dovrebbe diventare tua esclusiva proprietà. Anche questa è vecchia ed è stata smontata più di una volta.Se compri qualcosa è tuo? Si.Puoi farci quello che ti pare? Si, a patto di non ledere i diritti altrui.Se compro un disco e ne faccio 1000 copie da dare agli amici ledo dei diritti? Si.Se compro una borsa e ne faccio 1000 copie da dare agli amici ledo dei diritti? Si.
            Se
            non accade, vuol dire che non hai comprato il
            contenuto.Se non posso investire i pedoni con la mia macchina allora la macchina non è realmente mia perché non ci posso fare quello che voglio. Quindi il concessionario mi ha truffato ?

            E chi non riesce a capirlo muore di fame: lo
            stiamo vedendo tutti i giorni. Quello che vediamo tutti i giorni sono gli scarichini morti di fame che non vogliono pagare neanche un'app da 0,79 o un brano da 0,99 e contribuiscono a finanziare delle mafie come quelle di panzone dotcom.[...]
            A me no. A me sembra l'unica soluzione possibile
            nella
            pratica.
            Quali altre soluzioni ci potrebbero essere?Rivedere pesantemente il copyright. Ridurre a 18 mesi il diritto di esclusiva di sfruttamento commerciale e rendere l'opera di pubblico dominio dopo un massimo di 10 anni.Creare degli spazi di incontro diretto tra produzione e utente (megabox era una buona idea, peccato per i trascorsi di dotcom, ma andrebbe realizzata comunque, magari da imprenditori più seri... La Apple ad esempio, o Google).Questo dovrebbe ridurre la pirateria di un 90%. Sul restante 10% applicare le normative in modo da scoraggiarla e punire i recidivi (parlo soprattutto di condivisione, non di download).
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: fino a quando...

            Che noia.
            Sempre con questa falsità.Coerenzazero parte da zero: con te abbiamo già affrontato l'argomento, mentre lui ancora confonde copie, licenze, contenuti e supporti.Comunque, se tu ti annoi, nessuno ti costringe a leggere. Non mi stavo nemmeno rivolgendo a te.
            Le opere dell'ingegno NON sono infinite e NON
            sono a costo zero.Le opere originali no. Ma le copie sì.E quello che riceviamo noi è una copia, non un originale.
            Voi vi accaparrate i contenuti
            sfruttando il comportamento illecito di chi li
            condivideCome fai a dire che è illecito? Probabilmente chi condivide ha violato la licenza (quindi, la sua sarebbe una inadempienza contrattuale), ma non puoi saperlo, dal momento che non sai a quali condizioni aveva avuto l'opera. Inoltre, non sai in quale paese si trovasse quando ha compiuto il fatto (all'estero le leggi sono diverse: magari dove l'ha fatto non è considerato illecito).Non sta a me stabilire se il file è illecito o no: al massimo può essere il sito di hosting a deciderlo. E finchè non lo elimina, io devo ritenere che il file sia lecito.
            arrogandovi un diritto che nessuno vi
            ha conXXXXXIl diritto di fruire mi è conXXXXX dalla dichiarazione universale dei diritti dell'uomo. Non è l'autore che può decidere se concedere o no la fruizione della sua opera.
            e nascondendovi dietro alla puerile
            scusa del "si può fare, quindi lo faccio"Non è affatto un "nascondersi". La legge mi permette di farlo.Il discorso è: "si può fare, mi conviene farlo, non esiste un solo motivo per non farlo, quindi lo faccio": e vale per tutto. Tu puoi mangiare, e lo fai: ma lo consideri un fatto puerile?
            , e
            questo nel migliore dei casi, quando non tirate
            in ballo il diritto alla
            cultura.
            Cavilla pure, attaccati alle parole e continua a
            fare giochetti logici da retorica populista, ma
            il concetto rimane quello: prendi senza pagare
            sbattendotene allegramente del consenso
            dell'autore.Evidente: non pago perchè nessuno fa nessun lavoro utile che meriti di essere pagato.E non chiedo il consenso dell'autore perchè non mi serve: l'unico consenso che mi serve è quello di chi dispone di una copia da farmi scaricare, e tale consenso ce l'ho.Perchè mai l'autore dovrebbe avere il diritto di decidere chi può o non può fruire della sua opera? Lui ha il diritto di decidere se pubblicarla o no; nient'altro.
            Si chiama violenza.No, non è violenza, perchè non costringo nessuno a fare nulla contro la sua volontà.

            [...]

            E di nuovo confondi copia, contenuto e
            supporto.

            E tu confondi l'opera con il file, l'ingegno con
            la copiaAllora: l'opera è unica, i files sono molteplici. Questa è la differenza, sei d'accordo?Però, quello che viene venduto cos'è? Ne viene venduto solo uno, o tanti? Visto che l'opera è solo una, è evidente che ad essere venduti sono i files. Ed a me interessano quelli. Quindi li copio. L'opera non viene mai toccata.La mia proposta, infatti, è di non vendere più i files, ma l'opera: e quindi, di venderla <b
            una sola volta </b
            , e di farsi pagare <b
            una sola volta </b
            .

            Tu non ricevi il contenuto, ma una copia del

            contenuto. E tale copia non costa

            nulla.

            E basta con questa storiella... Sempre la stessa,
            post dopo
            post.E nessuno ha ancora saputo obiettare.Se pensi di poter smontare il mio argomento, prova pure. Ma devi rispondere in modo chiaro: <b
            cosa viene VENDUTO? </b





            Se tu comprassi il contenuto, il contenuto

            dovrebbe diventare tua esclusiva proprietà.

            Anche questa è vecchia ed è stata smontata più di
            una
            volta.
            Se compri qualcosa è tuo? Si.
            Puoi farci quello che ti pare? Si, a patto di non
            ledere i diritti
            altrui.I diritti di CHI? Perchè se una cosa è mia, i diritti relativi ad essa sono pure miei.

            Se compro un disco e ne faccio 1000 copie da dare
            agli amici ledo dei diritti?
            Si.Quali?

            Se compro una borsa e ne faccio 1000 copie da
            dare agli amici ledo dei diritti?
            Si.Falso, ti ho già risposto. L'unico limite è che non devo falsificare la firma.


            Se

            non accade, vuol dire che non hai comprato il

            contenuto.

            Se non posso investire i pedoni con la mia
            macchina allora la macchina non è realmente mia
            perché non ci posso fare quello che voglio.
            Quindi il concessionario mi ha truffato
            ?Il tuo esempio è campato in aria, e te lo dimostro subito: se costruisci una macchina da solo, montandotela tu, pertendo da zero, con quella puoi investire i pedoni? No.Se componi e suoni una canzone da zero, quella la puoi distribuire sul p2p? Sì.Quindi: nel caso della macchina, il permesso di usarla in un certo modo non ha nulla a che vedere con la proprietà della macchina stessa, o con chi l'ha costruita. Si tratta di regole generiche, valide per ogni oggetto che circola su strada.Invece, per le opere digitali, il permesso di usarle in un certo modo dipende dalla proprietà: e se io acquisisco la proprietà, pretendo di avere esattamente gli stessi diritti che avrei se fossi stato io a realizzare l'opera (come accade per l'auto: con un'auto comprata posso fare esattamente le stesse cose che potrei fare con un'auto costruita da me).E con questo spero di aver confutato definitivamente questo tuo esempio.




            E chi non riesce a capirlo muore di fame: lo

            stiamo vedendo tutti i giorni.

            Quello che vediamo tutti i giorni sono gli
            scarichini morti di fame che non vogliono pagare
            neanche un'app da 0,79 o un brano da 0,99 e
            contribuiscono a finanziare delle mafie come
            quelle di panzone
            dotcom.Io a kim dotcom non ho mai dato soldi.E gli unici che vedo alla fame sono i videotechini, o qualche sedicente artista fallito.

            [...]

            A me no. A me sembra l'unica soluzione
            possibile

            nella

            pratica.

            Quali altre soluzioni ci potrebbero essere?

            Rivedere pesantemente il copyright. Ridurre a 18
            mesi il diritto di esclusiva di sfruttamento
            commerciale e rendere l'opera di pubblico dominio
            dopo un massimo di 10
            anni.E che vantaggi speri di ottenere con questo?...

            Questo dovrebbe ridurre la pirateria di un 90%.Ne dubito.Perchè mai qualcuno dovrebbe comprare con quel sistema? Al massimo ottieni che qualche scarichino aspetterà un po' di più.
            Sul restante 10% applicare le normative in modo
            da scoraggiarla e punire i recidivi (parlo
            soprattutto di condivisione, non di
            download).Ci hanno già provato, e non ha funzionato. Cosa ti fa pensare che sarebbe diverso?
  • panda rossa scrive:
    Giudicati da una commissione di parte?
    Siamo tornati al medioevo, o forse ancora piu' indietro, dove una delle parti in causa si erge a giudice.E' un vero scandalo.
    • panda rossa scrive:
      Re: Giudicati da una commissione di parte?
      lo scandalo siete voi merdosi parassiti ma vi stanno spaccando il sederino fra 6 mesi non scaricherete piu' hahhahhahahhah
      • tyerry scrive:
        Re: Giudicati da una commissione di parte?
        - Scritto da: panda rossa
        lo scandalo siete voi merdosi parassiti ma vi
        stanno spaccando il sederino fra 6 mesi non
        scaricherete piu'
        hahhahhahahhahma tu dovrai chiudere la videoteca ugualmente, non ti salverai...
      • unaDuraLezione scrive:
        Re: Giudicati da una commissione di parte?
        - Scritto da: panda rossa
        lo scandalo siete voi merdosi parassiti ma vi
        stanno spaccando il sederino fra 6 mesi non
        scaricherete piu'
        hahhahhahahhahmeglio così, no?Problema risolto!
  • axl scrive:
    meno rigida..
    ..di quella che si vorrebbe far passare in italia ma simile.. è un'anteprima di quello che succederà da noi.. così a pelle immagino cambi poco, pochissimo.. 80 siti ???????????? sono POCHISSIMI
    • eleirbag scrive:
      Re: meno rigida..
      Si credo anch'io che quella spagnola sia lafalsariga della futura XXXXXta Italica sulcopyright targata Agcom.In poche parole una commissione che trovachi o cosa non va, decide autonomamentecosa fare(ovvero sempre oscurare) e fachiudere questo o quell'altro sito.Questo in barba al potere giudiziario.Mi piacerebbe anche capire a livello tecnicocome fanno ad oscurare un sito;Ovvero agiscono a livello di puro e sempliceDNS oppure impongono ai vari ISP iberici difiltrare tutto il traffico verso tali indirizziIP ?
      • axl scrive:
        Re: meno rigida..
        - Scritto da: eleirbag
        Si credo anch'io che quella spagnola sia la
        falsariga della futura XXXXXta Italica sul
        copyright targata Agcom.
        In poche parole una commissione che trova
        chi o cosa non va, decide autonomamente
        cosa fare(ovvero sempre oscurare) e fa
        chiudere questo o quell'altro sito.
        Questo in barba al potere giudiziario.

        Mi piacerebbe anche capire a livello tecnico
        come fanno ad oscurare un sito;
        Ovvero agiscono a livello di puro e semplice
        DNS oppure impongono ai vari ISP iberici di
        filtrare tutto il traffico verso tali indirizzi
        IP ?se in italia fanno con dns stappo lo spumante buono...
Chiudi i commenti