UE, nuovo ricorso Microsoft su Windows

L'azienda cerca un'altra via per lasciarsi alle spalle la condanna inflitta dalle autorità antitrust europee. Se la multa per ora è congelata, si lavora sull'apertura delle licenze di accesso al codice


Bruxelles – Un nuovo appello è stato presentato da Microsoft al Tribunale europeo di Primo grado , un appello pensato per congelare una delle richieste che l’antitrust europeo ha incluso nella sentenza con cui ha condannato la posizione dominante del big di Redmond nel settore dei sistemi operativi e del middleware.

“Microsoft – ha sottolineato il portavoce dell’azienda Tom Brookes – ha presentato un appello per l’annullamento (…) sullo specifico problema delle licenze per l’accesso al codice sorgente di protocolli di comunicazione che fanno parte delle proprietà intellettuali di Microsoft”. In sostanza, il big di Redmond non intende cedere senza combattere uno degli strumenti più importanti per la migliore integrazione dei software in Windows: l’antitrust aveva imposto all’azienda di consentire ai propri competitor di accedere a quelle informazioni. Su quelle licenze è iniziato da tempo un braccio di ferro tra la società di Bill Gates e la Commissione Europea.

“Abbiamo deciso di compiere questo passo – ha continuato il portavoce – cosicché possa ora iniziare la valutazione di questo problema, date le implicazioni notevolissime che può avere per la protezione dei nostri diritti di proprietà intellettuale in tutto il Mondo”.

Che la Commissione la pensi in modo diverso lo ha ribadito ieri anche il portavoce UE Jonathan Todd che ai reporter ha ribadito come, a detta della Commissione, quei protocolli non possono essere considerati parte delle proprietà intellettuali che vanno protette. Ma, come noto, il problema non risiede soltanto nell’accesso a quei dati da parte delle società concorrenti di Microsoft ma anche del modo con cui questo accesso viene realizzato e, in particolare, dei prezzi delle licenze che Microsoft può decidere di imporre.

Va detto che al momento è in ballo anche l’altro appello formalizzato da Microsoft per bloccare la sanzione antitrust più elevata mai erogata in Europa: se il Tribunale di Primo grado deciderà di dar ragione all’antitrust, il big di Redmond dovrà dire addio a 497 milioni di euro.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Danx Italiasenz avalori scrive:
    Esportiamo democrazia
    Era l'occasione buona per l'America per mostrare che può esportare democrazia civilmente, ed invece una sua azienda si piega ai voleri di una dittatura (come tante altre aziende, ovvio).Possibile che tutte le grandi aziende occidentali in Cina non riescano a fare un cartello anticensura, antiarresti arbitrari???DANX
    • krane scrive:
      Re: Esportiamo democrazia
      - Scritto da: Danx Italiasenz avalori
      Era l'occasione buona per l'America per mostrare
      che può esportare democrazia civilmente, ed
      invece una sua azienda si piega ai voleri di una
      dittatura (come tante altre aziende, ovvio).
      Possibile che tutte le grandi aziende occidentali
      in Cina non riescano a fare un cartello
      anticensura, antiarresti arbitrari???
      DANXPerche' dovrebbe ? Quali guadagni economici porterebbe loro ?
  • Anonimo scrive:
    Yahoo torna a casa!
    É vero che Yahoo in questo modo ha leso la sua immagine nei confronti dei cinesi e del resto del mondo, ma cosa avrebbe dovuto fare? Il mercato di Yahoo é agguerrito e Microsoft e Google sono sempre dietro la porta per poter stabilire la propria leadership in un mercato di 1.3 miliardi di utenti. Tutte le aziende che decidono (oggi come oggi non si puó fare a meno) di andare global non possono esimersi dal rispettare la sovranitá dello stato che le ospita. Questo é vero tanto per la Cina qunato per l'Italia. Ora io penso alla decisione di Yahoo e mi domando, cosa avrei fatto io se fossi stato al posto loro? Il dilemma é semplice e si risolve con due alternative: non dire nulla ed essere espulsi dal paese per non aver rispettato i termini contrattuali e la sovranitá dello stato, oppure informare il governo e ricevere una valanga di indignazioni e critiche al vetriolo. Nella prima ipotesi la perdita é economica e metterebbe in discussione il futuro dell'azienda (dipendenti compresi), nel secondo caso l'azienda risulterebbe coerente e rispettosa del contratto che ha firmato ma perderebbe quel tocco umano che noi tutti ci aspettiamo in una democrazia e forse in modo un pochino utopistico da un' azienda. Con questo non voglio dire che é giusto ció che sia successo al giornalista cinese, ma anche i sassi sanno che tutto ció che viene messo su internet (email comprese) non é completamente riservato. Con la tensione mondiale, il terrorismo e via dicendo, tutte queste forme di comunicazione sono controllate. A magior ragione, tutti sanno che il governo cinese non é un esempio di democrazia e che reprimono in modo inopportuno qualsiasi forma d'insorgenza. Perché inviare una email e non una lettera, oppure un email da un internet point con un account temporaneo od altro? E se fosse stato un modo che il governo usa per controllare se "gli occidentali" rispettano le loro leggi? Prima di fare il processo a Yahoo mi metterei nei panni dei dirigenti che hanno dovuto prendere questa decisione e che devono trattare con un governo poco flessibile e intransigente pur di restare in un mercato vitale per l'economia globale. Christian Fasulo
  • Anonimo scrive:
    E brava la cina...
    ..grazie a questa condanna ora tutto il mondo sa che il governo cinese rilascio' un documento "top secret" dove si ordinava ai giornalisti di non divulgare notizie su Tienanmen. Proprio delle belle volpi...Fab
  • Anonimo scrive:
    Ma porca miseria...
    Essere "dissidenti" in Cina e' una cosa seria e' noto che si rischia la vita.Utilizzare un'account gratuito di yahoo confidando nella riservatezza e servizio del provider e' piuttosto igenuo.
  • Anonimo scrive:
    Rimuovete il vostro account di yahoo
    Visto che vogliono fare i soldi sui morti , allora è meglio che restino da soli con i loro server vuoti , rimuovete il vostro account yahoo e prima di farlo mandate una bella mail con su scritto che le sue politiche espansionistiche non piacciono a nessuno.
    • enne30 scrive:
      Re: Rimuovete il vostro account di yahoo
      - Scritto da: Anonimo
      Visto che vogliono fare i soldi sui morti ,
      allora è meglio che restino da soli con i loro
      server vuoti , rimuovete il vostro account yahoo
      e prima di farlo mandate una bella mail con su
      scritto che le sue politiche espansionistiche non
      piacciono a nessuno.E non fare più ricerche con Google, nè usare prodotti Microsoft.... ma l'hai letto l'articolo??Poi, mi spieghi che dove starebbero i morti con cui yahoo fa soldi? Mica lo hanno condannato a morte il giornalista...A mio avviso dovrebbero essere i governi mondiali, tramite le nazioni unite a cercare di "civilzzare" la Cina... Il problema è che sta diventando davvero una super-potenza, da tutti i pdv, a cui è molto difficile oppporsi e più passa il tempo più sarà così....La vedo nera :(
      • tillo scrive:
        Re: Rimuovete il vostro account di yahoo
        - Scritto da: enne30
        - Scritto da: Anonimo

        Visto che vogliono fare i soldi sui morti ,

        allora è meglio che restino da soli con i loro

        server vuoti , rimuovete il vostro account yahoo

        e prima di farlo mandate una bella mail con su

        scritto che le sue politiche espansionistiche
        non

        piacciono a nessuno.

        E non fare più ricerche con Google, nè usare
        prodotti Microsoft.... ma l'hai letto
        l'articolo??Mi manca solo Google
        Poi, mi spieghi che dove starebbero i morti con
        cui yahoo fa soldi? Mica lo hanno condannato a
        morte il giornalista...10 anni in una prigione cinese? È la stessa cosa...
        A mio avviso dovrebbero essere i governi
        mondiali, tramite le nazioni unite a cercare di
        "civilzzare" la Cina... Il problema è che sta
        diventando davvero una super-potenza, da tutti i
        pdv, a cui è molto difficile oppporsi e più passa
        il tempo più sarà così....

        La vedo nera :(quoto
        • Anonimo scrive:
          Re: Rimuovete il vostro account di yahoo


          Poi, mi spieghi che dove starebbero i morti con

          cui yahoo fa soldi? Mica lo hanno condannato a

          morte il giornalista...

          10 anni in una prigione cinese? È la stessa
          cosa...No.
          • Anonimo scrive:
            Re: Rimuovete il vostro account di yahoo
            - Scritto da: Anonimo


            Poi, mi spieghi che dove starebbero i morti con


            cui yahoo fa soldi? Mica lo hanno condannato a


            morte il giornalista...



            10 anni in una prigione cinese? È la stessa

            cosa...

            No.Allora aspettiamo che vengano fuori quelli che ha mandato a morte, ma già il fatto di fare affari in cina non mi pare il massimo, penso che la cosa migliore sarebbe di disabilitare l'account ai politici che fino a due anni fa parlavano della libertà e cazzate varie e adesso solo di opportunità...
          • Anonimo scrive:
            Re: Rimuovete il vostro account di yahoo
            ma già il fatto di fare affari
            in cina non mi pare il massimo, allora perche' vanno tutti in Cina? Anceh gli imprenditori italiani hanno scoperto la nuova America.
  • Anonimo scrive:
    Business is business
    Finché questa resta l'ideologia dominante, non ci si può aspettare nulla di buono. Ora Yahoo potrà fare un sacco di soldi, che è l'unica cosa che conta, e tra una settimana tutti avranno già dimenticato la storia.
    • Anonimo scrive:
      Re: Business is business
      Non è proprio cosi... le corporation non possono fare quello che volgiono sempre gratis e la storia dovrebbe isegnare.La IBM piazzò alcuni elaboratori nella germania nazista, usati poi forse per rendere più efficienti le operazioni della soluzione finale... se fosse provato si aprirebbe la strada a risarcimenti infiniti.Adesso la Cina è cosi, ma se cambia la politica Yahoo dovrà pagare e sarà vista come un pezzo del regime.
      • Anonimo scrive:
        Re: Business is business
        - Scritto da: Anonimo
        Non è proprio cosi... le corporation non possono
        fare quello che volgiono sempre gratis e la
        storia dovrebbe isegnare.

        La IBM piazzò alcuni elaboratori nella germania
        nazista, usati poi forse per rendere più
        efficienti le operazioni della soluzione
        finale... se fosse provato si aprirebbe la strada
        a risarcimenti infiniti.
        non sapevo nemmeno esistesseri i pc nel 1940 ma sicuramente per i nazisti non servivano per sterminare gli ebrei (visto che a quell epoca forse questi "elaboratori"non riuscivano a fare 2+2)
        • Anonimo scrive:
          Re: Business is business
          - Scritto da: Anonimo

          non sapevo nemmeno esistesseri i pc nel 1940 ma
          sicuramente per i nazisti non servivano per
          sterminare gli ebrei (visto che a quell epoca
          forse questi "elaboratori"non riuscivano a fare
          2+2) e invece si: l'IBM aveva venduto degli elaboratori che dovevano servire per gestire comunità, ma i nazisti li usarono per i campi di sterminio (su scheda perforata c'era la matricola tatuata su ogni prigioniero)http://punto-informatico.it/p.asp?i=43005
  • Anonimo scrive:
    Cina
    "società parzialmente controllata dal governo di Pechino"E poi si sa che se vuoi lavorare in Cina ti devi adattare. Cosa pensano? Che ora le corporation americane saranno paladine dei principi di libertà e democrazia in Cina? Non durerebbero un giorno e poi da quando cooperare con il governo del paese dove lavori è sbagliato?Scusate le provocazioni, ma l'ingenuità di certi giudizi è disarmante!
    • Anonimo scrive:
      Re: Cina
      - Scritto da: Anonimo
      "società parzialmente controllata dal governo di
      Pechino"
      E poi si sa che se vuoi lavorare in Cina ti devi
      adattare. Cosa pensano? Che ora le corporation
      americane saranno paladine dei principi di
      libertà e democrazia in Cina? Non durerebbero un
      giorno e poi da quando cooperare con il governo
      del paese dove lavori è sbagliato?Si, ma capisci anche che un motore di ricerca dovrebbe far fluire l'informazione, per definizione e per "professionalità", diciamo. Pensi che Yahoo! abbia fatto bene a fare incastrare un giornalista? Qui si sottovaluta il valore dei mezzi di comunicazione, perchè senza mezzi di comunicazione liberi una società non può evolversi!
      Scusate le provocazioni, ma l'ingenuità di certi
      giudizi è disarmante!Quali giudizi?
      • Anonimo scrive:
        Re: Cina
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo

        "società parzialmente controllata dal governo di

        Pechino"

        E poi si sa che se vuoi lavorare in Cina ti devi

        adattare. Cosa pensano? Che ora le corporation

        americane saranno paladine dei principi di

        libertà e democrazia in Cina? Non durerebbero un

        giorno e poi da quando cooperare con il governo

        del paese dove lavori è sbagliato?

        Si, ma capisci anche che un motore di ricerca
        dovrebbe far fluire l'informazione, per
        definizione e per "professionalità", diciamo.
        Pensi che Yahoo! abbia fatto bene a fare
        incastrare un giornalista? Qui si sottovaluta il
        valore dei mezzi di comunicazione, perchè senza
        mezzi di comunicazione liberi una società non può
        evolversi!
        Secondo me quello che è descritto nell'articolo è una cosa banalissima, avviene regolarmente in tutti i paesi, Italia compresa. Prova tu a dire alla Polizia Postale "No, io quegli IP dell'utente che usa il mio servizio internet non te li do", vedrai che bella fine farai.Se lavori in uno Stato ti devi adattare alle sue regole sia esso una democrazia o dittatura.Non vedo perchè yahoo dovrebbe iniziare una rivoluzione Cinese.
        • Anonimo scrive:
          Re: Cina




          Secondo me quello che è descritto nell'articolo è
          una cosa banalissima, avviene regolarmente in
          tutti i paesi, Italia compresa.
          Prova tu a dire alla Polizia Postale "No, io
          quegli IP dell'utente che usa il mio servizio
          internet non te li do", vedrai che bella fine
          farai.la polizia deve avere dietro un magistrato che gli da un preciso ordine se no se ne può anche andare affanc**o.
          • Anonimo scrive:
            Re: Cina
            - Scritto da: Anonimo







            Secondo me quello che è descritto nell'articolo
            è

            una cosa banalissima, avviene regolarmente in

            tutti i paesi, Italia compresa.

            Prova tu a dire alla Polizia Postale "No, io

            quegli IP dell'utente che usa il mio servizio

            internet non te li do", vedrai che bella fine

            farai.

            la polizia deve avere dietro un magistrato che
            gli da un preciso ordine se no se ne può anche
            andare affanc**o.Ok, allora diciamo:prova tu a dire alla Polizia Postale che ha un ordine preciso del magistrato "No, io quegli IP dell'utente che usa il mio servizio internet non te li do", vedrai che bella fine farai.
          • Anonimo scrive:
            Re: Cina
            In Italia esiste uno stato di diritto, anche se qualche volta (cfr. caso Autistici / Aruba, ecc.), qualcuno pensa di poter bypassare le regole.Nella Cina tanto amata dai "compagni" che girano da queste parti, queste garanzie non ci sono. Sono competitivi perchè i carcerati lavorano gratis, perchè la normativa sul lavoro è anni luce lontana dalla nostra, ecc.Insomma, non fate come i comunisti che andarono in Russia a cercare la "madre patria" e non tornarono più ...
          • Anonimo scrive:
            Re: Cina

            Sono competitivi perchè i carcerati lavorano
            gratisalmeno non sono un peso per la societa'! :D
          • Anonimo scrive:
            Re: Cina
            - Scritto da: Anonimo
            Ok, allora diciamo:
            prova tu a dire alla Polizia Postale che ha un
            ordine preciso del magistrato "No, io quegli IP
            dell'utente che usa il mio servizio internet non
            te li do", vedrai che bella fine farai.
            Certo però che si rischia di meno a dire no alla Polizia Postale italiana che a quella cinese.
          • Anonimo scrive:
            Re: Cina
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo


            Ok, allora diciamo:

            prova tu a dire alla Polizia Postale che ha un

            ordine preciso del magistrato "No, io quegli IP

            dell'utente che usa il mio servizio internet non

            te li do", vedrai che bella fine farai.



            Certo però che si rischia di meno a dire no alla
            Polizia Postale italiana che a quella cinese.E' proprio qui il punto!Io gestisco un serivio web non piccolo e ho a che fare con queste cose molto spesso (almeno 1 volta al mese), in cui la PP richiede dati di qualche (relative a inchieste della magistratura).Qui potrei dire di no e non verrei fucilato (ma sicuramente incriminato), a maggior ragione se fossi in cina mi collaborerei con la loro Polizia, sarei costretto, anche in questi casi in cui sopprimono la libertà di espressione e di pensiero.
          • Anonimo scrive:
            Re: Cina
            - Scritto da: Anonimo


            - Scritto da: Anonimo



            - Scritto da: Anonimo




            Ok, allora diciamo:


            prova tu a dire alla Polizia Postale che ha un


            ordine preciso del magistrato "No, io quegli
            IP


            dell'utente che usa il mio servizio internet
            non


            te li do", vedrai che bella fine farai.






            Certo però che si rischia di meno a dire no alla

            Polizia Postale italiana che a quella cinese.

            E' proprio qui il punto!
            Io gestisco un serivio web non piccolo e ho a che
            fare con queste cose molto spesso (almeno 1 volta
            al mese), in cui la PP richiede dati di qualche
            (relative a inchieste della magistratura).
            Qui potrei dire di no e non verrei fucilato (ma
            sicuramente incriminato), a maggior ragione se
            fossi in cina mi collaborerei con la loro
            Polizia, sarei costretto, anche in questi casi in
            cui sopprimono la libertà di espressione e di
            pensiero.ehm... scusate l'italiano :D non mi sono ancora svegliato evidentemente :D
          • Anonimo scrive:
            Re: Cina


            - Scritto da: Anonimo:
            Io gestisco un serivio web non piccolo e ho a che
            fare con queste cose molto spesso (almeno 1 volta
            al mese), in cui la PP richiede dati di qualche
            (relative a inchieste della magistratura).
            Qui potrei dire di no e non verrei fucilato (ma
            sicuramente incriminato), a maggior ragione se
            fossi in cina mi collaborerei con la loro
            Polizia, sarei costretto, anche in questi casi in
            cui sopprimono la libertà di espressione e di
            pensiero.E poi lamentiamoci degli altri :o)
  • Anonimo scrive:
    la cina ricatta anche google
    la cina ha preteso l'oscuramento di alcune pagine indicizzate da google in cina, pena la bandizione di google dal paese, e google naturalmente ha accettato di buon grado e ha bandito le pagine politicamente scomode al regime militare comunista.e bravo anche google....
    • Anonimo scrive:
      Re: la cina ricatta anche google
      - Scritto da: Anonimo
      la cina ha preteso l'oscuramento di alcune pagine
      indicizzate da google in cina, pena la bandizione
      di google dal paese, e google naturalmente ha
      accettato di buon grado e ha bandito le pagine
      politicamente scomode al regime militare
      comunista.L'aveva fatto e lo fa anche in occidente
  • Anonimo scrive:
    YAHOO si è abbassto a tanto?
    Che SKIFO!Vergogna YAHOO!Anche YAHOO nella black-list degli smandrappati!
    • Anonimo scrive:
      Re: YAHOO si è abbassto a tanto?
      - Scritto da: Anonimo
      Che SKIFO!
      Vergogna YAHOO!
      Anche YAHOO nella black-list degli smandrappati!finito con il nulla?
      • Anonimo scrive:
        Re: YAHOO si è abbassto a tanto?
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo

        Che SKIFO!

        Vergogna YAHOO!

        Anche YAHOO nella black-list degli smandrappati!

        finito con il nulla?Taci TARELLO!
    • Anonimo scrive:
      Re: YAHOO si è abbassto a tanto?

      YAHOO si è abbassato a tanto?Come tutte le aziende che vogliono entrare nel mercato cinese. Devono compiacere i politici di Pechino, sottostare alle regole e collaborare.Sorprendente? Non tanto.
      • Anonimo scrive:
        Re: YAHOO si è abbassto a tanto?
        - Scritto da: Anonimo


        YAHOO si è abbassato a tanto?

        Come tutte le aziende che vogliono entrare nel
        mercato cinese. Devono compiacere i politici di
        Pechino, sottostare alle regole e collaborare.
        Sorprendente? Non tanto.purtroppo lo devi fare anche in italia e in tutti gli stati che hanno leggi. ci sono leggi da rispettare, se non le rispetti, chiudi e paghi. sorprendente? non tanto.
    • Anonimo scrive:
      Re: YAHOO si è abbassto a tanto?
      Non dirmi che credevi che esportare democrazia fosse la cosa più importante spero :o:o:oRaga, c'è ancora chi crede che la libertà sia ancora quella di pensiero e non quella del mercato... 8)Diamoci da fare per aprirgli gli occhi, sennò avremo sulla coscienza un altro cuore spezzato...(nolove)Benvenuto al mondo ;)Mic
      • Anonimo scrive:
        Re: YAHOO si è abbassto a tanto?
        - Scritto da: Anonimo
        Non dirmi che credevi che esportare democrazia
        fosse la cosa più importante spero :o:o:o

        Raga, c'è ancora chi crede che la libertà sia
        ancora quella di pensiero e non quella del
        mercato... 8)
        Diamoci da fare per aprirgli gli occhi, sennò
        avremo sulla coscienza un altro cuore
        spezzato...(nolove)

        Benvenuto al mondo ;)

        MicManca solo "yo yo" alla fine... :(
    • Anonimo scrive:
      tanto non farai niente di significativo
      - Scritto da: Anonimo
      Che SKIFO!
      Vergogna YAHOO!
      Anche YAHOO nella black-list degli smandrappati!ah si?e allora cercherai con google, vero?anche loro ci sono dentro.ci sono dentro tutti: se ci sono soldi di mezzo e li vuoi fare in cina, scendi a compromessi che minano il nostro mondo.paradossalmente quelli che stanno distruggendo il capitalismo andando a fottere con i comunisti ... sono i capitalisti, quelli più grossi.verrà "democraticizzata" la cina o si distruggerà il mondo democratico-civilizzato (almeno per pochi) come lo conosciamo oggi?cinquant'anni e vedremo.nel frattempo comunque finirà il petrolio, l'effetto serra sarà aumentato, l'inquinamento per chi se ne fotte non avrà mai smesso di esistere ... che ce frega, l'autodistruzione incombe.i cambiamenti non devono essere "per il futuro" ma ... SUBITO. Allora potremo parlare di futuro.
      • Anonimo scrive:
        Re: tanto non farai niente di significat
        Quale mondo democratizzato? Esiste ancora qualcuno che crede alla democrazia? Svegliatevi!!! Siamo tutti schiavizzati da coloro che ci fanno credere un mondo migliore, dove ognuno e' libero in teoria, ma nella sostanza nessuno e' libero.
Chiudi i commenti