UE, occhi antitrust su Google

Le autorità del Vecchio Continente torneranno a studiare le pratiche di mercato di BigG. Dopo le lamentele di alcune società su presunte penalizzazioni dei risultati di ricerca. C'è chi ipotizza manovre oscure da Redmond

Roma – Le autorità antitrust del Vecchio Continente avevano già inforcato le lenti in passato per puntare sul colosso di Mountain View. Per meglio leggere tra le righe del mai consumato rapporto tra Google e Yahoo!. Poi, per comprendere l’impatto sul mercato del noto accordo da 125 milioni di dollari tra BigG e gli editori statunitensi. Senza dimenticare lo studio approfondito sull’acquisizione del gigante della pubblicità online, DoubleClick.

Una nuova inchiesta attende ora al varco la Grande G, ufficializzata di recente dalla Commissione Europea e annunciata dallo stesso blog ufficiale del motore di ricerca. Un’indagine che dovrà studiare attentamente determinate dinamiche di mercato messe in atto da BigG, accusata di aver penalizzato i risultati di ricerca di alcune società che operano sul web. Di aver declassato i loro presidi online perché agguerriti concorrenti.

La prima di queste società è Foundem , che gestisce un sito di comparazione dei prezzi. Già nell’estate del 2009, Foundem aveva pubblicato un particolare post sul suo blog, puntando nettamente il dito contro l’operato di Google. Che avrebbe cioè utilizzato dei filtri per penalizzare certi risultati di ricerca, rimuovendoli completamente o mettendoli così in basso da renderli praticamente introvabili .

“Queste penalizzazioni sono in genere riservate allo spamming – si legge nel post di Foundem – o a siti che cercano di gabbare gli algoritmi di Google. Ma attualmente vengono anche utilizzate in maniera mirata verso risultati di ricerca perfettamente legittimi”. Le posizioni di Foundem sono praticamente le stesse assunte dalla seconda società che si è rivolta all’antitrust europea, un search engine dedicato a tematiche legali che si identifica come ejustice .

Qualche mese dopo, nel dicembre del 2009, sul blog di Foundem è apparso un nuovo post che ha sottolineato come Google avesse rimosso quello che veniva definito come un meccanismo punitivo di filtraggio. Il che avrebbe portato ad un aumento repentino e vertiginoso del traffico proveniente dal search engine statunitense. Circa del 10mila per cento , da un momento all’altro. Ma non erano stati aggiunti dettagli, dal momento che la stessa Foundem aveva richiesto una certa discrezione.

La terza società – sempre legata alla comparazione dei prezzi – ad aver trascinato Google presso le autorità antitrust europee è Ciao, acquisita da Microsoft nel corso del 2008 per circa 500 milioni di dollari, ora nota con il nome di Ciao! From Bing . Questa si è lamentata in particolare con le condizioni imposte dalla piattaforma pubblicitaria AdSense .

Relativamente alla questione sollevata da Ciao! From Bing , Julia Holtz – senior competition counsel di Google – ha fatto presente che il servizio aveva mantenuto ottimi rapporti con BigG, almeno fino all’acquisizione da parte di Microsoft. L’entrata in gioco del colosso di Redmond aveva poi portato alla richiesta di un’indagine antitrust da parte delle autorità tedesche. Che ora passeranno la palla a quelle di Bruxelles. La stessa Foundem – fa sapere BigG – è membro di un’organizzazione chiamata ICOMP , fondata in parte da Microsoft.

Google si è comunque mostrata particolarmente sicura di sé, sostenendo che il suo operato di business è sempre rivolto alle esigenze reali degli utenti, e si mantiene in linea con le leggi del mercato del Vecchio Continente.

Mauro Vecchio

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Uomoveranda scrive:
    Più Yotta per tutti
    Lo standard e la vendità di card conformi allo standard è lontano dal voler dire che arrivino annche solo vicino a petabyte.Aspettiamo di arrivare ai 100 GB prima di parlare di peta.
  • Klut scrive:
    Petabyte
    1 Petabyte = 1 Milione di Gigabyte144 Petabyte = 144 Milioni di GigabyteLo so che lo sapete, ma per com'è scritto nell'articolo non è chiarissimo... magari un paio di parentesi...
    • anoniman scrive:
      Re: Petabyte
      mica vero.. 1 Petabyte = 1024*1024 Gigabytesi tratta di valori binari, non dimentichiamolo ;)
      • anoniman scrive:
        Re: Petabyte
        capperi... c'è da dire che la truffa ventennale perpetrata dai produttori di memorie di massa (utilizzando ordini di grandezza convenzionali per grattare byte e dichiarare dimensioni binariamente fasulle) è passata per buona, quindi il mio commento precedente è una precisazione superflua. ^^'Saluti
        • JosaFat scrive:
          Re: Petabyte
          Beh, via, la ISO ha previsto che i suffissi kilo, mega, giga, eccetera significhino mille.Comunque la tua equivalenza rimane valida parlando di Gibibyte e Pebibyte.
          • Il mio scrive:
            Re: Petabyte
            Rimane il fatto che di tempo ne passera quanto volete prima di vedere SD che contengono anche solo centinaia di gigabyte.
          • JosaFat scrive:
            Re: Petabyte
            Senza dubbio; comunque nell'articolo si parlava di CF.
          • Massimo scrive:
            Re: Petabyte
            - Scritto da: Il mio
            Rimane il fatto che di tempo ne passera quanto
            volete prima di vedere SD che contengono anche
            solo centinaia di
            gigabyte.No bé... dipende cosa si intende per "ne passerà di tempo"... io credo sia comunque una questione di anni, non di decenni. Visto che ai 64Giga ci siamo, e ai 128 ci saremo presto...
        • Errebi scrive:
          Re: Petabyte
          In realtà la situazione non era così chiara, essendo che secondo lo standard metrico decimale, ad esempio, Kilo- significa 10^3, e difatti la stessa SI ora raccomanda di usare tale moltiplicatore per kilobyte e chiamare il binario 2^5=1024 kibi.Ovvio che poi in un contesto in cui la normativa non era chiara, un'azienda è libera di interpretare la situazione come preferisce. Evitiamo di fare i paranoici da bar e di vedere truffe ovunque.
          • anoniman scrive:
            Re: Petabyte
            Quindi a tuo dire non si tratta di una truffa ma di una cosa giusta nei confronti del consumatore? Probabilmente truffa non è il termine adatto, se questo fa di me un paranoico da bar...Forse "presa in giro", "approfittare di una situazione ambigua e non regolamentata", "imprecisione a scopo di lucro" sarebbero più appropriati.Fatto sta che contribuiscono a creare un clima di imprecisione. Nel frattempo il mio pc riporta le grandezze in Kibibytes, quasi quasi domani gli piallo l'hard disk dandogli del paranoide. :DPace!
          • Errebi scrive:
            Re: Petabyte
            Fintanto che cosa fosse un KiloByte non era chiaro, usare una dicitura piuttosto che l'altra è semplicemente un fatto di scelte. Diciamo che tu hai comprato un disco da 100 Giga (100*10^9 byte). Ora, se il sistema operativo lo riporta da 97 perchè usa un altra unità di misura, peraltro ora normativamente errata, è ininfluente.Oggi come oggi, chi sta disinformando il consumatore non è il produttore del disco, ma il sistema operativo.
  • zofone scrive:
    bai bai
    bai bai cd e blu rai!!
    • HDXMMXTDCIA IRBAG scrive:
      Re: bai bai
      mai comprato un blue ray, lo sapevo sin dall'inizio che era una boiata.L'importante è che i sony-fan, credano che con il blue ray si vede da "dio". (rotfl)Per farcire la torta con la cigliegina finale, aggiungo che anche l'HD che viene tanto sventolato sotto il naso a una mandria di stupidotti dalla carta di credito facile,è un'altra boiata.Se solo si leggessero le specifiche su questo "XXXXXviglioso" segnale video, si rimarrebbe a bocca aperta.Come al solito cio che fa marketing, non sono le vere tecnologie o i prodotti, ma le sigle!(Ho la Xantia TDCI con l'ABS, l'HDTV, il PC con MMX)Quanto è stupido l'essere umano?Tanto tanto tanto, tanto tanto, Tanto tanto tanto, tanto tanto,Tanto tanto tanto, tanto tanto,Tanto tanto tanto, tanto tanto (Jovanotti) (rotfl)Oh, non innamoratevi nel mio nick eh? (rotfl) (rotfl) (rotfl)
      • ... scrive:
        Re: bai bai
        certo con l'esempio delle mmx scendi nel ridicolo, comunquevisto che sono una tecnologia vera, non solo una sigla buttata li per fare scena...
      • Massimo scrive:
        Re: bai bai
        - Scritto da: HDXMMXTDCIA IRBAG
        mai comprato un blue ray, lo sapevo sin
        dall'inizio che era una
        boiata.
        L'importante è che i sony-fan, credano che con il
        blue ray si vede da "dio".
        (rotfl)
        Per farcire la torta con la cigliegina finale,
        aggiungo che anche l'HD che viene tanto
        sventolato sotto il naso a una mandria di
        stupidotti dalla carta di credito facile,è
        un'altra
        boiata.
        Se solo si leggessero le specifiche su questo
        "XXXXXviglioso" segnale video, si rimarrebbe a
        bocca
        aperta.

        Come al solito cio che fa marketing, non sono le
        vere tecnologie o i prodotti, ma le
        sigle!

        (Ho la Xantia TDCI con l'ABS, l'HDTV, il PC con
        MMX)
        Quanto è stupido l'essere umano?
        Tanto tanto tanto, tanto tanto, Tanto tanto
        tanto, tanto tanto,Tanto tanto tanto, tanto
        tanto,Tanto tanto tanto, tanto tanto (Jovanotti)
        (rotfl)

        Oh, non innamoratevi nel mio nick eh? (rotfl)
        (rotfl)
        (rotfl)E quindi? Non ho capito il senso di quest'inutile sproloquio... che c'entra con la nuove compact flash?
    • desyrio scrive:
      Re: bai bai
      Non mi pare si accenni da nessuna parte che c'è la tecnologia per produrre CF di queste dimensioni... si parla di massima capacità supportata dalla specifica.
      • Massimo scrive:
        Re: bai bai
        - Scritto da: desyrio
        Non mi pare si accenni da nessuna parte che c'è
        la tecnologia per produrre CF di queste
        dimensioni... si parla di massima capacità
        supportata dalla
        specifica.Sì è come quando si dice che le architetture a 64 bit dei proXXXXXri supportano fino a 16 exabyte di RAM... non significa che come d'incanto mi posso comprare un PC con 16 exabyte di RAM
Chiudi i commenti