UK, Facebook consegnerà i cyberbulli

I responsabili del sito in blu sono stati costretti da un giudice di Londra a rivelare informazioni utili all'identificazione di quattro troll social. Avrebbero tormentato una donna britannica con profili fasulli e contenuti diffamatori

Roma – Era intervenuta con un commento sulla pagina Facebook dedicata a Frankie Cocozza , giovane star del programma televisivo britannico X Factor . Alcune righe d’incoraggiamento per il cantante cacciato dal celebre talent-show dopo una torbida vicenda a base di droga e sesso. Da quel preciso istante, la vita di Nicola Brookes verrà sconvolta da un manipolo di cyberbulli.

Quattro misteriosi “troll”, ora al centro di un caso che ha trascinato nel suo vortice lo stesso sito in blu. Residente a Brighton, la donna si era rivolta alla High Court di Londra per costringere i vertici di Facebook a consegnare tutti quei dati personali utili all’identificazione dei responsabili . Tutti accusati di aver creato falsi profili – in violazione delle stesse regole di Facebook – per tormentare la sua esistenza già provata dal morbo di Crohn.

L’Alta Corte londinese ha dunque firmato l’ordinanza che obbligherà la piattaforma di Mark Zuckerberg a rivelare indirizzi IP, indirizzi (elettronico come fisico) e nomi completi dei misteriosi bulli social . Quest’ultimi avrebbero permesso la diffusione di informazioni diffamatorie in falsi profili dedicati a Nicola Brookes, solo apparentemente impelagata in attività illecite come spaccio di droga e pedofilia.

Un portavoce di Facebook ha subito sottolineato come il sito non lasci affatto spazio a molestie cibernetiche, al limite casi isolati per colpa di “pochi malintenzionati che vivono online, ma anche offline”. La piattaforma statunitense ha comunque fatto sapere che obbedirà alle richieste di un giudice estero, consegnando dati utili all’identificazione dei responsabili.

Mauro Vecchio

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Tino Tini scrive:
    Molta privacy poca sostanza
    Molta privacy nei modi e nei luoghi sbagliati. Sembra piu' pericolosa una fotografia scattata (e lo ricordo quanti hanno contestato Google) da un luogo pubblico che le miriadi di reati e truffe varie che avvengono regolarmente su internet , a partire dai famosi dialer su cui perfino le compagnie telefoniche nostrane hanno lucrato e guadagnato soldi a bizzeffe. Eppure i nomi dei beneficiari di queste gigantesche truffe sono scritti nelle fatture di Telecom Italia !Ma ovviamente è molto piu' facile per un governo, una pubblica amministrazione , emanare un editto a cui Altri debbono adeguarsi piuttosto che esercitare un reale controllo capillare per garantire la sicurezza dei cittadini .
  • Pinco Pallino scrive:
    Svizzeri: riservati o complici
    Memorabile la tutela della privacy da parte degli svizzeri!A tal punto che il denaro degli evasori fiscali e della malavita è lì ben al sicuro, rinchiuso negli impenetrabili caveau delle banche elvetiche!Più che riservatezza, la definirei complicità con i fuorilegge!
  • Tino Tini scrive:
    Molta Privacy
    Molta privacy nei modi e nei luoghi sbagliati. Sembra piu' pericolosa una fotografia scattata (e lo ricordo quanti hanno contestato Google) da un luogo pubblico che le miriadi di reati e truffe varie che avvengono regolarmente su internet , a partire dai famosi dialer su cui perfino le compagnie telefoniche nostrane hanno lucrato e guadagnato soldi a bizzeffe. Eppure i nomi dei beneficiari di queste gigantesche truffe sono scritti nelle fatture di Telecom Italia !Ma ovviamente è molto piu' facile per un governo, una pubblica amministrazione , emanare un editto a cui Altri debbono adeguarsi piuttosto che esercitare un reale controllo capillare per garantire la sicurezza dei cittadini .
  • trullo scrive:
    chi ci rimette
    se da domani google decidesse di rendersi non disponibile per un paesecredo che a rimetterci sarebbe quel paese, si dica quel che si vuole ma alternative che offrano tutti i servizi di google altrettanto valide non ci sono
    • MegaJock scrive:
      Re: chi ci rimette
      - Scritto da: trullo
      se da domani google decidesse di rendersi non
      disponibile per un
      paese
      credo che a rimetterci sarebbe quel paese, si
      dica quel che si vuole ma alternative che offrano
      tutti i servizi di google altrettanto valide non
      ci
      sonoGoogle è un'impresa privata, se vuole fare affari con il resto del mondo deve ottemperare alle leggi. Nessuna nazione può o deve farsi ricattare da una realtà aziendale per potente che sia.Bastano già le Sette Sorelle, e avanzano abbondantemente. Nessuno muore senza i servizi di Google.
      • trullo scrive:
        Re: chi ci rimette
        ottemperare a leggi puo' andare bene quando le leggi non sono XXXXXXXXX o servono solo a salvaguradare determinati privilegi di qualcuno.Tra l'altro non c'e' appunto nessuna legge che obbliga google a servire i suoi servizi alla svizzera
        • MegaJock scrive:
          Re: chi ci rimette
          - Scritto da: trullo
          Tra l'altro non c'e' appunto nessuna legge che
          obbliga google a servire i suoi servizi alla
          svizzeraInfatti. Libera di andarsene. Quando altre nazioni porranno l'aut-aut, vediamo se Google vorrà fare come il bambino isterico con cui nessuno vuole giocare. ;)
      • uffff scrive:
        Re: chi ci rimette
        - Scritto da: MegaJock
        - Scritto da: trullo

        se da domani google decidesse di rendersi non

        disponibile per un

        paese

        credo che a rimetterci sarebbe quel paese, si

        dica quel che si vuole ma alternative che
        offrano

        tutti i servizi di google altrettanto valide non

        ci

        sono

        Google è un'impresa privata, se vuole fare affari
        con il resto del mondo deve ottemperare alle
        leggi. Nessuna nazione può o deve farsi ricattare
        da una realtà aziendale per potente che
        sia.

        Bastano già le Sette Sorelle, e avanzano
        abbondantemente. Nessuno muore senza i servizi di
        Google.Quamdo Google non si vuole piegare ai cattivi cina, india e pakistan, tutti a divendere google perche non cede al vile ricatto, quando a chiederlo e' la civile svizzera, tutti a XXXXXXre in testa a google temibile multinazionale amerikana....Vediamo di deciderci. (non tu in particolare, ma i vari postatori "due pesi e due misure")Io sono per il "a casa mia fai come dico io o ti levi dalle palle"
    • aphex twin scrive:
      Re: chi ci rimette
      - Scritto da: trullo
      se da domani google decidesse di rendersi non
      disponibile per un
      paese
      credo che a rimetterci sarebbe quel paese"Quel paese"? , stimiamo quanto scende il PIL di una nazione senza Google ?.... secondo me sale ....
      , si
      dica quel che si vuole ma alternative che offrano
      tutti i servizi di google altrettanto valide non
      ci
      sonoMotori di ricerca alternativi ci sono,Arternative alle mappe pure,servizi di posta .... quanti ne vuoi,traduttori ne è pieno il web ,l'unico "servizio" che mi spiacerebbe perdere è chrome.Quale altro servizio "vitale" offre Google a cui non si può fare a meno ?
    • Andrea scrive:
      Re: chi ci rimette
      Dall'articolo avevo capito che Google avrebbe rinunciato a Street View nella svizzera, non a bloccare tutti i suoi servizi.Che e' la soluzione piu' semplice, non potendo garantire quelle richieste meglio non fare street view, che per quanto carino, non e' affatto necessario.
  • Martino scrive:
    Tolgano i servizi
    Se fossi uno che può decidere in google, proporrei di cancellare tutta la svizzera. Magari sostituendola con forme di Emmenthal e vacche pezzate.
    • MegaJock scrive:
      Re: Tolgano i servizi
      La legge svizzera sulla protezione dei dati, piaccia o no, è legge. Anche per Google.Fortunatamente non puoi "decidere in Google", anche perchè se la Big G tira troppo la corda, rischia di diventare una "Little G", con le conseguenze del caso.Poi, se sei un f4nb0i, capisco che tu abbia lasciato il cervello al login...
      • pinco pallino scrive:
        Re: Tolgano i servizi
        - Scritto da: MegaJock
        La legge svizzera sulla protezione dei dati,
        piaccia o no, è legge. Anche per
        Google.

        Fortunatamente non puoi "decidere in Google",
        anche perchè se la Big G tira troppo la corda,
        rischia di diventare una "Little G", con le
        conseguenze del
        caso.

        Poi, se sei un f4nb0i, capisco che tu abbia
        lasciato il cervello al
        login...Beh, google non è obbligato per legge a servire la svizzera, per cui farebbe bene a non mapparla del tutto.
    • Uno che scrive poco scrive:
      Re: Tolgano i servizi
      Oggi con questa battuta mi hai illuminato la giornata, sto ridendo al bar da solo e sono felice di questo.Ovviamente anche l'intervento dei due pesi e due misure è validissimo ed ovviamente ignorato dagli interessati che sono stati citati in esso...Ma tant'è, noi italiani siamo quelli che se siamo a piedi malediciamo le macchine che ci ostacolano l'attraversamento fuori strisce, e se siamo in macchina vorremmo stendere quei XXXXXXXX che attraversano fuori dalle strisce... mitici!
  • Riciclatore di soldi sporchi scrive:
    Mafiosi potete stare tranquilli !
    evvai ! potrete continuare a portare milioni da riciclare nelle banche svizzere senza il pericolo di essere riconsciuti ! :DA proposito, in Lussemburgo, Google quando ci va ?
    • attonito scrive:
      Re: Mafiosi potete stare tranquilli !
      - Scritto da: Riciclatore di soldi sporchi
      evvai ! potrete continuare a portare milioni da
      riciclare nelle banche svizzere senza il pericolo
      di essere riconsciuti !
      :D

      A proposito, in Lussemburgo, Google quando ci va ?Vaduz ha messo i cecchini per fermare le googlecar :D
    • Difensore scrive:
      Re: Mafiosi potete stare tranquilli !
      Si, a portare soldi...
Chiudi i commenti