UK, mostrare carta di credito per accesso al VM18

Il Regno Unito vorrebbe imporre una verifica obbligatoria dell'età per accedere ai siti con contenuti pornografici. Un incubo per la sicurezza, per gli oppositori della morale puritana e per i semplici appassionati

Roma -Il Regno Unito sta pensando di introdurre l’ obbligo di verifica dell’età per i siti Web che ospitano contenuti pornografici .
Portatore della proposta che fa parte del “Digital Economy Act 2017” è il Ministro delle politiche digitali Matthew Hancock che parla di “prima pietra per fare del Regno Unito il posto più sicuro al mondo per i bambini per navigare online”, ma essa rappresenta anche un ideale prosieguo della politica adottata nel 2013 dall’allora Primo Ministro David Cameron che puntava a bloccare il porno online a meno di un esplicito consenso alla sua ricezione da parte dell’utente interessato.

Il Digital Economy Act 2017 contiene, oltre alla richiesta di una valida verifica dei dati di accesso del netizen, una serie di incentivi alla diffusione delle connessioni, nonché diverse misure legate in generale alla fruizione dei contenuti e all’ecommerce: oltre l’obbligo da parte delle TV e dei servizi di video on demand di fornire sottotitoli e descrizioni audio, nonché la previsione di un reato ad hoc costituito dall’utilizzare bot per l’acquisto e la rivendita online a prezzi maggiorati di biglietti per eventi.

L’idea di Hancock per quanto riguarda la limitazione dell’accesso al porno è quella di obbligare i siti Web con contenuti a luci rosse ad installare software di verifica dell’età per assicurarsi che i propri visitatori abbiano più di 18 anni : il sistema deputato sembra essere quello già adottato dai siti di scommesse che richiedono l’immissione di dati delle carte di credito, che non possono essere rilasciate ai minori.

I siti Web saranno obbligati ad adeguarsi, pena il ban dal Regno Unito, presumibilmente con un sistema di blocco a livello ISP (che sarà dunque aggirabile tramite VPN).

L’ obiettivo è quello di adottare la riforma entro l’aprile del 2018 , anche se lo stesso ministro non nega che si tratta di un programma complesso :
il problema, riguardando contenuti delicati come quelli legati alla sessualità, è che impone una morale restrittiva ( potrebbero essere riconosciuti come pornografici i siti che pubblicano anche una sola immagine di nudo) e costringe una persona a identificarsi nel momento dell’accesso ad un sito a luci rosse.

Questo, evidentemente, significa rischiare di compromettere la sua privacy, anche perché non vi può essere sicurezza informatica assoluta come dimostra per esempio il caso Ashley Madison, che ha finito per veder compromesso l’anonimato degli infedeli di mezzo mondo.

Ulteriore problema del sistema tramite carta di credito è sociale : chi, seppur maggiorenne, non può permettersi una carta di credito avrà di fatto un accesso limitato ad Internet e vedrà pertanto limitate le proprie libertà.

Claudio Tamburrino

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • abcya scrive:
    abcya4kids.com@gmail.com
    Your article is detailed, thanks to it I solved the problem I am entangled. I will regularly follow your writers and visit this site daily.http://abcdeya.com
  • azz scrive:
    siete solo invidiosi
    ..di coloro che nella loro semplicità e genuinità, si confrontano e discutono di argomenti che altri sanno solo affrontare con immodestia e arroganza.....vergognatevi e andate a lavorare....
    • ... scrive:
      Re: siete solo invidiosi
      gli arroganti hanno la pessima abitudine di salire sul pulpito senza capire una mazza di quello di cui stanno parlando.
  • Pepe Lopez scrive:
    ...
    Io no sabe, no sabe nada! :'(
  • prova123 scrive:
    IMHo gli hacker
    non hanno il tempo disponibile per partecipare a questi raduni. Hanno delle scadenze da rispettare ...
  • aieie brazov scrive:
    e beh ;)
    https://wiki.sha2017.org/images/6/6e/User-Calamarim.jpg
  • ... scrive:
    speriamo
    l'hackmeeting italiano di quest'anno aveva una qualita' imbarazzante con un eccessivo numero di cialtroni che improvvisavano... ma dico, se non sapete di cosa state parlando che ci andate a fare all'HM? solo per dire "ho fatto un talk"? ma statevene a casa, o se proprio ci dovete andare, state zitti, ubriacatevi in un angolo, fate una passeggiata, quello che vi pare, ma non salite su un palco a dire autentiche scempiaggini.
    • Re fresh scrive:
      Re: speriamo
      Dipende. Qui ci saranno "i soliti ignoti" italiani con famiglia :-) E anche un paio di tedescozzi e olandesi con le giuste skillz!Quest'anno ci saró anch'io... sperando di ritrovare vecchi amici (non hanno ancora confermato) perché ormai non ci sto piú dietro - tutto troppo veloce, o meglio tra bimbi, moglie e animali vari... chi lo trova il tempo!
    • oltrelamente scrive:
      Re: speriamo
      Pensa che io ricordo ancora la prima edizione dell'hackmeeting italiano dove ho potuto assistere a spettacolari installazioni di windows 95 e a persone che dopo aver digitato, su shell di fortuna (win naturalmente) il comando "dir", rimanevano dai 20 ai 60 minuti a fissare il monitor scuotendo la testa Chiesi a uno"Scusa ma cosa hai trovato?""No.... niente cose mie"e si allontano' dal computerO__O
    • santo subito scrive:
      Re: speriamo
      e di cosa parlavano?
Chiudi i commenti