Un gel per la ricrescita dei tessuti

Un fluido alle nanoparticelle testato sugli animali, che promette guarigioni miracolose. Per l'applicazione sull'uomo ci vorranno ancora anni: non meno di tre

Roma – Nonostante alcune concrete forme di timore succedutesi a livello internazionale sugli effetti del loro utilizzo, le nanoparticelle continuano a rappresentare un terreno caldo per scienziati e ricercatori, che utilizzano la loro duttilità per svariati scopi. Tra le ultime ricerche, suscita molto interesse lo studio intrapreso da un’equipe di ricercatori della Clemson University, che ha ideato un fluido condito di nanocosi utile a riparare in tempi rapidi ossa e tessuti danneggiati.

In particolare, si tratta di un fluido al cui interno vengono inglobate nanoparticelle contenenti tre differenti elementi che incoraggiano la ricrescita dei tessuti. Una volta iniettato all’interno della zona da ripristinare, grazie al calore corporeo, il fluido si fa più denso, fino a diventare un gel compatto: in seguito le nanoparticelle – biodegradabili – rilasciano le sostanze contenute al loro interno favorendo la ricrescita del tessuto danneggiato.

Gli esperimenti sin qui avviati sembrano avere risultati più che soddisfacenti: l’equipe ha testato il nuovo metodo su un ratto affetto da un considerevole trauma cranico, paragonabile a detta del team a quello che è possibile procurarsi in un incidente stradale. Dopo l’iniezione del fluido, il ratto ha mostrato una ripresa nettamente più rapida: in 12 settimane avrebbe riacquistato gran parte delle funzioni motorie e sensoriali, una cosa impensabile per le altre cavie curate con metodi tradizionali.

“Le funzioni controllate dalle regioni danneggiate sarebbero perse in maniera permanente se non ripristinate” spiega Ning Zhang, ricercatore a capo del progetto. “Il nostro obbiettivo – continua – è quello di incoraggiare la rigenerazione neurologica dei tessuti danneggiati”.

Tra gli altri esperimenti fatti con il fluido alle nanoparticelle, Zhang cita anche il ripristino del tessuto osseo di quasi la metà del femore di un coniglio: in questo caso, al posto di sostanze utili alla ricrescita neurologica, nelle nanoparticelle sono stati inclusi alcuni elementi che favoriscono la ricrescita delle strutture calcificate. Il risultato sembra essere più che soddisfacente: secondo il team di studiosi in sole due settimane il tessuto si era riformato in maniera completa.

Restano aperti due problemi: il primo, quello più sentito nel settore, riguarda i possibili effetti collaterali nell’utilizzo delle nanoparticelle che fin qui non è stato possibile chiarire anche in virtù della giovane età di questi studi. Il secondo, di interesse più generale, è relativo ai test sugli animali e sull’uomo: i progetti del team comandato da Zhang proseguono, e in previsione vi sono almeno altri 3 anni di test effettuati su cavie, che potrebbero portare in seguito alla sperimentazione del fluido su soggetti umani.

Vincenzo Gentile

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Enjoy with Us scrive:
    Tutto dipenderà da prezzo e consumi!
    Le prestazioni sembrano almeno al livello di Atom, anzi con la decodifica anche di flussi HD un gradino sopra, la piattaforma sembra compatta se è vero che per schermi da 10 pollici sono previsti pesi inferiori al Kg, rimane appunto da definire l'autonomia, se fosse in linea con certe soluzioni ARM che si tsanno affacciando potrebbe essere una piattaforma molto interessante!
  • lol scrive:
    meglio di atom
    nano è sicuramente meglio della cpu di intel. con cifratura hardware e decoder mp4, riproduce 1080p (fonte via) il cruccio è il prezzo. speriamo riesca a sfondare (o almeno avere una fetta di mercato rilevante)PS: nano oramai avrà 6 mesi se non di + non mi sembra nuovissima
Chiudi i commenti