Una CPU multi-core sulla PlayStation 4?

Fonti giapponesi sostengono che sulla PlayStation di prossima generazione Sony rimpiazzerà il processore Cell con uno basato su un'architettura multi-core convenzionale. Bocciato Larrabee?

Roma – Dal Giappone giungono nuove indiscrezioni sulla PlayStation di quarta generazione che confermerebbero la volontà di Sony di abbandonare il processore Cell. Stando a Kotaku , che riprende a sua volta il sito giapponese PC Watch Impress , Sony starebbe lavorando su una CPU multi-core per la PS4 basata su un’architettura diversa da Cell.

Come noto, la critica rivolta più frequentemente alla PS3 dagli sviluppatori di giochi è quella di essere difficile da programmare , ciò soprattutto a causa della complessa e poco familiare architettura del suo processore. Tale rimostranza, insieme agli elevati costi di produzione del chip, avrebbe convinto Sony ad abbandonare Cell in favore di una architettura multi-core più tradizionale, come ad esempio quella PowerPC alla base della CPU Triton di Xbox 360.

Sempre stando alle indiscrezioni, inizialmente Sony avrebbe in un primo momento pensato di affiancare Cell ad una GPU Larrabee di Intel, che basandosi su un’architettura x86-compatibile promette di essere particolarmente semplice da programmare. Le fonti asiatiche sostengono però che il gigante nipponico avrebbe già accantonato l’idea per via delle inadeguate performance fornite da questa soluzione.

“Pare che Sony abbia preso in considerazione anche una versione modificata della Synergistic Processor Unit, ma stando alle supposizioni ora starebbe lavorando su un design che include una CPU multi-core”, riporta Kotaku . Secondo PC Watch , l’Xbox e la PlayStation di prossima generazione dovrebbero arrivare nei negozi tra il 2012 e il 2013, mentre la nuova Wii (HD?) potrebbe anticipare le console avversarie di circa un anno.

Alessandro Del Rosso

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Simone scrive:
    Re: Niente di nuovo...
    Grazie per l'ottima delucidazione. ;)
  • ephestione scrive:
    Come una bug disclosure...
    Stessa cosa dei bug hunter che rendono pubbliche le falle di sicurezza dei software più famosi per costringere chi li distribuisce, producendoci quattrini, a tapparle, anche se questi vorrebbero fossero tenute nascoste per lavorarci "con calma".Inoltre, senz'altro attualmente chi ha il potere sufficiente può intercettare "alla sorgente" il traffico telefonico GSM, il rilascio di queste informazioni non fa che estendere il potenziale bacino d'utenza delle intercettazioni.
    • dpeddi scrive:
      Re: Come una bug disclosure...
      mi sa un incentivo al rilascio delle licenze wcdma 900
    • ... scrive:
      Re: Come una bug disclosure...
      ma no, tranquilli, nessun bug e nessuna intercettazionesemplicemente questa è la security moderna, si pubblica una banalità e la si fa passare per qualcosa di misticoil tizio in questione ha soltanto generato delle rainbow tables, sapete cosa sono? tabelle di hash...servono solo a ridurre i tempi di brute force e funzionano solo su chiavi di cifratura prese in considerazione durante la generazione dell'hash...è come dire che faccio un hash di 4 miliardi di chiavi private rsa e dico che ho crackato l'algoritmo, non funziona esattamente così :)infatti esistono pure rainbow tables per md5 e non sono mai state usate per niente, visto che non servono a niente se non a riprodurre hash di dati gia noti in partenza e preparati allo scopo per una dimostrazione, cioè un caso diverso dalla realtà :)
      • zuzzurro scrive:
        Re: Come una bug disclosure...
        Ehm...r.t. per MD5 MAI USATE???Uhm... :)
        • ... scrive:
          Re: Come una bug disclosure...
          si e che ci fai? le usi per crackare gli stessi dati usati nella demo, stopnon puoi usarle per altro di utile se non piccole quantità di bytemd5 è stato crackato VERAMENTE, perché è stata trovata una debolezza nell'effetto valagna dell'algoritmo ed è possibile costruire 2 blocchi di dati con lo stesso hash, oppure costruire un hash uguale ad un altro hash, partendo da dati diversi, tutto ciò non richiede nessuna rainbow table, solo molta potenza di calcolousare le rainbow tables equivale a fare bruteforce, non è una debolezza dell'algoritmo... (premesso che l'algoritmo gsm è effettivamente una chiavica, ma non certo per colpa delle rainbow tables)
          • lol scrive:
            Re: Come una bug disclosure...

            usare le rainbow tables equivale a fare
            bruteforce, non è una debolezza dell'algoritmo...
            (premesso che l'algoritmo gsm è effettivamente
            una chiavica, ma non certo per colpa delle
            rainbow
            tables)Si però a velocità 1000 volte superiori
          • zuzzurro scrive:
            Re: Come una bug disclosure...
            Lascia stare, tante volte è inutile parlare quando non c'è l'intenzione di voler intavolare una discussione.
Chiudi i commenti