Una lampadina spiona

Per farsi riprendere sotto una luce differente

Fino ad ora le videocamere portatili integrate in qualsiasi dispositivo, come cellulare, tablet e quant’altro, potevano contare su una lampadina LED che permettesse le riprese in notturna. Ora, la logica si ribalta e i LED non sono solo da contorno, ma sono la componente principale di una tradizionale pila tascabile, che sembra però abbia imparato a fare le riprese.

Flashcam

Infatti in questa lampadina è la videocamera integrata ad essere l’accessorio. Un obiettivo capace di catturare ogni singolo momento con una risoluzione a 1280×960 pixel ed un numero di frame per secondo (FPS) pari a 30.
La Flashlight Camera DVR è anche capace di cattuare fotografie a 1600×1200 pixel. Ogni bit è poi memorizzato in formato AVI su una scheda microSD inclusa da 4 GB. Insieme al video viene catturato anche l’audio, che in realtà può essere registrato anche da solo.

Flashcam

Insieme alla lampadina-cam è fornito anche un cavo USB per ricaricare le batteria integrata agli ioni di litio, l’adattatore per presa di corrente, un card reader USB e un adapter da microSD a SD.

Così, a chi vi dirà che in un video avevate una particolare luce in volto, potreste svelare il segreto della Flashlight Camera DVR, acquistata su Amazon a 39,99 dollari.

(via Crunchgear )

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Sandro el pistola scrive:
    btcfarm.us
    Io mino qui.. almeno è italiano !
  • mother scrive:
    bitcoin
    qualsiasi forma di scambio di denaro, con tasso di cambio fisso o non normato dallo stato/nazione, che non rispetta i vincoli economici (liste di prescrizione o liste bush verso associazioni terroristiche internaizonali, mafia, embargo, ecc...) è da ritenersi non solo illegale, ma anche dannoso per il tessuto sociale.Un esempio deriva proprio dai sistemi di evasione fiscale perpetrati a San Marino, verso cui indaga la GdF. Vedere puntate di Report attinenti.
  • Sandro kensan scrive:
    Wikileaks accetta donazioni in Bitcoin
    Non lo sapevo e l'ho scoperto ieri, in ritardo di molti giorni. Wikileaks accetta donazioni in bitcoin, la moneta rivoluzionaria.In un tweet la comunicazione dell'indirizzo in cui fare versamenti:http://twitter.com/#!/wikileaks/status/80774521350668288WikiLeaks now accepts anonymous Bitcoin donations on1HB5XMLmzFVj8ALj6mfBsbifRoD4miY36v15 Giu via webAppena ho un attimo di tempo lo pubblicizzo tramite il mio sito e ovviamente darò il mio contributo magari misero ma non basta il pensiero. Invito "mercato bitcoin" e altri che hanno un sito o un blog a dare risalto alla notizia.
  • mercato bitcoins scrive:
    riflessione
    Ho pubblicato una riflessione su questa notizia sul mio blog:http://www.mercatobitcoins.it/2011/06/i-dubbi-intorno-ai-bitcoin.html
    • Sandro kensan scrive:
      Re: riflessione
      - Scritto da: mercato bitcoins
      Ho pubblicato una riflessione su questa notizia
      sul mio
      blog:
      http://www.mercatobitcoins.it/2011/06/i-dubbi-intoHai aperto da poco vero? comunque ci ho già fatto un giro. Riguardo il tuo ultimo articolo, posso dire che lo sottoscrivo. Sarebbe stato un articolo valido di PI ma non ci sono più i siti di una volta :)«Un atteggiamento a mio parere troppo cauto e timoroso per un'organizzazione (EFF) che ha come motto la libertà di parola e la libertà di innovazione.» Esatto, questo è quello che ho capito io dalla vicenda e vedo di non essere il solo.
  • Sandro kensan scrive:
    È una moneta che spaventa i potenti
    Spaventa i potenti quindi è normale che una organizzazione inserita nel sistema anche se in modo critico come EFF voglia stare alla larga da una moneta antisistema.
    • aracosta scrive:
      Re: È una moneta che spaventa i potenti
      - Scritto da: Sandro kensan
      Spaventa i potenti quindi è normale che una
      organizzazione inserita nel sistema anche se in
      modo critico come EFF voglia stare alla larga da
      una moneta
      antisistema.Per quale motivo dovrebbe spaventare i potenti questa moneta ?
      • Sandro kensan scrive:
        Re: È una moneta che spaventa i potenti
        - Scritto da: aracosta
        Per quale motivo dovrebbe spaventare i potenti
        questa moneta
        ?Google è tuo amico ;)
      • uno scrive:
        Re: È una moneta che spaventa i potenti
        Considera solo il fatto che, pochi anni dopo che Saddam annunciò che intendeva passare dai $ agli per vendere il petrolio, organizzarono una guerra basata su ridicoli pretesti per andare a fargli la festa.Pensa ad una moneta completamente scollegata da qualsiasi governo, relativamente anonima, a costo 0 e senza possibilità di esercitare controllo tramite stampa di moneta. Il bitcoin è stato definito "il progetto Open Source più pericoloso che sia mai stato creato".
        • Walwule scrive:
          Re: È una moneta che spaventa i potenti
          Aggiungici Strauss-Khann che ha osato toccare la sovranità internazionale del dollaro (oltre ad essere un vecchio malato diXXXXX, ma questo è secondario)!
        • aracosta scrive:
          Re: È una moneta che spaventa i potenti
          - Scritto da: uno
          Considera solo il fatto che, pochi anni dopo che
          Saddam annunciò che intendeva passare dai $ agli
          per vendere il petrolio, organizzarono una
          guerra basata su ridicoli pretesti per andare a
          fargli la
          festa.
          La guerra è stata fatta per il controllo del petrolio non per la moneta di quotazione. Anche perchè ci sono altri produttori di petrolio che non erano affatto intenzionati a cambiare la base di quotazione.
          Pensa ad una moneta completamente scollegata da
          qualsiasi governo, relativamente anonima, a costo
          0 e senza possibilità di esercitare controllo
          tramite stampa di moneta.
          Se il costo di una moneta è 0 anche il suo valore è tale. Il controllo su una moneta lo eserciti in vari modi. I bitcoin li prui creare utilizzando potenza di calcolo. Quando non sarà più possibile si creeranno tramite costi sulle transazioni, quindi un governo o banca che voglia prendere il controllo della moneta deve solo investire in sistemi di calcolo potenti ed efficienti e ne crea a volontà, basta che facciano transazioni tra di loro palleggiandosi dei bitcoin e creandone tramite il meccanismo dei costi di transazione.

          Il bitcoin è stato definito "il progetto Open
          Source più pericoloso che sia mai stato
          creato".
          • Shingo Tamai scrive:
            Re: È una moneta che spaventa i potenti
            C'e' un tetto massimo al numero di bitcoin che e' possibile far circolare, non se ne possono creare all'infinito.
          • Polemik scrive:
            Re: È una moneta che spaventa i potenti
            Capirai, basta rendere illegale il possesso di bitcoin punendo i trasgressori con una pena sufficiente a scoraggiare chiunque (10 anni, 20 o 30 anni di carcere o, se non basta, ergastolo, lavori forzati, pena di morte) e il gioco è fatto.
    • seicentosei scrive:
      Re: È una moneta che spaventa i potenti
      - Scritto da: Sandro kensan
      sistema
      antisistema. :| Pensavo solo i personaggi di Guzzanti parlassero ancora così.
  • LordAzuzu scrive:
    Organizzazione "BitCoin"?
    Ma che caxxo stanno a di'? Quale organizzazione?Il network è autonomo, nessuno può controllarlo, e le transazioni non possono essere annullate.Poi non capisco, non è stata la "valuta virtuale" ad avere problemi, ma un sito di trading fatto con i piedi.Mahedit:Al massimo dovrebbe essere mtgox a rimborsare di tasca sua (viste le decine di migliaia di dollari al giorno che incassava fino a 10 giorni fa). Perchè per colpa loro dovrebbe rimetterci qualcun'altro?-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 23 giugno 2011 10.37-----------------------------------------------------------
Chiudi i commenti