Un'Odissea con Telecom-Interbusiness

Quanto ci vuole per spostare le proprie attività web da un provider ad Interbusiness? Se l'unico fax funzionante è occupato si rischia di dover attendere a lungo


Roma – Salve,

volevo segnalare un disservizio (chiamarlo tale però è un eufemismo) di Interbusiness, provider Internet di Telecom per il mondo business.

Per nostra sfortuna (dopo un mese di continue chiamate all’Helpdesk del provider lo posso dire con cognizione di causa) per il nostro sito abbiamo deciso di passare da un piccolo provider di provincia (caro e con poca banda) a Interbusiness (più economico e con una banda più ampia). Non l’avessimo mai fatto!

Da allora sono cominciati i problemi. Primo fra tutti il cambio provider.

Per effettuare tale operazione Interbusiness richiede:

1) la compilazione di un modulo online per l’avvio delle procedure (operazione espletata con non poche difficoltà a causa della scarsa organizzazione del sito www.cgi.interbusiness.it)

2) l’invio a un fax del Centro Gestione di Interbusiness (06 36879182) della lettera di richiesta del cambio provider che poi loro dovrebbero inoltrare alla RA italiana.

I problemi nascono proprio dal punto 2.

L’invio di questo Fax è altamente problematico, nel senso che (credo anche data la mole di fax che questo provider a livello nazionale riceve quotidianamente) non si riesce mai a prendere la linea. Il problema è che quando i due (sì, a detta di un addetto dell’helpdesk di Interbusiness sono solo 2 i fax del centro gestione, e oggi mi hanno che 1 dei 2 è guasto) fax sono entrambi occupati, la linea non risulta occupata, ma si sente il segnale di libero fino a quando (dopo un periodo di attesa variabile) la linea non passa a 1 centralino (infatti si sente la classica musica di attesa). In quel momento viene addebitato al chiamante 1 scatto alla risposta.

Ebbene io ho un elenco cartaceo di chiamate fax al centro gestione di Interbusiness non riuscite (in continua crescita, dati i miei numerosi tentativi) di ben 23. L. 127 +IVA X 23 pari a L. 3505.2 spese inutilmente.

Data la (credo) notevole mole di utenti di Interbusiness i quali penso abbiano quotidianamente necessità di mettersi in contatto con il proprio provider, non è che Telecom (di cui Interbusiness fa parte) pensa di arricchirsi in questo subdolo ma comunque efficace modo?

Avrei anche altri disservizi da segnalare sempre riguardo a questo provider, ma mi limito a questo.

Nella speranza che questo piccolo “sfogo” personale possa essere spunto di qualche comunicazione da parte vostra sul vostro sito, porgo cordiali saluti.

Luigi D. Cerabolini
Publish Art Team

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Han fatto bene
    Come da oggetto.
  • Anonimo scrive:
    Inconto reale
    Internet è la più rivoluzionaria invenzione mai fatta dall'umanità!Sono veramente pochi a rendersene conto ora.Ma anche Gesù Cristo ha inventato qualcosa di molto potente duemila anni fa: i Sacramenti.E l'invenzione non è ancora del tutto capita anche da molti fedeli.Una cosa è certa la Comunicazione è vita per ogni uomo. E Dio ha voluto che la Sua comunicazione con ciascuno di noi non passasse su codici virtuali e su "bande" più o meno larghe.Nei Sacramenti incontriamo e "tocchiamo" la realtà concretissima del sacro. Il pane ed il vino si fanno Vero Corpo, l'assoluzione dal peccato vero abbraccio con il Padre misericordioso. Nulla di virtuale.Vi è un punto di connessione fisico non vituale nei sacramenti. Per questo non è possibile celebrarli on line, ma solo prepararli, parlarne, girarci attorno.
  • Anonimo scrive:
    Ma "confessore" e "ministro della Chiesa"....
    ...Non riguardano la stessa persona, cioe' il prete? Almeno, cosi' mi dicevano le suore a catechismo 3500 anni fa (e fra una bacchettata e l'altra lo avevo pure imparato).
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma
      embe'?- Scritto da: Jurassic
      ...Non riguardano la stessa persona, cioe'
      il prete? Almeno, cosi' mi dicevano le suore
      a catechismo 3500 anni fa (e fra una
      bacchettata e l'altra lo avevo pure
      imparato).
  • Anonimo scrive:
    Ucci

    E secondo Foley Internet non è benigna o maligna
    ma dipende "da come si usa". I rischi e i
    problemi della Rete, secondo il presidente-
    monsignore, riguardano "l'invasione della
    privacyBhe nostro signore a occhio viola la privacy di tutti, che facciamo lo diciamo al garante?Cmq la prima parte sulla confessione mi trova daccordo con il monsignore,sulla seconda mi spiace, ma la pornografia non nasce da internet, anzi se venisse liberalizzata tutto il mercato crollerebbe, hai visto mai .... ma poi vai a spiegare a quei terroristi dell'informazione cos'è anti proibizionismo, non sono ancora capaci di spiegare nulla alla gente.C'è un documento interessante nell'archivio di radio-radicale.it (cliccate su archivio ed edizioni precedenti in alto a destra) è di 19 anni fa, pannella in parlamento sulla questione morale RAI ecc.ecc.fatevi un'ora di sana cultura e guardate cosa si diceva 19 anni fa e cosa si è fatto.ciao
    • Anonimo scrive:
      Re: Ucci
      Si sana... moooooolto sana..... - Scritto da: ucciucci

      E secondo Foley Internet non è benigna o
      maligna
      ma dipende "da come si usa". I
      rischi e i
      problemi della Rete, secondo il
      presidente-
      monsignore, riguardano
      "l'invasione della
      privacy

      Bhe nostro signore a occhio viola la privacy
      di tutti, che facciamo lo diciamo al
      garante?

      Cmq la prima parte sulla confessione mi
      trova daccordo con il monsignore,
      sulla seconda mi spiace, ma la pornografia
      non nasce da internet, anzi se venisse
      liberalizzata tutto il mercato crollerebbe,
      hai visto mai .... ma poi vai a spiegare a
      quei terroristi dell'informazione cos'è anti
      proibizionismo, non sono ancora capaci di
      spiegare nulla alla gente.

      C'è un documento interessante nell'archivio
      di radio-radicale.it (cliccate su archivio
      ed edizioni precedenti in alto a destra) è
      di 19 anni fa, pannella in parlamento sulla
      questione morale RAI ecc.ecc.

      fatevi un'ora di sana cultura e guardate
      cosa si diceva 19 anni fa e cosa si è fatto.

      ciao
Chiudi i commenti