USA, dalla Camera in diretta VoIP

Il Congresso a stelle e strisce ha autorizzato i propri membri a usare i servizi VoIP per sostenere meglio l'attività politica. Skype, in prima fila, lavora alla predisposizione di standard di sicurezza

Roma – Uno dei compiti degli eletti nei parlamenti centrali è quello di rimanere in contatto con il proprio elettorato. Lo sanno bene i deputati degli Stati Uniti che più volte al mese percorrono migliaia di chilometri tra Washington D.C. e i distretti federali di riferimento. Ora, la Camera dei Rappresentanti ha annunciato l’apertura di collegamenti VoIP via Skype e ooVoo tra i membri del Congresso e il proprio staff per consentire che lo svolgimento del mandato elettorale avvenga nel migliore dei modi.

D’ora in poi, dunque, gli eletti presso la Camera dei Rappresentanti potranno risparmiare tempo e denaro per raggiungere la capitale statunitense migliorando la qualità e la trasparenza delle comunicazioni e rafforzando la propria responsabilità nei confronti del governo mediante le videochiamate VoIP. Queste ultime permetteranno ai legislatori di tenere incontri con il proprio elettorato impossibilitato a raggiungere gli uffici di Washington, partecipare agli incontri politici locali pur non essendo fisicamente presenti nel proprio distretto e, non ultimo, costruire relazioni e collaborazioni più efficaci con gli altri membri del Palazzo.

Skype ha confermato che i propri tecnici lavoreranno a stretto contatto con il team addetto alla sicurezza del network del Congresso al fine di assicurare che l’uso della piattaforma VoIP avvenga esclusivamente per motivi legati all’attività politica . Le precauzioni di sicurezza prevedono , tra l’altro, che ogni ufficio afferente al Congresso abbia il proprio Skype Manager account così da poter gestire centralmente i diversi iscritti. Inoltre ogni possessore di account potrà impostare, insieme al proprio staff, ulteriori requisiti di sicurezza.

Secondo i representative Dan Lungren e Jason Chaffetz si tratta di un’iniziativa che punta al taglio delle spese mediante l’adozione delle nuove tecnologie digitali: “In un momento nel quale il Congresso deve fare di più con meno risorse economiche, crediamo che questi strumenti di comunicazione low-cost e in tempo reale rappresentino una soluzione concreta per informare e interagire con l’elettorato”, spiegano il capo dell’amministrazione e il direttore del team addetto alle tecnologie. I due hanno aggiunto che gli standard di sicurezza IT saranno mantenuti mentre saranno identificate soluzioni ulteriori allo scopo di migliorare i collegamenti e la trasparenza.

Cristina Sciannamblo

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • fun scrive:
    scoperta
    solo recentemente ho cominciato a usare opera,una piacevole scoperta,ho disinstallato i vari firefox ,chrome ecc.A mio parere il migliore sotto molti aspetti,nel mio caso nel consumo di ram,pari alla metà o un terzo dei browser sopracitati.Non ha la popolarità che meriterebbe,provatelo rimarrete stupiti dalla sua velocità,stabilità,leggerezza.Mi ricorda il firefox degli inizi,bei tempi!
  • Alex Z. scrive:
    Strano Comportamento di Opera per Linux
    Uso da sempre Opera browser per Linux, mi sono sempre trovato bene, ma dalla versione 11.10 e anche con la nuovissima 11.50 mi sono accorto che delle funzioni (che io uso moltissimo) non funzionano a dovere.Le funzioni in questione sono "Cerca nella pagina" e "Traduci", la prima accessibile da toolbar la seconda con il tasto destro del mouse.Il campo di ricerca non compare più, non è disponibile nelle personalizzazioni mentre il traduci compare nel menù a tendina, ma invece di tradurre esegue una ricerca con google.Ora, la cosa strana è che tali funzioni funzionano perfettamente in Opera-next, la versione in continuo aggiornamento di Opera. La cosa è ancora più strana se si considera che con la versione 11.50 Opera e Opera-next sono praticamente la stessa cosa. Ho provato a disinstallare Opera completamente, per poi reinstallarlo (avendo cura di rinominare la vecchia directory .opera), ma niente da fare, i problemi persistono. Avete dei consigli che mi possano aiutare ?
    • MaS scrive:
      Re: Strano Comportamento di Opera per Linux
      Prova a cancellare le impostazioni locali.Scrivi nella barra degli indirizzi di opera:opera:config#UserPrefs|OperaLocalDirectoryper scoprire dove si trova- Scritto da: Alex Z.
      Uso da sempre Opera browser per Linux, mi sono
      sempre trovato bene, ma dalla versione 11.10 e
      anche con la nuovissima 11.50 mi sono accorto che
      delle funzioni (che io uso moltissimo) non
      funzionano a
      dovere.
      Le funzioni in questione sono "Cerca nella
      pagina" e "Traduci", la prima accessibile da
      toolbar la seconda con il tasto destro del
      mouse.
      Il campo di ricerca non compare più, non è
      disponibile nelle personalizzazioni mentre il
      traduci compare nel menù a tendina, ma invece di
      tradurre esegue una ricerca con
      google.
      Ora, la cosa strana è che tali funzioni
      funzionano perfettamente in Opera-next, la
      versione in continuo aggiornamento di Opera. La
      cosa è ancora più strana se si considera che con
      la versione 11.50 Opera e Opera-next sono
      praticamente la stessa cosa. Ho provato a
      disinstallare Opera completamente, per poi
      reinstallarlo (avendo cura di rinominare la
      vecchia directory .opera), ma niente da fare, i
      problemi
      persistono.

      Avete dei consigli che mi possano aiutare ?
      • Alex z. scrive:
        Re: Strano Comportamento di Opera per Linux
        Come ho scritto, ho provato cancellando la directory -opera, che il Linux contiene tutte le impostazioni, cancellando quella infatti mi richiede di accettare le condizioni di copyright.
        • ioCELOpiuLUNGO scrive:
          Re: Strano Comportamento di Opera per Linux
          Per le traduzioni ti consiglio di installare Hypertranslate (fai un cerca nella pagina "aggiungi estensioni").A mio parere è veramente comodo, traduce una parola alla volta con un doppio click aprendo un tooltip con i vari significati, senza caricare nuove pagine per la traduzione. Chiaramente è utile se conosci alcune parole della lingua che stai traducendo, se devi tradurre intere pagine dal turco e non conosci nessuna parola non ti serve. Per le traduzioni dall'inglese lo trovo molto meglio che delle traduzioni integrali, dove quasi sempre viene stravolto il senso della frase dai traduttori automatici a pagina intera.La funzione "traduci al doppio click" la devi abilitare nelle opzioni dell'estensione, come devi abilitare il "language target" in italiano sempre nelle opzioni.Per usare il doppio click senza interferenze con l'apertura del menù contestuale devi disattivarlo nelle impostazioni di Opera (Opera

          Impostazioni

          preferenze

          avanzate

          barre strumenti e in fondo togli la spunta a "apri un menù contestuale al doppio clic sul testo")La traduzione secondo me è davvero di ottimo livello, ti dà i vari significati nel caso la parola sia un verbo, un aggettivo o un sostantivo.my 2 cents
    • ioCELOpiuLUNGO scrive:
      Re: Strano Comportamento di Opera per Linux
      Per gli altri problemi puoi chiedere sul forum di assistenza, rispondono a tutti:http://my.opera.com/italiano/forums/-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 29 giugno 2011 21.20-----------------------------------------------------------
  • rudy scrive:
    opera the best
    uso opera da quando e' nato. ha sempre avuto qualche "incertezza" verso alcuni siti, ma ha moltissime qualita ed e' forse il pioniere dei browsers, e anche l'email e' per me notevole.ma da quando e' passato alla versione 10 (su almeno 6 pc diversi) sono frotte di siti che danno problemi (nonche disgrazie notevoli alle email) ed ogni aggiornamento aggiunge funzioni strepitose (quanto relativamente utili..) senza risolvere i problemi e uno finisce per (dover) avere anche firefox pronto.. beh, alcuni dicono che invece a loro va. altri no. ..curiosa politica del suicidio, vediamo a che punto e' la cabina di bender
    • max scrive:
      Re: opera the best
      - Scritto da: rudy
      uso opera da quando e' nato. ha sempre avuto
      qualche "incertezza" verso alcuni siti, ma ha
      moltissime qualita ed e' forse il pioniere dei
      browsers, e anche l'email e' per me
      notevole.
      ma da quando e' passato alla versione 10 (su
      almeno 6 pc diversi) sono frotte di siti che
      danno problemi (nonche disgrazie notevoli alle
      email) ed ogni aggiornamento aggiunge funzioni
      strepitose (quanto relativamente utili..) senza
      risolvere i problemi e uno finisce per (dover)
      avere anche firefox pronto.. beh, alcuni dicono
      che invece a loro va. altri no.

      ..curiosa politica del suicidio, vediamo a che
      punto e' la cabina di
      benderio non lo sopporto opera...
      • Sgabbio scrive:
        Re: opera the best
        che strano thread... il titolo non concide con il contenuto :DComunque è vero che stanno facendo dei lavori con i piedi, solo per cercar di ottenere quala visibilità che immeritatamente non hanno mai ottenuto.Comunque opera è sempre stato storicamente un browser molto pignolo sugli standard, se un sito ha un macroscopico errore, tale browser lo visualizza male.
Chiudi i commenti