USA, il dipendente infedele del controllo aereo

Era in procinto di perdere il posto, e per ripicca ha deciso di rimestare all'interno dei database usati per il controllo antiterrorismo ai confini USA. Controlli che non risparmiano nemmeno i nomi deitrapassati

Roma – È cominciato mercoledì, presso la corte federale di Denver, Colorado, il processo al 46enne Douglas James Duchak. L’uomo è accusato di aver tentato di “compromettere” i sistemi e i database gestiti dalla Transport Security Administration e usati per fare lo screening dei passeggeri dei voli diretti negli USA. Duchak, analista della TSA, avrebbe agito in ritorsione dell’avviso di licenziamento recapitatogli l’ottobre scorso con preavviso di due settimane.

Il tentativo di compromissione del funzionario ha coinvolto i computer del Colorado Springs Operations Center e un server della TSA contenente informazioni del Warrant Information Network dello US Marshals Service . Secondo le accuse del procuratore Duchak avrebbe “volontariamente trasmesso del codice all’interno del server CSOC contenente il Terrorist Screening Database, e ha quindi provato intenzionalmente a provocare un danno ai computer e database CSOC”.

Si tratta in sostanza di un vero e proprio tentativo di sabotaggio a scopo di vendetta , un modo di danneggiare il discusso sistema di controllo alle frontiere statunitensi da parte di chi ne aveva fatto parte per ben cinque anni (con la funzione di aggiornare i database anti-terrorismo TSA).

Duchak rischia ora 10 anni di carcere, mentre il suo gesto mette ancora una volta in mostra le possibili falle del tecnocontrollo made in USA . Un controllo pervasivo i cui risultato pratici sembrano essere, tra l’altro, tutto fuorché entusiasmanti .

Il database federale della “no-fly list” non serve a fermare i terroristi e gli aspiranti tali, ma in compenso il complesso (e tutt’ora misterioso) sistema di controllo e analisi che lo mantiene in vita non risparmia nemmeno i morti . Chi finisce in lista ci rimane infatti anche dopo essere trapassato , una misura che gli ufficiali governativi giustificano come necessaria per individuare chi usi identità fittizie nel tentativo di salire sull’aereo in barba ai controlli.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • antonio scrive:
    mhà
    sfidarsi su piattaforme diverse non è il massimo secondo me...immaginate un fps in cui gli utenti console sfidano con un pad gli utenti pc con mouse e tastiera... la sfida sarebbe pesantemente iniqua.
    • ullala scrive:
      Re: mhà
      - Scritto da: antonio
      sfidarsi su piattaforme diverse non è il massimo
      secondo
      me...
      immaginate un fps in cui gli utenti console
      sfidano con un pad gli utenti pc con mouse e
      tastiera... la sfida sarebbe pesantemente
      iniqua.Ma farse li rrazzi propri no?Farse li razzi propri mai?è iniquo?estirazzi!Sarà un problema di chi lo usa o no?se voleva prendere una console lo faceva e se nonostante tutto non la ha presa avrà avuto i suoi motivi?Magari si accontenta cosi?Tutti a sindacare su cosa uno DEVE o non DEVE fare, tuti a dire si ma se un utente fa così potrebbe avere il problema x o y...FATEVE LI RAZZACCI VOSTRI!
      • antonio scrive:
        Re: mhà
        - Scritto da: ullala
        - Scritto da: antonio

        sfidarsi su piattaforme diverse non è il massimo

        secondo

        me...

        immaginate un fps in cui gli utenti console

        sfidano con un pad gli utenti pc con mouse e

        tastiera... la sfida sarebbe pesantemente

        iniqua.

        Ma farse li rrazzi propri no?
        Farse li razzi propri mai?
        è iniquo?
        estirazzi!
        Sarà un problema di chi lo usa o no?
        se voleva prendere una console lo faceva e se
        nonostante tutto non la ha presa avrà avuto i
        suoi
        motivi?
        Magari si accontenta cosi?
        Tutti a sindacare su cosa uno DEVE o non DEVE
        fare, tuti a dire si ma se un utente fa così
        potrebbe avere il problema x o
        y...
        FATEVE LI RAZZACCI VOSTRI!pezzo di id.io.ta arrogante e ignorante che non sei altro, ma sai come verrebbe snaturata e ROVINATA l'esperienza di gioco se non c'è uno standard comune? se tutti i concorrenti non partono con lo stesso potenziale? è come fare una gara di corse dove una ferrari gareggia contro un punto... sai che gusto a vincere eh!
  • Funz scrive:
    Sarebbe bello...
    ...poter stracciare a COD gli sfigati col pad... peccato che non succederà.:p
    • Wolf01 scrive:
      Re: Sarebbe bello...
      Sarebbe bello che il multiplayer di certi giochi ritorni ad essere come un tempo, o almeno preveda la possibilità della connessione diretta via IPAlla software house poi non costa niente allineare la parte di comunicazione dati tra i vari client/host, adesso il multiplayer dei vari giochi è incompatibile tra le varie piattaforme perchè ogni piattaforma usa i propri server con le proprie regole e i propri dazi.Se ad esempio tutti i giochi EA usassero i server EA, probabilmente che ci si colleghi da XBox, PS3, PC, Wii non cambierebbe niente.L'unica cosa che cambia, già adesso, è il codice per far girare il gioco sulle diverse piattaforme, ma nessuno vieta di creare uno standard per la trasmissione dati multigiocatore per le stesse implementazioni del gioco sulle diverse piattaforme, alla fine sempre su TCP/IP è basato.O meglio, lo vieta il denaro...
  • ilyes dhahri scrive:
    ciao
    vorei giocare a questo gioco
  • jepessen scrive:
    Blocco...
    Ora spunterà la clausola contrattuale Apple con cui si vieta l'utilizzo di connessioni che permettano di comunicare con lo stesso gioco o programma via internet o peer-to-peer...
    • ma va la scrive:
      Re: Blocco...
      sarà colpa degli alinei anche stavolta.
    • Ubunto scrive:
      Re: Blocco...
      - Scritto da: jepessen
      Ora spunterà la clausola contrattuale Apple con
      cui si vieta l'utilizzo di connessioni che
      permettano di comunicare con lo stesso gioco o
      programma via internet o
      peer-to-peer...Lo stavo per dire anche io. @^Ma credimi, è per il bene dei clienti che ciò avviene. Fidati, se Apple ci ha pensato allora è così, immagina quanti virus potrebbero arrivare da connessioni con altri dispositivi!Apple ha inventato il cellulare, i Simpsons e anche laXXXXX! E questi copioni che vogliono speculare sull'onesto lavoro di Apple.Mi pare giusto che Apple gli faccia causa in tribunale e che vengano condannati alla fucilazione alle spalle, anzi guarda: nemmeno in tribunale devono andare, basta la parola di Apple, che è indubbiamente superiore a quella di un giudice.
      • ma va la scrive:
        Re: Blocco...
        come comico non è che convinci molto.
        • Ubunto scrive:
          Re: Blocco...
          - Scritto da: ma va la
          come comico non è che convinci molto.Effettivamente dovrei usare un account alternativo per scrivere certe cose, ma non ne vale la pena. Infatti non fa ridere.
    • MeX scrive:
      Re: Blocco...

      Ora spunterà il troll anti Apple con
      un post in cui millanta il divieto all'utilizzo di connessioni che
      permettano di comunicare con lo stesso gioco o
      programma via internet o
      peer-to-peer...
Chiudi i commenti